Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18, 19, 20  Seguente
AutoreMessaggio
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Sab 15 Ott 2016 - 18:09

Con questa pagina vorrei dimostrare che la IDROCOLON TERAPIA DEVE ESSERE UNA PRATICA PER TUTTI ALMENO ANNUALE, E DEVE ESSERE FATTA AL PRIMO SEGNALE ANOMALO DEL CORPO.
Questo perchè, dato che gli intestini sono IL CENTRO DEL CORPO, sono certo che da loro, quindi dalla FLORA BATTERICA partono TUTTE LE MALATTIE.
La riprova che la DIARREA causata dai 3 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO con mezzo di BICARBONATO DI POTASSIO in mezzo bicchiere di acqua di rubinetto ogni ora per almeno 4-5-6 volte di seguito, sia benefica l'ho avuta in questi due giorni e l'aver letto l'articolo sotto me lo ha fatto capire ancora di più.
Il fatto:
eri mattina mi sono svegliato con dolori diffusi e una stanchezza che non provavo più da molto tempo. Addirittura zoppicavo tanto erano forti i dolori nei muscoli delle gambe.
Ho capito che era successo qualcosa di anomalo, ed ecco che come consiglia Irwin Stone ho ingoiato le dosi ogni ora come sopra descritto.
Mi aspettavo la diarrea, ma nulla, tanto che ieri sera non stavo ancora nella normalità.
Questa mattina alle 5.30 mi sono alzato perchè dovevo andare nell'orto, ma non ero ancora del tutto normale.
Dopo aver ingoiato la dose descritta ci andai poichè era necessario ed ho fatto tutto quello che dovevo fare ma con fatica. Al ritorno ripresi ad ingoiare le stesse dosi e finalmente verso le 10 mi è venuta la diarrea. Mi pareva di non finire mai, uno, due, tre volte ed ecco che alla quarta finalmente mi sono sentito meglio e man mano sempre di più.
Ho mangiato pranzo e subito sono andato a fare il solito pisolino.
Quando mi sono svegliato ero nuovamente normale, quindi TUTTO PASSATO.
Ho capito così che quella DIARREA era proprio INDISPENSABILE per liberare il corpo da quelle TOSSINE che ne causavano il disguido.
Ora stò benissimo e mi permetto di riportare l'articolo che mi ha fatto capire l'importanza di liberare gli INTESTINI che sono IL CENTRO DEL CORPO confermato da questo articolo sotto e dai dottori riportati sopra.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/intestinimalattie.htm
Mi voglio collegare a questa mia esperienza trascorsa per parlare di quello che in effetti è giusto fare in caso di sintomi anormali.
Come ho detto sopra abbiamo certezza che gli INTESTINI, sono IL CENTRO DEL CORPO, ma qual'è il meccanismo che ne determina questa importanza?
Si chiama:
FLORA BATTERICA formata da batteri, lievi, funghi.
La micro flora nell'Intestino
In termini quantitativi, la carica microbica totale aumenta progressivamente dallo stomaco all'intestino crasso mentre, in termini qualitativi, i germi aerobi o facoltativi diminuiscono passando dall'ambiente gastrico a quello intestinale. Nella popolazione microbica del tratto più distale del canale digerente, la anaerobiosi è praticamente costante.
La qualità e la distribuzione di questi microbi può variare da un individuo all'altro. Nell'intestino di individui sani i batteri anaerobi sono predominanti, anche se la loro distribuzione è in relazione all'età dell'individuo, alle abitudini alimentari e igienico-sanitarie.
La microflora ha caratteristiche differenti nei vari tratti dell'apparato gastro­intestinale: La sua entità e composizione viene influenzata da numerosi elementi locali.
La alterazione di questo equilibrio individuale, ecco l'apparire delle malattie.

L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale.

"Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'AUTOGUARIGIONE da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiflorabatterica.htm
Infatti sia Max Gerson, Catherine Kousmine e Natasha Campbell-McBride hanno sperimentato che con il CLISTERE riescono a riequilibrare gli intestini prevenendo così le malattie.
In seguito alla mia esperienza personale che stò vivendo in questo periodo, mi ha portato a ricerche più approfondite ed alla scoperta che lo stato anomalo della FLORA BATTERICA è chiamata:
DISBIOSI INTESTINALE
La causa che ha scatenato in me l'attuale stato patologico è stato causato dagli interventi del 22 marzo 2016 cui ho subito flebo di ANTIBIOTICI ed ANTIDOLORIFICI.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiasinistra.htm
Naturalmente, mancando di esperienza da parte mia, come probiotici per combattere i danni degli antibiotici, ho ingoiato degli yogurt bianchi come consigliato dagli amici, però devo far notare che:
"Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento."
Leggendo questo ora però ho capito che questa informazione è un puro inganno.
In data 5 luglio 2016 il secondo intervento, che mi ha fatto subire gli stessi ANTIBIOTICI ed ANTIDOLORIFICI del precedente intervento.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiadestra.htm

Naturalmente ho fatto il medesimo errore verso la FLORA BATTERICA dei miei intestini.
Ma non basta, in data 3 agosto 2016 ecco la infezione del punto metallico dimenticato nella ferita dell'ultimo intervento laparoscopico.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/puntometallicodimenticato.htm
Ho dovuto ingoiare gli ANTIBIOTICI che mi sono stati prescritti poichè non sono bastati gli "ALIMENTI ESSENZIALI" a combattere questa micidiale infezione, anche se naturalmente non ho mai avuto una linea di febbre, quindi niente intossicazione del sangue. Come si sà questi FARMACI debilitano sia il corpo che nell'anima.
Difatti il giorno dopo 4 agosto 2016, recatomi nuovamente al pronto soccorso per controllare che il sangue non fosse infetto, quando il medico ha avuto i risultati ha esclamato:
"VORREI AVERE IO I SUOI ESAMI DEL SANGUE!!!"
Quindi niente infezione nel sangue, niente febbre.
Certo, come dichiarato ho continuato ad ingoiare gli "ALIMENTI ESSENZIALI" in dosi maggiori.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/esameprontosoccorso4.htm
Però devo dire che fin dal primo intervento apparve un dolore alla bocca dello stomaco, ma poco frequente, quindi solo alla sera e dopo cena.
Questo dolore aumentò dopo il secondo intervento, ed allora mi preoccupai chiedendo al medico di farmi fare una ecografia.
Il motivo è che due pagine, una delle quali è del Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto - ASL 13 riportano:
"Complicanze: L'incidenza ed il tipo di complicanze sono estremamente variabili a seconda dei centri e non sono generalizzabili: sono minori nei centri esperti, sia come numero che come gravità. Sono state descritte: lesioni all'intestino, al fegato, alla milza, alla pleura, all'uretere, alla via escretrice intrarenale, ematoma perirenale, fistola urinosa. Nell'1% dei casi può essere presente nella cisti una neoplasia: in questo caso le cellule neoplastiche contenute nel liquido cistico possono diffondere nel campo operatorio. Quest'ultima eventualità è comune a tutte le cisti e a tutte le procedure di rimozione, compreso l'intervento a cielo aperto."
http://www.urologiadolo.it/consensi/cisti_renale.pdf
http://www.urologia-andrologiagiovanni23.it/pu_patologia_renale.html

Il responso della ecografia fu il medesimo del mese di febbraio, alla scoperta delle cisti renali, ma naturalmente senza queste, ma senza alcun danno causato dall'intervento.
Questo mi ha tranquillizzato, ma intanto il dolore continuava ad esserci.
Nel frattempo mi si aggiunse un dolore nel basso ventre se in macchina subivo un salto, al quale non diedi la minima importanza poichè parlatone col medico, concludemmo che fossero gli intestini che si sistemavano dopo gli interventi.
Intanto non riuscivo e recuperare completamente le forze, ed un giorno, il 3 ottobre 2016, il mal di pancia non mi ha più lasciato e passai una brutta giornata dato che non ho voluto ingoiare antidolorifici proposti dal mio medico. Però alla sera liberandomi gli intestini, il dolore mi si è attenuato.
Il mattino successivo mi sono recato al pronto soccorso, dove mi venne fatto una ecografia, ma nulla, tutto a posto. Mi hanno proposto un ricovero per controlli che ho rifiutato.
Ieri ecco che avendo nuovamente il dolore incessante al basso ventre ho cercato ed ho trovato questo articolo che vi sottopongo, poichè ho scoperto che l' IDROCOLON TERAPIA e cioè il CLISTERE
è l'unica arma contro la DISBIOSI INTESTINALE, insieme alla ingestione di VERI PROBIOTICI e non gli yogurt o lo zefir.
Come riporta l'articolo sotto:
"Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento."

Per questo ho iniziato con 3 capsule al giorno di Inforan che và tenuto in frigo a temperatura 2-8 gradi centigradi. Lo tengo nel piano più basso del frigorifero, poichè il freddo stà sotto mentre il caldo sale.
Conta anche la dieta che durante la cura la è consigliata questa:
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
... che seguo alla lettera.
Naturalmente DEVONO ESSERE CIBI NATURALI E FRESCHI, in quanto solo loro possono sono in grado di darmi la guarigione.
Fatto questo CLISTERE ieri sera, sono stato decisamente meglio.
Naturalmente con molta debolezza, ma mangiando NATURALE ed ingoiando i VERI PROBIOTICI, sono certo di tornare in piena salute.
Non dobbiamo dimenticare che i medici di una volta, non dovendo dipendere dalle case farmaceutiche di dedicavano con amore alla salute delle persone e questi clisteri erano all'ordine del giorno. Ora i medici preferiscono inviarti da un collega per altri controlli in modo che ognuno di loro ne abbia un buon ritorno, ma devi farlo solo se malato, perchè se stai bene non guadagna nè l'uno nè l'altro.
Purtroppo di questo non ce ne dobbiamo dimenticare.

QUINDI CONCLUDO PER TUTTI CHE AL MINIMO INTOPPO, PRIMA DI FARE UN QUALSIASI PASSO, RITENGO CHE FARE UN CLISTERE COME CONSIGLIANO I MEDICI SOPRA, SIA UNA BUONA NORMA, IN MODO DA AVERE LA GARANZIA CHE LA FLORA BATTERICA SIA COME PREVISTO E NON MENOMATA..
QUINDI AVERE IN CASA IL NECESSARIO PER UN CLISTERE SONO CERTO CHE SIA UNA BUONA NORMA.

"CLISTERE CASALINGO : la parola Clistere deriva dal greco klystérêros, purificare, lavare.
Come ci si lava la pelle esterna abbastanza spesso, occorre anche lavare la pelle=mucosa interna (epitelio del tubo digerente-intestino) e cioe' fare regolarmente di tanto in tanto dei clisteri = lavaggi purificatori e disinfiammanti dell'intestino.
vedi, prima di proseguire, questa pagina: Idrocolon terapia e suoi benefici + Putrefazione intestinale"
...durante la cura la
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiclistere.htm

Dell'articolo cito il fatto che questa FLORA BATTERICA è indispensabile per la AUTOGUARIGIONE:
"L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale."
"Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'AUTOGUARIGIONE da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiflorabatterica.htm

Di questo articolo sotto mi permetto di riportare:
"Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)"

La DISBIOSI intestinale:
E' un'alterazione degli enzimi e della flora batterica autoctona intestinale che può essere diagnosticata anche attraverso il Disbiosi Test, una semplice analisi delle urine, consentendo quindi l'eliminazione di fastidiosi disturbi della digestione.
Tale sintomo si cela dietro alcuni altri sintomi precisi e causali: cattiva digestione dovuto ad alimentazione inadeguata o contaminata, che producono, gonfiore, stitichezza alternata a dissenteria, cambiamenti dell'umore, disturbi del sonno, candidosi vaginale irritazione della mucosa intestinale, malassorbimento, ecc..

Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)
Una dieta poco equilibrata, caratterizzata dall'assunzione di alimenti ricorrenti industriali, e dalla rapidità con cui li si assume, è dannosa per l'intestino ed impedisce all'organismo di ottenere il giusto apporto calorico e nutritivo.
L'alimentazione scorretta e contaminata è in genere affiancata da uno stile di vita irregolare che altera il ritmo sonno-veglia con inevitabili ripercussioni negative sull'intestino.
La disbiosi può essere causata anche dallo stress generato da un'attività lavorativa intensa, dagli impegni pressanti e dalle responsabilità quotidiane. Lo stress professionale lascia ben poco tempo allo svolgimento di attività fisica e ciò crea una condizione di affaticamento e nervosismo nell'organismo.
Un'ulteriore causa è costituita dall'assunzione di farmaci in specie i Vaccini e/o ad es. antibiotici, antinfiammatori, antinfluenzali, antidepressivi, anticoncezionali e ansiolitici che agiscono sui sintomi della malattia ma anche sulla flora batterica, danneggiandola.
Infine, anche metalli pesanti quali alluminio, mercurio (che sono contenuti proprio anche nei vaccini ed altri metalli tossici, che possono arrivare nell'intestino attraverso la catena alimentare, possono danneggiare la flora batterica.

In ogni caso, le conseguenze per la flora batterica intestinale sono nocive in quanto perde il proprio ruolo di barriera protettiva dell'organismo facendo aumentare il rischio di proliferazione di funghi (candida, ecc.)e di agenti patogeni nell'intestino e rendendo il fisico più vulnerabile.
L'idrocolonterapia è un trattamento medico che ha dimostrato negli ultimi anni ampie possibilità applicative. La sua efficacia è stata dimostrata nei disturbi funzionali del colon e nella riabilitazione della capacità peristaltica intestinale, così come la sua utilità nella preparazione intestinale sia pre-operatoria che per indagini radiologiche contrastografiche ed endoscopiche.
vedi: Disbiosi e disfunzioni intestinali

L’alterazione della composizione del Microbiota (ad es, un'espansione anormale di una specie batterica rispetto ad altre) - vedi Batteri autoctoni - che può essere causata da stress psicofisico, alimentare (NdR: da farmaci, e/o vaccini) od ambientale, è definita come disbiosi e può portare a condizioni patologiche. Esistono prove sperimentali che mostrano un'associazione tra squilibrio della microflora (vale a dire, disbiosi) e malattie infiammatorie croniche intestinali (Inflammatory Bowel Diseases,”IBD”).
Tra le varie ipotesi eziopatogenetiche proposte, si postula che un cambiamento nella flora microbica saprofitica possa essere considerato il primum movens che causa danni alle mucose, per le alterazioni in contemporanea del pH digestivo, nell'intestino tenue, che diviene sempre meno basico a seconda dei casi, fino a divenire acido, nei casi di diarrea.
La disbiosi e l'alterazione del pH digestivo, possono modificare i legami intercellulari (tight junctions) responsabili della corretta struttura dello strato epiteliale della mucosa intestinale e ciò porta inevitabilmente a un aumento della permeabilità mucosale.
Di conseguenza, avviene la penetrazione di antigeni nello spazio intercellulare che porta all'attivazione del tessuto linfoide associato alla mucosa (MALT), con reclutamento e attivazione della cascata infiammatoria (ad esempio, attivazione dei leucociti e produzione di citochine, come il TNF-alfa), e danno ai tessuti. Inoltre, dati recenti hanno fornito la prova della capacità di alcuni elementi del Microbiota di attivare le cellule Thl7 nella lamina propria dell'intestino tenue.
Un’alterata stimolazione del sistema immunitario (NdR: ad esempio con i vaccini) con conseguente infiammazione può essere considerata un legame tra disbiosi e malattie metaboliche (NdR: ed autoimmuni).

Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento.

PROMEMORIA:
quando le feci NON galleggiano nel W.C. significa che vi sono oltre al pH errato e non adatto nel colon, anche la mancanza di Fermenti (i vari tipi Bifidus e Ramnosus), quindi integrare subito con le apposite capsule.
vedi: Fermenti e batteri autoctoni

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Pancia gonfia, stitichezza, diarrea, Perche ?
Chissà quante volte ti sei domandato il perché di quella pancia gonfia d’aria, di quella stitichezza e di quella diarrea che ti tormentano senza una precisa diagnosi. E’ il momento di conoscere l’attività della mucosa del digerente e in particolare di quella flora e di quei bacilli di cui tanto si parla e che ogni giorno vengono reclamizzati negli yogurt che trovi al supermercato

Gli ecosistemi del nostro organismo
Sulla pelle, sulla vagina e nell’intestino sono presenti delle strutture chiamate ecosistemi microbici che non solo svolgono la funzione di prima barriera contro le infezioni, ma anche di organizzazione di equilibrio e di benessere.
La flora intestinale fisiologica è in simbiosi con l'organismo. Questa simbiosi, da cui traggono vantaggio sia l'organismo che la microflora, viene definita eubiosi. Allorché viene alterato l’equilibrio con la predominanza dei germi patogeni, si ha la cosiddetta disbiosi intestinale.
Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e e della mucosa intestinale influenzano la salute, non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

I bacilli intestinali e l'equilibrio nell'apparato digerente
Una notevole quantità di microrganismi (se ne possono identificare oltre 100 diverse specie) è concentrata a livello dell'apparato gastro-intestinale ed è una componente integrante del corpo umano. Al fine di svolgere le sue funzioni metaboliche, l’apparato digerente e in particolare il tubo gastrointestinale, ha infatti bisogno che siano presenti e in stato ottimale non solo le sue strutture anatomiche ma anche quei germi batterici chiamati microflora intestinale, che colonizzando la mucosa favoriscono i processi di transito, di assorbimento e di trasporto.

La microflora intestinale raggiunge una quota di 10'°-10'3 microrganismi per grammo di feci (peso secco), ma l'aspetto più eclatante è che il numero totale di microrganismi presenti nell'intestino è circa uguale al numero di cellule che costituiscono il corpo umano (10'2 batteri per cm2 di intestino)

Le diverse specie di bacilli intestinali

La microflora intestinale si divide in:

- Organismi residenti o saprofiti che facilitano e presiedono alla digestione

- Organismi patogeni che ostacolano i processi metabolici e producono danni

- Gli aerobi richiedono, al contrario degli anaerobi, la presenza di ossigeno.

In condizioni normali la microflora è rappresentata principalmente da batteroidi, bifidobatteri, clostridi, enterobatteri, enterococchi, lattobacilli e stafilococchi. 1 batteroidi e i bifidobatteri sono i principali microrganismi anaerobi, mentre l'Escherichia coli, gli enterococchi e i lattobacilli sono i principali microrganismi aerobi.
Nell'intestino oltre ai germi batterici, troviamo i virus (anche se la loro presenza in individui sani non è stata ancora sufficientemente documentata) i miceti (lieviti e funghi filamentosi) e una grande varietà di protozoi.

La qualità e la distribuzione di questi microbi può variare da un individuo all'altro. Nell'intestino di individui sani i batteri anaerobi sono predominanti, anche se la loro distribuzione è in relazione all'età dell'individuo, alle abitudini alimentari e igienico-sanitarie.
(NdR: occorre quindi che si mantengano i giusti rapporti fra le varie parti della flora - batteri, lievi, funghi - affinche' la perftetta salute (P.S.) sia sempre presente.

Le condizioni per la sopravvivenza della micro flora fisiologica
La microflora ha caratteristiche differenti nei vari tratti dell'apparato gastro­intestinale: La sua entità e composizione viene influenzata da numerosi elementi locali.
I principali fattori in grado di condizionare in termini sia quantitativi che qualitativi la popolazione microbica sono:
- la quantità di ossigeno che diminuisce progredendo dallo stomaco all'ultimo tratto dell'intestino,
- il pH del tratto intestinale
- i fattori meccanici, come la peristalsi

La micro flora nello stomaco
L'ambiente dello stomaco presenta un pH acido e un'ottima presenza di ossigeno; tali caratteristiche rendono difficile la sopravvivenza e la crescita di microrganismi patogeni. La flora gastrica è infatti quantitativamente molto scarsa e in certi casi il contenuto dello stomaco è addirittura sterile. I germi presenti in ambiente gastrico sono di solito aerobi. Gli anaerobi sono di rarissimo riscontro e frequentemente sono segno della presenza di uno stato patologico. Nella piena fisiologia e salute è possibile trovare Lactobacillus acidophilus e lieviti.

La micro flora nell'Intestino
In termini quantitativi, la carica microbica totale aumenta progressivamente dallo stomaco all'intestino crasso mentre, in termini qualitativi, i germi aerobi o facoltativi diminuiscono passando dall'ambiente gastrico a quello intestinale. Nella popolazione microbica del tratto più distale del canale digerente, la anaerobiosi è praticamente costante.

Nell'intestino la microflora è soggetta a diversi meccanismi di regolazione che la mantengono costantemente in equilibrio. Tali meccanismi intervengono tra microrganismo e microrganismo, ma anche tra microrganismo e ospite. In primo luogo la flora batterica saprofita esercita una specie di autoregolazione nell'ambito sia della loro stessa specie sia di altre.

L'attivita' di difesa da parte della micro flora
I germi presenti nel tubo digerente sono in grado di produrre batteriocine, sostanze antibatteriche che agiscono nei confronti della stessa specie di batteri che le produce. Altre sostanze di produzione batterica sono gli antibiotici naturali, che agiscono nei confronti di specie diverse da quella del produttore. La microflora intestinale viene aggredita quotidianamente da microrganismi patogeni che giungono dall'ambiente esterno. Essi normalmente non riescono a esplicare il loro potenziale patogeno, in quanto non riescono a trovare uno spazio vitale per la loro moltiplicazione, grazie soprattutto alla produzione di sostanze ad attività antibatterica da parte dei microrganismi residenti.

L'intestino è il luogo di azione delle difese immunitarie sia in forma organizzata nelle placche del Peyer, nell’ultima parte del tenue, sia diffusa tra le cellule epiteliali e nella lamina propria. L'attività di questo sistema di difesa viene modulata dal tipo di microflora presente.

L'intestino viene attualmente considerato come il più importante organo immunitario, contenendo circa il 40% di tutte le cellule immunitarie del corpo umano. È stato recentemente dimostrato,che ratti "germ free" (cioè pri­vati della flora intestinale), rispetto ad animali normali presentano, oltre ad alterazioni morfologiche dei villi e della mucosa intestinale, anche la ridu­zione dello spessore della parete muscolare e quindi dell'attività motoria, con follicoli linfoidi appena accennati, costituiti dal solo tessuto ger­minale. È stato anche dimostrato che la somministrazione di lat­tobacilli in animali da esperimento è in grado di far aumentare la pro­duzione degli anticorpi, inclusa la produzione di Ig A, ed il rilascio di citochine ed interleuchine particolarmente attive nelle difese immunitarie. Il tessuto intestinale linforeticolare contiene tutti gli elementi cellulari in grado di elaborare una risposta immunitaria completa e cioè:

- le cellule presentanti l'antigene

- i linfociti T helper,

- i linfociti T suppressor

- i linfociti T citotossici

- i linfociti B produttori, tra l’altro, delle Immunoglobuline A secretorie che costituiscono un sorta di film protettivo presente nella mucosa intestinale: una sorta di vernice antisettica che contribuisce alla regolazione dell'assorbimento di antigeni, di tossine batteriche e non, di pollini, etc.

L'attivita' trofica della micro flora
- la produzione di enzimi, la motilità, la modulazione del pH o equilibrio acido-base

La cosiddetta funzione trofica della microflora intestinale consiste nella regolazione de:

- il metabolismo delle sostanze che provengono dall’esterno attraverso un’attività degli enzimi

- il mantenimento della morfologia e della motilità fisiologica del tubo

- la composizione e il volume dei gas intestinali

- la composizione e le caratteristiche del materiale fecale

- l’equilibrio acido-base all’interno del tratto mediante la regolazione del pH

- la sintesi delle vitamine (specie la K e la B12)

- l’assorbimento degli acidi biliari e degli ormoni steroidei

- il metabolismo dei farmaci (NdR o perlomeno il tentativo)


I Principali sintomi della disbiosi
Quando la microflora intestinale subisce un’alterazione si parla di DISBIOSI, una specie di rottura dell'equilibrio dell'eco­sistema microbico, con un'eccedenza dei germi patogeni. Si avvera, così, una sofferenza estesa che genera quei sintomi che ne sono l’iniziale spia:

- un eccesso di gas con gonfiore e flatulenza

- un ritardo del transito fecale con spasmi addominali

- un eccessivo assorbimento di acqua con conseguente stitichezza

- un diminuito assorbimento di acqua e sali con diarrea

Le principali cause della disbiosi
CAUSE ALIMENTARI: abuso di alcol e di carne; diete carenti di fibre; scarso consumo di vegetali; obesità; scarsa assunzione di latticini etc
CAUSE JATROGENE: abuso di antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, pillola anticoncezionale assunta per lungo periodo, eccesso di lassativi, ecc.
CAUSE INQUINANTI: coloranti alimentari; conservanti, pesticidi; ormo­ni steroidei alimentari, ecc.
CAUSE PATOLOGICHE: epatopatie, colangiopatie, pancreatiti croniche, gravi infezioni intestinali (tifo, ameba, ossiuri etc), fistole; parassitosi, interventi chirurgici, le intossicazioni da metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio)
CAUSE NEUROGENE: traumi psichici e stress prolungato che agiscono attraverso meccanismi immunologici ed endocrini.
CAUSE PEDIATRICHE: la cd a causa dell’immaturità dei meccanismi immunitari, la lentezza della motilità intestinale, la bassa acidità gastrica.

Le principali conseguenze della disbiosi
Quando il sistema ecobiologico dell’intestino viene per lungo tempo sottoposto ad alterazione del suo equilibrio (NdR: giusti rapporti della flora), conseguono veri danni locali e sistemici. Ecco le principali:

PATOLOGIE LOCALI: le coliti croniche; il morbo di Crohn e la colite ulcerosa; le poliposi intestinali; le diverticolosi, le neoformazioni tumorali.

PATOLOGIE EPATICHE: l’insufficienza epatica e la cirrosi fino all’ ipertensione portale.

PATOLOGIE DISMETABOLICHE: il diabete mellito

PATOLOGIE IMMUNITARIE: le allergie e le intolleranze alimentari; i disturbi reumatico-simili.

PATOLOGIE PSICOSOMATICHE: gli stati depressivi.

PATOLOGIE CIRCOLATORIE: le insufficienze venose agli arti inferiori; le sindromi emorroidarie; l’aterosclerosi e l’ipertensione arteriosa conseguente.

In particolare:
Le infezioni estese all’apparato oro-genitale
I processi putrefattivi del colon comportano, per un'aumentata attività metabolica dei batteri colici, un'esaltazione dei processi enzimatici che convertono gli acidi biliari primari in secondari; questi agiscono come fattori di produzione dei tumori del colon. I batteri colici possono coinvolgere i tessuti dell'apparato uro-genitale con prostatiti, uretriti e vulvo-vaginiti.

La cattiva digestione
La comparsa di intolleranze e allergie intestinali multiple è dovuta all'aumentata penetrazione e al riassorbimento di macromolecole con insufficiente attività dei linfociti T suppressor intraepiteliali. Una volta instaurate, le intolleranze alimentari provocano un sovraccarico del metabolismo epatico che, a sua volta, favorisce la riproduzione all’interno dell’intestino di germi patogeni come il Proteus e i clostridi. §
La formazione, da parte del metabolismo batterico e il successivo riassorbimento di sostanze endotossiche, come il fenolo, la cadaverina, l’agamantina, l’indolo, l’ammoniaca, etc. (finora sono state identificate 22 sostanze endotossiche) danneggia fegato e pancreas, con cattiva digestione degli alimenti e riproposizione del circolo vizioso della disbiosi.

La stanchezza cronica, il cattivo umore, il dolore addominale
Il cosiddetto circolo epato-encefalico (una specie di asse tra fegato e sistema nervoso centrale) contribuisce alle alterazioni della sfera neuropsichica. La conseguenza sarà il cattivo umore, la stanchezza cronica, il dolore addominale diffuso che insorgono senza vere cause organiche.

La candidosi cronica
L'alterazione del metabolismo delle vitamine (ipovitaminosi generalizzata) compresa la biotina, ha grande importanza nello sviluppo di una candidosi cronica. Nel 97% degli individui la Candida albicans è presente nel tratto intestinale in forma di spora. Errori alimentari, farmaci, (NdR: e sopra tutto VACCINI) disbiosi e immunodepressione determinano la trasformazione del lievito dalla forma di spora a quella vegetativa. Si ha quindi la formazione di metaboliti tossici (tra cui la formaldeide) con disturbi della sfera neuropsichica, la colonizzazione della mucosa intestinale e delle mucose degli organi vicini (vagina, vescica e uretra). Il micete può anche passare nel circolo sanguigno.

La diagnosi per la disbiosi intestinale
Anamnesi: i farmaci assunti di recente, la dieta alimentare, il fumo, l'ambiente di lavoro, lo stile di vita etc..
Sintomi: flatulenza, diarrea, gengivite cronica. Gastrite cronica.
Dati di laboratorio: alterazioni delle transaminasi e delle alfa-amilasi, la coprocoltura, il pH delle feci (in caso di flora intestinale normale il pH dell'intestino crasso corrisponde a un valore compreso tra 5.5 e 6.0 dall'infanzia fino. all'età adulta. Valori superiori a pH 6.0 sono già sospetti); la prova dell'indolo nelle urine (nelle urine si trovano normalmente piccole quantità di indolo pari a 4-20 mg nelle 24 ore). In caso di disbiosi intestinale grave nelle urine è presente lo scatolo.

Kinesiologia: utilizzando i punti MO del colon e del piccolo intestino sulla parete addominale oppure utilizzando le fiale test del sistema VEGA scatolo e indolo.
Bioelettronica: con l'EAV e con il VEGA-test.

La terapia per la disbiosi intestinale
I fermenti o i batteri lattici
La prima misura da adottare in un paziente con disbiosi è il cambiamento delle sue abitudini alimentari. Ad esso vengono associate le terapie drenanti e disintossicanti. Importante è l'assunzione dei bioterapici, meglio conosciuti con il termine di "fermenti lattici" o batteri lattici.
I batteri lattici, come già detto, comprendono quella specie di habitat intestinale che protegge e promuove il processo digestivo. I batteri lattici, sulla base di recenti acquisizioni, si distribuiscono nei seguenti generi: lactobacillus, lactococcus, streptococcus, leuconostococcus, pediococcus. (NdR: oltre agli enzimi vegetali)

La storia dei fermenti lattici
L'uomo è da sempre, in stretta relazione con i batteri lattici. La documentazioni di antiche civiltà, quali la assiro-babilonese, l'egizia, l'araba, la persiana e l'indiana, testimoniano l'uso di latti fermentati con significato terapeutico.
La loro popolarità giunge in occidente all'inizio del 900 quando il microbiologo russo Metchnikoff, premio Nobel 1908, mette in relazione la longevità delle popolazioni balcaniche con il largo consumo dei prodotti fermentati: yogurt, koumis kefir, mazum e dahi.
Ai giorni nostri è ormai dimostrato che i batteri lattici svolgono il ruolo di attivazione dell’attività digestiva e di terapia di un eventuale disbiosi. Viene quindi giustificata e promossa la produzione sia lo spazio che i batteri lattici già occupano nella ricerca clinica e nelle preparazioni alimentari.

I principali fermenti lattici
Il Lactobacillus acidophilus è indubbiamente il più usato per il suo effetto probiotico e terapeutico. Grazie al suo effetto antagonista verso specie microbiche dannose per il nostro organismo, contribuisce all'equilibrio dell'ecosistema intestinale, producendo antibiotici altamente attivi verso gram-positivi e gram­negativi. In vitro mostra attività contro Pseudomonas aeruginosa, Pseudomonas fluorescens, Proteus vulgaris, Serratia marcescens e Staphylococcus aureus. L' attività antibiotica è dovuta ad una sostanza chiamata acidofillina e da un'altra sostanza chiamata lactocidina. È stato isolato anche un altro antibiotico attivo verso l'Escherichia coli.

Il Lactobacillus bulgaricus produce tre sostanze antibiotiche che hanno dimostrato attività nei confronti di 15 specie batteriche differenti; dallo Streptococcus thermophilus è stata estratta una sostanza inibente, la nisina, con attività inibente verso streptococchi del gruppo A,B,E,F,G,K,M,N, stafilococchi, micrococchi, pneumococchi, neisseria, alcune specie di bacillus, clostridium, lactobacillus, actinomyces ed erysipelotrix.

I Requisiti dei Fermenti Lattici
Oltre che attraverso l'assunzione di yogurt, i fermenti lattici possono essere, dunque, assunti mediante una vera terapia con bioterapici.
La somministrazione di fermenti lattici vivi per un periodo protratto può risolvere brillantemente l'intero quadro clinico legato a flatulenza, bor­borigmi, meteorismo e dolori addominali, tipico di una disbiosi intestinale incombente, con totale risoluzione della sintomatologia e regolarizzazione delle scariche giornaliere.
I fermenti lattici contenuti nel bioterapico devono essere numerosi (la carica batterica iniziale deve essere non inferiore a 200 milioni per cmc), per con­sentire a buona parte di essi di superare la barriera acida dello stomaco e di poter quindi colonizzare l'intero tubo digerente.
Devono essere assunti vivi e biochimicamente attivi e per questo la tecnica migliore è la loro liofilizza­zione. Nei preparati liofilizzati i germi si trovano in stasi metabolica e la validità è notevolmente superiore a quella dei germi preparati con colture in mezzo liquido o essiccato. Non è assolutamente consigliabile l'uso di bio­terapici a base di spore, dal momento che per la caratteristica vita latente, necessitano di un periodo più lungo di attivazione.

I dati elaborati, sono parzialmente tratti da uno studio del Dr.Lamberto De Sanctis e della D.ssa Rosanna D’Alessandro "LA DISBIOSI INTESTINALE" - della OTI Omeo Tossicologici Italia srl.
Tratto da: drviscardo.it

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Disbiosi, immunita’ e parto cesareo e/o naturale
Al parto il bambino che nasce in modo naturale nel passaggio dal canale vaginale si nutre ed assimila con la sua bocca e la sua pelle, i batteri vaginali che sua madre gli regala producendogli le basi batteriche immunitarie per eccellenza.
I bambini che nascono con parto cesareo NON hanno questa possibilita’ per cui e’ indispensabile che per essi, gli assistenti al parto passino una garza sulle pareti all’interno della vagina sfregandola in modo che si carichi dei batteri vaginali, questa garza va messa immediatamente sulla bocca/viso del bambino in modo che egli possa assimilare i batteri che immediatamente passeranno dalla garza alla mucosa della bocca e sulla pelle, i quali poi colonizzeranno da soli l’apparato digerente e la pelle del neonato e cosi’ la sua immunita’ sara’ molto ma molto migliore di coloro che nascendo con un cesareo che non si sara’ nutrito dei batteri della madre !
Pochi sanno che il bambino che nasce dalla vagina, si nutre facilmente anche dei batteri delle feci della madre (coproterapia) arricchendo le sue famiglie batteriche in modo naturale e quindi l’immunita’ sara’ maggiore.
Ovviamente il colostro ed il latte materno rifiniscono il processo naturale per irrobustire il sistema immunitario, soprattutto le prime 3 settimane fino ai 6 mesi….

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nella Disbiosi, vengono inviate sostanze tossiche endoprodotte nell'organismo
Quando flora batterica si altera e i batteri lavorano male (disordine fra i vari ceppi), vengono anche a ridursi gli enzimi e le (IgA) immunoglobuline che sono le basi del sistema immunitario. In tali condizioni i funghi proliferano a dismisura per la mancanza di batteri antagonisti.
Ricordiamo che le immunoglobuline (IgA) fanno parte del sistema immunitario, presente nell'intestino con un numero da 100 alle 200 stazioni linfatiche (placche di Peyer), che rappresentano almeno il 65% del nostro potenziale immunitario.
Quando la flora intestinale non è equilibrata, gli aminoacidi derivati dalle proteine maldigerite, subiscono un processo di decarbossilazione che produce le seguenti amine tossiche:
arginina
--> agmatina
cistina e cisteina
--> mercaptano
istidina
--> istamina
lisina
--> cadaverina
ornithina
--> putrescina
tirosina
--> tiramina
triptofano
--> indolo e scatolo

Molte di queste amine sono dei potenti veleni vasocostrittori. Va notato che l'indolo e lo scatolo (metilindolo ) sono responsabili in gran misura del particolare odore delle feci. Questo porta a comprendere perché le feci dei vegetariano non hanno odore o ne hanno uno assai leggero.
Alle amine sopradescritte vanno aggiunte le sostanze tossiche di origine fermentativa (ac. acetico, CO2, acido ossalico ecc)

Nella disbiosi si presenta alterato anche l'equilibrio tra il gruppo di batteri acidofili-bifidi e gli organismi coliformi. Se predominano i batteri coliformi la flora tende dal colon verso il tenue; se predomina il gruppo degli acidofili - bifidi (che sono conosciuti come fermentatori dell'acido lattico), la loro produzione eccessiva di acido cambia il pH intestinale (normalmente da 5,5 - 6, ovvero poco alcalino) ed i batteri coliformi non sono più in grado di funzionare correttamente.
Si è constatato che il 5,82% delle disbiosi sono caratterizzate da alterazioni dell'Escherichia Coli mentre nel restante 54,18% vi è una quasi totale assenza di lattobacilli.
(NdR: una delle cause piu' importanti delle disbiosi, oltre all'alimentazione errata e stress vi sono i Vaccini ed i farmaci di sintesi)

Anche una dieta ricca di grassi può creare seri problemi. Innanzitutto tende a far variare il pH del colon verso una maggiore acidità o basicità, incrementa inoltre la produzione di acidi biliari che vengono convertiti dai batteri intestinali in carcinogeni e cocarcinogeni (Fecapentani e Chetosteroidi); queste sostanze possono stimolare una proliferazione cellulare in senso neoplastico.
Se la flora batterica non viene riportata nelle sue condizioni ottimali, si instaurerà una condizione cronica di malnutrizione cellulare, le tossine non verranno più eliminate e dovranno essere accumulate sia nel mesenchima (tessuto connettivo) che nel parenchima (cellule). Il sangue non potrà più trasportare le sostanze necessarie per la salute organica, e il corpo si ammalerà proponendo una di quelle innumerevoli manifestazioni che vanno sotto il nome di "malattie".
Tratto da: viveremeglio.it

Molto utile e' anche l'ARGILLA (fango di terra argillosa) mangiata come un "dolce" ogni giorno od ogni 2 o 3 giorni per un certo periodo che in genere varia da soggetto a soggetto, con un minimo di 15 giorni; alle volte e' necessario assumerla per periodi piu' lunghi. Fare attenzione che l'argilla puo' portare stitichezza.
L'argilla con il suo potere mineralizzante, cicatrizzante e chelante, fornisce un ottimo ausilio a tutti coloro che si debbono disintossicare dalle sostanze tossiche, aiutando la disinfiammazione e la disintossicazione dell'apparato digerente ed il corpo intero.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La DISBIOSI INTESTINALE
I problemi all'intestino (definiti "disbiosi intestinale") rappresentano attualmente un problema sociale, creano infatti problemi spiacevoli (colite, stitichezza, gonfiore addominale, meteorismo, flatulenza, diarrea, ecc.) che interessano moltissime persone.
Quasi tutti i disturbi intestinali sono dovuti all'alterazione della mucosa che ne ricopre le pareti interne ed alla distruzione della flora intestinale formata da miliardi di batteri; questa flora batterica è assai utile perché svolge mansioni fondamentali per la nostra salute.
Vi sono svariati motivi (cibi contaminati da fertilizzanti, conservanti, farmaci, (ma soprattutto i Vaccini), lassativi, antibiotici, tranquillanti, ecc.) per cui, nell'intestino, appaiono nel tempo anche dei batteri nocivi (funghi, muffe, candida, ecc.) che possono sopravvivere e duplicarsi in assenza di ossigeno. Più spesso di quanto si possa pensare il degrado intestinale porta quest'organo ad essere il terreno adatto per i parassiti, detti anche vermi intestinali.

In un ambiente intestinale non più sano si vengono a creare fenomeni dannosi, come fermentazione e putrefazione, che generando sostanze tossiche, avvelenano il sangue e pian piano tutto l'organismo.
Se noi vivessimo all'aperto, facendo molto moto, le sostanze tossiche presenti nel sangue sarebbero completamente eliminate attraverso i reni: Purtroppo, invece, la vita sedentaria e lo stress, non ne permettono una completa eliminazione e l'organismo è costretto ad accumularle. E' proprio questo accumulo di tossine che, nel tempo, diventa l'origine di molte disfunzioni e malattia.
Ad un osservatore superficiale, molte problematiche causate dalle di tossine non sembrano certo correlate con l'intestino, tra esse possiamo elencare: acne, dermatiti, cellulite, mal di testa frontale, nervosismo, ansia, depressione, alito cattivo, riniti, eczemi, stanchezza cronica, invecchiamento della pelle, dolori articolari, artropatie croniche, ecc.
A tutto ciò va anche aggiunto un indebolimento delle difese immunitarie, dovuto alla presenza di numerosi vasi linfatici sulle pareti intestinali.

Intestino pulito = salute migliore
Il lavaggio dell'intestino è una pratica terapeutica antichissima: la troviamo descritta nel papiro egiziano di Ebers del 1500 a.C., un vero e proprio trattato di medicina dell'epoca, e negli scritti di Ippocrate e di Galeno, che prescrivevano i clisteri contro la febbre e per la cura di numerose malattie.
Chi pratica lo Hata Yoga conosce certamente le innumerevoli tecniche di pulizia gastrointestinale assolutamente necessarie, secondo gli antichi testi indiani specializzati, per purificare il corpo e mantenerlo sano e forte in questo particolare cammino ascetico come nella vita di ogni giorno. Questi straordinari fisiologi sapevano infatti che praticamente qualunque malattia può svilupparsi da un cattivo funzionamento dell'intestino.
Il colon è infatti il "cassonetto" dell'organismo, dove tutti i rifiuti vengono scaricati per essere espulsi. Se rimangono nel colon più del dovuto vanno in putrefazione, producendo un vero e proprio avvelenamento dell'organismo. Le tossine, attraverso il circolo sanguigno, raggiungono ogni cellula del corpo e indeboliscono l'intero sistema, abbassando le difese immunitarie e provocando uno stato di stanchezza cronica. Questa autointossicazione molto spesso è rivelata da un cattivo odore del corpo, soprattutto dei piedi, e dal forte odore di putrefazione delle feci.
L'accumulo delle tossine inoltre, provoca uno stiramento delle pareti che può dar luogo, a lungo andare, a delle anormalità meccaniche. Una parte può, ad esempio, gonfiarsi a tal punto da provocare un'ernia: eliminare questa pressione eccessiva con un lavaggio è essenziale per permettere al corpo di autocurarsi. Una contrazione cronica di alcune aree intestinali, come nel caso della colite spastica, una dilatazione o un allungamento, non permettono un regolare svuotamento dell'intestino.
Il colon può trattenere del materiale tra le sue pieghe, deformandosi in uno stato di infiammazione cronica, oppure può subire un prolasso e premere sulle viscere vicine, come la vescica, l'utero o la prostata, causando problemi anche in questi organi.
Tutte queste condizioni, più comuni di quel che si pensi, portano a un ristagno e a una putrefazione dei residui organici e quindi a una intossicazione cronica dell'organismo.

Scrive la prof.ssa Maria Rita Gismondo (Cattedra di microbiologia Clinica Università di Milano) nella sua relazione sul dismicrobismo intestinale: "La comprensione dell'importanza nell'organismo umano degli ecosistemi microbici cutaneo, vaginale e intestinale, dei quali per lungo tempo si era ignorata la validità, è stata sicuramente un contributo importante della microbiologia. Basti pensare che tali microsistemi possono a ragione essere considerati la prima valida barriera dell'organismo contro le infezioni."
(NdR: pensare che con i vaccini ai lattanti si alterano proprio queste difese immunitarie = disbiosi)
La flora batterica intestinale infatti produce diversi antibiotici naturali, le vitamine K e B12, e interviene nel metabolismo di acidi biliari e ormoni steroideie di alcune sostanze farmacologiche.
Scrive il prof. Lucio Capurso, della Divisione di Gastroenterologia dell'Ospedale San Filippo di Roma: "L'importanza dell'intestino nei processi di difesa dell'organismo è oggi unanimamente riconosciuta ed esso viene a ragione considerato come un vero e proprio organo immunitario, probabilmente il più importante."
Data la molteplicità e l'importanza vitale delle funzioni della microflora intestinale nel mantenimento della salute dell'ospite, ne deriva che sono numerose le condizioni patologiche dovute alla sua alterazione: dall'alitosi e le diarree, fino all'encefalopatia epatica, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e la cancerogenesi colon-rettale.
Mantenere l'equilibrio dell'ecosistema batterico nel tratto gastrointestinale significa, ancora una volta, contribuire efficacemente alla conservazione di un buon stato di salute.

Da cosa dipende una buona salute ?
Uno stato di buona salute persona dipende in gran parte da quante tossine si sono accumulate nel suo organismo ed in special misura nella linfa, nel sangue e nel sistema nervoso.
Scrive il dott. Tilden in Tossiemia, causa primaria di malattia: "Un affaticamento di carattere mentale o fisico, che riduca l'energia nervosa al punto in cui si supera la capacità dell'organismo di eliminare naturalmente le tossine (rifiuti organici) che si sono accumulate, causa una ritenzione dei rifiuti nel sangue che aumentano la tossiemia (quantità di tossine presenti) oltre il punto di resistenza e provocando una crisi".
Da questo punto di vista, esposto quasi trent'anni fa, ogni cosiddetta malattia va considerata come uno sforzo fatto dalla natura per sbarazzare ii corpo dalle tossine che hanno superato il limite tollerabile. Ogni trattamento che intralci questo sforzo di eliminazione farà fallire la natura nel suo intento di auto-guarigione.
Purtroppo la teoria relativa alla tossiemia non è mai stata presa nella dovuta considerazione dalla medicina ufficiale. Comunque nell'ultimo decennio vi sono state delle scoperte che la ripropongono in termini diversi, cambia solo il nome delle tossine che vengono definite "radicali liberi".

I radicali liberi
I radicali liberi, secondo le moderne ricerche scientifiche, sono delle molecole ossidanti (ovvero dannose) che l'organismo produce a causa dei fenomeni biologici relativi alla sua esistenza. Spesso si tratta di sostanze provenienti dall'esterno come per esempio: il fumo delle sigarette, gli inquinamenti atmosferici e gli alimenti non naturali.
Viene oggi riconosciuto che i radicali liberi possono distruggere alcune sostanze vitali dell'organismo e generare numerose malattie, tra cui: l'invecchiamento in generale, cataratte, malattie del fegato (epatiti), nefriti, insonnia, colpi di sole, perdita di capelli.
Vengono anche ritenuti responsabili di varie malattie infiammatorie tra cui citiamo: artrosi, artrite, deterioramento del sistema circolatorio, problemi respiratori come asma o bronchite cronica. Possono anche causare la degenerazione dei tessuto, la pelle indurita e rugosa ne è un classico esempio.
Fortunatamente l'organismo si protegge contro i radicali liberi (o tossine) per mezzo degli enzimi che produce utilizzando sali minerali come lo zinco, il silicio, il magnesio, il rame e il selenio. Vi sono altre sostanze utili per questa protezione, tra esse i "flavonoidi" contenuti nei vegetali e le vitamine C, E e beta-carotene. Appare perciò evidente perché le piante medicinali, ricche di flavonoidi e di sostanze antiossidanti, abbiano un'azione benefica sulla nostra salute, aiutando a prevenire: artrosi, vecchiaia, insonnia, malattie del fegato, ecc.
Risulta però evidente che un intestino in cui sono presenti batteri nocivi e incrostazioni di muco crea delle tossine interne contro cui i flavonoidi e le vitamine citate possono fare ben poco.

Il lavaggio intestinale e' stato insegnato anche dal Gesu' dei cristiani
"Non pensate che sia sufficiente che l'angelo dell'acqua vi abbracci soltanto esternamente. Vi dico, in verità, l'impurità interna è di gran lunga più grande dell'impurità esterna. E colui che purifica se stesso esternamente, ma internamente rimane impuro, è simile alle tombe che fuori sono ben dipinte, ma dentro sono piene di ogni sorta di orribili impurità e sozzura.
Perciò, io vi dico in verità, lasciate che l'angelo dell'acqua vi battezzi anche internamente e che anche internamente voi possiate diventare puri come la schiuma del fiume che gioca nella luce del sole.
"Procuratevi, dunque, una grande zucca rampicante avente un gambo della lunghezza di un uomo; vuotate l'interno e riempitela con l'acqua del fiume che il sole avrà riscaldato. Appendetela al ramo di un albero e inginocchiatevi sulla terra davanti all'angelo dell'acqua e attraverso l'estremità del gambo della zucca fate penetrare l'acqua nella parte interna del vostro corpo in modo che l'acqua possa scorrere attraverso tutti i vostri visceri. Poi riposatevi, inginocchiati al suolo davanti ali'angelo dell'acqua, e pregate il Dio vivente di perdonarvi tutti i vostri peccati passati, e pregate l'angelo dell'acqua di liberare il vostro corpo da ogni impurità e da ogni malattia.
Allora lasciate che l'acqua scorra fuori dal vostro corpo affinchè possa portar via dall'interno le impurità e tutte le cose maleodoranti di Satana. E voi vedrete con i vostri occhi e sentirete con il vostro odorato tutte le sozzure e le impurità che contaminavano il tempio del vostro corpo, come pure tutti i peccati che dimoravano nel vostro corpo tormentandovi con ogni sorta di dolori. Io vi dico in verità, il battesimo con l'acqua vi libera da tutti i mali.
Rinnovate il vostro battesimo con l'acqua ogni giorno durante il vostro digiuno fino al giorno in cui vedrete che l'acqua che fluisce fuori dal vostro corpo è pura come la schiuma del fiume. Poi gettate il vostro corpo nell'acqua corrente del fiume e là tra le braccia dell'angelo dell'acqua rendete grazie al Dio vivente che vi ha liberato dai vostri peccati. E questo santo battesimo dell'angelo dell'acqua sarà rinascita in una vita nuova. Perchè i vostri occhi d'ora in avanti vedranno e i vostri orecchi sentiranno. Non peccate più, dunque, dopo il vostro battesimo e che gli angeli dell'aria e dell'acqua possano dimorare eternamente in voi e servirvi per sempre".
(Tratto dal vangelo della Pace)

Il muco intestinale
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.

Bibliografia:
- Dr. J. H. Tilden, Tossiemia, causa primaria di malattia - Casa Editrice Igiene Naturale, Gildone (GB).
- Prof. Arnold Ehret's, Mucusless diet healing system - Ehret Literatue Publishing Co., Beaumont, California 92223 (1977).
- Valeria Mangani, Adolfo Panfili, La dieta pH. - Edizioni Tecniche Nuove, Milano.
Tratto in parte da: verbal.it

Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e e della mucosa intestinale influenzano la salute, non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiintestinale.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Lun 17 Ott 2016 - 20:57

Per non dimenticare l'importanza dell'IDROCOLON TERAPIA, ecco l'articolo.
Con questa pagina vorrei dimostrare che la IDROCOLON TERAPIA DEVE ESSERE UNA PRATICA PER TUTTI ALMENO ANNUALE, E DEVE ESSERE FATTA AL PRIMO SEGNALE ANOMALO DEL CORPO.
Questo perchè, dato che gli intestini sono IL CENTRO DEL CORPO, sono certo che da loro, quindi dalla FLORA BATTERICA partono TUTTE LE MALATTIE.
La mia esperienza sulla preparazione del CLISTERE, come descritto sotto, ho messo il bicchiere di mia urina ed il cucchiaino di BICARBONATO DI SODIO nei 2 litri di acqua. Ho aggiunto però un cucchiaino di ACIDO ASCORBICO ed un cucchiaino di CLORURO DI MAGNESIO.
Naturalmente mi sono attenuto alla dieta descritta sotto.
Inoltre ho ingoiato INFLORAN acquistato in farmacia al prezzo di circa 11 euro per 20 capsule, da conservare in frigo nella parte bassa. Tre pastiglie al giorno lontano dai pasti.
Come detto sotto, anche l'ARGILLA VENTILATA, ha la sua funzione. Difatti ne preparo un cucchiaino in un bicchiere di acqua di rubinetto alla sera e l'acqua me la bevo al mattino a digiuno.
Questo lo faccio da sette giorni. Negli ultimi tre però ho anche ingoiato l'ARGILLA del bicchiere.
Oggi è il sesto giorno di INFLORAN, ho fatto 3 (tre) CLISTERE, e già dopo il primo mi ha cambiato la vita. E pensare che non costa nulla, nemmeno un sacrificio o una sofferenza. Provare per credere.
Naturalmente ingoio costantemente gli "ALIMENTI ESSENZIALI" a cominciare dall'ACIDO ASCORBICO come sempre.
Però la stanchezza continua e spossante, di questi giorni è sparita ed oggi la vita è diversa, anche se devo ancora recuperare energie perse per combattere il disguido.
Il mio problema, il mal di pancia è da ieri sera che non lo sento più, mentre ho avuto solo i sintomi da dopo il primo clistere.
Quella giornata è stata tremenda ed ho fatto fatica a non ingoiare antidolorifici, pur avendo in casa buscopan supposte acquistato per la occasione consigliatomi dal mio medico.
La scatola è ancora integra, ma sono certo che la butterò integra, anche perchè ho certezza che non può che causarmi danni.
Però non posso dimenticare il giorno 27 settembre 2016, giornata tremenda, con un mal di pancia continuo e lacerante fino alla sera che il mio corpo si è liberato l'intestino.
Il mattino successivo alle 6, al pronto soccorso mi fecero una flebo di antidolorifico che mi intontì per tutto il giorno. Mi fecero la ecografia, dove non è risultato nulla. Mi fecero 4 lastre di raggi X alla pancia e da queste decisero che avrei dovuto fermarmi per accertamenti, quindi mi ricoverarono in chirurgia. Mi fecero i raggi X ai polmoni. Poi un medico mi fece firmare per farmi una TAC e poi mi avrebbero fatto la colonscopia.
Alla mia domanda a quel medico il perchè di tutto questo, egli mi rispose:
"La rivoltiamo come un calzino"
Mi avevano messo una flebo da 2 litri di non sò quale prodotto delle bayer con nel liquido 50000 "principi attivi". Dopo alcune ore, dato che VOLEVO VIVERE ANCORA sapendo che i "principi attivi NON DEVONO STARE nel mio corpo, ho deciso di firmare e tornarmene a casa con Franca.
DECISIONE IMMENSAMENTE GIUSTA, ANCHE PERCHE' I MIEI SIMILI NON POSSONO DARMI LA SALUTE, NEPPURE CON TUTTI GLI APPARECCHI POSSIBILI AL MONDO. INTANTO PERO' CON TUTTI QUANTO FATTO NELLA GIORNATA LO SI SONO GUADAGNATI LO STIPENDIO, MA A SCAPITO DELLA MIA SALUTE.
E PENSARE CHE SONO BASTATI TRE CLISTERE PER RIDARMI LA SALUTE!!!
NON POSSO AGGIUNGERE ALTRO!!!!
Questa avventura mia personale vissuta, ve la racconto appena ottengo la documentazione che ho richiesto, per la conferma.
Ritengo sia importante per voi conoscere la CIALTRONERIA della sanità.
Per chi non l'avesse capito, la causa di tutta questa avventura sono stati gli ANTIDOLORIFICI e degli ANTIBIOTICI subiti nelle tre occasioni.
Primo intervento in data 22  marzo 2016, per asportare la ciste renali al rene sinistro causate dalle DROGHE ingoiate e inalate col fumo nella prima parte della mia vita: CAFFE', transene, valium per curare i danni del CAFFE' e 60 sigarette al giorno per molti anni. Ero tabaccaio. Questo fino al 1985 che smisi TUTTO insieme.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiasinistra.htm

Secondo intervento in data 5 luglio 2016 per asportare le cisti renali al rene destro.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiadestra.htm

Come terzo la INFEZIONE tremenda causata dal punto metallico dimenticata dall'urologo in data 13 luglio 2016, ma che è scoppiata il 3 agosto 2013.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/puntometallicodimenticato.htm
Naturalmente con molta debolezza, ma mangiando NATURALE ed ingoiando i VERI PROBIOTICI, sono certo di tornare in piena salute.
Non dobbiamo dimenticare che i medici di una volta, non dovendo dipendere dalle case farmaceutiche di dedicavano con amore alla salute delle persone e questi clisteri erano all'ordine del giorno. Ora i medici preferiscono inviarti da un collega per altri controlli in modo che ognuno di loro ne abbia un buon ritorno, ma devi farlo solo se malato, perchè se stai bene non guadagna nè l'uno nè l'altro.
Purtroppo di questo non ce ne dobbiamo dimenticare.

QUINDI CONCLUDO PER TUTTI CHE AL MINIMO INTOPPO, PRIMA DI FARE UN QUALSIASI PASSO, RITENGO CHE FARE UN CLISTERE COME CONSIGLIANO I MEDICI SOPRA, SIA UNA BUONA NORMA, IN MODO DA AVERE LA GARANZIA CHE LA FLORA BATTERICA SIA COME PREVISTO E NON MENOMATA..
QUINDI AVERE IN CASA IL NECESSARIO PER UN CLISTERE SONO CERTO CHE SIA UNA BUONA NORMA.

"CLISTERE CASALINGO : la parola Clistere deriva dal greco klystérêros, purificare, lavare.
Come ci si lava la pelle esterna abbastanza spesso, occorre anche lavare la pelle=mucosa interna (epitelio del tubo digerente-intestino) e cioe' fare regolarmente di tanto in tanto dei clisteri = lavaggi purificatori e disinfiammanti dell'intestino.
vedi, prima di proseguire, questa pagina: Idrocolon terapia e suoi benefici + Putrefazione intestinale"
...durante la cura la
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiclistere.htm

Dell'articolo cito il fatto che questa FLORA BATTERICA è indispensabile per la AUTOGUARIGIONE:
"L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale."
"Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'AUTOGUARIGIONE da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiflorabatterica.htm
Di questo articolo sotto mi permetto di riportare:
"Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)"

La DISBIOSI intestinale:
E' un'alterazione degli enzimi e della flora batterica autoctona intestinale che può essere diagnosticata anche attraverso il Disbiosi Test, una semplice analisi delle urine, consentendo quindi l'eliminazione di fastidiosi disturbi della digestione.
Tale sintomo si cela dietro alcuni altri sintomi precisi e causali: cattiva digestione dovuto ad alimentazione inadeguata o contaminata, che producono, gonfiore, stitichezza alternata a dissenteria, cambiamenti dell'umore, disturbi del sonno, candidosi vaginale irritazione della mucosa intestinale, malassorbimento, ecc..

Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)
Una dieta poco equilibrata, caratterizzata dall'assunzione di alimenti ricorrenti industriali, e dalla rapidità con cui li si assume, è dannosa per l'intestino ed impedisce all'organismo di ottenere il giusto apporto calorico e nutritivo.
L'alimentazione scorretta e contaminata è in genere affiancata da uno stile di vita irregolare che altera il ritmo sonno-veglia con inevitabili ripercussioni negative sull'intestino.
La disbiosi può essere causata anche dallo stress generato da un'attività lavorativa intensa, dagli impegni pressanti e dalle responsabilità quotidiane. Lo stress professionale lascia ben poco tempo allo svolgimento di attività fisica e ciò crea una condizione di affaticamento e nervosismo nell'organismo.
Un'ulteriore causa è costituita dall'assunzione di farmaci in specie i Vaccini e/o ad es. antibiotici, antinfiammatori, antinfluenzali, antidepressivi, anticoncezionali e ansiolitici che agiscono sui sintomi della malattia ma anche sulla flora batterica, danneggiandola.
Infine, anche metalli pesanti quali alluminio, mercurio (che sono contenuti proprio anche nei vaccini ed altri metalli tossici, che possono arrivare nell'intestino attraverso la catena alimentare, possono danneggiare la flora batterica.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiintestinale.htm
Dell'articolo cito la parte:
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.

CLISTERE CASALINGO : la parola Clistere deriva dal greco klystérêros, purificare, lavare

Come ci si lava la pelle esterna abbastanza spesso, occorre anche lavare la pelle=mucosa interna (epitelio del tubo digerente-intestino) e cioe' fare regolarmente di tanto in tanto dei clisteri = lavaggi purificatori e disinfiammanti dell'intestino.
vedi, prima di proseguire, questa pagina: Idrocolon terapia e suoi benefici + Putrefazione intestinale

Illustrazione raffigurante i depositi che si formano lungo le pareti dell'intestino.

Per i bambini e le persone molto anziane e deboli si consiglia di non andare oltre i 3 giorni di clisteri settimanali (meglio farlo una volta alla settimana per un certo periodo di tempo), ed al limite invece del digiuno completo ci si ciberà di vegetali crudi frullati o frutta matura. Salvo nel caso di Cancro, in questo caso i clisteri possono divenire anche plurigiornalieri.

Quando si utilizza questo tipo di clistere od idro colon terapia, (e' bene utilizzare l'acqua la più pura possibile ed a pH neutro o leggermente basico ed occorre ricordare di prepararlo (facoltativamente) con:
1 bicchiere della propria urina in 2 litri di acqua oppure è possibile aggiungere all’acqua per il clistere, altri sali minerali e/o liquidi come ad es. estratti-infusi fitoterapici, prodotti omeopatici e tutto ciò che si ritiene possa giovare al paziente.
I migliori tipi di clistere, possono essere preparati per es. con un cucchiaino di Bicarbonato di Sodio, 1 cucchiaino per 2 lt di acqua tiepida (*) e/o l'infuso di 1 Caffe' (vedi sotto) - alternando con Camomilla - da effettuare da una, due o tre volte alla settimana, ed in certi casi 1 al giorno, nei caso di tumori e/o di malattie gravi, nei quali si puo' arrivare a fare anche da 2 a 4 clisteri al giorno di un infuso di camomilla e/o bicarbonato e/o caffe', a seconda dei casi;
Utilizzare comunque acqua resa ALCALINA con pH di almeno 10 e non piu' di 12; quello al caffe' contiene la caffeina, che viene assorbita dalla parete della mucosa dell'ano, essa serve ad aprire i dotti biliari che liberano grandi masse di materiale tossico, ma in certi soggetti puo' portare disturbo, fare quindi attenzione alle proprie reazioni al clistere con infuso di caffe' ed eventualmente sostituirlo con quello alla camomilla..
Se vi e' tensione o spasmi nell'intestino utilizzando il clistere, usate acqua leggermente più calda (max 37° è una buona temperatura) per rilassare l'intestino.
Se l'intestino è al contrario debole, utilizzare acqua più fredda (da 27° a 30°) per aiutare a rinforzarlo.
Se vi sono dolori addominali all'inizio dei clisteri, significa in genere che la parete intestinale e' molto infiammata quindi dolorante.
(*) alle volte i primi clisteri possono essere fatto con, oltre al Bicarbonato di Sodio, anche con un cucchiaino di sale da cucina.
In ogni caso e' utile, se la si rintraccia, utilizzare anche un cucchiaino di Glicotimolina.
(La Glicotimolina viene indicata per una varietà di usi: impacchi, siringhe per orecchie e occhi, docce, irrigazioni del colon, come colluttorio, spray nasale, alcalinizzatore e antisettico interno e per l’igiene personale)
Glicotimolina è una soluzione alcalina - NON si RIESCE facilmente a trovarla in COMMERCIO.
In ogni caso, assieme al clistere, occorre assumere fermenti lattici in capsule gastroresistenti.

Molto utile e' anche l'ARGILLA (fango di terra argillosa) mangiata come un "dolce" ogni giorno od ogni 2 o 3 giorni per un certo periodo che in genere varia da soggetto a soggetto, con un minimo di 15 giorni; alle volte e' necessario assumerla per periodi piu' lunghi. Fare attenzione che l'argilla puo' portare stitichezza.
L'argilla con il suo potere mineralizzante, cicatrizzante e chelante, fornisce un ottimo ausilio a tutti coloro che si debbono disintossicare dalle sostanze tossiche, aiutando la disinfiammazione e la disintossicazione dell'apparato digerente ed il corpo intero. vedi: Putrefazione intestinale

Per pulire bene tutto l’intestino
I clisteri possono pulire il colon, ma solo una parte molto piccola di esso, dai 40 ai 50 centimetri.
Un’opzione semplice e naturale è quella a base di semi di lino e kefir, da adottare per circa 3 settimane.
Questo metodo di depurazione dell’intestino aiuta a normalizzare il peso ed offre vari effetti positivi nella regolazione del metabolismo dei lipidi (grassi). La farina di semi di lino assorbe ed elimina le tossine dal corpo.
Sostituisci questo rimedio alla classica colazione, per 3 settimane.
- Prima Settimana: 1 cucchiaio di farina di semi di lino e 100 ml di kefir
- Seconda Settimana: 2 cucchiai di farina di semi di lino e 100 ml di kefir
- Terza Settimana: 3 cucchiai di farina di semi di lino e 150 ml di kefir.
Ricordarsi di preparare una pozione fresca ogni giorno e di non consumare nient’altro a colazione. Associare a questo rimedio ad una dieta salutare e consumare almeno 1.5- 2 litri d’acqua basica al giorno.

Le RICERCHE MOSTRANO un NESSO fra MICROBIOMA Intestinale (intestino) e CERVELLO - 09/01/2015
Chiamate collettivamente microbioma, le migliaia di miliardi di microbi che abitano il corpo umano vivono principalmente nell’intestino, dove ci aiutano a digerire il cibo, a sintetizzare le vitamine e a difenderci dalle infezioni. Ora, recenti ricerche sul microbioma hanno dimostrato che la sua influenza si estende ben oltre l’intestino, fino ad arrivare al cervello. Negli ultimi 10 anni, vari studi hanno collegato il microbioma intestinale a una serie di comportamenti complessi, come umori ed emozioni, appetito e ansia.
Il microbioma intestinale sembra contribuire al mantenimento della funzionalità cerebrale, ma non solo: potrebbe anche incidere sul rischio di disturbi psichiatrici e neurologici, fra cui ansia, depressione e autismo. Una delle modalità più sorprendenti con cui il microbioma influisce sul cervello è durante lo sviluppo.
“Esistono delle finestre evolutive critiche in cui il cervello è più vulnerabile poiché si sta preparando a rispondere al mondo circostante”, spiega Tracy Baie, docente di neuroscienze presso la facoltà di veterinaria dell’Università della Pennsylvania. “Così, se l’ecosistema microbico della madre si modifica - per esempio a causa di infezioni, stress o diete - ciò cambierà il micro bioma intestinale del neonato, e gli effetti possono durare tutta la vita.”
Altri ricercatori stanno esplorando la possibilità che il microbioma abbia un ruolo nelle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson.
Fonte: MedicalXpress.com : http://tinyurl.com/kaa2j36

Commento NdR: ma cio’ puo’ accadere anche e non solo per i vaccini che il neonato subisce dai due, tre mesi in avanti…infatti se una madre ha delle amalgami dentali in bocca (contengono mercurio) il neonato potra’ subire delle conseguenze anche gravi.

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Clistere di Caffè
Da parte di professionisti nel campo della medicina alternativa e olistica ormai da molti anni viene usato un clistere che utilizza non l'acqua ma il caffè con lo scopo di disintossicare il fegato.
Un clistere di caffè, quando fatto correttamente, fa produrre al fegato più bile, apre i dotti biliari, e fa in modo che la bile fluisca.
In questo processo, un fegato intossicato può scaricare molte delle sue tossine nella bile e sbarazzarsene in alcuni minuti. Questo spesso dà grande sollievo a tutto il corpo, e spesso fa la differenza tra giacere con la sensazione di sentirsi miserabili e sentirsi bene e essere attivi.
I clisteri di caffè sono anche efficaci nell'alleviare il dolore. I pazienti di cancro, per un esempio, possono ottenere sollievo dal dolore anche quando i farmaci non hanno dato esito.
Gli effetti di un clistere con caffè sono differenti da quelli di uno con semplice acqua e sale e questa differenza è costituita dalla caffeina presente nel caffè.
La caffeina, la teobromina e la teofillina stimolano il rilassamento dei muscoli lisci causando la dilatazione dei vasi sanguigni e dei dotti biliari. Gli effetti di un clistere con caffè non sono gli stessi del bere caffè. Le vene nella zona anale sono molto vicine alla superficie dei tessuti. La caffeina viene assorbita facilmente e in quantità maggiore di quando il caffè viene bevuto.
Il caffè non passa attraverso il sistema digestivo, e non influisce sul corpo come quando lo si prende come bevanda. Invece, il clistere di caffè stimola sia il fegato che la cistifellea a rilasciare le tossine, che vengono poi eliminate dal colon.
All'inizio del trattamento, se la bile contiene molte tossine, può produrre spasmi nel duodeno e nell'intestino tenue e causare un po' di deflusso nello stomaco. Questo può causare sensazioni di nausea, che potrebbero portare al vomito della bile.
Se accade questo, bere una buona quantità di tè di menta piperita forte aiuterà ad annullare la bile nello stomaco e a portare sollievo.
È interessante osservare che bere una tazza di caffè ha un effetto completamente diverso dal fare un clistere. Bere caffè causa i seguenti problemi:
- Aumenta la reazione riflessa
- diminuisce la pressione del sangue
- aumenta la frequenza del battito cardiaco
- causa palpitazioni e insonnia
- stimola le ghiandole surrenali
- irrita lo stomaco
- lascia un residuo tossico nel corpo

Un clistere di caffé, quando fatto correttamente, non produrrà questi effetti.
Nota: Due clisteri di caffè in una settimana durante un periodo di disintossicazione generale vanno bene per la maggior parte delle persone, ma non per tutti. Se i clisteri di caffè facessero sentire peggio una persona anche utilizzando caffè biologico, dovrebbe smettere di praticarli.
I clisteri di caffè dovrebbero essere utilizzati con cautela. Quando se ne fanno troppi sono stressanti per il fegato e possono causare tensione.
Dopo il periodo di disintossicazione, i clisteri di caffè dovrebbero essere impiegati solo come un'emergenza, non come un booster di energia.

Benefici per il fegato
Il caffè ha una composizione chimica che è stimolante. Contiene delle molecole, palmitati, che aiutano il fegato a trasferire le tossine nella bile.
Il caffè viene assorbito dalla vena emorroidale e trasferito al fegato. Con i dotti dilatati la bile riversa nel tratto gastro-intestinale le tossine. Contemporaneamente l'azione peristaltica viene attivata dal clistere, causando l'eliminazione delle tossine tramite evacuazione dal colon.
Un clistere di caffè è abbastanza utile durante una malattia grave, dopo un ricovero ospedaliero, e dopo l'esposizione a sostanze chimiche tossiche.
Questo clistere può anche essere utilizzato durante digiuni per alleviare eventuali emicranie causate talvolta da una aumentata eliminazione di tossine.

Procedura:
Prima di fare il clistere di caffè, e opportuno ripulire il colon con due o tre clisteri tradizionali, dopo di questo passa al clistere di caffe. A differenza dei clisteri di sola acqua, Il liquido dovrebbe essere ritenuto nel colon da 12 a 15 minuti. E' utile avere un orologio in vista.
Il Dr. Gerson ha scoperto che tutta la caffeina viene assorbita entro 12 minuti circa. La caffeina passa attraverso le vene emorroidali direttamente nelle vena portale e quindi nel fegato. Dopo 15 minuti, evacuare.
Se sperimentate tensione o spasmi nell'intestino utilizzando un clistere, provate a utilizzare acqua più calda (da 37° a 38° è una buona temperatura) per aiutare a rilassare l'intestino. Se l'intestino è debole o flaccido, provate invece a utilizzare acqua più fredda (da 24° a 27°) per aiutare a rinforzarlo.
Il caffè coltivato biologicamente è assolutamente essenziale. Le sostanze chimiche, i diserbanti e gli antiparassitari presenti nei caffè coltivati commercialmente potrebbero causare danni al fegato quando utilizzati in un clistere. Usare solo caffè biologico.

In una pentola o in un bollitore aggiungi 3 cucchiai da tavola colmi di caffè macinato in 1 litro d'acqua (preferibilmente distillata, se vogliamo essere fiscali). Far bollire per 3 minuti, poi continuare a fuoco lento per 20 minuti. Coprire con un coperchio. Quindi lasciare raffreddare fino ad una temperatura più o meno vicina a quella corporea.
Mettere il caffé così ottenuto (circa un litro) in una borsa per clisteri del tipo da appendere.
Per lubrificare il beccuccio da introdurre nell'ano non usare creme commerciali derivate dal petrolio. Potete utilizzare vitamina E, in forma oleosa oppure l'olio di germe di grano (puoi forare la punta di una capsula gelatinosa e spremerne il liquido. Anche il gel di aloe va bene.
La posizione migliore per il clistere è in ginocchio con la testa appoggiata sul pavimento.
Dopo che il liquido è stato inserito, appoggiarsi sul fianco destro per 15 minuti prima di evacuarlo.
Non preoccupatevi se il liquido non viene evacuato dopo 15 minuti. Semplicemente continuate a fare le normali attività fino a quando sentite lo stimolo a evacuare.

Altra modalita' di preparazione dell'infuso di 1 caffe', per il clistere al caffe':
Caffe' all'americana:
- far bollire mezzo litro di acqua con 3 cucchiaini colmi di caffe' in polvere e continuare la bollitura per 7 minuti, lasciare in infusione per altri 7 minuti, poi aggiungere acqua fredda fino ad 1,5-2 max lt., controllare che la temperatura sia tiepida, oppure far raffreddare a temperatura corporea o meno e passare al colino, mettersi proni e successivamente sdraiati sul lato destro, indi introdurre l'infuso e mantenere nell'intestino il piu' possibile, in genere occorrono 12 o 15 minuti per far assorbire le sostanze del caffe' dalle vene emorroidali e da queste alla vena portale e quindi nel fegato che si depura bene, rimanendo sempre sdraiati, quindi evacuare.
E' possibile utilizzare il caffe' all'Italiana nella dose da 1 a 3 caffe' per 2 lt di acqua tiepida.

Anche le piu' importanti infiammazioni dell'intestino tenue scompariranno facilmente in poche settimane ed i vostri mal di schiena se ne andranno come per incanto.
Utilizzare, per avere i migliori risultati, il caffe' coltivato biologicamente, in quanto le sostanze chimiche utilizzate dai coltivatori di caffe', che non seguono l'agricoltura biologica, potrebbero ostacolare la disintossicazione completa del fegato.
Attenzione: in certi soggetti molto sensibili il clistere di caffe' puo' produrre eccitazione nervosa e quindi possibile alterazione del battito cardiaco; meglio evitarlo e sostituire il Caffe' con infuso di Camomilla o Finocchio.
E' possibile utilizzare anche al posto del caffe' (ma il risultato non e' sempre lo stesso in quanto varia dal tipo di infuso utilizzato) certi estratti, infusi di erbe, es. malva, ecc., o aloe vera in ragione di 2 cucchiai in 2 litri di acqua, che dovrebbe, l'acqua, dovrebbe essere di sorgente, oppure con acqua dell’acquedotto filtrata con un buon depuratore - meglio ad osmosi inversa (comunque se bollita e raffreddata alla temperatura desiderata, l'acqua va bene).
Un massaggio alle viscere sulla pancia, si rende necessario, quando avete introdotto l'acqua e se possibile mantenetela nell'intestino al massimo per 15 minuti poi evacuate; se avete dolori, per via delle infiammazioni presenti, massaggiate ed evacuate quando non riuscite piu' a tenerla.
SEMPRE durante i periodi di utilizzo del clistere, in qualsiasi forma, occorre assumere giornalmente dei fermenti lattici multibatterici.
Per i bambini, a seconda dell'eta' (-di 13 anni fino a 6 anni), farlo con una peretta e ridurre la quantita' fino ad 1 quarto di litro, ed ancora meno per i lattanti; meglio usare la camomilla. Per i piu' piccoli ridurre la quantita' almeno della meta' e farlo per gradi.

In caso di tumori seguire le indicazioni del Protocollo della Salute + attuando clisteri ogni giorno a base di bicarbonato di sodio; la frequenza dipende anche dai dolori esistenti o meno; in certi casi si puo' arrivare a fare un clistere ogni ora, normalmente bastano 2 clisteri al giorno.

Procedura per il clistere:
1 - Assicurarsi che la cannula collegata alla sacca del clistere, sia di una lunghezza adatta per poterlo fare, in modo che la sacca sia appesa ad un chiodo o maniglia di finestra in alto per far scendere l'acqua per gravita'.
2 - Distendersi sul pavimento mettendo sotto un asciugamano e/o un giornale appoggiato sul pavimento e controllare che la lunghezza della cannula sia adatta alla posizione della sacca rispetto a quella del soggetto che deve fare il clistere sdraiato a pancia in su sul pavimento od in ginocchio.
3 - Riempire la sacca per il clistere, assicurandosi che il rubinetto o il morsetto chiuso.
4 - Appendere la sacca ad un'altezza in modo che la cannula con il beccuccio possa essere accessibile in modo agevole quando si e' distesi sul pavimento.
5 - Lubrificare il beccuccio rettale con un prodotto naturale con olio vegetale e/o una crema naturale anti emorroidi.
6 - Inserire il beccuccio nel retto delicatamente e lentamente. Non forzare mai. Se l'introduzione è dolorosa sospendere il clistere.
7 - Aprire il rubinetto o morsetto. Far rifluire l'acqua fino a quando non vi e' fastidio.
8 - Distendersi sul fianco destro e massaggiare la pancia con movimenti circolari e poi evacuare.

Controindicazioni a qualsiasi tipo di clistere:
infiammazioni all’Appendice, Peritonite; in questi casi invece di fare il clistere, applicare immediatamente del freddo sulla pancia, es.: cataplasma di fango freddo - (e/o borsa con del ghiaccio oppure della ricotta fredda) per piu' giorni e/o notti e se del caso ricorrere all’atto chirurgico.
Le controindicazioni del clistere, sono: sindrome dell’appendice e le emorroidi sanguinanti: in questo ultimo caso prima di iniziare a fare i clisteri - con attenzione - occorre assumere per diverso tempo e giornalmente dei preparati multi batterici per normalizzare gli enzimi e la flora batterica e contemporaneamente dormire per 30 giorni con cataplasmi di fango (argilla) fredda sul ventre, comunque raffreddare il ventre, anche con bagni di ventre; successivamente dopo che il grosso dell'infiammazione e' passata, ed in genere inizia a scendere dopo la prima settimana, utilizzare queste tecniche di lavaggio intestinale. MAI PRIMA !

In ogni caso di clistere, occorre sempre ungere molto bene con olio di oliva la punta del rubinetto e l’ano con un dito ed utilizzare apposite creme a base di determinate erbe da introdurre nell’ano; questo vale anche per le “ragadi”; nei 2 casi, si avranno grossi benefici, raffreddando le parti, facendo i bagni di sedere e/o mettendo del ghiaccio tritato o contenitori ghiacciati morbidi in un asciugamano da bidet, bagnato dal lato a contatto con la pelle, sull’ano e sull’intestino - ricordarsi le creme da introdurre nell'ano, specie nei casi qui sopra citati.

Ricordarsi che le alterazioni degli enzimi, della flora, del pH digestivo e e della mucosa intestinale influenzano la salute, non soltanto a livello intestinale, ma anche a distanza in qualsiasi parte dell'organismo.

Aziende Produttrici e/o che commercializzano Prodotti Fitoterapici + studi clinici
Se desiderate prenotare l'apparecchiatura per l'Idrocolon Terapia con il BioFluff: cliccate qui

vedi: MUCO Intestinale + Idrocolon Terapia + Idro Colon Terapia - 1 + Idro Colon Terapia 2 + Idro Colon Terapia 3 + Idrocolon studi

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

IDRO COLON TERAPIA
Molti studi epidemiologici hanno dimostrato che la salute, la malattia e l'invecchiamento sono in stretta relazione con lo stato del colon. L'equilibrio fra assimilazione delle sostanze nutritive e l'eliminazione delle scorie è senza alcun dubbio il fattore primario per conservare una buona salute. Se noi dipendiamo molto dal nostro ambiente esteriore, è certo che l'influenza esercitata dal nostro ambiente interiore è perlomeno della stessa importanza.
L'inquinamento (NdR: intossicazione + infiammazione) interiore del corpo è un fattore determinante per il mantenimento degli stati patologici. Il colon, luogo terminale del bolo alimentare, lungi dall'essere passivo, è il luogo di passaggio di numerose sostanze sia verso l'interno che verso l'esterno. Quando è sporco, pieno di materiali fecali che ne incrostano le pareti, non è più in grado di assolvere correttamente alle sue funzioni d'assorbimento delle sostanze necessarie alla vita delle cellule, né di espellere i residui umorali del sangue e della linfa ritardando così la sua funzione principale.
La maggior parte degli esseri umani che soffrono di turbe digestive più o meno importanti hanno una materia fecale che resta "bloccata" nel colon per molto tempo, a volte per anni; queste sostanze sono fonte di intossicazione dell'organismo, e spesso causa di turbe psichiche e di disturbo nello sviluppo personale.
La cattiva funzionalità del colon non è sempre la causa prima di una malattia, ma costituisce in diversi casi un fattore importante nell'accentuare la malattia stessa e il suo prolungarsi.
La serietà di questa terapeutica è confermata da più di 50 anni di pratica e di ricerche in diversi paesi del mondo e specialmente negli Stati Uniti dove Snyder e Waddington, dopo aver praticato più di 1600 irrigazione intestinali senza alcun incidente, sono in grado di affermare la totale innocuità di questa terapeutica.
Lo scopo principale dell'idrocolonterapia è il lavaggio in profondità della mucosa intestinale, ma è anche, e forse in primo luogo, un metodo diagnostico che permette di fare il punto sullo stato funzionale dell'intestino crasso e collegare i sintomi del paziente al suo cattivo funzionamento.
Con questo metodo è possibile determinare la presenza di gas intestinali come pure il volume, la concentrazione e la localizzazione della materia fecale accumulata, e ancora la densità e il colore del muco intestinale che forniscono delle indicazioni che permettono di determinare, per una data persona, il tipo di alimentazione che favorisce l'accumulo permettendo di mettere a punto la dieta non solo durante la cura, ma anche durante tutto il periodo di disintossicazione dell'organismo.
L'idrocolonterapia non pretende di essere il rimedio di ogni male, ma una procedura estremamente favorevole in una grande varietà di turbe della salute.
Un cambiamento del comportamento alimentare, l'adozione progressiva di una alimentazione più sana, un modo di vita più equilibrato, un adeguato spazio per il necessario riposo, l'introduzione di un adeguato programma di attività fisica nella vita quotidiana, sono tutti indispensabili per conservare o migliorare la salute ritrovata grazie all'idrocolonterapia.

La tecnica
L'idrocolonterapia è un processo di pulizia dell'intestino crasso che consiste nell'introdurvi dell'acqua dolce, tiepida e purificata, senza aggiunte di prodotti chimici o medicinali. I successivi bagni sono effettuati con dell'acqua immessa ed eliminata per mezzo di una cannula a doppia funzione introdotta nel retto. L'acqua è ad una temperatura variabile tra 25° e 41°; questi cambiamenti di temperatura agiscono sulle materie fecali aderenti alla mucosa intestinale e sugli stessi tessuti riattivando la loro reazione fisiologica.
Una delle ragioni che possono spiegare questo fenomeno potrebbe risiedere nel fatto che l'intestino cieco e il colon ascendente essendo due dei principali luoghi d'assorbimento dell'acqua, i batteri e le loro tossine presenti in gran numero in questa regione, sono suscettibili d'essere assorbiti in grande quantità allorquando si produce un ristagno. Inoltre, questo ristagno è la causa di una congestione del sistema linfatico e venoso portale, il flusso sanguigno aggravato di tossine produce a suo turno una congestione della milza e del fegato da una parte, delle vene emorroidali e dei vasi degli arti inferiori dall'altra.
L'ingorgo della linfa a causa di un tasso elevato di tossine è suscettibile di causare, a lunga scadenza, l'indebolimento delle difese immunitarie e, per riflesso, turbe delle vie aeree superiori (angina, sinusite, rinite, otite, ecc.) così come un discreto numero di problemi dermatologici (acne, eczema, ecc.).
Le tossine d'origine intestinale, trasportate nel corpo dal flusso sanguigno, vanno a fissarsi preferibilmente in luoghi dove è meno la resistenza organica, intossicando progressivamente le cellule bersaglio e favorendo la destabilizzazione di delicati equilibri cerebrali; quindi è qui che si deve ricercare la causa dei cambiamenti d'umore, della perdita di dinamismo (la famosa "fatica ad alzarsi") o delle diverse turbe del sistema neurovegetativo.
Questo metodo, attivo sia in fase preventiva che durante la cura, è un lavaggio intestinale che agisce staccando i cumuli incollati alla mucosa stimolando contemporaneamente l'attività peristaltica e migliorando l'assorbimento dei cibi nell'intestino cieco e nel colon ascendente.
Con l'idrocolonterapia si hanno dei notevoli risultati e spesso anche la guarigione pura e semplice di numerose patologie. Questo procedimento, molto più efficace di un semplice lavaggio, pulisce interamente il colon dal retto al cieco permettendo una mobilità delle materie fecali incrostate nelle villosità intestinali anche da parecchi anni.
A causa del lungo tempo di ristagno, queste materie assumono una consistenza simile a quella di un pneumatico. Solo l'irrigazione prolungata e ripetuta può permettere il loro ammorbidimento in profondità con conseguente eliminazione delle stesse che sono spesso focolai d'intossicazione e di infiammazioni.

Effetti benefici
Gli effetti benefici dell'idrocolonterapia si manifestano in vario modo: Sensazione di grande benessere risultante dall'eliminazione del muco, del gas, di particelle alimentari non digerite e di tossine dell'intestino.
Sensazione di leggerezza causata dall'azione dell'acqua calda, dal massaggio addominale e dalla liberazione della mucosa intestinale. Un miglioramento degli edemi, degli stati infiammatori locali e dei tessuti del colon, è ottenuto grazie all'eliminazione delle sostanze irritanti per mezzo dell'azione diretta dell'acqua fredda, che contemporaneamente esercita un effetto di stimolazione della peristalsi intestinale. Una azione sui parassiti del colon e simili che viene permessa dall'alternanza della temperatura dell'acqua utilizzata nelle sedute.
Sovente si osserva una perdita di peso e uno snellimento della figura nelle persone appesantite e un aumento di peso nelle persone magre poiché viene restaurato l'equilibrio tra eliminazione e assimilazione. L'aumento del tono addominale è di regola l'inizio della cura. Le cistiti, l'ovarite e la dismenorrea migliorano sempre e sovente si ottiene una guarigione definitiva dopo la cura. Viene pure constatato un miglioramento della funzione renale dopo la cura.
L'idrocolonterapia presenta dunque un interesse tutto particolare nel miglioramento dello stato generale e del funzionamento del tubo digerente. Ma la sua azione è ugualmente interessante in certi casi precisi come:
La preparazione e il seguito dei lavaggi baritati utilizzati nelle ricerche diagnostiche a livello del colon permettono di presentare un intestino pulito e facile così alla lettura radiografica; dopo l'esame attiva l'eliminazione della poltiglia di bario. Recupero più rapido del normale transito intestinale dopo anestesia totale. Azione interessante in geriatria per il suo effetto disintossicante e rinvigorente. I paraplegici traggono degli enormi vantaggi con questo sistema. Infine, sia a livello preparatorio fino al quarto mese di gravidanza, sia dopo il parto, rappresenta una misura estremamente benefica per la donna incinta.

Vi sono controindicazioni alla cura dell'idrocolonterapia ?
Si, in seguito a gravi emorragie, le necrosi per irradiazione, patologie infiammatorie acute, emorroidi gravi, aderenze pelviche, ulcere con sospetta perforazione, turbe cardiache gravi, recenti interventi chirurgici del colon e del retto, ipertensione arteriosa grave, neoplasie del colon e del retto, sincope d'origine cardiaca, gravidanza avanzata (dopo il quarto mese), ernia addominale, ragadi e fistole anali.

La flora intestinale viene disturbata da questa tecnica ?
La flora intestinale è composta da bilioni d'organismi microscopici, di batteri di fermenti, di muffe e di virus che vivono nell'intestino e che giocano un ruolo molto importante nel mantenere lo stato di salute assicurando l'equilibrio dell'ecosistema intestinale. Per mezzo della cura, la mucosa intestinale, essendo stata liberata dalla barriera di tossine che l'ingombrava, vedrà crescere la sua capacità di mantenere tale equilibrio. Il medico potrà prescrivere all'occorrenza un supplemento di acidophilus-bacillus per facilitare questo processo.

Può causare carenza di elettroliti ?
Quando il corpo è alimentato correttamente con una nutrizione di buona qualità che contenga inoltre, sodio, potassio e magnesio organici, la quantità d'elettroliti necessaria è assicurata dal cibo quotidiano. Riempiendo e vuotando alternativamente il colon con acqua pura, l'idrocolonterapia migliora l'idratazione generale del corpo e l'assimilazione dei sali minerali, contrariamente ai lassativi ed ai lavaggi ordinari che favoriscono la deplezione di minerali e la disidratazione. Tuttavia, per evitare ogni rischio, è consigliato durante la cura un apporto supplementare di minerali e vitamine.
L'idrocolonterapia è la sola pratica dolce ed efficace che offre la possibilità d'una pulizia profonda e completa dell'intestino con eliminazione delle materie fecali stagnanti, focolai di organismi patogeni. Inoltre, essa permette, con la sua azione di stimolazione della peristalsi intestinale, di ridare più dinamismo ad un colon pigro. Infine ferma definitivamente il processo del circolo vizioso dell'autointossicazione di tutto il corpo. Accompagnata dalla volontà di mettere in pratica una sana alimentazione ed un modo di vita senza stress, l'idro colon terapia permette a ogni individuo di ritrovare la propria salute.
Dopo l'irrigazione del colon si rende necessaria una reintegrazione di batteri "amici" con il Lactobacillus acidophilus ( che è il più importante batterio dell'intestino tenue ) e il Bifido bacterium longum ( importante colonizzatore del colon ).
L'assunzione di acidophilus e bifidus (capsule di flora batterica) migliora i problemi di costipazione, fornisce al corpo l'enzima lattasi di cui molte persone sono carenti, interviene nella assimilazione e produzione delle vitamine del gruppo B; l' acidophilus produce inoltre varie sostanze ad attività antibiotica, antivirale e antimicotica (soprattutto nei confronti della Candida Albicans). Inoltre, acidophilus e bifidus svolgono una attività anticancerogena perchè eliminano e disattivano sostanze chimiche che possono trasformarsi in sostanze cancerogene ( ad esempio i nitriti che sono usati come conservanti nei cibi e che nell'intestino si trasformano in nitrosammine ).
In un campione di 30 pazienti ( 22 donne e 8 uomini ) in cui è stata adottata una terapia di ricolonizzazione e drenaggio protratta per 4-6 settimane tramite l'assunzione di Homeos 2 e Homeos 4, si sono potuti constatare notevoli benefici.
L'uso combinato di questi due prodotti ha permesso il miglioramento e il ripristino dei ritmi dell'attività peristaltica tramite l'Homeos 2 e un consolidamento e un drenaggio epatico che il lavaggio intestinale aveva riattivato tramite l'Homeos 4.
Infatti l'Homeos 2 è un regolatore della funzione intestinale, indicato nella stipsi da inerzia intestinale, nella stitichezza da atonia e da insufficiente funzionalità biliare.
L'Homeos 4 è un drenante epatico che stimola la funzionalità dell'epatocita e delle vie biliari.
Decongestionante, epato protettore, è indicato in tutte le epatopatie con stasi portale e biliare.
Tratto da: medicinealtre.it
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiclistere.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mer 19 Ott 2016 - 16:17

Con questa pagina vorrei dimostrare che la IDROCOLON TERAPIA DEVE ESSERE UNA PRATICA PER TUTTI ALMENO ANNUALE, E DEVE ESSERE FATTA AL PRIMO SEGNALE ANOMALO DEL CORPO.
Questo perchè, dato che gli intestini sono IL CENTRO DEL CORPO, sono certo che da loro, quindi dalla FLORA BATTERICA partono TUTTE LE MALATTIE.
Al riguardo di questa pratica, di cui mi sono fatto esperienza in questi giorni di ottobre 2016, avendone ottenuto con questa IDROCOLON TERAPIA un miglioramento enorme della mia salute, persa con per l'uso di antibiotici ed antidolorifici usati per i due interventi e la infezione subiti da marzo ad agosto 2016.
Primo intervento in data 22  marzo 2016, per asportare la ciste renali al rene sinistro causate dalle DROGHE ingoiate e inalate col fumo nella prima parte della mia vita: CAFFE', transene, valium per curare i danni del CAFFE' e 60 sigarette al giorno per molti anni. Ero tabaccaio. Questo fino al 1985 che smisi TUTTO insieme.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiasinistra.htm

Secondo intervento in data 5 luglio 2016 per asportare le cisti renali al rene destro.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cisteairenimiadestra.htm

Come terzo la INFEZIONE tremenda causata dal punto metallico dimenticata dall'urologo in data 13 luglio 2016, ma che è scoppiata il 3 agosto 2016.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/puntometallicodimenticato.htm

Al riguardo mi permetto di citare un tratto che ritengo moltissimo importante dell'articolo che riporto sotto, onde poter capire il perchè della mia riottenuta SALUTE.
"FLORA, BATTERI, MICROBI
L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale.
La Medicina Naturale ne parla da centinaia forse migliaia di anni e solo recentemente i ricercatori della medicina ufficiale se ne sono resi conto ed oggi lo definiscono un "superorganismo", che e' composto nell'uomo, da un numero enorme di batteri pari a 6 volte il numero delle cellule che compongono un uomo, con un numero superiore ai 4 milioni di ceppi di batteri diversi ma complementari, che vivono in stretto contatto e funzione mutualistica con la parete delle mucose anaerobiche, specialmente quelle del tratto gastrointestinale del tubo digerente; il microbiota e' presente anche in tutte le altre mucose, anche quelle aerobiche, pelle compresa.
Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'autoguarigione da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale."
La parte "per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale.", è quella da cui ho avuto i danni nel periodo appena trascorso.
Gli errori si pagano sempre, ed i miei errori giovanili fatti con le DROGHE ne sono stati la vera causa. Ora è perfettamente inutile recitare il "mia culpa", ma è ora di ringraziare la mia buona stella, gli "ALIMENTI ESSENZIALI" e la IDROCOLON TERAPIA compresa, per la mia ritrovata SALUTE.
VISTI I MIEI RISULTATI, QUINDI CONSIGLIO A CHIUNQUE LEGGA QUESTA PAGINA E STIA SUBENDO UNA MALATTIA, DI PROVARE QUESTO RIMEDIO NATURALE, INGOIANDO NATURALMENTE GLI "ALIMENTI ESSENZIALI" COME ME ED ORMAI MOLTE MIGLIAIA DI PERSONE COME ME.

FLORA, BATTERI, MICROBI
L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale.
La Medicina Naturale ne parla da centinaia forse migliaia di anni e solo recentemente i ricercatori della medicina ufficiale se ne sono resi conto ed oggi lo definiscono un "superorganismo", che e' composto nell'uomo, da un numero enorme di batteri pari a 6 volte il numero delle cellule che compongono un uomo, con un numero superiore ai 4 milioni di ceppi di batteri diversi ma complementari, che vivono in stretto contatto e funzione mutualistica con la parete delle mucose anaerobiche, specialmente quelle del tratto gastrointestinale del tubo digerente; il microbiota e' presente anche in tutte le altre mucose, anche quelle aerobiche, pelle compresa.
Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'autoguarigione da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale.
vedi: Trapianti di Batteri – Feci e Fermenti

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento.

Il microbiota intestinale è l'insieme della popolazione batterica che occupa la parte centrale del canale digerente umano e da qualche tempo se ne parla come qualcosa che potrebbe rivoluzionare i concetti di salute e malattia.
Le nuove conoscenze sul microbiota saranno al centro di una sessione di NutriMI - VIII Forum di Nutrizione Pratica, in programma il 3 e il 4 aprile a Milano e gli organizzatori del workshop spiegano che: “Si tratta, in realtà, di un organo nell'organo. Al momento, infatti, si sono conteggiate circa 800 specie presenti, 700 ceppi e 55 famiglie: la maggior parte delle quali in stretto legame con l'attività intestinale. Un insieme di microrganismi e virus che pesa all'incirca 1,5 chilogrammi e che oggi la comunità scientifica ritiene coinvolto nei meccanismi di insorgenza di diverse malattie”.
Se si pensa che il patrimonio dei nostri batteri intestinali è costituito da oltre 3 milioni di geni esistenti da 5 miliardi di anni, e che l'homo sapiens è comparso sul pianeta da solo circa 200.000, l'idea che il microbiota intestinale rappresenti un "super-organismo" non appare così remota. Il microbiota è infatti composto da un numero di batteri che sono 6 volte il totale delle cellule che compongono l'intero corpo umano e da almeno 4 milioni di tipi di batteri diversi.
Un mondo dentro di noi che ha diverse funzioni, che vanno dalla metabolizzazione (demolecolizzazione) di alcuni nutrienti alla difesa dell'organismo, dalla sintesi di vitamine alla regolazione dell'attività del sistema immunitario.
Giovanni Gasbarrini, presidente della Fondazione Ricerca in Medicina Onlus è convinto che potenzialmente tutte le malattie possono dipendere dall'alterazione - per eccesso o per difetto - dei batteri che compongono la flora intestinale, “ma oggi siamo sicuri che ciò accada nei pazienti diabetici, negli obesi, nei soggetti che soffrono di sindrome metabolica, intolleranze alimentari e malattie infiammatorie croniche intestinali”.
Il 3 marzo il Journal of Experimental Medicine ha pubblicato lo studio "Interplay of host microbiota, genetic perturbations, and inflammation promotes local development of intestinal neoplasms in mice" nekl quale un team di ricercatori statunitensi evidenzia un legame tra l'alterazione della flora intestinale e un maggiore rischio di sviluppare il cancro del colon retto.
I ricercatori, eseguendo test su topi transgenici, stanno cercando do capire quale relazione esista tra i batteri intestinali e queste malattie e dicono che "Fattori non genetici contribuiscono allo sviluppo di SP (NdR: polipi seghettati) e suggeriscono che lo sviluppo di questi tumori intestinali nell'intestino cieco è guidato dall'interazione tra cambiamenti genetici nell'ospite, una risposta infiammatoria, ed una specifica microflora dell'ospite".
Sembra chiaro un nesso di causa-effetto: l'alterazione del microbiota sarebbe la causa di queste malattie nei soggetti geneticamente predisposti.
Al workshop del 3 aprile 2014 al NutriMI - VIII Forum si parlerà anche del ruolo del microbiota nell'insorgenza dell'obesità ed Anna Tagliabue, direttrice del Centro di nutrizione umana e disturbi del comportamento alimentare dell'università di Pavia, anticipa che “Nell'ultimo decennio il microbiota ha suscitato un crescente interesse come fattore ambientale in grado di influenzare la predisposizione verso l'obesità.
Questa ipotesi deriva da alcune ricerche americane che, dieci anni fa, hanno descritto le differenze esistenti tra la flora intestinale di topi geneticamente obesi e topi magri e gli effetti ingrassanti derivanti dal trapianto di microbiota di topi obesi in animali privi di batteri. Resta da capire se le variazioni della microflora intestinale siano una della cause ambientali di sovrappeso e obesità oppure se siano la conseguenza dell'alimentazione sbilanciata che accompagna lo sviluppo dell'eccesso ponderale.
vedi: Crudismo
Il workshop e' stato completato dall'intervento di Michele Guarino, ricercatore dell'Unità operativa di gastroenterologia del Campus biomedico di Roma che ha illustrato la correlazione tra le alterazioni del microbiota e l'insorgenza della sindrome dell'intestino irritabile. Tratto da: greenreport.it
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiflorabatterica.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Ven 21 Ott 2016 - 21:32

Come ho già dichiarato sempre nel tempo, non è mio intenzione dedicarmi alla malattie, anche perchè non sono in grado di farlo, mancandomi l'indispensabile in studi ed esperienze, ma è mia intenzione sottolineare i DANNI causati dai FARMACI prodotti CHIMICI di cui ne vediamo i risultati ogni giorno nel mondo.
Si dice, a torto che la medicina ha fatto passi da gigante, ma questo è stato SOLO in apparecchiature elettriche o meccaniche, che in effetti sono servite solo alle maestranze per mantenersi un lavoro costante, ma non per guarire le persone, in quanto malattie guarite da FARMACI o apparecchiature 
NON VE NE E' NEMMENO UNA.
E come potrebbe farlo un prodotto CHIMICO che per TUTTI gli esseri viventi sono VELENO?
Solo gli "ALIMENTI ESSENZIALI" sono in grado di fare questo miracolo in quanto devono essere contenuti nei CIBI NATURALI.
Al riguardo mi permetto di citare Ippocrate di Kos che dice:
"Fa che il CIBO sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo CIBO."
Malattie guarite dagli "ALIMENTI ESSENZIALI"
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/malattieguarite.htm

Come si può rilevare in particolare che sia gli antibiotici che gli analgesici, quindi "principi attivi" sono causa certa di malattie.
Due di queste colpiscono l'apparato più importante del corpo, che sono gli intestini.
Colgo l'occasione per ricordare a chi deve ingoiare gli antibiotici, dato che i medici si sognano dal dirlo:
"NON DIMENTICATE DI INGOIARE I PROBIOTICI"
i migliori sono quelli in capsule, mentre lo yogurth e lo zefir sono una CHIMERA credenza popolare.
Questo per evitare che i postumi siano più gravi del problema tolto del medicinale.
Naturalmente, mancando di esperienza da parte mia, come probiotici per combattere i danni degli antibiotici, ho ingoiato degli yogurt bianchi come consigliato dagli amici, però devo far notare che:
"Per iniziare in modo chiaro a parlare di fermenti lattici è importante una premessa: il nome.
Vengono chiamati fermenti lattici, perche il prodotto di degradazione principale è l'acido lattico. Questa sostanza si ricava dalla fermentazione di zuccheri di varia origine (anche le fibre e il cotone come il lino sono composti da zuccheri). Il latte non c'entra nulla !
Il fatto che alcuni batteri vengano usati per trasformare gli zuccheri del latte in acido lattico producendo quello che noi chiamiamo yogurt ha creato questo fraintendimento."
Leggendo questo ora però ho capito che questa informazione è un puro inganno.

"CLISTERE CASALINGO : la parola Clistere deriva dal greco klystérêros, purificare, lavare.
Come ci si lava la pelle esterna abbastanza spesso, occorre anche lavare la pelle=mucosa interna (epitelio del tubo digerente-intestino) e cioe' fare regolarmente di tanto in tanto dei clisteri = lavaggi purificatori e disinfiammanti dell'intestino.
vedi, prima di proseguire, questa pagina: Idrocolon terapia e suoi benefici + Putrefazione intestinale"
...durante la cura la
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiclistere.htm

Due malattie sono le più comuni causate da questi FARMACI:
La prima è:
"Ulcera peptica (stomaco o gastrica e duodenale): sintomi e dieta
L’ulcera peptica è una ferita aperta che si sviluppa sulla mucosa interna dello stomaco, del duodeno (il tratto superiore dell’intestino tenue) o dell’esofago.
Fino a non molto tempo fa i fattori relativi allo stile di vita, come la predilezione per gli alimenti speziati o lo stress lavorativo, erano considerati la causa principale della maggior parte delle ulcere; attualmente i medici ritengono invece che i responsabili di quasi tutti i casi di ulcera peptica siano l’infezione batterica o alcuni farmaci, e non lo stress né la dieta.
Le ulcere sono un disturbo comune che negli Stati Uniti colpisce fino al 10 per cento della popolazione prima o poi nella vita. La buona notizia è che è possibile curarle con efficacia.
L’Helicobacter pylori è la causa più frequente delle ulcere peptiche, ma non è l’unica; oltre all’H. pylori, ricordiamo altre cause o fattori aggravanti dell’ulcera peptica:
Uso regolare degli analgesici. Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) sono in grado di irritare o infiammare la mucosa dello stomaco e dell’intestino tenue. Tra questi farmaci, in vendita con o senza ricetta, ricordiamo: l’aspirina, l’ibuprofene (Moment®, Antalgil®), il naprossene (Momendol®, Aleve®) e il ketoprofene (Ketodol®, Oki®). Per evitare i problemi di stomaco, assumeteli durante i pasti. Se vi è stata diagnosticata un’ulcera, ricordatelo al vostro medico quando vi prescrive un qualsiasi analgesico. Tra gli altri farmaci che contengono FANS ricordiamo l’Alka-Seltzer®, malauguratamente alcune persone la assumono per combattere i sintomi dell’ulcera peptica, senza sapere che in realtà possono far peggiorare il disturbo. Tra gli altri farmaci con obbligo di ricetta che possono provocare l’ulcera troviamo i bifosfonati (Actonel®, Fosamax® e altri), usati per la cura dell’osteoporosi. I FANS inibiscono la produzione di un enzima (cicloossigenasi) che produce le prostaglandine; queste sostanze, che dal punto di vista chimico sono simili agli ormoni, aiutano a proteggere le pareti dello stomaco dai danni fisici e chimici. Senza la loro protezione gli acidi gastrici riescono a intaccare la mucosa gastrica, provocando il sanguinamento e le ulcere.
http://www.farmacoecura.it/malattie/ulcera-peptica-stomaco-o-gastrica-e-duodenale-sintomi-e-dieta/

La seconda è:
Cause della Disbiosi
Alimentari: le abitudini alimentari correnti sono spesso dannose, sia per quello che si mangia, che per il modo di mangiare. In genere ingeriamo troppo cibo (si pensi che il sistema immunitario si rafforza con diete leggere), con troppe proteine e poca serenità, magari guardando gl’infausti telegiornali.
Poi diete scarse di fibre, assunzione di alimenti raffinati (farina, sale, zucchero) ed una dieta poco diversificata. Bevande gasate, stress a tavola ecc.
Ma di questo parleremo più diffusamente in seguito, in un articolo sull’alimentazione anticancro.
Gli inquinanti: non solo quelli dei cibi (e sono tanti, coloranti, pesticidi, ormoni steroidei, antibiotici), ma anche provenienti da altre fonti, come i metalli tossici, le radiazioni e le emissioni elettromagnetiche.
http://www.medicinaecologica.it/Medicina%20Ecologica%20-%20Disbiosi.html

Questa condizione viene chiamata comunemente disbiosi intestinale.
CAUSE ALIMENTARI: diete incongrue, caratterizzate da una carenza di fibre e scarso consumo di vegetali e ricche di generi alimentari raffinati come farine e zucchero, oppure scarsa assunzione di prodotti caseari;
CAUSE JATROGENE: tanti sono i farmaci in grado di creare condizione di disbiosi, sopratutto l’abuso di antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, pillola anticoncezionale, lassativi.
CAUSE INQUINANTI: i coloranti alimentari, i conservanti ed i pesticidi sono in grado, agendo per un tempo sufficientemente ampio, di creare svariate situazioni patologiche tra cui anche la disbiosi.
CAUSE PATOLOGICHE: gravi infezioni intestinali e del pancreas; parassitosi, ecc.
Fra tutte le cause elencate riveste particolare importanza l’uso eccessivo e non giustificato di antibiotici, divenuta particolarmente importante negli ultimi decenni. Infatti gli antibiotici e i sulfamidici con la loro azione possono uccidere o ridurre l’azione dei batteri intestinali residenti. I corticosteroidi possono ridurre l'efficienza del sistema immunitario.
http://www.benessere.com/dietetica/arg00/dieta_disbiosi.htm
Quindi onde evitare questi disguidi che posso essere anche gravi se non rilevati, la pagina recita:
"Questa condizione viene chiamata comunemente disbiosi.
CAUSE ALIMENTARI: diete incongrue, caratterizzate da una carenza di fibre e scarso consumo di vegetali e ricche di generi alimentari raffinati come farine e zucchero, oppure scarsa assunzione di prodotti caseari;
CAUSE JATROGENE: tanti sono i farmaci in grado di creare condizione di disbiosi, sopratutto l’abuso di antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, pillola anticoncezionale, lassativi.
CAUSE INQUINANTI: i coloranti alimentari, i conservanti ed i pesticidi sono in grado, agendo per un tempo sufficientemente ampio, di creare svariate situazioni patologiche tra cui anche la disbiosi.
CAUSE PATOLOGICHE: gravi infezioni intestinali e del pancreas; parassitosi, ecc.
Fra tutte le cause elencate riveste particolare importanza l’uso eccessivo e non giustificato di antibiotici, divenuta particolarmente importante negli ultimi decenni. Infatti gli antibiotici e i sulfamidici con la loro azione possono uccidere o ridurre l’azione dei batteri intestinali residenti. I corticosteroidi possono ridurre l'efficienza del sistema immunitario.
http://www.benessere.com/dietetica/arg00/dieta_disbiosi.htm

Dell'articolo cito il fatto che questa FLORA BATTERICA è indispensabile per la AUTOGUARIGIONE:
"L'ecosistema piu' complesso in natura e' anche e proprio dentro ognuno di noi; esso si chiama "Microbiota" (flora batterica composta da batteri e funghi-lieviti) ed e' presente soprattutto nell'apparato gastrointestinale; esso e' l'insieme dei microorganismi autoctoni residenti (NON transienti) nel tubo digerente dell'uomo, degli animali e dei vegetali; il microbiota, ha quindi un ruolo fondamentale per la vita sana umana, animale e vegetale."
"Questo microbiota e' indispensabile, secondo la Medicina Naturale, al mantenimento della Perfetta Salute e assolutamente necessario per la riparazione delle cellule, dei tessuti danneggiati da traumi fisici esterni (pressioni, bruciature, contusioni ferite) e da quelli interni derivanti dall'uso di farmaci, vaccini, droghe, alimenti inadatti e/o contaminati (solidi e liquidi), ecc.; cio' significa che sono indispensabili per l'AUTOGUARIGIONE da qualsiasi sintomo (malattia), per cui distruggerli con gli antibiotici e' un crimine contro la Salute Naturale."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiflorabatterica.htm
Di questo articolo sotto mi permetto di riportare:
"Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)"

La DISBIOSI intestinale:
E' un'alterazione degli enzimi e della flora batterica autoctona intestinale che può essere diagnosticata anche attraverso il Disbiosi Test, una semplice analisi delle urine, consentendo quindi l'eliminazione di fastidiosi disturbi della digestione.
Tale sintomo si cela dietro alcuni altri sintomi precisi e causali: cattiva digestione dovuto ad alimentazione inadeguata o contaminata, che producono, gonfiore, stitichezza alternata a dissenteria, cambiamenti dell'umore, disturbi del sonno, candidosi vaginale irritazione della mucosa intestinale, malassorbimento, ecc..

Le cause della disbiosi intestinale sono legate solitamente allo stile di vita:
- Alimentazione non adatta e/o industrializzata
- Ritmi lavorativi stressanti
- Mancanza di attività fisica
- Utilizzo di farmaci (es. antibiotici, lassativi, anticoncezionali, ma e sopra tutto VACCINI)
Una dieta poco equilibrata, caratterizzata dall'assunzione di alimenti ricorrenti industriali, e dalla rapidità con cui li si assume, è dannosa per l'intestino ed impedisce all'organismo di ottenere il giusto apporto calorico e nutritivo.
L'alimentazione scorretta e contaminata è in genere affiancata da uno stile di vita irregolare che altera il ritmo sonno-veglia con inevitabili ripercussioni negative sull'intestino.
La disbiosi può essere causata anche dallo stress generato da un'attività lavorativa intensa, dagli impegni pressanti e dalle responsabilità quotidiane. Lo stress professionale lascia ben poco tempo allo svolgimento di attività fisica e ciò crea una condizione di affaticamento e nervosismo nell'organismo.
Un'ulteriore causa è costituita dall'assunzione di farmaci in specie i Vaccini e/o ad es. antibiotici, antinfiammatori, antinfluenzali, antidepressivi, anticoncezionali e ansiolitici che agiscono sui sintomi della malattia ma anche sulla flora batterica, danneggiandola.
Infine, anche metalli pesanti quali alluminio, mercurio (che sono contenuti proprio anche nei vaccini ed altri metalli tossici, che possono arrivare nell'intestino attraverso la catena alimentare, possono danneggiare la flora batterica.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiintestinale.htm
Dell'articolo cito la parte:
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiulcere.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mer 26 Ott 2016 - 8:41

Se mi posso permettere, consiglio a chi usa il TABACCO, beve il CAFFE' ed il TE', di farsi fare un semplicissimo esame del sangue richiedendo al laboratorio analisi i valori della OMOCISTEINA nel sangue.
Perchè questo esame? perchè se il valore è alto il rischio infarti o isctus è dietro la porta, ed in merito il dott. Angelo Bona ci lascia un disegno molto esplicativo e dice sul suo video:
"Perchè questi ultimi bloccano mediante l'Insulina
la via della TRANSULFATAZIONE
e bisogna eliminare anche
l'uso di CAFFEINA FUMO DI SIGARETTA e TEINA"
Ma sopratutto ingoiare giornalmente ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENAZIALI"
perchè nessun animale soffre di Malattie Cardiovascolari.
Ce lo dice il dr. Mathias Rath su questo suo libro
http://www.perche-gli-animali-non-sono-soggetti-ad-attacchi-cardiaci.org/
Da questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/omocisteinavideo.htm

E' mia intenzione dimostrare che quanto dichiarato da medicina ufficiale, da centri ospedalieri e da studi finanziati da chi aziende che trattano il CAFFE', dichiarando che il CAFFE' fà bene alla salute, E' FALSO.
Prima di tutto dimostro che il CAFFE' è DROGA, dichiarato dai docenti che dicono:
"A conferma questo breve articolo è un frammento del materiale di discussione di un Corso di Formazione e Aggiornamento per docenti di un Liceo. Si è preferito proporre per la pubblicazione questa parte prima dell'intero materiale che farà parte di una successiva più ampia trattazione dell'intero corso per esporre qui alcuni argomenti che di solito sono sottaciuti o dati per scontati nella esposizione di programmi di prevenzione.
Pochi interventi di prevenzione, spesso condotti da operatori "fumatori" (di tabacco) considerano le potenzialità negative dell'habitus "addicted to", anche per sostanze "apparentemente innocue" (come il tabacco).
Molto spesso è il "fattore umano", "la storia" della persona che curiamo, che rende pesante la tossicodipendenza.
Le forze politiche ed il governo paiono però non considerare questo elemento dell'individuo, corroborato dai dati della ricerca scientifica, sovvenzionata a volte dallo stesso governo.
Anzi "le droghe leggere" racchiudono bacini elettorali facilmente coinvolgibili, ... ma la Clinica non può scendere a compromessi. Il materiale che propongo al lettore è un fedele adattamento della discussione all'interno del Corso.
G: "Ma allora ciò che si dice della distinzione tra droghe leggere o pesanti?"
C: "Questa distinzione non è di tipo clinico ma ha un valore solo in termini politici o ideologici. Sono nomi che non hanno nessun valore in campo clinico. Vogliamo scoprire insieme perché? ... Perché una droga si definisce pesante?"
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/caffedipendenza.htm

... quindi come DROGA non si può sicuramente che questa bevanda sia salutare. Ma non basta la pagina recita:
"Per concludere
Vi siete mai chiesti come mai quando andiamo dal medico e gli esponiamo i nostri problemi di salute una delle prime domande che il medico ci fa è: quanti caffè bevi in un giorno? E secondo di come gli risponderemo lui ci dirà:
hai problemi di stomaco? Non bere caffè
hai problemi alla vescica? E' meglio se rinunci al caffè
hai problemi alla prostata? Fai a meno del caffè
hai problemi al cuore? Non bere caffè
ecc. ecc.
Ma perché il "nostro" medico di famiglia non ci dice chiaramente che solo un organismo perfettamente sano tollera, e ripeto tollera, uno o due caffè al giorno? E che comunque sarebbe meglio farne a meno?
In verità quando beviamo un caffè, introduciamo nel nostro corpo una quantità di tossine per varietà e quantità molte volte superiore a quelle che introdurremmo mangiando un fungo tossico, anche se non letale.
Allora mi chiedo, mangereste tutti i giorni un fungo sapendo prima che il fungo è TOSSICO (ma con un buon sapore) o ne fareste a meno?...
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/caffepericoli.htm
... ma la ciliegina sulla torta è messa da quest'articolo sotto che dimostra chiaramente quanto sia pericolosa questa bevanda CAFFE' per le malattie, con la dichiarazione che trovi in fondopagina nell'articolo:
"Attenzione inoltre al proprio regime alimentare, in quanto un comportamento scorretto a tavola (troppi cibi grassi o fritti) o un eccesso di bevande quali caffè, alcolici e bibite gassate possono risultare dei fattori di rischio al pari dello stress, in quanto stimolano l’ipersecrezione gastrica. Da evitare per questo stesso motivo il ricorso alle gomme da masticare."
ed ancora:
"Divieto assoluto per i soggetti che hanno già avuto episodi di gastrite o ulcera di
consumare bevande alcoliche, bibite gassate, caffè e l’obbligo di forti limitazioni nel consumo di cibi fritti, spezie e condimenti piccanti. Da evitare con attenzione anche il fumo."
"Divieto assoluto per i soggetti che hanno già avuto episodi di gastrite o ulcera di
consumare bevande alcoliche, bibite gassate, caffè e l’obbligo di forti limitazioni nel consumo di cibi fritti, spezie e condimenti piccanti. Da evitare con attenzione anche il fumo."

Concludendo questo ragionamento, sono certo che se il CAFFE' facesse veramente bene, anche solo una tazzina al giorno per una qualsiasi malattia, il medico avrebbe il DOVERE di informarcene, prescrivendolo come CURA. Questi a voi risulta?

QUINDI CONCLUDO PER TUTTI CHE AL MINIMO INTOPPO, PRIMA DI FARE UN QUALSIASI PASSO, RITENGO CHE FARE UN CLISTERE COME CONSIGLIANO I MEDICI SOPRA, SIA UNA BUONA NORMA, IN MODO DA AVERE LA GARANZIA CHE LA FLORA BATTERICA SIA COME PREVISTO E NON MENOMATA..
QUINDI AVERE IN CASA IL NECESSARIO PER UN CLISTERE SONO CERTO CHE SIA UNA BUONA NORMA.

"CLISTERE CASALINGO : la parola Clistere deriva dal greco klystérêros, purificare, lavare.
Come ci si lava la pelle esterna abbastanza spesso, occorre anche lavare la pelle=mucosa interna (epitelio del tubo digerente-intestino) e cioe' fare regolarmente di tanto in tanto dei clisteri = lavaggi purificatori e disinfiammanti dell'intestino.
vedi, prima di proseguire, questa pagina: Idrocolon terapia e suoi benefici + Putrefazione intestinale"
...durante la cura la
Dieta salutare
- Colazione: frutta fresca, l'ideale è una spremuta di aranci o pompelmi.
- Pranzo: solo il primo con contorno di verdure crude.
- Cena: solo il secondo con contorno di verdure crude (alternare uova, pesce, pollo, tacchino, formaggio di capra o pecora, yogurt naturale).
- Ridurre od eliminare: zucchero bianco (sostituire con poco miele, zucchero di canna o fruttosio)
Eliminare: latte, formaggi di mucca, carni rosse, insaccati, dolciumi da pasticceria, cioccolata, fritture, superalcolici.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiclistere.htm

L’ulcera è una patologia che colpisce per lo più l’apparato digerente. Ad essere interessate sono soprattutto le aree dell’esofago, dello stomaco e del duodeno, con gli uomini che mostrano di essere più predisposti allo sviluppo della malattia rispetto alle donne. Si caratterizza per una soluzione di continuo con scarsa tendenza alla guarigione a carico della mucosa protettiva e si manifesta con ferite caratterizzate da arrossamenti e piccole infiammazioni.

>>Scopri i rimedi naturali per il mal di stomaco

Esistono molti metodi chirurgici più o meno invasivi per trattare questo disturbo, che però nei casi più lievi e con il giusto regime dietetico può essere tenuto sotto controllo. Un aiuto può venire in queste eventualità dai rimedi naturali. Si raccomanda in ogni caso di contattare il proprio medico curante per escludere possibili intolleranze ad alcune delle soluzioni proposte e valutare l’entità del proprio fastidio.
Cause dell’ulcera

Il meccanismo alla base dell’ulcera è l’azione lesiva e irritativa operata dall’acido cloridrico sulle pareti di esofago, stomaco e duodeno. Da un lato abbiamo la digestione della mucosa da parte del succo gastrico e dall’altro c’è una condizione che riduce le capacità difensive della mucosa e porta prima all’erosione della superificie e infine alla manifestazione ulcerativa. Come accade per l’herpes, uno dei principali fattori scatenanti di questa patologia è lo stress.

>>Scopri i rimedi naturali contro lo stress

Esso porta ad un’eccessiva produzione di succhi gastrici che acidificano più del necessario i liquidi all’interno dello stomaco o del tratto intestinale producendo alla lunga le fastidiose conseguenze. Uno dei campanelli d’allarme in questo caso è la gastrite, patologia che nei casi più gravi può sfociare in ulcera.

Attenzione inoltre al proprio regime alimentare, in quanto un comportamento scorretto a tavola (troppi cibi grassi o fritti) o un eccesso di bevande quali caffè, alcolici e bibite gassate possono risultare dei fattori di rischio al pari dello stress, in quanto stimolano l’ipersecrezione gastrica. Da evitare per questo stesso motivo il ricorso alle gomme da masticare.

Un’altra possibile causa scatenante è il ricorso a farmaci aggressivi o alternanti della mucosa gastrica come i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) o l’aspirina. Recenti studi medici hanno inoltre associato l’insorgere dell’ulcera con l’azione nociva del batterio Helicobacter pylori, che nello sviluppo della patologia giocherebbe un ruolo di primo piano.
Rimedi naturali per l’ulcera

Considerate le differenti cause da cui può dipendere l’insorgere dell’ulcera, altrettanto varie dovranno essere le possibili azioni garantite dai rimedi naturali. Due gli aspetti da curare in particolar modo: la diminuzione dei livelli di acidità dello stomaco e l’attività antibiotica contro il batterio Helicobacter pilori.

Qualora sia l’acidità il problema principale un rimedio efficace è senz’altro l’assunzione di un cucchiaino di bicarbonato di sodio per alimenti disciolto in un bicchiere d’acqua. Favorirà la digestione e allo stesso tempo calmerà il bruciore.

Buona in questo senso anche l’azione della banana, che risulta come uno dei rimedi più consigliati per il riequilibrio dei livelli di acidità del tratto digestivo. Da mangiare sia al naturale appena sbucciata o ingerita sotto forma di frullato. Evitare nella preparazione di quest’ultimo il ricorso al normale latte, preferendo quello di mandorla.

Il latte di mandorla è un altro rimedio naturale consigliato, in quanto garantisce un buon apporto di proteine e la riduzione dell’acidità di stomaco. Se non ne disponete di già pronto, ma possedete delle mandorle dolci in casa potete sempre prepararne un po’ da soli frullando 100 grammi di mandorle per ogni litro d’acqua. Altra soluzione è la radice di liquirizia, quest’ultima molto apprezzata da alcuni golosi. Masticarne una aiuta a tenere sotto controllo i succhi gastrici oltre a rivelarsi un ottimo supporto anche in caso di mal di gola, nausea e afte. Attenzione ricordiamo a chi soffre di ipertensione a causa delle possibili controindicazioni date da questa pianta.

>>Scopri i rimedi naturali contro le afte

Efficace in caso di ulcera si rivela anche il succo di cavolo, meglio se combinato con quelli di spinaci e carote. Questo succo contribuisce a favorire il benessere delle pareti protettive dello stomaco e delle altre zone interessate, aiutando in maniera naturale il riassorbimento dell’infiammazione ulcerativa.

Grazie alle sue proprietà antisettiche un buon rimedio si rivela essere l’aglio, che si sostiene in grado di limitare l’azione del batterio Helicobacter pylori favorendo un graduale ritorno alla normalità. Nei casi di dolore acuto ottime soluzioni sono l’assunzione di un vasetto di yogurt e di un po’ di pane, così da ridurre i livelli di acidità nello stomaco e per quanto riguarda il primo anche a migliorare le condizioni della flora batterica buona.
Consigli utili

L’alimentazione di tutti i giorni può contribuire in buona parte a ridurre i rischi di ulcera o a tenerne sotto controllo gli effetti, come già riferito per quanto riguarda cavolo e banana. In generale una buona soluzione è il seguire le indicazioni della Dieta Mediterranea, che recenti studi confermano come utile anche nel prevenire malattie cardiovascolari o degenerazioni cognitive.

Divieto assoluto per i soggetti che hanno già avuto episodi di gastrite o ulcera di

consumare bevande alcoliche, bibite gassate, caffè e l’obbligo di forti limitazioni nel consumo di cibi fritti, spezie e condimenti piccanti. Da evitare con attenzione anche il fumo.

Non eccedere neanche con i succhi di frutta o le marmellate confezionate, in particolar modo durante il manifestarsi del disturbo. I prodotti industriali spesso usano correttori di acidità quali l’acido citrico (contenuto nel limone) e rischiano quindi di compromettere o ritardare la risoluzione del problema.

Considerata la possibilità che il disturbo derivi dall’eccesso di succhi gastrici causato dallo stress, il ricorso a pratiche yoga o di respirazione zen potrà contribuire al riequilibrio psicofisico e al rilassamento generale. Utile come in altre occasioni simili anche l’assunzione di tisane rilassanti a base di melissa, valeriana o passiflora.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/caffeulcerastomaco.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Lun 31 Ott 2016 - 23:48

Al riguardo di TUTTE le malattie dobbiamo tenere presente che NESSUN ESSERE VIVENTE SI RECA DAL SUO SIMILE PER LA SALUTE.
Quindi è chiaro che TUTTI gli esseri viventi si AUTO GUARISCONO, ed è anche chiaro che gli animali NON TEMONO il citato tetano.
Però sappiamo che Irwun Stone, uno SCIENZIATO del secolo scorso che questo ACIDO ASCORBICO lo ha studiato per più di 50 anni e lo racconta su questo libro:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/irwinstone50anni.pdf
lasciandoci un disegno che ci fà capire la differenza tra TUTTI gli esseri viventi e noi.
La AUTO PRODUZIONE di ACIDO ASCORBICO dal concepimento alla morte per gli animali e dalla germogliatura fino alla morte dei vegetali.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/acidoascorbicomanca.htm
e scrive:
pagina 1/10------sostanza fondamentale
L'ACIDO ASCORBICO è una sostanza ubiquitaria fondamentale nel processo vitale. Tutti gli organismi viventi o la producono o la prendono dal nutrimento oppure periscono. I sistemi enzimatici per la produzione dell'ACIDO ASCORBICO sono di antica origine e si sono formati molto presto nello sviluppo del processo vitale su questo pianeta, probabilmente mentre le forme più altamente sviluppate erano ancora forme primitive unicellulari.
pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.
pagina 1/10------alta produzione sia in piante che animali
Anche la sua diffusa presenza in tutti gli odierni organismi pluricellulari, sia piante che animali, lo testimonia. Possiamo anche dedurre che la produzione di ACIDO ASCORBICO era ben sviluppata prima che gli organismi viventi divergessero nelle forme di piante e di animali.
pagina 2/10------RENI E FEGATO
Il luogo degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico nei vertebrati a sangue freddo, i pesci, gli anfibi ed i rettili, è nei reni. I più altamente attivi mammiferi a sangue caldo tutti sintetizzano il loro acido ascorbico nel fegato. Una delle principali
funzioni dell’acido ascorbico nella fisiologia animale è il mantenimento della omeostasi biochimica sotto stress. Più grande è lo stress a cui è sottoposto l’animale, più acido ascorbico produce.
Circa 165 milioni di anni fa, quando la natura aveva in vista l’evoluzione dei più attivi e stressanti mammiferi, doveva essere presa una importante decisione morfologica e fisiologica. I reni, pure adeguati come sito di sintesi dell’acido ascorbico per i lenti vertebrati a sangue freddo, erano inadeguati per le aumentate richieste di acido ascorbico per i più altamente stressati mammiferi. La soluzione vincente di questo problema fu il trasferimento degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico dai
relativamente piccoli e biochimicamente affollati reni al più spazioso fegato, che è il più grande organo del corpo. Tutti gli odierni mammiferi capaci di sintetizzare acido ascorbico lo producono nel fegato perché ogni antica forma che non effettuò tale
passaggio era così handicappata biochimicamnte che fu eliminata dalle forze della evoluzione.
...racconta l'EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI E L'ACIDO ASCORBICO
e spiega la perdita di produrcelo autonomamente
pagina 6/10------l'ACIDO ASCORBICO è un metabolita per tutti gli animali e non una VITAMINA
Stone 20. Negli ultimi 60anni, l'ACIDO ASCORBICO è stato visto come"vitamina C" quando in realtà è un metabolita del fegato e certamente non una "vitamina" per la miriade di mammiferi che hanno intatto il gene per lo L-gulonolactone ossidase. Tali mammiferi non prendono lo scorbuto, anche se hanno una dieta completamente priva di vitamina C.
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/irwinstorianaturale.pdf

Ora, al riguardo del citato tetano dall'articolo, Linus Pauling scrive:
"""pag. 132/340 Oltre all'azione antivirale della vitamina C, molti ricercatori hanno riferito che l'ascorbato rende inattivi i batteri. Uno dei primi studi fu quello di Boissevin e Spillane (1937), che dimostrarono come una concentrazione di ascorbato di 1 mg. per decilitro, raggiunta facilmente nel sangue, impedisce la crescita delle colture del batterio della tubercolosi. E’ stata anche riferita l'efficacia del-l'ascorbato nel rendere inattivi molti altri batteri e le loro tossine, comprese le tossine della difterite, del tetano, dello stafilococco e della dissenteria e quelli che causano la febbre tifoidea e il tetano. (I riferimenti sono dati da Stone, 1972).
Il meccanismo della neutralizzazione sembra essere simile a quello dei virus: attacco da parte dei radicali liberi, formati da ascorbato e da ossigeno molecolare, catalizzato da uno ione di rame (Ericsson e Lundbeck, 1955; Miller, 1969)."""
Ed ancora sullo stesso libro riporta di Irwin Stone:
"""pagina 107/340------dice Irwin: 1) battericida, 2) disintossica, 3) controlla, 4) è innocuo
Irwin Stone (1972) ha descritto l'ACIDO ACORBICO in relazione alle malattie batteriche nel modo seguente:
1) E' battericida o batteriostatico e uccide o previene la crescita di organismi patogeni.
2) Disintossica e rende innocui le tossine batteriche ed i veleni.
3) controlla e mantiene efficace la fagocitosi.
4) E' innocuo ed atossico, senza danno per il paziente, gli effetti sopramenzionati.
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/originalelp.pdf
Quindi è chiaro che non essere in carenza di ACIDO ASCORBICO vuol dire SALUTE e che quindi neppure il temibile tetano non spaventa più.
Lo SCIENZIATO Irwin Stone stesso scrive:
"""Poco dopo la scoperta dell'acido ascorbico, si scoprì che aveva un potente attività antivirale. Questa attività è stata trovata per essere aspecifici e un ampio spettro di virus sono stati attaccati e inattivato. Tra questi, il virus della poliomielite, vaccinia, herpes, rabbia, “foot and mouth disease-malattia del piede e della bocca" e mosaico del tabacco. La capacità dell'acido ascorbico per inattivare il virus si estende a molti altri e probabilmente copre tutti i virus, ma questi quelli sono stati studiati in questa data in anticipo. Altri operai negli anni trenta ha rilevato che l'acido ascorbico è stato in grado di inattivare un certo numero di tossine batteriche, come quelle di difterite, tetano, dissenteria, stafilococco e tossine anaerobiche. Questi risultati è apparso così promettente che, nel 1939, hanno condotto un lavoratore (1) allo stato: "vitamina C,
Pertanto, può sinceramente essere designato la vitamina 'antitossica e antivirali'." E inoltre è relativamente innocuo per gli esseri umani."""
...ed ancora:
"""Guardiamo ora in alcune altre proprietà utili dell'acido ascorbico. Alcuni batteri, durante la loro crescita, elaborare e secernere veleni mortali o tossine. In alcuni la malattie infettive, i sintomi più angoscianti e gli effetti tossici, tali s il soffocamento di difterite o gli spasmi muscolari del tetano, o trisma, sono causati da queste tossine. Le tossina prodotta dai batteri che causano un tipo di intossicazione alimentare, la tossina botulinica, è uno dei più potente e mortale veleni che l'uomo conoscere. La dose letale è così piccola che è invisibile ad occhio nudo.
Si scoprì presto che l'acido ascorbico aveva il potere di neutralizzare, inattivare, e rendere innocui un'ampia varietà di queste tossine batteriche: difterite (5) (Harde e Phillippe, 1934); Jungeblut e Zwemer, 1935; Sigal e re, 1937; Kligler et al., 1937; tetano (6) (Jungeblut, 1937; Kligler et al., 1938; Schulze e Hecht, 1937; Kuribayashi et ed altri., 1963; Dey, 1966); stafilococco (7) (Kodama e Kojima, 1939); dissenteria (Cool (Takahashi, 1938). Nel 1934, la resistenza anomala del mouse per infezioni di difterite è stata attribuita alla sua capacità di sintetizzare rapidamente il proprio acido ascorbico, mentre la guinea pronto suscettibilità del maiale a questa malattia (come uomo) è stato
attribuito alla sua incapacità di ricostituire il suo negozio di acido ascorbico."""
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/irwinstoneguarigionetra.pdf
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/irwinstoneguarigioneing.pdf

Quindi un'altra conferma che essere forniti di ACIDO ASCORBICO, tutti questi problemi vengono risolti automaticamente.
Senza contare il CLORURO DI MAGNESIO, indispensabile non esserne CARENTI, di cui il professor Pierre Delbert, lo scopritore nel 1915, di lui si scrive:
"""Pierre Delbert: una scoperta audace.
Dobbiamo al professor Pierre Delbert la scoperta delle straordinarie virtù curative e preventive del CLORURO DI MAGNESIO. Bisogna sottolineare che qui non si tratta affatto di semplici ipotesi di lavoro, cogitazioni fumose senza altro fondamento che cercare di far colpo: certo che no! I risultati ottenuti con la terapia magnesiaca del professor Pierre Delbert poggiano su fatti scientifici basati su un'osservazione meticolosa.
Nato nel 1861, il professor Pierre Delbert per più di trent'anni di carriera fu quello che si definisce un "BARONE". La sua carriera in ambito medico fu esemplare: intermista in ospedale, primario responsabile della formazione degli altri medici in clinica, docente ordinario universitario, poi chirurgo in ospedale, premiato a più riprese dalla facoltà di Medicina e dalla Accademia di Medicina di Parigi di cui divenne membro, autore di importanti testi che furono capisaldi autorevoli di rifinimento. Morì nel 1957 a 96 anni compiuti. Tutto ciò indica che quest'illustre medico non aveva nulla del ciarlatano, ma le idee nuove sono accolte molto raramente come meriterebbero, sopratutto in ambito medico."""
ed ancora:
"""pagina 13/51------il cimurro dei cani e la poliomielite
Nell'aprile 1937 il dottor Neveu fa i suoi primi tentativi sul trattamento citofilattico del CIMURRO (malattia del cane in giovane età). Tutti questi esperimenti ebbero esito positivo e riuscì a guarire tutti i cani, alla sola condizione che la paralisi non superasse gli otto giorni.
Il cimurro in realtà è la poliomielite del cane, e vi è un'identità virale tra questa forma e la poliomielite umana."""
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/delbertclorurodimagnesio.pdf
Al riguardo dei vaccini invece la pagina recita:
"""
pagina 16/29------il fiasco dei vaccini gli danno speranza
2) L’ostruzionismo della scienza ufficiale. Ma Neveu non e` ancora soddisfatto. Visti gli insuccessi della vaccinazione resa obbligatoria nel 1938, vista la catastrofe degli anni 1943- 44, desidera ardentemente che i l suo metodo sia reso ufficiale presentandolo all’Accademia di Medicina. Neveu era da tempo in contatto con Delbet, e pensa che questi sia la persona giusta, essendo membro dell’Accademia stessa, per divulgare il trattamento. Ma la realta` e` molto piu` amara. Le seguenti lettere, scritte da Delbet a Neveu, mostrano la assurda e stupefacente ostruzione che l’Accademia pone alla diffusione del metodo.
pagina 17/29------la commissione non accetta i progressi di Neveu nelle guarigioni
8O, rue de I’Universite` ‘4 giugno 1944
“Mio caro collega, l’ufficio dell’Accademia di Medicina fa delle difficolta` impreviste ed incredibili per lasciarmi presentare il vostro lavoro a vostro nome. Secondo il regolamento, ogni lavoro che non sia di un membro dell’Accademia deve essere prima sottoposto al Consiglio. Ho quindi inviato il vostro al suddetto Consiglio. Di solito e` una semplice formalita`, finora non avevo mai incontrato la minima difficolta`. Ieri, invece, mi hanno fatto sapere che il vostro lavoro deve essere sottoposto a non so quale commissione di igiene. lo vedo in questo soltanto una manovra dilatoria, tesa ad impedire o almeno a ritardare la pubblicazione… Ho annunciato che faro` la comunicazione a mio nome e che la faro` martedi` prossimo. Non so se ci riusciro`. Comunque e` sempre il vostro nome che sara` bene in vista potete starne certo” …
Cordiali Saluti
Pierre Delbet
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/magnesiovirgini.htm

Quindi alla luce di tutte queste testimonianze e prove che si possono dichiarare SCIENTIFICHE, poichè nel libro di Linus Pauling ne vengono riportato gli estremi, posso dire che i vaccini anche in questo caso SONO INUTILI e PERICOLOSI come dichiarato sull'articolo sotto.
Il FINE? semplicissimo e sempre uguale.
Inizio questa pagina con un dato fisso stabilito dai cosidetti " scienziati" del secolo scorso:
LA POPOLAZIONE MONDIALE E' ECCESSIVA, BISOGNA DIMINUIRLA.
VUOI ESSERE UNA DELLE PERSONE
ELIMINATE COME PROGETTATO SOTTO?
E' molto facile esserlo continuando con l'ALIMENTAZIONE ATTUALE fornita dalle INDUSTRIE dell'ALIMENTAZIONE, progettata per TOGLIERTI QUELLE DIFESE IMMUNITARIE NECESSARIE PER VIVERE LA TUA VITA IN SALUTE. Quindi, SENZA LE DIFESE IMMUNITARIE NECESSARIE sei un facile candidato a quanto proposto sotto. Voglio far notare che questo articolo è riportato niente meno che da "MAURIZIO BLONDET" per chi lo conosce.
Questi cibi MOLTO COLORATI e all'apparenza MOLTO FRESCHI, sono saturi di COLORANTI E CONSERVANTI CHIMICI e MOLTO ALTRO che tu non riesci neppure ad immaginare.
-------
Quindi come possiamo capire l'intenzione è di DIMEZZARE LA POPOLAZIONE seguendo il detto di Macchiavelli:
"IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI"
Con i CIBI, con i PRODOTTI CHIMICI, con le MEDICINE ed ora abbiamo CERTEZZA con i VACCINI.
Ora, tu, avendo capito questo da che parte stai avendo a disposizione il mezzo per evitare questo MACELLO?
Altro che ANIMALISTI!
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/vaccinimortali.htm

Ora però ti devo fare una domanda chiara: SAI PERCHE' SEI VENUTO AL MONDO?
Lo sai che il tuo passaggio su questa terra è perchè tu abbia modo di continuare la TUA SPECIE e quindi la SPECIE UMANA?
SIII?!?!?!? BENE, NE SONO FELICE.
Però ciò che purtroppo NON SAI e che invece devi sapere chiaramente, è che da questi "ALIMENTI ESSENZIALI" dipende questa tua possibilità, che tu sia maschio o che tu sia femmina. Lo scoprirai sotto, se avrai la voglia di ed tempo di capirlo. Scoprirai che l'ACIDO ASCORBICO è la BASE di quel liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo chiamato SPERMA. Scoprirai che questo ACIDO ASCORBICO insieme a tutti gli altri"ALIMENTI ESSENZIALI" essi permettono di GENERARE quello spermatozoo dal quale tuo figlio nascerà e dandoti un nipote potrà continuare la tua specie e che da questi dipende la NOSTRA SALUTE, questo perchè SONO LA BASE DELLA NOSTRA VITA.
QUINDI TI AVVISO CHE SE CHI GUIDA LE REDINI DEL MONDO VOLESSE IMPEDIRTI DI INGOIARE NEI CIBI O A CUCCHIAINI COME FACCIO DAL 1992, DATO CHE I CIBI NEI MOMENTI ATTUALI SONO CARENTI DI QUESTI "ALIMENTI ESSENZIALI", CAUSA LA RAFFINAZIONE INDUSTRIALE, EGLI COSI' FACENDO TI IMPEDIRA' QUESTA TUA CONTINUAZIONE, RENDENDO INUTILE LA TUA VENUTA AL MONDO, COME HA RESO INUTILE E VANA LA MIA, STERILIZZANDOMI CON I VACCINI NEGLI ANNI 60.
IN QUESTO CASO, LASCERAI FARE TERMINANDO LA TUA SPECIE O TI RIBELLERAI COME STO' FACENDO PERSONALMENTE OGNI GIORNO?
Eccoti chiaro il perchè della mia instancabile e continua INFORMAZIONE con ogni mezzo possibile a mia disposizione senza cercare nè guerre, nè rivoluzioni ma con la SOLA NOSTRA SALUTE.
...sono stato sterilizzato CON I VACCINI DELLA INFLUENZA E DEL TETANO negli anni 60 come puoi rilevare dal video che dice:
"Non vi sono parole per descrivere quello che è scritto nel video, lascio l'interpretazione al lettore.
Da allora, il governo britannico è stato costretto a sospendere i vaccini relativi all'H1 N1 per i bambini al di sotto dei 5 anni, ammettendo che il vaccino avesse determinato una crescita di dieci volte di fenomeni quali violente convulsioni nei bambini.
...ed ancora....
Il governo della Finlandia si è esposto pubblicamente, ed ed ha affermato come quest'ultimo stia causando ogni genere di disordini neurologici, quali la stessa narcolessia.
...Altro pezzo importante.....
Signore e signori, noi abbiamo a disposizione i documenti delle Nazioni Unite, i documenti delle Fondazione Rochkefeller, risalenti agli anni '60, '70, '80 e '90, fino ai giorni nostri, ed è possibile leggere e rendersi conto di come ammettono di aver sviluppato vaccini per l'influenza o il tetano, all'interno dei quali hanno inserito elementi chimici ed ormoni per ridurre la vostra fertilità, o per sterilizzarvi.
...ed ancora....
Inviate tutti gli articoli mainstream che saranno sistemati in basso rispetto a questo video, in cui si parla di come governi tra i più importanti del pianeta siano stati costretti a sospendere le vaccinazioni perchè queste ultime stavano determinando un'incredibile devastazione, e avvertite tutti che i vaccini contro la influenza stagionale realizzati quest'anno conterranno anche il vaccino contro l'H1 N1, oltre naturalmente a tutti gli "extra" che loro inseriranno.
Avvertite tutti quelli che conoscete. Questa è una questione straordinariamente seria.
L'industria farmaceutica Bayer ha ammesso in tribunale di aver consapevolmente distribuito per oltre un decennio.
Lo hanno fatto a sangue freddo, si tratta di un elemento che è parte di un più ampio programma eugenetico.
I crimini delle grandi compagnie farmaceutiche sono "legioni", e (tali compagnie) dovrebbero essre messe sotto accusa, dovrebbero essere portate di fronte alla giustizia, anche perchè le loro condotte rappresentano l'elemento che pone in connessione le grandi compagnie farmaceutiche, gli organismi geneticamente modificati (OGM), e il governo.
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/vaccinispeciale.htm

tetano –

una malattia infettiva acuta che colpisce il sistema nervoso umano.

agente eziologico della malattia è il bacillo del tetano.

Le spore di questo organismo può esistere per anni su vari argomenti, nel suolo, nelle feci.Sono molto resistenti ai disinfettanti e possono sopportare una temperatura di 90 ° C per due ore.

In condizioni favorevoli, le spore germinano il tetano patogeno e generano molto forti veleni biologici – emolisina e tetanospazmin.

Una ferita con un oggetto arrugginito e scatta la paura tetano:

basterà disinfettare o è meglio andare dal medico? La vaccinazione antitetanica sarà ancora efficace? Quando l’ho fatta? Servirà un richiamo?

«Innanzitutto sfatiamo un mito: non è la ruggine a essere pericolosa. Il problema tetano si pone se l’oggetto con cui ci si fa male potrebbe essere stato contaminato dalle feci di cavalli, mucche o ovini, animali che possono ospitare nel loro intestino il Clostridium tetani , batterio responsabile della malattia – puntualizza Francesco Castelli, professore ordinario di Malattie infettive all’Università di Brescia -. Questo germe viene eliminato con le feci dagli animali e può sopravvivere a lungo nell’ambiente sotto forma di spore.

Attraverso il morso di un animale o una ferita profonda, soprattutto se contaminata con terriccio, le spore possono infettare l’uomo, nel quale, in condizioni opportune, sono in grado di trasformarsi nella forma attiva del batterio, che produce una tossina neurotossica.

La tossina arriva poi al sistema nervoso, risale i nervi sino a raggiungerne il corpo cellulare dove blocca il rilascio di neurotrasmettitori ad azione inibente e causa contrazioni involontarie e dolorose della muscolatura, continue o a crisi. Quando la quantità di tossina prodotta è elevata, può anche diffondersi tramite il sangue provocando il tetano generalizzato, la forma più grave a elevata letalità»
Sintomi e complicanze

La tossina tetanica, una volta entrata nell’organismo attraverso una ferita, è in grado di arrivare al Sistema Nervoso Centrale attraverso il flusso sanguigno o i nervi. Una volta presente nel Sistema Nervoso Centrale compromette la trasmissione di impulsi inibitori a livello delle sinapsi, causando contrazioni e spasmi diffusi. Il periodo di incubazione varia da 3 a 21 giorni, di solito circa 8 giorni. In generale, quanto più il sito della lesione è lontano dal sistema nervoso centrale, più lungo è il periodo di incubazione. Sono state descritte diverse forme di tetano:

    tetano locale: è raro, ed è caratterizzato da contrazioni muscolari persistenti nell’area della ferita. Queste contrazioni possono persistere per molte settimane prima della graduale scomparsa. Solo l’1% dei casi è fatale.
    tetano cefalico: è raro e si presenta con otite media (infezioni dell’orecchio) in cui C. tetani è presente nella flora dell’orecchio medio, o in seguito a lesioni alla testa.
    tetano generalizzato: Il tipo più comune (80% circa). La malattia si presenta di solito con un andamento discendente. Il primo segno è il trisma o cioè la contrattura del muscolo massetere che dà al volto del paziente un aspetto caratteristico (riso sardonico), seguita da rigidità del collo, difficoltà a deglutire, e rigidità dei muscoli addominali. Altri sintomi includono temperatura elevata, sudorazione, pressione arteriosa elevata, tachicardia. Gli spasmi possono verificarsi frequentemente e durano per diversi minuti. Il paziente rimane conscio e gli spasmi muscolari, provocati da stimoli anche minimi, causano dolore. Gli spasmi continuano per 3-4 settimane. La guarigione completa può richiedere mesi.
    tetano neonatale: è una forma di tetano generalizzato che si verifica nei neonati. Colpisce bambini nati da madri non vaccinate, che non hanno quindi la protezione conferita nei primi mesi di vita dagli anticorpi materni. Di solito si verifica attraverso infezioni del moncone ombelicale non cicatrizzato, in particolare quando il moncone è tagliato con uno strumento non sterile. I sintomi sono quelli del tetano generalizzato, con una elevata letalità. Il tetano neonatale è comune in alcuni Paesi in via di sviluppo e ha causato più di 257.000 morti l’anno in tutto il mondo nel periodo 2000-2003.

Il tetano può determinare diverse complicanze. Lo spasmo delle corde vocali e/o lo spasmo dei muscoli della respirazione tanto da mettere in seria difficoltà la respirazione porta a problemi con la respirazione. Gli spasmi muscolari possono determinare fratture della colonna vertebrale o delle ossa lunghe. L’iperattività del sistema nervoso autonomo può portare a ipertensione o aritmie. Negli ultimi anni, il tetano è stata fatale in circa l’11% dei casi segnalati. I casi che hanno più probabilità di essere fatali sono quelli che si verificano in persone con più di 60 anni (18%) e le persone non vaccinate (22%).

La letalità del tetano è di circa il 50%.

    l TETANO non è una malattia infettiva!! NON si può trasmettere da una persona all’altra!
    Per ridurre il pericolo di reazioni gravi alla vaccinazione antitetanica il vaccino è stato notevolmente diluito, rendendolo clinicamente inefficace. Nonostante ciò le complicazioni possibili dopo l’inoculazione sono le seguenti: febbre elevata, dolori, formazione ricorrente di ascessi, danni al nervo dell’orecchio interno, neuropatia demielinativa (demielinizzazione condizione degenerativa del sistema nervoso), shock anafilattico e perdita di coscienza.

Tuttavia, allo stato dei fatti In Italia, la vaccinazione antitetanica è stata resa obbligatoria dal 1938 per i militari, dal 1963 per i bambini nel 2° anno di vita e per alcune categorie professionali considerate più esposte a rischio di infezione (lavoratori agricoli, allevatori di bestiame, ecc.). Dal 1968 la somministrazione è stata anticipata al 1° anno di vita e il calendario vaccinale vigente prevede la somministrazione di tre dosi al 3°, 5° e 11°-12° mese di età (vedi calendario vaccinale del Ministero della Salute).
Per scaricare il Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014clicca qui.

Al ciclo di base fanno seguito due dosi di richiamo, rispettivamente al 5°-6° anno di vita e fra gli 11 e i 15 anni; ulteriori dosi di richiamo sono raccomandate a cadenza decennale. A livello nazionale le coperture vaccinali entro 2 anni di età sono molto elevate benché ad oggi, in Italia, i casi di tetano sono nell’ordine delle 90 unità all’anno, di cui l’85% sopra i cinquant’anni. Queste cifre sottolineanol’inopportunità di milioni di dosi di vaccino iniettate su neonati, sui quali il pericolo di tetano ha valenza zero.
A questo proposito, vedasi la tabella allegata alla ricerca epidemiologica del 2002 di cui sopra in cui sono specificati il Numero di casi e tassi d’incidenza per 100.000 abitanti di tetano per classi d’età, xexxo e decenni di notifica, Italia, 1971-2000.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vaccinietetano.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Gio 3 Nov 2016 - 13:17

Mi permetto ora di iniziare questa pagina molto importante al riguardo delle elaborazione del CEREALE "GRANO", con un detto molto conosciuto fino agli anni 50 del '900, prima della EVOLUZIONE GIUDIZIALE.  
Non mi permetterò mai di parlare di questa GIUSTIZIA, anche se questa si è EVOLUTA al passo della MEDICINA.
Difatti ora vediamo i risultati di queste evoluzioni ogni giorno di più.
Pare che chi delinque ne abbia un premio, mentre l'onesto è CASTIGATO.
Certo la CASTA, si deve pur SALVAGUARDARE no?
Bene, a quei tempi si sentiva dire:
"In prigione, per castigo, ti mettono a PANE ED ACQUA"
A prima vista una frase stupida, vero?
Ma analizziamola un pochino e chiediamoci oggi: "ma come potevano vivere queste persone? è un castigo mortale!"
Ebbene non era affatto mortale, in quanto allora questo PANE era fatto di FARINA INTEGRALE di grano tenero, quindi conteneva TUTTO il sostentamento necessario alla sopravvivenza, poichè contenuto nel GERME, di cui come vedremo, escluso l'ACIDO ASCORBICO.
Fino a dopo la metà del '900 però non si è mai sentito la parola "CELIACHIA". Certo questa malattia NON ESISTEVA ma è iniziata come nuova malattia in seguito alla elaborazione di questa FARINA diventata 00.
Chi di competenza ha capito subito di cosa si trattava, poichè loro hanno potuto fare 2 + 2 = 4, ma quale danno alle industrie alimentari se questo fosse stato reso noto?
UN DANNO IMMENSO, poichè da questa industria si profilavano profitti IMMENSI da dividere, anzi questa è stata il modo per ricattare queste industrie onde ottenerne il giusto compenso.
Non solo, ma questa malattia si è profilata anch'essa una manna del cielo!
Ecco allora la nascita della parola
GLUTINE
poichè come sempre, si vuole un colpevole? eccovelo è il GLUTINE, certo, lo zucchero del grano.
E noi che ci aspettavamo che questa MEDICINA si prodigasse a salvaguardare la nostra salute, invece si è EVOLUTA anch'essa insieme alla GIUSTIZIA.
Difatti ora si trova in ogni CIBO ELABORATO dalle industrie alimentari la farina 00 e le persone malate di "CELIACHIA" nel tempo, sono aumentate in modo esponenziale.
Tanto non si saprà mai che invece sono i PRODOTTI CHIMICI per la elaborazione di questa farina 00 e gli ADDITIVI aggiunti.
Certo, tra la DROGA CAFFE' e il LAVAGGIO DEL CERVELLO dei media questo non si scoprirà MAI.
Invece no, il diavolo ha fatto le PENTOLE, ma NON I COPERCHI, ed un giorno.........
Questi ve li aggiungo subito sotto, affinchè li conosciate molto bene onde saperli evitare.
Si può ovviare a questo problema?
Certo che si può, basta ingoiare con costanza gli "ALIMENTI ESSENZIALI", almeno i più importanti che sono l'ACIDO ASCORBICO, il CLORURO DI MAGNESIO, l'ACIDO CITRICO, la LISINA, il BICARBONATO DI POTASSIO ed il RIBOSIO.
Ora vuoi avere certezza di non soffrire più di questa CELIACHIA?
Elimina i CIBI ELABORATI contenenti la FARINA 00 come facciamo noi, ma noi non lo facciamo per la CELIACHIA, ma perchè è diventata un PRODOTTO CHIMICO che nel nostro corpo, e precisamente negli intestini, diventa COLLA o MUCO.
"IL NOSTRO ORGANISMO E’ COME UN SISTEMA IDRAULICO
“Se osserviamo il corpo umano noteremo che ospita un complicatissimo apparato idraulico, con una grande quantità di tubi e tubicini in cui circolano i liquidi del corpo: principalmente sangue e linfa. Vi sono alcuni alimenti che, durante la digestione,diventano una specie di colla, detta muco, capace di attaccarsi alle pareti intestinali ed altre condutture organiche, e ricoprirle con uno strato sempre più spesso.
Il muco intestinale, sostanzialmente, è il risultato di anni ed anni di accumulo di sostante organiche collose sulle pareti dell’intestino. Si pensi che, mediante autopsia, si è riscontrata in certe persone una presenza di muco ammontante fino a 7-8 kg.” Prof. Arnold Ehret, autore di best-seller mondiali sull’alimentazione.
L’INTESTINO E’ LA CHIAVE DELLA SALUTE
In questa sorta di colla trovano riparo e proliferano i parassiti e la Candida (un lievito molto pericoloso per la nostra salute). Questi prodotti a base di farina e zucchero alimentano e fanno sviluppare la flora batterica nociva con conseguenze enormi.
Questo squilibrio intestinale genera moltissimi problemi. Il famoso medico americano Norman Walker affermava che tutte le malattie hanno inizio dall’intestino. Infatti in esso troviamo la maggior parte del sistema immunitario, è l’apparato che ci fornisce di energia e che digerisce e produce lo scarto a partire dal cibo. Se l’apparato gastro-intestinale smette di funzionare tutta la nostra vita fisica e mentale ne sarà enormemente danneggiata.
Infatti è stato dimostrato che il nostro umore dipende dalla flora batterica e la serotonina, l’ormone del benessere, è prodotta per il 95% proprio a livello intestinale.
LA FARINA CHE CONOSCIAMO E’ UNA INVENZIONE MODERNA
La farina che riteniamo essere normale in realtà non ha più di 60 anni, prima la farina normale era quella integrale!
La farina bianca è privata della crusca e del germe di grano e inoltre per renderla bianca in modo omogeneo, viene trattata con sbiancanti chimici come l’ossido di azoto, di cloro e il perossido di benzoile miscelato con sali chimici vari, addirittura l’ossido di cloro combinandosi con le proteine, ancora presenti nel chicco può dare origine alla ALLOSSANA, sostanza utilizzata per provocare il diabete in animali da laboratorio. Cosa che spiega anche l’esplosione di malati di diabete negli ultimi anni.
Vengono aggiunti anche additivi chimici per impedire che si formino dei grumi e che si sviluppino larve di insetto. Il Prof. Berrino ha detto bene definendola il più grande veleno della storia (VEDI VIDEO).
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/intestinifarinabianca.htm

Nel pane di tutti i giorni, o meglio nella farina e nell’impasto, sono presenti diverse sostanze chimiche utilizzate per evitare che irrancidisca, in modo da farlo durare più a lungo.

Perché il Pane che Mangi tutti i Giorni potrebbe Ucciderti? Perché nel pane, o meglio nella farina e nell’impasto, sono presenti diverse sostanze chimiche utilizzate per evitare che irrancidisca, per farlo vivere più a lungo. Il pane è stato nel passato un alimento completo, si poteva sopravvivere tranquillamente anche mangiando solamente pane e cipolla, o pane e olio, o altro companatico che oggi viene considerato povero. Il pane di un tempo era pane vero, fatto con le farine integrali, che venivano macinate in casa, o meglio, nelle campagne senza raffinarle, anche se tali farine avevano in difetto, diciamo così, di non avere una vita lunga, nel senso che irrancidivano facilmente così come potevano essere infestate da insetti che se ne nutrivano. Oggi questo rischio non esiste in quanto le farine raffinate sono praticamente prive di sostanze nutritive per cui gli insetti le snobbano. Senza poi contare che negli anni le specie di grano coltivato hanno subito delle vere e proprie manipolazioni genetiche per renderle più adatte ad essere trattate, nello specifico trebbiate, meccanicamente. Un tempo le piante erano più alte e con il peso della pannocchia, complici la pioggia e il vento, tendevano a coricarsi, e ciò era di ostacolo alla trebbiatura.

Oggi le piante sono più basse, cosa che si è ottenuta modificandole geneticamente, con buona pace di coloro che sono contrari alle colture geneticamente modificate. Tornando al pane che si acquista tutti i giorni, il problema come accennato in precedenza, è la farina, bianca e raffinata, che è possibile conservare anche per lunghi periodi senza pericolo che possa fare delle muffe o che possa essere infestata da insetti. È del tutto priva di sostanze nutritive, per cui la vita non vi può attecchire, e quindi il pane che si ottiene dalla sua lavorazione non è altro che una pasta di amido che non nutre, ma che in compenso contribuisce a far prendere quei chili di troppo che tanto male fanno alla salute.

FarinaE non solo, perché favorisce la perdita di minerali, provoca stitichezza e in più presenta un serio rischio di obesità, cancro al colon, colesterolo e diverticoli. Essendo infatti del tutto privo di fibre, non favorisce il regolare funzionamento dell’intestino e tutte le patologie elencate in precedenza sono appunto una conseguenza di un intestino pigro, in cui si formano ristagni che a lungo andare rappresentano un serio rischio per la salute. La farina che si ottiene dalla lavorazione dei chicchi di grano dovrebbe contenere il germe del grano che rappresenta la vera fonte nutritiva, la crusca e l’endosperma. Ciò accadeva quando, come detto in precedenza, il grano veniva macinato artigianalmente, in campagna, mentre oggi di quella farina se ne sono perse del tutto le tracce.

Oggi la farina viene pulita, diciamo così, ovvero viene privata del tutto delle sostanze nutritive, e ciò che si ottiene è una polvere bianca del tutto carente di proteine, oli, vitamine e minerali. Ne consegue che il pane che se ne ottiene è un alimento povero, che altro non fa che procurare danni all’organismo. Infatti, nella sua preparazione, vengono utilizzati una serie di ingredienti che proprio amici della salute non sono. Nello specifico, il lievito chimico utilizzato perché più conveniente economicamente, contiene una serie di sostanze che lasciano a dir poco perplessi. Alluminio, bromuro di potassio, tartaro, cloruro di ammoniaca e tanti altri cloruri non meglio indentificati. Ecco quindi che il rischio per la salute è veramente elevato.

Lo stesso pane bianco che si acquista oggi al supermercato, oltre alla farina che altro non è che polvere bianca, contiene una serie di sostanze che definire sospette è un eufemismo. Gesso bianco, acido tartarico, glicol propileno, diossido Pane integraledi cloro, farina di pesce, farina di ossa, fosfato di ammonio (è utilizzato anche in agricoltura come concime), bromato di calcio, monogliceridi e dicliceridi e altro ancora. La soluzione sarebbe quella di consumare pane integrale, vero, quello di una volta, ma il pane integrale che si trova oggi in commercio è per lo più un pane integrale fasullo, in quanto è sempre realizzato con la solita farina bianca con l’aggiunta di un po’ di crusca. La soluzione sarebbe farselo in casa, con vere farine integrali che oggi è possibile trovare nei negozi specializzati, solo che il loro costo è più impegnativo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/farinapanescaffale.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Sab 5 Nov 2016 - 19:43

Ti chiedo scusa se mi permetto, ma lo faccio in quanto TUTTE le donne ed una buona percentuale di uomini si INTOSSICANO giorno dopo giorno inconsapevolmente.
Come?
Si chiamano CREME di qualsiasi natura e non solo.
IL PRODOTTO CHE USI O DEVI COMPRARE, CHE SAI ESSERE UN "PRODOTTO CHIMICO",  lo mangeresti? NOOOOOOOOOOO???????
Ti chiedo "ma perchè no????" Questo te lo dico io:
Hai paura che ingerendolo ti possa fare male. Ma NON hai mai pensato che sotto il piccolissimo strato di pelle hai la carne che fà parte del tuo corpo? Lo sai che la tua pelle tramite i pori respira e si nutre di ciò che le viene spalmato e quindi quei "PRODOTTI CHIMICI" che non ingerisci mettendoli in bocca, glieli fai avere attraverso la pelle? Cosa pensi che possano fare alla tua pelle ed alla tua salute "QUESTE CREME"?
A TE LA RISPOSTA.
Quindi ora che ne sei consapevole ti dico: "SULLA TUA PELLE METTICI SOLO QUELLO CHE MANGERESTI".

gennaio 8, 2014 CLAMOROSO, ECCO I 5 PRODOTTI DI BELLEZZA COMUNI PIU’ NOCIVI IN COMMERCIO
Bellezza – Oggi vi parleremo dei cinque prodotti di bellezza peggiori che si trovano in commercio e che, purtroppo, sono reperibili in tutti i supermercati. Perchè sono i peggiori prodotti in cui potete imbattervi? Perchè contengono al loro interno delle sostanze dannose, chimiche e siliconiche che promettono di rendervi bellissime, ma che in realtà non fanno altro che danneggiare sempre più lo stato dei vostri capelli o della vostra pelle.
Gli ingredienti da evitare come la peste - PETROLATI (lo dice la parola stessa, sono derivati dalPETROLIO) Mineral oil, Petrolatum, Paraffinum liquidum, Cera microcristallina, Vaselina, Paraffina, Microcrystalline Wax. SILICONI: (creati chimicamente in laboratorio, li riconoscete perchè terminano in -one; -thicone; -xiloxane; -silanoil) Dimethicone, Cyclomethicone, Ciclopentasiloxane. (Vuoi saperne di più?CLICCA QUI)
La classifica dei prodotti più cattivi :
5° posto: Creme alla paraffina e siliconi: Nivea, Glysolid, Dove, Vichy, Leocrema etc ..non idratano, creano una sensazione fittizia di idratazione e setosità della pelle, ma è il silicone ad essere setoso, non la nostra pelle. Essa in realtà è secca e arida, oppure impura e lucida occlusa dai siliconi e dai petrolati, questi ultimi sono cancerogeni di classe II oltre che comedogeni e fortemente inquinanti.
4° posto: Cristalli liquidi alias semi di lino per capelli. Forse non tutti sanno che non contengono solo olio di semi di lino ma anche una grande quantità di silicone puro che fa apparire i capelli lucidi ma in realtà è solo un effetto momentaneo, una “maschera” che nasconde la reale condizione dei capelli: disidratati, secchi e sfibrati. Oltretutto i capelli si sporcano velocemente, appaiono grassi e unti alla radice e secchi alle punte, difatti un’altra conseguenza dei siliconi sono le fastidiosissime doppie punte.
3° posto: Shampoo Herbal Essence, Pantene, Sunsilk, Elvive, Biopoint etc… sono prodotti troppo aggressivi perchè contengono molto sale e tensiottivi aggressivi che seccano tantissimo i capelli, causando prurito e irritazioni, talvolta forfora!! Inoltre tra i primi ingredienti contengono dimethicone, e altri ingredienti allergizzanti e dannosi che rilasciano formaldeide, che è scientificamente provato sia cancerogena.
2° posto: Labello e burrocacao a base di cera microcristallina e paraffinum liquidum cioè petrolato puro sulle nostre labbra che può essere perfino ingerito. Usando Burrocacao con paraffina si avranno labbra sempre più screpolate e secche, punti neri e brufoletti. Il Labello crea dipendenza, più lo usi più si seccano le labbra più continui ad usarlo.
1° posto: Olio Johnson’s Baby! Chiamarlo olio è davvero troppo, in realtà è solo ed esclusivamenteparaffina liquida, è un derivato del petrolio nudo e crudo. Altro che idratante, questo prodotto non fa altro che seccare la pelle, causare brufoli, brufoloni e brufoletti, irritazioni, e punti neri.
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/cremecancerogene.htm

Pulizia, un atto così semplice, può essere tossico per l'organismo se fatto uso di prodotti contenenti Benzetonio cloruro. Come accennato in precedenza, è importante imparare alternative naturali che sono e più sicuri per lavare il viso e la pulizia delle verdure per assicurare il vostro benessere.

Benzetonio cloruro ora sostituisce Triclosan come il nuovo agente "antibatterico" in saponi e cosmetici commerciali. Perché? Il pubblico è diventato ben consapevole della tossicità e pericoli di triclosan che porta al corpo umano quando assorbito attraverso la pelle. Nel tentativo di ingannare i consumatori accaniti e rendere i loro prodotti a sembrare sicuri, le aziende stanno utilizzando Benzetonio cloruro in sostituzione del triclosan.
Benzetonio cloruro sostituisce Triclosan

Benzetonio cloruro sostituisce Triclosan
Cos' è Benzetonio cloruro?

Benzetonio cloruro, oltre ad essere un prodotto chimico difficile da pronunciare, è un parente stretto di benzalconio cloruro e si trova in genere nei prodotti di pulizia della casa. Considerato di fare parte di una famiglia di sale di ammonio quat o quaternaria. Sostanze chimiche elencate come quat sono utilizzati principalmente per disinfettare e uccidere i batteri in ambiente domestico e nelle imprese.
L'uso di queste sostanze chimiche è utile quando utilizzati in modo appropriato, come ad esempio per la pulizia  di attrezzature ospedaliere. Tuttavia, la pulizia del viso e del corpo con Benzetonio Chloride - non ha tanto un vantaggio - ma piuttosto uno svantaggio per la vostra pelle.
Perché Benzetonio cloruro pericoloso?

I produttori e le aziende stanno prendendo grandi passi per etichettare Benzetonio cloruro come assassino di virus e batteri naturali .

Benzetonio cloruro non è una sostanza chimica non naturale. Esso è progettato chimicamente in un laboratorio con il potere di uccidere i batteri e virus a costo della salute dei consumatori. L'ironia è stupefacente; creare una sostanza chimica per eliminare il rischio di una malattia creando un nuovo rischio per la salute.
Rischi per la salute associati con Benzetonio Chloride

Asma
Febbre da fieno
Eruzioni cutanee
Neurotossicità
Irritazione agli occhi
Compromissione del sistema immunitario

Per mettere la forza di benzetonio cloruro in prospettiva, un 0,3% viene posto in herpes simplex farmaco topico, per trattare il virus. La FDA ha ritenuto sicuro per includere lo 0,5% di cloruro Benzetonio in articoli cosmetici e saponi. Perché applicare una più alta percentuale di questa sostanza chimica sul tuo viso se non si dispone di herpes simplex dico io?

Anche se la FDA afferma che non ci sono le prove di tossicità e danno, paesi come il Canada e il Giappone sono attualmente vietao il posizionamento di Benzetonio cloruro nei prodotti cosmetici e saponi.

Benzetonio cloruro, ha un posto nel mondo, ma non a casa. Prendetevi il tempo per guardare attraverso tutti i prodotti per la pulizia casa, cosmetici, e analizzare i loro ingredienti. Se essi contengono Benzetonio cloruro cercare alternative naturali.

Se non vedi Benzetonio cloruro elencato, è possibile vedere alcuni dei suoi nomi alternativi.
Nomi alternativi per Benzetonio Chloride

Parasterol
Alchil benzil dimetilammonio cloruro
Alchil cloruro di dimetil benzil
Benirol
Cequartryl
Drapolene
Enuclene
Germitol
Gesminol
Rodalon
Ammonyx
Cloruro Zephiran

Avete notato Benzetonio Cloruro che non appare improvvisamente nel sapone commerciale e sulle etichette dei cosmetici la sostituzione è triclosan? Evitate queste sostanze chimiche per garantire la sua salute a lungo termine, utilizzando prodotti biologici naturali.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/benzetonioclorurotriclosan.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Lun 7 Nov 2016 - 15:39

Questa è una informazione che mi mancava.
OSTEOPOROSI=SCORBUTO
SCORBUTO=CARENZA DI ACIDO ASCORBICO
Specialmente l'avere certezza che la OSTEOPOROSI è in effetti lo SCORBUTO. Avendone ora certezza devo ammettere che la medicina gioca bene le sue carte, oppure chi guida è un INCOMPETENTE oppure un ASSASSINO.
Mi permetto di dirlo in quanto i FARMACI che prescrive per il CALCIO, consigliando di NON INGOIARE IL LATTE ma di ingoiare tipo l'alendronato 70, che è un vero farmaco ASSASSINO, dovrebbe essere radiato dalla società. Ma già si deve diminuire la popolazione, e qualsiasi mezzo è buono. Povere donne!!!!
... eppure questi personaggi paiono i salvatori della umanità. CHE DELUSIONE DAL PROSSIMO ISTRUITO!!!!
Quindi posso dire con certezza che la causa è da ricercare solamente nel mancato apporto di "ALIMENTI ESSENZIALI" iniziando dall'ACIDO ASCORBICO e non come scritto nell'articolo:
"Il consumo di amidi e zuccheri è la principale causa dell'osteoporosi
Abbiamo già parlato dell’osteoporosi e siamo tutti d’accordo che rappresenta un’emergenza sanitaria per le persone anziane, soprattutto per le donne. La medicina ufficiale ha già trovato risposte e soluzioni: qualche pillola per contrastare un fenomeno considerato normale ed ineluttabile."
o quant'altra ragione si voglia addurre.
Ora continuando nella lettura dell'articolo, si noteranno le similitudini nella prevenzione, ma con una differenza SOSTANZIALE che è questa.
mentre l'articolo usa la parola "integrazione" di micronutrienti,
noi usiamo la parola "ingoiare" gli "ALIMENTI ESSENZIALI", poichè dentro questi siamo stati TUTTI GENERATI per cui non posso permettermi di chiamarli "INTEGRATORI", poichè loro "integratori" non lo sono. Mi spiego meglio. Dato che sono anni che ci fanno il lavaggio del cervello che gli integratori sono dei prodotti che devono usare solo dalle persone che fanno sport, e solo per un certo periodo perchè altrimenti possono essere pericolosi, non solo ma possono anche causare la morte. Ma la cosa più importante è che quando vai dal dottore per farti fare gli esami del sangue, sulla richiesta richiede i valori di CALCIO, vitamina D (ORMONE), vitamina B12, vitamina B1, POTASSIO, MAGNESIO, SODIO, FERRO, RAME ecc., quindi se fossero da ingoiare solo per un periodo e basta perchè affannarsi a ricercarli nel nostro corpo? Inoltre perchè questo dottore non richiede nell'esame una ricerca che sia NORMALE PER TUTTI, del CIANURO, del PIOMBO, del MERCURIO e degli altri materiali pesanti ecc. e dei PRINCIPI ATTIVI contenuti nei FARMACI (VELENI PURI) che si stà eventualmente ingoiando, oppure di quanto contenuto negli AROMI o AROMI NATURALI?
Invece questi "ALIMENTI ESSENZIALI", che sono stati messi da Madre Natura nello SPERMA di tutti i maschi animali del mondo, dall'inizio della vita, non mi risulta che i testicoli per dosarli abbiano un bilancino o un cucchiaino magari in plastica per dosarli in questo SPERMA dove nasce il 50% del DNA della vita futura, che con l'altro 50% dell'OVULO femminile faranno nascere la loro continuazione della specie. Quindi non mi pare che questi si possano confondere con gli INTEGRATORI indicati allo scopo precedente, vero?
Ed ora a te l'articolo che ha per tema questa INGUARIBILE e PERICOLOSISSIMA OSTEOPOROSI che con la giusta informazione la si può EVITARE per tutta la vita o addirittura GUARIRE come ha fatto Franca, che l'UNICA DONNA AL MONDO ad esserne GUARITA con documentazione di prova. Oppure come Teresa che ingoiando come Franca gli "ALIMENTI ESSENZIALI" ad alte dosi è sulla buona strada documentata.

La denominazione di osteoporosi proviene dal greco osso poroso. Si tratta di una malattia sistemica dello scheletro, caratterizzata da una diminuzione della massa ossea e da un deterioramento della micro architettura del tessuto osseo, tale da indurre maggiore fragilità e conseguente rischio di fratture.
Difatti la parte esterna delle ossa (quella corticale) diventa più sottile, mentre quella interna, diminuisce il numero di celle spugnose di cui è composta (trabecole).
Esistono principalmente due tipi di osteoporosi (le altre sono molto rare): l'osteoporosi di 1° grado, ossia post menopausale e l' osteoporosi 2° grado di tipo senile (di cui parleremo più ampiamente). Nonostante la perdita di consistenza delle ossa riguardi un po’ tutto lo scheletro, i maggiori problemi li riscontriamo nei femori, nell’anca e nelle vertebre.
L' osteoporosi rappresenta indubbiamente il problema principale delle persone anziane, ed ognuno di noi (che ha la fortuna di avere genitori o nonni in età avanzata) è coinvolto in tale malattia.
Le statistiche confermano che assistiamo ad una vera epidemia. Attualmente in Italia 3.500.000 di donne e 1.000.000 di uomini soffrono di osteoporosi. Ogni anno si riscontrano 250.000 fratture, 80.000 dell’ossa dell'anca e 70.000 delle ossa del femore.
Il problema più grande delle fratture di questo tipo riguarda la fase post operatoria, sia per le complicanze riabilitative che per le percentuali sul tasso di invalidità e mortalità. Difatti l’80% delle persone che ha subito la frattura dell’anca non riesce più a salire le scale e il 50% di esse non riesce più ad essere autonoma. Per quanto riguarda il tasso di mortalità ad un anno dall’operazione, si registra una percentuale che oscilla dal 15% al 30% degli operati.
Per le fratture che riguardano le vertebre, le percentuali di malati sulla popolazione sono dell’11,5% delle donne dai 50 ai 54 anni ed il 35% delle donne dai 74 ai 79 anni.
Nel 20% dei casi si riscontrano alterazioni morfologiche vertebrali (dopo i 65 anni). Questo tipo di fratture oltre al dolore, causa la diminuzione dell’altezza, la deformità, l’immobilizzazione a letto, la distorsione della figura corporea e la riduzione della funzionalità polmonare.
Le cause dell’osteoporosi
Le cause che portano all’osteoporosi non sono di tipo accidentale. Ovvero non esiste un’ora zero da attribuire a tale malattia. In realtà ai malati è diagnosticata l’osteoporosi quando a seguito di analisi specifiche si accerta che la consistenza delle ossa, è inferiore ad alcuni dati medi. Tecnicamente il nostro scheletro (composto solo da 1,2 kg di calcio) è una struttura di collagene, dove alloggiano le cellule osteoblasti ed osteoclasti in perenne attività (fenomeno del rimodellamento). Le cellule osteoclasti sono in grado di distruggere ogni giorno, parte del tessuto, restituendo il calcio al sangue e nella stessa giornata (maggiormente di notte) le cellule osteoblasti lo ricostruiscono (utilizzando il calcio nel sangue)
L’osteoporosi è semplicemente lo sbilanciamento tra il tessuto distrutto e quello ricostruito (processo che dura tutta la vita), che purtroppo con l’avanzare dell’età ed in base al nostro stile di vita, alla nostra alimentazione e alla carenza di microelementi, tende ad andare in deficit (negativo).
Un motivo che causa tale sbilanciamento è dato dall’assenza dei micronutrienti necessari alla ricostruzione: vitamina D, minerali di calcio e potassio (senza mattoni una casa non si costruisce). Anche per questo si consiglia l’integrazione. Inoltre è fondamentale che la funzionalità dell’ormone del Gh e della vitamina C, deputati, tra i vari compiti, alla ricostruzione ottimale dei tessuti, compreso quello osseo
Un altro problema che sbilancia il processo e quindi causa l'osteoporosi riguarda l’acidosi.
Infatti quando il corpo è in acidosi, c’è la necessità di ridurla, utilizzando il calcio (alcalino) presente nelle ossa, riportando così il ph a valori normali (il nostro scheletro rappresenta il vero magazzino dei minerali necessari al corpo).
http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/osteoporosi.htm

Dott.ssa Suzanne Humphries
Mi rattrista vedere donne anziane a cui è stata diagnosticata l’osteoporosi seguire terapie che prescrivono l’uso di supplementi di calcio e farmaci alquanto problematici, denominati: bifosfonati. Questi metodi sono irrazionali, dogmatici e dannosi per quanto riguarda la degradazione delle ossa con l’avanzare dell’età. A suo tempo praticando nefrologia e medicina interna, ho visto numerosi pazienti affetti da malattie vascolari durante il trattamento con dosi raccomandate di calcio. Le radiografie hanno rivelato vasi sanguigni e valvole cardiache che si erano calcificate.
arteria seno calcificata
Arteria del seno calcificata
Nella foto qui a fianco potete vedere un’arteria del seno calcificata, condizione comune nelle donne in cura per l’ipertensione. Il farmaco principale utilizzato per la pressione alta è in grado di indurre il corpo a trattenere il calcio e disperdere magnesio e potassio. Ritroviamo questo tipo di calcificazioni nelle grandi arterie di tutto il corpo, non solo nei seni. Credo che questi problemi possano essere evitati.
Inutile dire che l’esercizio sia essenziale per uno scheletro sano. Non abbiate paura di fare esercizio con uno zaino carico in spalla… Sempre che non abbiate patologie come lombalgia, ernia del disco…
Bisogna vedere cosa si può fare dal punto di vista nutrizionale e nelle relazioni interpersonali per aiutare il vostro corpo a guarire se stesso. Gli integratori non sono sostituti di una buona alimentazione. Dopo tutto, gli scienziati stanno continuamente scoprendo nuove cose sul cibo e sulla sua interazione con il corpo.
La prima cosa da fare è fare ricerche nel web o leggere libri sull’argomento per trovare i cibi ricchi di vitamina C, K2, magnesio e minerali minori come il boro e la silice. Quest’ultima è molto importante per le ossa. Ricordate anche che la depressione ha molte cause. A volte la causa possono essere delle carenze nutrizionali e, a volte, la depressione può derivare da “intrappolamento” in dinamiche familiari malsane. Potrà sembrare discutibile, ma vorrei aggiungere, che la depressione può avere origini spirituali.
In casi di reali insufficienze, l’uso di un integratore potrebbe essere plausibile. Mentre gli integratori usati abitualmente in medicina, come il fosomax, sono unicamente integratori di calcio, a mio parere sarebbe più costruttivo un regime di supplementazione che includesse vitamine C, vitamina K2, vitamina D3 (nei mesi invernali, sole in estate) e di boro, silicio e magnesio. Questi sono elementi molto più importanti nella prevenzione di fratture e mantengono stabile la quantità di calcio.
In ultima analisi, il calcio introdotto tramite integratori si depositerà nei muscoli del cuore, nelle valvole cardiache e nei vasi sanguigni. Condizione favorevole alle malattie cardiovascolari. Tuttavia, se assumiamo vitamina C, D3 e K2 il corpo sarà in grado di regolare il livello di calcio ingerito attraverso il cibo.
La vitamina C rafforza le ossa!
    Mineralizza il tessuto osseo e ne stimola le cellule alla crescita.
    Previene il degrado del tessuto osseo inibendone l’assorbimento cellulare.
    Contrasta gli stress ossidativi, prevenendo l’invecchiamento.
    E’ di vitale importanza nella sintesi del collagene.
Quando si hanno carenze di vitamina C, accade esattamente l’opposto. Proliferano alcune cellule chiamate “osteoclasti” che hanno la funzione di riassorbire l’osso erodendolo.
Alcuni studi hanno dimostrato che nei pazienti anziani che hanno subito fratture i livelli di vitamina C nel sangue sono significativamente più bassi rispetto a coloro che non hanno subito fratture.
    La densimetria ossea ha rivelato livelli maggiori nei pazienti che abitualmente assumevano vitamina C. Assumere la vitamina C è molto importante perché il corpo umano non può produrla a differenza di altri mammiferi e deve introdurla dall’esterno. Una persona adulta dovrebbe prendere 2-5 grammi al giorno di ascorbato di sodio come supplemento generale.
    La vitamina K2 è ben nota tra gli operatori olistici per essere importante per la salute cardiovascolare e delle ossa. Integrarla potrebbe essere una buona idea per chi ha problemi ossei o di cuore.
    Per quanto riguarda la vitamina D3, un livello intorno a 50-70 mg/ml contribuirà a mantenere il sistema immunitario sano e ad avere delle ossa forti.
Potranno sembrare molti integratori, ma per me, è un piccolo sforzo che ritornerà molto utile. Con le moderne alimentazioni, è difficile avere il giusto apporto di vitamina C.  Bisogna prestare particola attenzione a questo tipo di integratori se si hanno patologie renali, meglio consultare il proprio medico prima.
Gli esseri umani, le scimmie e i porcellini d’India non sono in grado di produrre vitamina C. I gatti che pesano solo circa 10-15 chili, sintetizzano più di 15 volte la RDA (razione giornaliera consigliata) di vitamina C indicata per gli esseri umani. Le capre hanno circa le dimensioni di una adulto umano, e senza stress sintetizzano fino a 13 grammi al giorno. Sotto stress si possono verificare soglie fino a 100gr. Non temere gli integratori di vitamina C, sono tra gli integratori più atossici e sicuri conosciuti. Se preferisci una fonte vegetale naturale, cerca la rosa canina che possiede un contenuto molto alto di vitamina C.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/osteoporosiscorbuto.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mer 9 Nov 2016 - 21:30

La eperienza di Cristina Digiovanna con l'OLIO DI MAGNESIO

Cristina Digiovanna
 
Cristina Digiovanna A proposito di olio di magnesio la mia ultima esperienza: Di ritorno da un viaggio x lo strapazzo avevo riportato una grave infiammazione agli arti inferiori con forti dolori da nn dormire la notte...... Ebbene ho pensato di strofinare grossi quantità di olio da ripetere ogni 5 - 6 ore e poi avvolta in pigiama e coperte di notte, piccole quantità di giorno. Nel giro di due giorni ero di nuovo in piedi quasi senza + nessun dolore e poi tutto è passato........ Idem per una brutta sciatica che ho avuto.... quando risento il dolore con l'olio risolvo.... è un toccasanaaaaa
Non mi piace più · Rispondi · 4 novembre ore 23.45  2016

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cristinadigiovannaoliodm.htm

Ciao, preparare l'OLIO DI MAGNESIO è semplicissimo. Metti mezzo bicchiere di acqua di rubinetto in un pentolino e lo metti sul fuoco. Quando l'acqua si è scaldata inizia a mettere a cucchiaini il CLORURO DI MAGNESIO e gira in modo che si sciolga.

...continua così finchè vedi che il CLORURO DI MAGNESIO non si scioglie più, quindi la concentrazione è massima. A questo punto (non è olio ma è acqua) hai solo da spegnere ed attendere che si raffreddi. E' subito proto per l'uso, sia come disinfettante, come antidolorifico e sulla pelle che fà sparire le macchie.

.. quindi lo puoi usare come crema per la pelle invece di recarti dal dermatologo che ti consiglia SOLO FARMACI CHIMICI (VELENOSI) che non ingoieresti mai. Invece questo OLIO DI MAGNESIO; se vuoi puoi anche ingoiarlo SENZA ALCUN PROBLEMA.

... se ne hai bisogno puoi farne degli impacchi per un dolore improvviso, o perchè hai urtato da qualche parte. oppure sulla pelle spalmandolo sulle macchie, senti che brucia un pochino ma subito passa e vedrai le macchie ridimensionasi ed a volte anche sparire. Di macchie sulle mani cosi dette della vecchiaia, con Franca non ne abbiamo. Lascia asciugare ed agire come fosse una crema poichè non è una crema, ma ciò che già fà parte del tuo corpo e ti mantiene la SALUTE.

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Sab 12 Nov 2016 - 21:02

Ciao, Cristina Varni racconta come ha fatto ad eliminare le verruche dal suo viso.

5 Vincenzo Laratta, Rosanna Michele Piras Garofalo e altri 3
Commenti
Cristina Varni
Cristina Varni Infatti,da tre anni avevo il problema verruca sul mento. Crioterapia, bruciatura etc etc... alla fine,dopo 10 giorni dal dermatologo che mi ha prescritto 3interventi di crioterapia,dicendomi che comunque la verruca non sarebbe andata via, mi ha detto che dopo tre interventi, avrebbero provato un tra da gennaio terapia. Quindi

Cristina Varni
Cristina Varni Un altro intervento di prova

Cristina Varni
Cristina Varni Mi sono ricordata,che tu,Genre Franco Genre, tempo fa, avevi consigliato di usare gli alimenti essenziali,anche per la pelle. Ebbene ,io ho provato con un cucchiaino di aa ed uno di cl di mg, Tamponandoli sulla verruca....tutto sparito!!!

Cristina Varni
Cristina Varni La verruca non c è più, devo avvisare il dermatologo,che non c è più bisogno dei suoi interventi di prova!!! Non ho parole

Cristina Varni
Cristina Varni Con gli alimenti essenziali,oltre fare bene invitandoli,fanno bene anche esternamente. Provare per credere!!! Sono felice

Cristina Varni
Cristina Varni Internamente,non invitandoli,scusate il cell cambia le parole

Cristina Varni
Cristina Varni Quindi,usiamoli anche esternamente. Alzano le difese ummanitarie

Cristina Varni
Cristina Varni So che scrivo tantissimo, ma se non avessi conosciuto Franco Genre, beh,tanti problemi di salute non li avrei mai risolti.gli sono infinitamente grata

Norma Oliver
Norma Oliver Cristina descrivi, percortesia, come hai fatto l'impasto e il procedimento,sono interessata grazie

Genre Franco
Genre Franco Ciao Norma Oliver, ti chiedo scusa, ma vorrei solo dirti che NON si può ottenere un impasto, ma acqua di rubinetto con sciolti ACIDO ASCORBICO e CLORURO DI MAGNESIO. Ma passo la mano a Cristina Varni. ciaooo Franco

Cristina Varni
Cristina Varni Acqua di rubinetto un cucchiaino di acido ascorbico, uno di cloruro di magnesio,ho sciolto con le dita,o con cucchiaino,di plastica, .poi con cotton fiocc,o con le dita pulire,ho tamponato la parte verruca,continuamente. Tipo, guardo la tv, oppure parlo al Tel,oppure faccio pulizie di casa,basta bagnarsi inumidire ogni tanto.

Cristina Varni ha risposto · 9 risposte
Cristina Varni
Cristina Varni E non tutto il giorno,bensì per un'ora ogni tanto

Cristina Varni
Cristina Varni L ho fatto tre giorni fa,e ieri. Penso in tutto,tre ore. Ebbene! Si è sgretolata. Non ho più nulla@ solo un piccolo puntino, tipo un brufoletto piccolo piccolo. Ma secondo l opinione del dermatologo, avrei dovuto trovarmi un foro grandissimo indelebile, tipo ciccatrice, e con vari tentativi inutili. Praticamente Ná cosa grave,irrisolvibile

Cristina Varni
Cristina Varni Invece, tutto bene. Ma se lo avessi saputo prima,non avrei aspettato tre anni di vai e vieni,e pomate chimiche. E ritrovarmi poi con lo stesso problema.

Cristina Varni
Cristina Varni Beh...sono contenta.

Cristina Varni
Cristina Varni Norma Oliver

Norma Oliver
Norma Oliver Grazie Cristina Varni.

Cristina Varni
Cristina Varni E poi in sintesi,grazie ed ancora grazie a Genre Franco che mi ha fatto conoscere questi alimenti essenziali. Gratitudine

Nadia Crapella
Nadia Crapella Mi fa piacere Cristina Varni che tu abbia risolto il tuo problema... Ogni tanto una bella notizia!

Genre Franco
Genre Franco Ciao Cristina Varni, non posso che ringraziarti, in quanto molte persone hanno questo problema,ed il risolverlo così facilmente è molto soddisfacente. Ciaooo Franco

Cristina Varni
Cristina Varni Non è stato così facilmente!!! Dopo anni che i vari dermatologi con crriotetapia e altre cose, ho pensato di umettare la verruca,che era veramente grande, con acido ascorbico e cloruro magnesio. Nel mio caso, è stato utile

Cristina Varni
Cristina Varni Grazie Genre Franco

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/cristinavarniverruche.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Lun 14 Nov 2016 - 21:56

Quanta pazienza avete! scusate la mia sfacciataggine.
Invece personalmente NON MI STANCO MAI!!!
Difatti rieccomi a parlarvi della vitamina D, quella che per AUTOPRODURCI servono SOLO DUE COSE:
1) il COLESTEROLO dichiarato CATTIVO dalla medicina, ma che in effetti è anche lui già AUTOPRODOTTO e non riesco a capire che il mio corpo sia tanto STUPIDO DA AUTOPRODURSENE IN PIU' PER ARRECARSI DANNO, e voi?
2) il SOLE, sorgente DI VITA PER OGNI ESSERE VIVENTE.
Eppure ci hanno insegnato per molti anni che il COLESTEROLO ci causa gli ICTUS e gli INFARTI facendoci ingoiare pastiglie CHIMICHE, il cui "PRINCIPIO ATTIVO" nel nostro corpo NON CI DEVE STARE. Che presa in giro!
"Ed ancora altri se lo riterrà opportuno, ma a questo punto, tu innocentemente dovresti chiedergli di fare nel tuo sangue pure la ricerca del "principio attivo" (così viene chiamato l'agente del FARMACO che stai ingoiando, vero?).
A questo punto lui ti dirà sorridendo che non si può.
Allora tu dovresti chiedergli:
"scusi dottore, ma se non si può vuol dire che questo "principio attivo" NON DEVE ESSERE NEL MIO SANGUE, vero?
Ma se non deve essere nel mio sangue, cosa farà mai nel mio corpo? lei me lo sà dire e spiegare chiaramente?"
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/esamedelsangue.htm
Ora vuoi ovviare a queste FALSITA' dei "PROTETTIVI SOLARI" prodotti CHIMICI CANCEROGENI?
La pagina recita:
CREME SOLARI: VITAMINA A ,RETINILE PALMITATO CANCEROGENO,TOSSICO
"TRADUZIONE dall'inglese
Consumer Attenzione: cancerose Vitamina-A retinoidi si trovano in molti prodotti per la cura personale, oltre protezioni solari
Senatore Charles Schumer (D) ha recentemente sollecitato un'azione rapida da parte della FDA relativa alle nuove prove cliniche di un legame tra Palmitate Retinyl per uso topico e il cancro della pelle per le creme solari, giusto in tempo per l'estate. Retinyl palmitato è un derivato della vitamina A stabilizzato, utilizzato in oltre 500 filtri solari popolari, ma come ad una società emergente naturale cura della pelle, i potenziali pericoli si estendono ben oltre i prodotti solari.
"Centro Nazionale della FDA per la ricerca tossicologica e il National Toxicology Program hanno condotto studi che suggeriscono un possibile legame tra il cancro della pelle e palmitato retinile," Schumer ha detto nel corso di una recente conferenza.
Retinyl palmitato è un derivato della vitamina A stabilizzato, utilizzato in oltre 500 filtri solari popolari, ma come ad una società emergente naturale cura della pelle, i potenziali pericoli si estendono ben oltre i prodotti solari.
"Protezioni solari sono solo una piccola parte del mercato palmitato retinile. Ci sono centinaia di altri prodotti che lo utilizzano come ingrediente attivo tra sieri anti-età, creme per la pelle, cosmetici ed anche prodotti alimentari. Abbiamo sempre guidato lontano da usare palmitato retinile o qualsiasi suo contenuto di vitamina A sintetica parenti, perché le prove per i potenziali problemi è stato fuori per anni ", dice Wayne Perry, sviluppatore di prodotti di piombo per Greensations, una società naturale cura della pelle conosciuta per loro marchi ThermaSkin , ThermaScalp e tendenze giovanili .
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/retinilepalmitatocremesol.htm
Ed anche per molti anni ci hanno insegnato che il SOLE con i suoi raggi UVB (e ce ne hanno fatto delle pappardelle dei personaggi di primo piano) dichiarandoli CANCEROGENI. Facendoci spalmare sulla pelle PRODOTTI CHIMICI che non mangeremmo mai, ma che spalmandoli sulla pelle per preservare la SALUTE, permettiamo al nostro corpo di metterli direttamente nel sangue ed AVVELENARCI, sempre perchè questi prodotti CHIMICI nell'esame del sangue NON CI DEVONO ESSERE.
QUINDI QUANTE FALSITA' CI HANNO PROPINATO FIN'ORA E PER CHE COSA? SEMPLICE, NELLE NOSTRE MALATTIE
CI SGUAZZANO.
Scusate lo sfogo su tutte queste FALSITA'.
SUL VIDEO LA DOTTORESSA Debora Rasio....
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=Sf8_R_ScBhE
DICE
"Sono Debora Rasio, sono oncologa e nutrizionista, e nel 1992 appena laureata sono stata inviata negli Stati Uniti dove ho fatto ricerca.
"Sono rimasta per 8 anni e mi occupavo di ricerche nell'ambito oncologico, quindi studiavo quali erano i meccanismi alla base dello sviluppo del tumore.
Dopo 4 anni di questa ricerca, ero un pò insoddisfatta quindi ho proseguito...perchè avevo un'idea che questa teoria non avrebbe poi mai fatto questa differenza straordinaria per trasformare la vita di tutti quanti, sebbene in verità lo fà, perchè i farmaci stanno andando vanti nelle loro capacità di modulare l'espressione della malattia ed anche di curare."
SCUSATE SE MI PERMETTO, MA VORREI INTERPRETARE QUESTO VIDEO CERCANDO DI CAPIRE IL VERO MOTIVO PER CUI E' STATO FATTO, IN QUANTO NON SI FA' MAI NULLA PER NULLA E NOI QUESTO LO SAPPIAMO MOLTO BENE.
ORA, LA SOPRADETTA DICHIARAZIONE POSSO SOLO INTERPRETARLA CHE LEI HA CAPITO CHE L'UNICA POSSIBILITA' ESISTENTE ERA CHE "DI NON SCOPRIRE NULLA", POICHE' IN EFFETTI NON VI E' NULLA DA SCOPRIRE PER CURARE I TUMORI, SPECIALMENTE DI "CHIMICO" POI.
QUINDI AVENDO CAPITO QUESTO HA PREFERITO LASCIARE "LA RICERCA" RINUNCIANDO A QUEL LAUTO STIPENDIO  GARANTITO (ANCHE LAUTO SICURAMENTE POICHE' NON DEVONO DIFFONDERE LE VERITA') POICHE' QUESTO E' SENZA ALCUNA SODDISFAZIONE, PER TUTTA UNA VITA POI,.
ANCHE SE ALLA FINE DEL SUO RACCONTO, PER COPRIRE LE CARTE DICHIARA CHE I FARMACI IN FONDO "CURANO".
QUANTO HO INTERPRETATO SOPRA E' DIMOSTRATO AMPIAMENTE E CHIARAMENTE SOTTO PARLANDO DELLA VITAMINA D, DELLA QUALE LEI DICE CHE PREVIENE E CURA IL TUMORE E NON SOLO, MA TANTE ALTRE MALATTIE DICHIARATE FIN'ORA INCURABILI. ADDIRITTURA CONSIGLIA DI ANDARE CONTRO CERTE REGOLE, QUELLE SULLE "CREME SOLARI" INCULCATE A TUTTI DA MOLTI ANNI.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/vitaminadgiustoefalso.htm

La vitamina D è un ormone che ha 4500 recettori nelle cellule del sistema immunitario e svolge una potente azione antinfiammatoria, antidepressiva e permette la calcificazione e il rafforzamento delle ossa, oltre ad essere il miglior vaccino naturale a nostra disposizione.

Di seguito riporto la storia di Nadia che un paio di settimane fa ha condiviso su Facebook nel gruppo Chemioterapia Naturale ciò che è accaduto a suo padre dopo aver assunto la vitamina D su consiglio del dott. Claudio Sauro che abbiamo menzionato più volte nei nostri articoli essendo il più grande ricercatore in Italia avendo studiato gli effetti positivi su più di 700 pazienti negli ultimi anni.

21/10/2016
“Buonasera.
A distanza di dieci giorni dalla somministrazione di due fiale da 100.000 Dbase (NdR: integratore di vitamina D mutuabile o dal costo di 7€ in farmacia), mio padre ha recuperato il ricordo di avere una figlia di nome Nadia, è sciolto nel linguaggio, è spiritoso, il viso meno contratto, le reazioni emotive alle conversazioni più immediate. Vi ricordo che soffre di Alzheimer, e da questa estate la malattia ha avuto un picco di aggressività molto alto. A fine luglio quasi non reagiva più ai richiami,oltre al fatto che non parlava quasi più.
Ieri rideva, mi ha baciata e riconosciuta.”

29/10/2016
“Questa mattina mio padre si e’improvvisamente messo a piangere. Mia madre gli ha chiesto per quale motivo piangesse. La risposta di mio padre e’ stata la seguente:
“Ti ricordi quella bellissima (amore paterno ?) ragazza con i capelli neri che viene sempre qui?”
“Certo, la Nadia”
“Esatto,nostra figlia!”
“Quindi perché piangi?”
“Perché oggi non c’è, non è venuta a trovarmi”.
Mia madre incredula. Io più di lei. Non solo ha ricominciato a ricordarsi di me, addirittura ha il ricordo che vado spesso a trovarlo. Provate voi a far imprimere un ricordo a memoria breve nel cervello di uno con l’Alzheimer in stadio avanzato.
Provate a far parlare un uomo che non parlava più.
Vitamina D. Tre fiale di vitamina D.”

31/10/2016
“Aggiungo un ulteriore e significativo miglioramento: stamattina mio padre si e’improvvisamente ricordato di un suo fratello che non vede da vent’anni. E’ andato in bagno seguendo lo stimolo senza chiedere aiuto e,cosa veramente sbalorditiva, quando mia mamma lo ha rinfrescato ha detto “Mi vergogno”. Ovvero ha ritrovato quel senso del pudore che ha sempre avuto e che era una delle prime prese di coscienza di sé che aveva perduto. Poi ha sentito una canzone in televisione e si e’ messo a ballare a tempo.”

1/11/2016
“Buongiorno a tutti. Cerco di spiegare meglio che posso: sono casualmente venuta a conoscenza delle proprietà della vitamina D grazie a mia figlia, che ha quasi 21 anni, perché soffre da sempre di importanti dolori articolari e artrosi. Così, mentre curavo lei, ho convinto mia madre a provarla su mio padre, che ha 68 anni e da 8 anni soffre di Alzheimer. Purtroppo non vi so dire a quanto avesse i valori (NdR: di vitamina D) prima delle fiale, perché essendo disabile al 100% il prelievo lo ha fatto a casa con tempistiche che non vi dico. Non volendo aspettare (ogni volta che lo guardavo mi sembrava peggiorare), avevo deciso, dopo vari consulti e dopo una telefonata illuminante col dottor Sauro, di iniziare subito. Sono andata in farmacia e con meno di 7 euro ho preso una confezione di Dbase, sei fiale da 100.000. E in una settimana ne ha prese due. Naturalmente ero molto ancorata a terra in fatto di aspettative. Per una settimana non sono andata a trovarlo, proprio per non farmi autosuggestionare vedendo sfumature di un miglioramento magari inesistente.
Nel frattempo continuo la mia ricerca sulla vitamina D e imparo un po di cose.
E niente, passata la settimana torno dai miei. Mi avvicino come sempre al viso di mio padre per baciarlo sulla testa: “Ciao papà” dico sapendo che non avrò risposta e che mi guarderà ma in realtà non vedrà la sua Nadia, ma un viso estraneo.
E invece…”Ciao!” Mi dice lui sorridendo. E tenta di ricambiare il bacio. Ecco. Ho pianto per giorni. Da quel momento, piccoli ma indiscutibili miglioramenti quotidiani si sono susseguiti, sono riaffiorati ricordi, le battute in dialetto si sono sprecate, il linguaggio ha preso più scioltezza, le frasi (con calma e pazienza) venivano completate e avevano una loro logica. Attualmente ne ha prese altre due di fiale (NdR: 2 fiale a settimana per tre settimane). Finita la scatola inizieremo con le gocce quotidiane: 20 gocce di Dbase 10.000 UI equivalente a 5.000 UI al giorno”
Il dosaggio di vitamina D

La vitamina D va integrata tutti i giorni e non in mega dosi settimanali o mensili. La forma di vitamina D attiva che assumiamo attraverso gli integratori (colecalciferolo) ha una emivita di 24 ore ; significa che se prendiamo 10.000 UI, il corpo il giorno dopo ne ha 5.000 UI disponibili, dopo 3 giorni ne ha 2.500, dopo 4 giorni ne ha 1.250 e così via fino a scomparire (vedi il grafico sotto).

dosaggio vitamina d

La 25OH direttamente formatasi dalla idrossilazione epatica del colecalciferolo (vitamina D non attiva che si assume con gli integratori) ha emivita di circa 17 giorni, perfettamente in grado di essere supportata da integrazioni settimanali. Quella assunta in mega dosi fa aumentare subito il livello nel sangue, ma non la rende disponibile quotidianamente nei tessuti, dove ci serve maggiormente. Questo è il motivo per cui alcuni studi scientifici hanno avuto risultati inconcludenti o negativi per quanto riguarda la vitamina D: hanno utilizzato dosi basse o mensili/trimestrali. Dopo qualche giorno la vitamina D si era azzerata, pur elevando il livello nel sangue, ma non risultando più disponibile nei tessuti. La stragrande maggioranza dei medici italiani, è ferma a 30 anni fa.

dosaggio vitamina d giornaliero

Le dosi molto alte come ha fatto Nadia per suo padre su consiglio del Dott. Sauro servono inizialmente come “spinta d’urto” in malattie severe come appunto l’Alzheimer. Se si vuole mantenere un buon valore nel sangue e nei tessuti si deve poi integrare con dosaggi bassi ma quotidiani. Generalmente 20 gocce di Dbase 10.000 UI (ovvero 5.000 UI) sono una dose ottimale ma anche 10.000 UI al giorno (40 gocce di Dbase) vanno bene, l’importante è fare delle analisi del sangue periodiche per conoscere che livelli di vitamina D si sono raggiunti.

Le gocce di vitamina D si possono assumere durante il pasto di mezzogiorno o in alternativa in durante la giornata sopra una fetta di pane o in cibi grassi.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadalzaimer.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mer 16 Nov 2016 - 18:46

In fondo pagina addirittura 3 (tre) studi dimostrano la vera natura di DROGA del CAFFE' che aumentando la OMOCISTEINA nel sangue aiuta gli ICTUS e gli INFARTI. Altro che COLESTEROLO!!!!

Fin'ora, mancandoci delle necessaria informazione, non avevamo alcun mezzo per sapere se questi articoli sono veri o falsi,
MA ORA INVECE DELLE CHIACCHIERE, NOI ABBIAMO IN MANO UNO STRUMENTO PER UNA DIAGNOSI PRECOCE, CHE SERVE PER VERIFICARE SE BEVENDO QUESTO INDICATO CAFFE' OTTENIAMO QUELLA BASE NECESSARIA A QUESTI BENEFICI DI CUI LA OTTIMA SALUTE O MENO.

Si, questa DIAGNOSI PRECOCE ce l'ha indicata il dottor Angelo Bona: il valore della
OMOCISTEINA
difatti egli con un video ci informa che::
"OMOCISTEINA e malattie cardiovascolari
L'OMOCISTEINA è Un intermedio metabolico
nel ciclo dona Metionina, dei Folati e della Transulfatazione
Quando l'OMOCISTEINA è Bassa
significa
che il ciclo della mationina, dei folati e della via della TRANSULFATAZIONE va bene
ed il rischio vascolare
è basso
I Valori Normali di OMOCISTEINA
sono inferiori a 13 micromoli/L
Valori moderatamente elevati di OMOCISTEINA
Oscillano tra i 13 ed i 60 micromoli/L
Ma quando l'OMOCISTEINA nel sangue supera i 60 micrimoli/L
Aumenta il rischio di Incidenti cardiovascolari
quali
Ictus, Infarti
e trombosi Venose profonde
Ma perchè l'OMOCISTEINA Alta aumenta il rischio cardiovascolare?
Il Motivo dipende dal fatto
che quando l'OMOCISTEINA è Alta
il SAMe detto S-adenosil-metionina
risulta BASSO
e quindi
I vasi sanguigni
fanno fatica ad esprimere un enzima Salva Vita
che si chiama
eNOS
eNOs
in caso di qualsiasi occlusione Vascolare
produce istantaneamente
Ossido Nitrico
che provoca una rapida Vasodilatazione del vaso sanguigno
SBLOCCANDOLO
e prevenendo quindi
l'incidente vascolare
Non a caso
in caso di infarto
gli operatori sanitari
somministrano NITROGLICERINA
allo scopo di formare Ossido Nitrico nei vasi
e quindi
provocare una vasodilatazione
al fine di sbloccare l'ostruzione vascolare
Quindi un eccesso di OMOCISTEINA nel sangue
aumenta il rischio di Incidenti Vascolari
e disfunzioni endoteliali
Per mancata espressione di eNOS
l'Enzima Salvavita che vi sblocca i vasi sanguigni
mediante produzione di Ossido Nitrico
In caso di Occlusione Vascolare è
l'OMOCISTEINA ALTA
può essere tenuta sotto controllo
con 5 VITAMINE
VITAMINE B6, B9, B12, BETAINA
e sopratutto
ACIDO ASCORBICO
e lo ZINCO
e RIDUCENDO
il consumo di
Carni Rosse e caseine ricche di Metionina
Zucchero ed amidi raffinati
Perchè questi ultimi bloccano mediante l'Insulina
la via della TRANSULFATAZIONE
e bisogna eliminare anche
l'uso di CAFFEINA FUMO DI SIGARETTA e TEINA
Ma sopratutto ingoiare giornalmente ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENAZIALI"
perchè nessun animale soffre di Malattie Cardiovascolari.
Ce lo dice il dr. Mathias Rath con questo video
http://www.perche-gli-animali-non-sono-soggetti-ad-attacchi-cardiaci.org/
Questo fatto è perchè ogni essere vivente questo ACIDO ASCORBICO se lo AUTOPRODUCE dal concepimento alla morte, mentre l'Homo Sapiens NO."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/omocisteinavideo.htm

Abuso di Caffè e Omocisteina alta
Scritto il 14 novembre 2016 by liboorioquinto

Quando vado nei luoghi pubblici frequentati da professionisti, lavoratori, medici ed avvocati, rimango sbalordito della quantità di CAFFE' che assumono nell'arco delle 24 ora. C'è gente che inizia la mattina con una tazza di CAFFE' a colazione, poi si fanno una tazzina di CAFFE' al bar a metà mattina, poi a fine pranzo si fanno un terzo caffettino.... ed ancora CAFFE' a metà pomeriggio e Cena.
Queste persone le possiamo definire consumatori cronici di CAFFE'.
Quando parliamo di CAFFE' pensiamo sempre ai danni provocati dalla CAFFEINA sul sistema nervoso; Ma l'abuso di CAFFE' fa peggio!
L'abuso di CAFFE' favorisce l'innalzamento dei livelli di OMOCISTEINA e se consumata in modo sproporzionato può favorire le malattie cardiovascolari e Non solo!
L'OMOCISTEINA è un marker aspecifico di infiammazione; Quando i livelli di OMOCISTEINA aumentano, c'è più di qualche cosa che nell'organismo non Va!
Alti livelli di OMOCISTEAINA sono correlati ad un maggior rischio di:
1. attacchi cardiaci
 
2. Ictus

3.arteriosclerosi e trombosi venose profonde

4. Disturbi neurologici

5.Calo dell'efficienza metabolica

6. Osteoporosi ed artrosi

7.Aumentato rischio di aborti, parti prematuri e presenza di difetti del tubo neurale dei nascituri

8.calo dei processi di detossificazione a mezzo di metili e glutatione

9.calo dei processi di modulazione genica per metilazione

10.disfunzione erettile e calo ddeella potenza sessuale maschile

Ma perchè l'abuso del CAFFE' impenna i livelli di OMOCISTEINA?
Il CAFFE' è una bevanda ricca di polifenoli, inparticolare di acido slorogenico; il fagato smaltisce l'acido clorogenico assunto con il CAFFE' attraverso i processi di metilazione; per metilare, il fegato consuma un intermedio metabolico del ciclo della metionina, noto con il nome di SAMe (o S-adenosil-metionina).
L'acido clorigenico quindi viene metilato dal fegato in acido metil clorogenico; Se si abusa di CAFFE', l'eccessivo introito di acido clorogenico esaurisce le riserve di SAMe e di acido folico e di conseguenza aumentano i livelli ematici di OMOCISTEINA con tutte le coseguenze negative sulla salute.
Un secondo motivo per il quale il CAFFE' impenna i liveli di OMOCISTEINA è la presenza di CAFFEINA; la CAFFEINA del CAFFE' ed in perte del TE', secondo alcune ricerche sembra fungere da vitamina B6 favorita dal consumo di CAFFE' e TE', rallenta il ciclo della metionina e dei folati ed i livelli di OMOCISTEINA si impennano.
Una bevanda che può far schizzare in alto i livelli di OMOCISTEINA è il TE' nero; il TE? nero come il CAFFE' è ricco di CAFFEINA (TEINA), acido clorogenico ed acido gallico: mentre la CAFFEINA e la TEINA competono con la B6 per il funzionamento della cistationina sintasi., l'acido gallico e clorogenico esauriscono i livelli di SAMe, facendo impennare i livelli di OMOCISTEINA.
In conclusione il CAFFE' ed io TE' nero potete berli con moderazione e vanno evitati gli eccessi; dovrebbero evitare queste bevande le donne in gravidanza, i bambini e gli uomini e donne con problemi cardiovascolari in quanto più suscettibili ai danni provocati dalla OMOCISTEINA alta.
I soggetti che presentano alti livelli ematici di OMOCISTEINA dovrebbero astenersi dal consumo di CAFFE' e TE' nero, in quanto peggiorerebbero la situazione.

FONTI BIBLIOGRAFICHE
studio 1
http://ajcn.nutrition.org/content/77/4/907.long


Can tè nero influenza plasmatici di omocisteina totale concentrazione? 1,2,3

    Jonathan M Hodgson, Valerie Burke, Lawrence J Beilin, Kevin D Croft, e Ian B Puddey

+
affiliazioni di autori

    1Dalla Facoltà di Medicina e Farmacologia, University of Western Australia e Western Australian Institute for Medical Research, Royal Perth Hospital, Perth, Australia.

 
Sezione successiva
astratto

Background: polifenoli possono agire come accettori di gruppi metilici durante il metabolismo della metionina omocisteina. Ciò può provocare l'innalzamento di omocisteina totale (tHcy) le concentrazioni plasmatiche dopo l'ingestione di bevande ricche di polifenoli come il tè.

Obiettivi: Il nostro obiettivo principale era quello di determinare se regolari, prese moderato-alto di tè nero alterano le concentrazioni di omocisteina totale. Abbiamo anche valutato la relazione tra il grado di O-metilazione di polifenoli del tè-derivato e il cambiamento tHcy con l'ingestione regolare di tè.

Design: Ventidue soggetti ha completato uno studio crossover randomizzato, controllato. I soggetti hanno consumato 1.250 ml tè nero / D (5 tazze ciascuno contenente 2 g di foglie di tè in 250 ml di acqua bollita) e 1250 ml di acqua calda / die per 4 settimane ciascuno. Il digiuno concentrazioni di omocisteina totale e 24 ore escrezione urinaria di acido 4-O-methylgallic (4OMGA, il principale metabolita O-metilato di acido gallico) sono stati misurati al termine di ciascun periodo. 4OMGA stato utilizzato come marcatore di grado O-metilazione di polifenoli del tè-derivato.

Risultati: Tè nero non ha alterato in modo significativo le concentrazioni medie (± SEM) di omocisteina totale (9,9 ± 0,5 e 10,0 ± 0,5 mmol / L per l'acqua calda e periodi di tè nero, rispettivamente). Tuttavia, l'aumento dell'escrezione di 4OMGA come conseguenza del consumo di tè nero era positivamente associato con il cambiamento di omocisteina dal periodo di acqua calda per il periodo tè nero (r = 0,55, p = 0,008). I soggetti nel quartile più basso di aumento di 4OMGA escrezione avuto una diminuzione significativa omocisteina totale (-0.28 ± 0.10 mmol / l; P = 0.046), e quelli nel quartile superiore ha avuto un significativo aumento della omocisteina totale (0.78 ± 0.16 mmol / L; P = 0.005).

Conclusioni: Nel complesso, l'ingestione regolare di tè nero non hanno alterato concentrazioni medie di omocisteina totale. Tuttavia, le differenze individuali nella O-metilazione di composti polifenolici possono influenzare gli effetti finali di tè nero su omocisteina totale.
Google Traduttore per il Business:Translator ToolkitTraduttore di siti webStrumento a supporto dell'export


studio 2
http://ajcn.nutrition.org/content/73/3/532.abstract?ijkey=b1ba2a4a880f7e2b22f3d12e079d3a8c6cd8a383&keytype2=tf_ipsecsha

Il consumo di alte dosi di acido clorogenico, presenti nel caffè o di tè nero aumenta le concentrazioni plasmatiche di omocisteina totale in humans1,2,3

     Margreet R Olthof, Peter C Hollman, Peter L Zock, e Martijn Katan B

+
affiliazioni di autori

astratto

Contesto: Negli studi di popolazione, un elevato consumo di caffè sono associati a concentrazioni elevati di omocisteina plasmatica, un predittore di rischio di malattie cardiovascolari. L'acido clorogenico è un importante polifenolo nel caffè; bevitori di caffè consumano fino a 1 g di acido clorogenico / d.

Obiettivo: Abbiamo studiato se l'acido clorogenico colpisce le concentrazioni di omocisteina totale del plasma negli esseri umani. Per confronto abbiamo anche studiato gli effetti del tè nero ricco di polifenoli e di quercetina-3-rutinoside, un importante flavonolo nel tè e le mele.

Design: In questo studio crossover, 20 uomini e donne sani ingerito 2 g (5,5 mmol) acido clorogenico, 4 g di nero solidi tè contenenti ˜4.3 mmol polifenoli e paragonabile a ˜2 L forte tè nero, 440 mg (0,7 mmol) quercetin- 3-rutinoside, o un placebo al giorno. Ogni soggetto ha ricevuto ciascuno dei 4 trattamenti per 7 d, in ordine casuale.

Risultati: omocisteina totale nel plasma raccolti 4-5 ore dopo l'assunzione di supplemento è stato del 12% (1,2 mmol / L; 95% CI: 0.6, 1.7) più alto dopo l'acido clorogenico e l'11% (1,1 mmol / L; 95% CI: 0.6, 1.5) più alto dopo il tè nero che dopo placebo. omocisteina totale nel plasma a digiuno raccolto 20 ore dopo l'assunzione di integratore è stata del 4% (0,4 mmol / L; 95% CI: 0.0, 0.Cool più alto dopo l'acido clorogenico e il 5% (0,5 mmol / L; 95% CI: 0.0, 0.9) più elevato dopo il tè nero che dopo placebo. La quercetina-3-rutinoside non ha influenzato in modo significativo le concentrazioni di omocisteina.

Conclusioni: acido clorogenico, un composto nel caffè, e tè nero sollevano concentrazioni totali di omocisteina nel plasma. L'acido clorogenico potrebbe essere in parte responsabile per le concentrazioni di omocisteina elevati osservati nei bevitori di caffè. Se questi effetti sul dell'omocisteina influenza rischio di malattia cardiovascolare resta da stabilire. Am J Clin Nutr 2001; 73: 532-8.


studio 3
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23855730


Formato: Estratto

Inviare a
Nurs Salute Sci. 2014 Giugno; 16 (2): 164-70. doi: 10.1111 / nhs.12080. Epub 2013 Jul 16 anni.
Relazione tra livello di omocisteina totale plasmatica e dietetici caffeina e vitamina B6 prese nelle donne in gravidanza.
Shiraishi M1, Haruna M, Matsuzaki M, Ota E, Murayama R, S Sasaki, Yeo S, Murashima S.
Informazioni sull'autore
astratto

Un alto livello di omocisteina totale (tHcy) durante la gravidanza è un fattore di rischio per esiti perinatali avversi, come la restrizione della crescita fetale e preeclampsia. Caffeina si ipotizza di aumentare i livelli di omocisteina totale agendo come antagonista della vitamina B6. L'obiettivo di questo studio era di esaminare la relazione tra i livelli circolanti di omocisteina totale e caffeina alimentari e sull'assunzione di vitamina B6 in gravidanza donne giapponesi. Un totale di 321 donne sane con gravidanze singole sono stati reclutati in Tokyo metropolitana, da giugno a dicembre 2008, con conseguente il numero finale inclusi nello studio come 254. assunzione di caffeina dietetici non correlava con i livelli di omocisteina totale plasmatica. Quando abbiamo analizzato i dati in base alle bevande contenenti caffeina, il consumo di tè con caffeina era positivamente associato a livelli di omocisteina totale plasmatica solo tra le donne con un elevato apporto di vitamina B6, dopo il controllo per fattori confondenti (p = 0,029). è stata trovata alcuna correlazione tra il consumo di caffè ed i livelli di omocisteina totale plasma. Incinte donne giapponesi potrebbero aver bisogno di ridurre il consumo di tè con caffeina, così come prendere sufficiente vitamina B6 al fine di evitare che i livelli di omocisteina totale di aumentare.

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/caffeomocisteina.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Ven 18 Nov 2016 - 19:34

I proprietari di queste industrie alimentari non hanno proprio rispetto per nulla e nessuno, conta SOLO IL LUCRO, il BUSINESS che fà il PIL. La SALUTE UMANA? e cosa conta? tanto prima o poi devono morire e questi gestori non pensano che è logico che anche loro siano parte dell'ingranaggio. Senza contare il rispetto degli animali e degli insetti che popolano la terra. Nulla, nulla deve intralciare il loro cammino verso la VANA ricchezza.
Difatti iniziano dagli "AROMI" o "AROMI NATURALI", prodotti CHIMICI CANCEROGENI, passando per gli animali ed anche gli insetti, che poi ci mettono nei cibi e nelle bevande facendo bere della aranciata alle coccinelle, e non solo, ma anche la salsiccia alle coccinelle ed in molti altri CIBI e BEVANDE . CHE SCHIFO A PENSARCI!!!
L'articolo sotto parla della "farina 00" usata per il pane, ma e per i biscotti, le brioss, i dolci ed i dolcetti tanto invitanti, che troviamo sia nei supermercati che nei bar in bellavista ed il più delle volte posti per l'acquisto di "impulso" vicino alle casse.
Sono certo che il contenuto è il medesimo con l'aggiunta degli "AROMI" o "AROMI NATURALI" quindi è ancora peggio, in quanto un insieme di prodotti CANCEROGENI che poi alla fine sono coperti dalla COMPLICE classe medica con la parola EREDITARIETA'.                               
Non sai cosa sono gli "AROMI" o "AROMI NATURALI"?                               
Un IMBROGLIO tra i peggiori non te lo perdere. La pagina recita:                               
"Svelato il segreto più gelosamente custodito dalle multinazionali alimentari
Tutte le aziende alimentari custodiscono gelosamente UN PICCOLO SPORCO SEGRETO e oggi voglio rivelartelo mettendo a nudo tutta la questione!
Molte persone parlano degli additivi chimici utilizzati come ingredienti, questo però non è il solo problema: le aziende alimentari inseriscono qualcos'altro negli alimenti, qualcosa che sfugge alle regolamentazioni qualcosa di DAVVERO MESCHINO.
Il problema principale di ogni azienda alimentare è vendere di più spendendo di meno.
Per far ciò le aziende nell'ultimo secolo si sono sempre più modernizzate, implementando sistemi di produzione ad alta resa e bassa spesa.
Questi sistemi di produzione sono stati applicati all'agricoltura, agli allevamenti e tutta la produzione successiva.
Procedimenti altamente tecnologici producono enormi quantità di cibo in pochissimo tempo.
Tutto ciò però ha contribuito a far crescere un problema: il cibo industriale NON E' SAPORITO, PERDE TUTTO IL SUO SAPORE NATURALE le diverse fasi di lavorazione: la lavorazione è diventata iper-tecnologica, ma LA VERDURA, LA FRUTTA, LA CARNE, IL LATTE. I LATTICINI e le materie prime non sono risultate adatte per essere sottoposte a questo tipo di stress meccanico e chimico, risultato il cibo che esce dalla filiera ad alta tecnologia non ha più sapore, è cattivo, e nessun uomo lo accoglierebbe come cibo in quello stato.
Ma un momento! Il cibo che troviamo al supermercato è gustoso, pieno di sapore, eppure proviene da procedimenti industriali: come è possibile tutto ciò?
La risposta è semplice:
CHIMICA!
Questo è il segreto delle aziende alimentari, tutto il sapore dei loro cibi proviene da quell'unica piccola parolina sul fondo della lista degli ingredienti:
“AROMI”.
Dietro a questa semplice e onnipresente scritta si può celare di tutto.
E non farti ingannare dal termine “Aromi naturali”: la differenza con il semplice termine
“Aromi” è davvero minima e di naturale c'è ben poco (potremmo dire niente!).
Gli aromi costituiscono un mercato fiorente gestito da poche compagnie di punta in tutto il
mondo.
Si parla addirittura di servizi segreti del cibo.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/aromia.htm  

Un colorante alimentare che fà molto discutere è il rosso cocciniglia; Il Rosso Cocciniglia viene estratto dallo scheletro (involucro esterno) di alcune specie di insetti ed è ampiamente usa dall'industria alimentare per colorare di rosso, arancione, succhi di frutta rossi (tipo l'aranciata rossa) bevande gassate, bevande alcoliche, caramelle, dolciumi, alcuni tipi di gelati, creme, ecc. Gli alimenti e bevande confezionate che contengono il colorante cocciniglia viene indicato con la sigla E120.
Pensate che occorre sterminare circa 100.000.000 (centomila) cocciniglie femmine per produrre 1 kg di colorante rosso cocciniglia E120. Le cocciniglie di xexxo maschile vengono escluse da questa mattanza perchè producono meno colorante.
Quando beviamo un succo di arancia rossa, molto probabilmente quel rosso non dipende dal pigmento delle arance, ma dal dolorante E120 estratto dalle cocciniglia.
Produrre aranciate rosse direttamente dalle arance rosse è quasi impossibile, perchè il pigmento rosso dell'aranciata a contatto con l'ossigeno diventerebbe marrone, ed un succo di aranciata marrone nessuno lo consumerebbe.
Quindi l'industria dei succhi di frutta preferisce utilizzare le aranciate bionde per produrre succhi di arance e poi colorarle con colorante rosso E120 estratto dalla cocciniglia.
Il rosso cocciniglia si estrae dal corpo delle cocciniglie femmine ricche di acido carminico; Per estrarre il colorante, vengono uccise le cocciniglie di xexxo femminile e successiva macinazione e setacciamento con vibrovagli per separare lo scheletro ricco di colorante dalle altre parti anatomiche dell'insetto. Una volta separati, gli esoscheletri vengono messi a bagno con acqua calda per un certo lasso di tempo; L'acqua estrae il colorante dall'esoscheletro delle cocciniglie tingendosi di rosso e successivamente, ottenendo una polvere secca da confezionare in barattoli o buste sotto vuoto e smerciare all'industria alimentare e tessile per colorare di rosso alimenti, bevande, gelati e fibre tessili.
Dal punto di vista igienico sanitario, il rosso cocciniglia alle dosi di impiego sembra non creare problemi di intossicazione alimentare; Solo i soggetti allergici ad acari ed insetti, possono accusare reazioni allergiche IgE mediate dal contatto o assunzione di bevande contenenti il rosso cocciniglia.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/colorantee120cocciniglia.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Dom 20 Nov 2016 - 18:18

Ciao, Marino Rossi ci propone una sua esperienza di un deodorate naturale.

Triclosan, l'antimicrobico 'killer' del fegato
Un antimicrobico molto comune nei prodotti per l'igiene personale può attaccare il fegato e danneggiarlo seriamente causando la fibrosi epatica o il tumore. A lanciare l'allarme sulla pericolosità del Triclosan, additivo contenuto in molti saponi per le mani e in prodotti per la casa, è uno studio dell'University of California pubblicato sulla rivista 'Proceedings of the National Academy of Sciences'.
"L'aumento della diffusione del Triclosan rappresenta un rischio di tossicità epatica per le persone, superando il vantaggio moderato che può rappresentare come detergente antimicrobico", ha spiegato Robert H. Tukey, docente di chimica e autore dello studio.
Lo studio suggerisce che il Triclosan è pericoloso perché interferisce con lo sviluppo del recettore dell'androstano, una proteina responsabile del metabolismo di sostanze chimiche estranee al corpo. Il danno provocato a questa proteina causa una proliferazione di cellule epatiche e nel tempo una fibrosi epatica. Recenti studi hanno inoltre trovato tracce di Triclosan nel 97% dei campioni di latte materno e nelle urine di quasi il 75% delle persone testate.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/saponitriclosan.htm

Gli antitraspiranti agiscono in modo da bloccare le ghiandole sudoripare, che fermano la secrezione di proteine e acidi grassi.
La maggior parte degli antitraspiranti sono realizzati con sali di alluminio come il cloruro di alluminio, il cloridrato di alluminio o di composti di zirconio di alluminio. Poiché sono antitraspiranti cambiano la fisiologia del corpo, e in realtà sono considerati alla stregua di un farmaco negli Stati Uniti e sono regolamentati dalla Food and Drug Administration.
Ogni antitraspirante venduto negli Stati Uniti ha un Drug Identification Number(DIN), indicata in etichetta.
L’esposizione cronica all’alluminio produce neurotossicità
Nel 1986, l‘alluminio è stato riconosciuto come neurotossina negli Stati Uniti. L’EPA statunitense ha stabilito un range di sicurezza per i sali di alluminio nell’acqua potabile pubblica, che è 0,05-0,2 milligrammi per litro.
In una pubblicazione del 2010 la: Neurotoxicology, i ricercatori del Department of Medicine at the University of California hanno mostrato come l’esposizione prolungata ai sali di alluminio provoca neurotossicità.
In un modello animale, l’alluminio è stato dato a bassi livelli per determinare l’accelerazione di invecchiamento cerebrale.
Hanno scoperto che i sali di alluminio possono aumentare i livelli di attivazione gliale, citochine infiammatorie e proteine amiloide precursore all’interno del cervello.
Questi aumenti sono tutti indicativi di invecchiamento cerebrale accelerato.
Il sali di alluminio in modo efficace danno maggiore infiammazione al cervello ed è presente anche nei pazienti di Alzheimer.
Sorprendentemente, i sali di alluminio come alluminio e zirconio sono commercializzati come principio attivo in molti antitraspiranti commerciali.
Lo zirconio alluminio costituisce il 15 per cento o più della maggior parte degli antitraspiranti commerciali!
L’etichetta spesso avvertono i consumatori che il prodotto può causare gravi danni ai reni.
Ecco un esempio di etichetta antitraspirante qui sotto.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/deodorantitraspiranti.htm.

Da notifiche
Marino Rossi
17 naovembre 2016 ore 23:58

Fatevi un deodorante naturale.
Io ho preso un deodorante spray, l'ho svuotato e ho messo dentro acqua distillata, 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio e 3 gocce di olio essenziale tea tre oil.
Il risultato è ottimo. Il bicarbonato pulisce e deterge l olio essenziale profuma ed è antibatterico.
In dettaglio procedere così..
Versate in un bicchiere acqua distillata tanto da riempire il contenitore spray che usate. Nel mio caso era di 75 cl, per cui versate 75 cl di acqua distillata in un bicchiere. Poi metteteci 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio ogni 75 ml di acqua (nel mio caso 1 solo cucchiaio, se avessi utilizzato 150 ml, 2 cucchiai di bicarbonato di sodio). Poi girate X circa 3 minuti il composto. Fate riposare un'ora. Dopo versate lentamente l'acqua ricavata dentro il contenitore lasciando sul fondo le scorie di bicarbonato. Come ultimo passaggio versate le 3 gocce (ogni 75 ml) di olio essenziale da voi preferito. Ricordatevi di agitare sempre prima dell'uso.
Provate . Io lo faccio e uso ormai da 6 mesi. Mi trovo benissimo..
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
Mi piaceVedi altre reazioni
CommentaCondividi
63 Tu, Gigi Mar, Vincenzo Laratta e altri 60
22 condivisioni
38 commenti
Commenti
Claudia Di Giorgio
Claudia Di Giorgio Grazie!!!!!! non sopporto i deodoranti in commercio mi pizzicato ci devo provare!
Non mi piace più · Rispondi · 4 · 14 h

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/deodorantenaturalemarino.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mar 22 Nov 2016 - 22:03

Ecco che nella pagina abbiamo una prova SCIENTIFICA, la quale dimostra che da un fagiolo non si può ricavare ORO, o CIBO NATURALE, ma SOLO "PRODOTTI CHIMICI CANCEROGENI", perchè per dare il GUSTO ci vogliono gli "AROMI" prodotti CHIMICI CANCEROGENI, che ora tanto per iniziare abbiamo prova che una PATOLOGIA GRAVE come l'ASMA è dietro l'angolo per chi il fagiolo SOIA in qualche modo lo consuma.

Dobbiamo partire da quello che è stata la storia e che quindi ci porta indietro nel tempo, ma che ci deve far capire molte cose.
Sappiamo per certo che un veneziano di nome Marco Polo, è stato per noi in grande commerciante.
Sappiamo che ad ogni suo viaggio in oriente ci portava spezie, tappeti e sete, di cui le donne si vestivano spendendo a volte vere fortune.
Quindi questo ottimo commerciante, ma altri come lui, sono certo che si è imbattuto e non solo ma ha anche ingoiato, ciò che in quei luoghi lontani hanno prodotto ricavandolo dalla soia.
Penso che questo gli sia capitato più e più volte, e mi chiedo:
"Possibile che un così bravo commerciante non abbia mai pensato di portare anche questa soia facendola conoscere anche in occidente?"
Se non lo ha fatto, un motivo deve pur averlo avuto, vero?
Certo, informandosi nei luoghi ha scoperto che per produrne dei cibi questo fagiolo doveva essere lasciato a fermentare, ed il cibo che se ne poteva ricavare è ben poca cosa.
Questo perchè a quei tempi non vi erano ancora le conoscenze di oggi sulla CHIMICA, ma ecco che arriva questa CHIMICA che insieme ai cervelloni profittatori hanno trovato il modo cambiare completamente la naturale lavorazione di questa soia.
Difatti, da un fagiolo, con la CHIMICA, sia per la estrazione che per dare il sapore, si fà di tutto.
Latte, yogurth, carne e chi più ne ha più ne metta che per dare il gusto devono metterci gli "AROMI" CANCEROGENI.
Certo, i guadagni sono allettanti. La produzione ha un costo irrisorio e viene fatta naturalmente nell'acqua, quindi niente spese, ma SOLO RESE.
Inoltre ha un enorme vantaggio, serve allo scopo cui molti, cosi detti scienziati hanno progettano nel medio termine:
"DIMINUIRE LA POPOLAZIONE MONDIALE UMANA"
Per dimostrare che non viaggio di fantasia, riporto ciò che dell'articolo sotto mi preme riportare a conferma, un dato di fatto che ormai non mi stupisce minimamente,
"4. La SOIA contiene emoaglutinine che possono causare l'aggregazione dei globuli rossi favorendo la formazione di trombi.
5. La Daidzeina e Genisteina della SOIA interferiscono contro la fertilità della donna e dell'uomo."
e di cui 
il giornalista Maurizio Blondet ci ha dato una precisa informazione e scrive:
"ELIMINARE 4 MILIARDI DI UOMINI
.......
«Non siamo meglio dei batteri!», ha detto lo scienziato, ridanciano, fra gli applausi.
La crescita della popolazione umana sta «rovinando» il pianeta.
Bisogna salvare il pianeta prima che sia troppo tardi.
Per salvarlo, ha detto, occorre che la popolazione umana sia ridotta al 10% di quella attuale («oltretutto, i carburanti fossili sono alla fine»).
.......
Pianka ha lodato la politica cinese del figlio unico, con sterilizzazione forzata delle donne che infrangono la norma: «dovremmo sterilizzare ognuno sul pianeta», ha esclamato: «se no, gli incoscienti erediteranno la terra» (applausi, risate).
Ma la sua preferenza va al cavaliere della «peste»: una qualche forma di pandemia è quel che ci vuole per uccidere rapidamente miliardi di persone.
Nuova diapositiva: file di teschi umani.
L’influenza aviaria?
Magari scoppiasse, ma ancora non basterebbe (risate dal pubblico).
L’Aids?
Decisamente troppo lento."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/personeinmeno.htm

Il consumo di soia è associato ad un aumentato rischio di asma

L’ obiettivo dello studio è stato quello di determinare se il cibo e l’ apporto nutrizionale in adulti affetti da asma è diverso da quello degli adulti senza asma. Nello studio sono state analizzate le abitudini alimentari di 1.601 adulti (età media 34,6 anni).

Lo studio ha rilevato:
–Il consumo di bevande a base di soia è stata associata ad un aumentato rischio di asma .
–Il consumo di burro, carne rossa, grassi totali, grassi saturi e colesterolo sono stati associati con un minor rischio di asma .

Riferimento:
American Journal of Clinical Nutrition 2003 Settembre ; 78 (3) :414-21
Food and nutrient intakes and asthma risk in young adults.
Woods RK, Walters EH, Raven JM, Wolfe R, Ireland PD, Thien FC, Abramson MJ.
Department of Epidemiology & Preventive Medicine, Central and Eastern Clinical School, Monash University, and The Alfred Hospital, Melbourne, Victoria, Australia.

Soia? No grazie!


RD ECCO LA TRADUZIONE DELLO STUDIO:

Formato: Estratto

Inviare a
Am J Clin Nutr. 2003 Sep; 78 (3): 414-21.
Il cibo e l'assunzione di nutrienti e l'asma rischio nei giovani adulti.
Woods RK1, Walters EH, Raven JM, Wolfe R, Irlanda PD, Thien FC, Abramson MJ.
Informazioni sull'autore
astratto
SFONDO:

Alcuni aspetti della dieta sono relativamente di recente riconosciuto i potenziali fattori di rischio per l'asma, ma le prove fino ad oggi è in conflitto.
OBBIETTIVO:

L'obiettivo era quello di determinare se i prodotti alimentari e nutrienti assunzione di adulti con asma differiscono da quelle degli adulti senza asma.
DESIGN:

Questo è stato un, studio trasversale basato sulla comunità di 1601 giovani adulti (+/- SD età: 34.6 +/- 7.1 Y) che sono stati inizialmente reclutati tramite la selezione casuale dalle liste elettorali federali a Melbourne nel 1999. I soggetti hanno completato una dettagliata Respiratory Questionnaire, un questionario semiquantitativo alimentare frequenza convalidato, test cutanei, e la funzione polmonare test, tra cui un test alla metacolina per iperreattività bronchiale (BHR). Un totale di 25 sostanze nutritive e 47 gruppi di alimenti sono stati analizzati utilizzando regressione logistica multipla con le definizioni alternative di asma e atopia come i risultati.
RISULTATI:

Il latte intero è apparso per proteggere contro l'asma corrente (odds ratio: 0,66; 95% CI: 0.46, 0.97), medico-diagnosticata l'asma (0,73; 0,54, 0,99), BHR (0.68; 0.48, 0.92), e atopia (0,71; 0,54 , 0,94). Al contrario, bevanda di soia è stato associato ad un aumento del rischio di asma corrente (2.05; 1.19, 3.53), asma medico-diagnosticati (1,69; 1,04, 2,77), e BHR (1,65; 1,00, 2,71). Mele e pere è apparso per proteggere contro l'asma corrente (0,83; 0,71, 0,98), asma (0,88; 0,78, 1,00), e BHR (0,88; 0,77, 1,00).
CONCLUSIONI:

Il consumo di prodotti lattiero-caseari, bevande a base di soia, e le mele e pere, ma non di nutrienti di per sé, è stato associato ad una serie di definizioni di asma. modificazioni della dieta dopo la diagnosi è una possibile spiegazione per questo risultato. studi di intervento che utilizzano cibi integrali sono necessari per accertare se tali modifiche di assunzione di cibo potrebbe essere utile nella prevenzione o miglioramento dell'asma.
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/soiaeasma.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Gio 24 Nov 2016 - 16:11

Con mia grande sorpresa ecco la mia CARENZA di vitamina D riscontrata nel 2014 con valore 22.9
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/esame14.htm

In seguito a ricerche fatte con i nostri contatti è risultato che chi è CARENTE di questa vitamina D è in eccesso di COLESTEROLO.
Sembra che il corpo che NON E' STUPIDO e dato che si AUTOPRODUCE entrambi dica:
"...io ti produco più COLESTEROLO, tu ESPONITI AL SOLE che HO BISOGNO DI vitamina D", poichè questa è l'AUTOPRODUZIONE di questa vitamina.
COLESTEROLO + RAGGI UV = vitamina D
Personalmente ne sono un esempio lampante con questi valori datati 21 gennaio 2014 di cui:
VITAMINA D TOTALE (25-OH D)                   22.9            valori di riferimento [30.0 - 74.0]
COLESTEROLO TOTALE                                223             valore ottimale 110-200 mc/dl
rilevabili dall'esame sopra.
Sulla vitamina D legata a questo COLESTEROLO.
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadbase.htm

Ancora una cosa è importante dire. Probabilmente la PIU' IMPORTANTE e che riguarda il COLESTEROLO ALTO. Innanzi tutto bisogna dire al riguardo che il COLESTEROLO è FALSO che sia ALTO, poichè, e dato che il corpo questo se lo AUTOPRODUCE dal fegato per più dell'80% mentre dal CIBO ne ottiene solo una piccola percentuale (questo lo ha impostato Madre Natura per il RISPARMIO DI ENERGIE impiegate per questa AUTOPRODUZIONE come da questa pagina:
"Una esperienza personale fatta con Franca e tre amici.
Mi dispiace deludere qualcuno, ma il COLESTEROLO NON ESISTE. Mi permetto di dire questo in quanto senza COLESTEROLO NON ESISTE LA VITA, persino nei vegetali. Su questo la ricerca scientifica ha molto poco da fare, in quanto TUTTO QUANTO CI DICONO E' FALSO.
Quello che NON ci dicono è che il nostro COLESTEROLO è prodotto per MINIMO l'80% dal nostro FEGATO e che per farlo impiega delle ENERGIE di cui il nostro corpo DEVE AVERE a disposizione per produrlo.
Bisogna sapere che ogni animale, per LA SUA VITA DEVE produrre GIORNALMENTE 4 "ALIMENTI ESSENZIALI" che per produrli ha bisogno di ENERGIE.
Il primo, il più importante, cui l'Homo Sapiens ha perso la facoltà di AUTO PRODURSELO per il 100%, mentre per il resto degli animali è un METABOLITA prodotto al bisogno, senza limiti nè di quantità, nè di tempo, si chiama ACIDO ASCORBICO.
La seconda produzione AUTONOMA e quella del COLESTEROLO, ma per risparmiare ENERGIE Madre Natura NON ne fà produrre la totalità come fà con l'ACIDO ASCORBICO, ma lascia che il corpo ne recuperi una parte dai CIBI, risparmiando quelle ENERGIE che sono molto importanti per la eventuale difesa dai nemici o per l'impiego del recupero del cibo. Per l'alimentazione, vedi per esempio il leone.
La terza produzione AUTONOMA che ritengo altrettanto importante della seconda è quella della vitamina D, da produrre per il 100%.
Per questa vitamina D, Madre Natura ha impostato la produzione usufruendo dei raggi UV del SOLE ed approfittando del COLESTEROLO già AUTO PRODOTTO risparmiando così ENERGIE già impiegate per questa produzione e quella dell'ACIDO ASCORBICO (questa purtroppo non è più per l'Homo Sapiens).
Questo è fatto per il RISPARMIO ENERGETICO, lasciando all'individuo quelle ENERGIE RISPARMIATE per la difesa o l'alimentazione, come già detto.
Sappiamo tutti che i bambini che crescono senza il sole CRESCONO RACHITICI, ma la causa VERA è la CARENZA DI vitamina D.
La quarta produzione INDISPENSABILE E BASILARE per la vita dell'individuo è il COLLAGENE.
Già la parola stessa determina la sua "ESSENZIALITA", oltre che trovarsi anche nel liquido seminale maschile di tutti i maschi del mondo chiamato SPERMA, le due parola "COLLA" e "GENE" pare che abbiano un significato molto particolare.
Difatti senza questo COLLAGENE tutto ciò che fà parte di noi sarebbe NULLA a cominciare dalla pelle, alla carne e via via organo per organo di cui anche la CARTILAGINE che è UN TIPO DI COLLAGENE."
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/rispamioenergetico.htm
ORA NON RIESCO A CAPIRE CHE IL CORPO DI QUALSIASI DI NOI SIA TANTO AUTOLESIONISTA DA PRODURNE IN PIU' DELL'INDISPENSABILE DI QUESTO COLESTEROLO, MA SOPRATUTTO SPRECANDO PREZIOSE ENERGIE, PER UCCIDERSI.
Qualcuno di voi può pensare che il proprio corpo sia così STUPIDO da fare questo?
La VERITA' è un'altra, ma MOLTO, ANZI, TROPPO SCOMODA.
Dato che per AUTOPRODURRE questa ESSENZIALE vitamina D3 sono INDISPENSABILI al corpo due componenti, il primo il COLESTEROLO AUTOPRODOTTO, mentre il secondo sono i RAGGI UV DEL SOLE. (VITA PER TUTTI GLI ESSERI VIVENTI)
Il primo, il COLESTEROLO, quindi lo ha a disposizione ogni momento, mentre PER il secondo è INDISPENSABILE che ci si ESPONGA AL SOLE.
Però sono molti anni che il dottore dice di NON ESPORSI, in quanto il pericolo è il "tumore della pelle", e quindi consiglia SPASSIONATAMENTE e FALSAMENTE che per ovviare bisogna mettersi le creme solari.
Ora, se te le metti ti chiedo:
Ma te le mangeresti queste creme?
NO!?!?!?!?!?!
....ma perchè NO?????
te lo dico io: perchè: sai benissimo che contengono PRODOTTI CHIMICI VELENOSI, ma sei talmente instupidito che non tieni conto che mettendotele sulla pelle i TUOI PORI questi PRODOTTI CHIMICI ne permettono il passaggio entrando direttamente nel tuo sangue.
Questo però NON TE LO DICE IL TUO CARO DOTTORE, vero?
Ma NON SOLO, queste creme sono STUDIATE in modo da NON PERMETTERE che i RAGGI UV INDISPENSABILI penetrino il necessario fino ad incontrare il COLESTEROLO che circola nel sangue per la AUTOPRODUZIONE di questa vitamina D3, trasmutata da questo COLESTEROLO, permettendo inoltre il formarsi dei TUMORI che tu vorresti EVITARE.
Bene ARCHITETTATO, vero? Ben STUDIATO A TAVOLINO per la TUA MALATTIA!!!!
Ora capito questo, e dopo l'esperienza di molti di noi, abbiamo capito che il COLESTEROLO IN ECCESSO è AUTOPRODOTTO in più per metterlo a disposizione del corpo che in qualsiasi momento si metta al SOLE, in modo da NON ESSERNE CARENTE quando la ESPOSIZIONE AL SOLE avviene.
La prova è che chi ha il COLESTEROLO ALTO è perchè ha CARENZA CERTA di vitamina D3. Quindi il rapporto è inversamente proporzionale.
Ingerendo quindi questa vitamina D3 in quantità INDISPENSABILI di 10000 UI al giorno, se il COLESTEROLO è ALTO, nel tempo, questo viene abbassato e regolarizzato.
Lo si può rilevare dai nostri esami del sangue, di Franca e mio:
I valori di vitamina D e del COLESTEROLO di Franca e mio dopo un anno di vitamina D3, quindi dal 10 febbraio 2010 con dosi di 60 gocce pari a 15000 UI per Franca mentre per me 40 gocce pari a 10000 UI .
Per il sottoscritto, oggi in data 23 settembre 2014 dopo la visione degli esami eseguiti il 17 settembre 2014 ne riporto i risultati ottenuti nel valore di 36.7 mg/ml
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esame14a.htm
dai precedenti in data 21 gennaio 2014 era di 22.9 come si può rilevare mentre il COLESTEROLO era 223
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esame14.htm
Per Franca, oggi in data 23 settembre 2014 dopo la visione degli esami eseguiti il 17 settembre 2014 ne riporto i risultati ottenuti nel valore di 78 mg/ml
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esamefranca14a.htm
dai precedenti in data 21 gennaio 2014 era di 38.6 come si può rilevare mentre il COLESTEROLO era 207
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esamefranca14.htm
Ed arrivo al dunque:
tenendo conto che Franca ingoia l'ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" dal 2012 e delle dosi di vitamina D dal 10 febbraio 2014 di 60 gocce, pari a 15000 UI giornalieri i suoi valori rilevati il 21 gennaio 2015 sono:
VITAMINA D TOTALE (25-OH D) 78.2 ng/ml
Come rilevato sopra, il valore del suo COLESTEROLO era 207
oggi è al valore di 200, quindi è DIMINUITO con l'ALZARSI DELLA vitamina D a 78.2.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/esamefranca15.htm
Ed ora ecco i miei valori ingoiando l'ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" da molti anni ed ingoiando la vitamina D dal 10 febbraio di 40 gocce, pari a 10000 UI giornalieri i miei valori rilevati il 21 gennaio 2015 sono:
VITAMINA D TOTALE (25-OH D) 35.2 ng/ml
Come rilevato sopra, il valore del mio COLESTEROLO era di 223
oggi è al valore di 200, quindi è DIMINUITO con l'ALZARSI DELLA vitamina D a 35.2 che purtroppo non è ancora l'ideale, quindi ho aumentato la dose giornaliera a 60 gocce pari a 15000 UI come Franca.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/esame15.htm
Rilevo anche che il valore della mia vitamina D è AUMENTATO di poco rispetto a quella di Franca in quanto questa è stata usata per ABBASSARE il mio COLESTEROLO, ma che in effetti si è abbassata rispetto all'esame del 17 settembre 2014 il cui valore era 36.7 mg/ml mentre nell'ultimo del 21 gennaio 2015 è del valore di 35.2 ng/ml, quindi anzichè alzarsi si è abbassato nonostante le dose maggiorata. Però, e dato che sono certo che il mio corpo NON E' STUPIDO, sono certo che la stà usando per altro che sicuramente scoprirò e ve ne darò comunicazione.
Appena avrò altri riscontri rispetto a questo COLESTEROLO ve ne porterò a conoscenza senza ombra di dubbio anch'essa.
Ora per potersi esporre al SOLE (SORGENTE DI VITA) senza incorrere in "scottature" ed AUTOPRODURSI questa INDISPENSABILE vitamina D3 IN QUALSIASI ORA DELLA GIORNATA, ecco come abbiamo fatto ormai in molti senza alcun problema. Chi ha la pelle più chiara ed ai bambini, deve aumentare la dose da mettere nell'acqua come sotto descritto:
"Devo riportare una esperienza fatta da Franca e me. Siamo neri come il carbone!!! e sapete come abbiamo ottenuto questa abbronzatura? Facile. Franca si è procurata uno spruzzino ed ogni mattina preparavo 1/2 bicchiere di acqua di rubinetto con sciolto 2 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO, oppure 1 bicchiere con 3-4 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO, ed 1 cucchiaino di CLORURO DI MAGNESIO, secondo se lo passavamo anche a qualche vicino. Appena distesi sul lettino ci spruzzavamo quel liquido su tutto il corpo e VIA!!! se capitava che si entrava in acqua si ripetevano gli spruzzi dopo esserci asciugati, e quindi lo lo ripetevamo, buttando l'avanzo prima di tornare in albergo. Il pomeriggio tornavo a prepararne un'altra dose che rispruzzavamo come se fossero micidiali creme ma senza il bisogno di spalmare. I risultati? Ieri il nostro amico Lucio, albergatore si è complimentato poichè eravamo i più abbronzati dell'albergo. Faccio presente che le persone che erano vicini di ombrellone e si sono scottate l'abbiamo spruzzato con profitto, difatti più nessun dolore e la loro pelle non ha sviluppato le classiche bolle. Provare per credere.
Questo il video che ti dimostra la mia salute attuale:
A Rimini la corsa sulla passerella:
https://www.facebook.com/photo.php?v=10201526855559961&set=o.1415891408656788&type=3

15 novembre 2016 ore 13:35

Ciao Sara Mandas, l'articolo all'inizio dice: "Colesterolo Il colesterolo è una sostanza cerosa che fa parte dei lipidi, i grassi del sangue. La sua funzione è molto importante per il nostro organismo perché gli fornisce energia. Il suo contenuto, però, non deve superare un certo limite altrimenti, al contrario, diventa un pericolo perché contribuisce alla formazione dell’arteriosclerosi, cioè di placche dense che ostruiscono il passaggio del sangue al cuore e al cervello. Il grumo che si forma e che blocca il passaggio del sangue al cuore può provocare un infarto." -------continua------>

Si perchè non riescoad ammettere che quel corpo si AUYTOPRODUCA più COLESTEROLO da CAUSARSI VOLONTARIAMENTE DANNI. Incontestabile e comprensibile questo? Anche perchè il corpo umano come il corpo di ogni essere vivente sa AUTOGUARIRSI. ------continua------>

Anche perchè se così non fosse tutte le specie animali si sarebbero estinte in quanto senza STATINE. Quindi e dato che ritengo che il corpo di qualsiasi individuo non sia stupido, e dato che questo corpo è zeppo di SENSORI per ogni cosa, di questi sensori ne tenga conto. Quindi è chiaro che i valori stabiliti dall'uomo SONO FALSI.    ------continua------

Della furbizia del corpo umano ne abbmo un esempio dalla storia riportando di ROMOLO, REMO, ROMA e la LUPA. Qusta storia dice che è bastato che la lupa desse il suo latte, CIBO NATURALE, ai due bambini, che senza affetto o parole quei corpi sono cresciuti in PERFETTA SALUTE.   ------continua------->

E non si può contestare che invece quei corpo hanno inizato i loro problemi, qundo i cervelli di questi bambini ha iniziato a gestirli. FUMA, BEVI, DROGATI, STRAMANGIA ecc. Altro che COLESTEROLO ALTO!!!    ------continua------>

Scusate, ma chi sono io ad asserire questo? non ho tanta arroganza, quanto invece le mie conclusioni sono venute dopo che ho visto questo video del dottor Rath. Non perdetevelo e mi darete ragione.   http://www.dr-rath-alleanza.org/video/malattie_cardiocircolatorie.html  ------continua------>

Mi permetto di riportare ancora un pezzo dell'articolo che dice: "di placche dense che ostruiscono il passaggio del sangue al cuore e al cervello. Il grumo che si forma e che blocca il passaggio del sangue al cuore può provocare un infarto. Se, invece, la placca blocca il passaggio del sangue verso il cervello il rischio è di incorrere in un ictus cerebrale."  ------continua------>

Noi invece ora diciamo che quelle PLACCHE SONO IL SALVAVITA dell'individuo, in quanto CARENTE di ACIDO ASCORBICO, che se non fosse per questo AUTOPRODOTTO COLESTEROLO learterie si sarebbero rotte con la conseguente fuoriuscita del sangue con MORTE PER LO SCORBUTO. ------continua------>

Certo per AUTOPRODURRE l'indispensabile COLLAGENE che rinfornza le arterie e le vene servono l'ACIDO ASCORBICO e la LISINA: In questi giorni ho ricevute parecchie domande di come fare per far produrre al corpo il proprio COLLAGENE, dato che si ha una pelle molle e non si hanno le possibilità di recarsi nei saloni estetici, poichè il COLLAGENE iniettato costa una barca.
Da quanto appena detto, deduco che l'ultima dose giornaliera MOLTISSIMO NECESSARIA sia quella fatta un momento prima di coricarsi, in modo da dare la possibilità al nostro corpo di avere a disposizione quanto necessario per la produzione di questo IMPORTANTISSIMO COLLAGENE che ci allunga la GIOVINEZZA, poichè NIENTE COLLAGENE SENZA ACIDO ASCORBICO. Ma ne è indispensabile anche la LISINA; due tra gli "ALIMENTI ESSENZIALI" INDISPENSABILI a questo scopo.
Vorrei ora comunicarvi quanto ho scoperto sul COLLAGENE in relazione all'ACIDO ASCORBICO. Abbiamo capito che l'assunzione di ACIDO ASCORBICO è ESSENZIALE per il nostro corpo, ottenendone dei risultati a dir poco STUPEFACENTI, però se è ESSENZIALE assumere, è senz'altro INDISPENSABILE aggiungere una assunzione prima del giusto riposo. Questo l'ho rilevato da diversi siti ed eccovene la motivazione:
"Con l'avanzare degli anni, i tessuti dei muscoli si degradano perché la quantità di collagene inizia ad essere inadeguata.
La pelle diminuisce notevolmente la quantità di collagene che potrebbe generare e le conseguenze si possono constatare con il mostrarsi delle prime grinzosità ed abbandonando la lucentezza caratteristica della giovinezza.
Spesso si producono segni, raggrinzamenti, striature e voglie scure.
La cute si secca ed i capelli si stressano e perdono la loro “vivacità”.
Il corpo umano pratica la maggior parte dell’attività termica sul collagene durante le ore notturne mentre dormiamo e per fare questo gli serve l’energia che, se non può essere ottenuta dai carboidrati o dagli zuccheri, viene attinta dai grassi.
E’ durante la fase REM del sonno che il corpo trasforma le sostanze nutrizionali in nuovi tessuti.
Per compiere questa funzione gli necessita una rilevante disponibilità di energia.
La conversione del collagene ha il compito di riparare tessuti epidermici, tendini, cartilagine ed organi vitali e di rafforzare il comparto muscolare ed osseo."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/collageneanagen.htm

Vuoi aiutare questo ACIDO ASCORBICO nella produzione di COLLAGENE? aggiungi la LISINA, che oltre ad aiutare questo, serve a bloccare l'eventuale tumore:
https://www.youtube.com/watch?v=CM7PlBQ3a4U
......continua------>

"Lisina
La lisina è un amminoacido essenziale dotato di un radicale con gruppo amminico, che le conferisce un comportamento basico.
Nella sua forma idrossilata, grazie all'intervento della vitamina C, rientra nella composizione del collagene. Insieme alla metionina rappresenta l'amminoacido precursore della carnitina.
La lisina favorisce la formazione di anticorpi, ormoni (come quello della crescita) ed enzimi; è inoltre necessaria allo sviluppo e alla fissazione del calcio nella ossa.
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/lisina.htm

"In letteratura sono stati finora descritti 28 tipi di collagene. Tipo I: Rappresenta il 90% del collagene totale ed entra nella composizione dei principali tessuti connettivi, come pelle, tendini, ossa e cornea. Tipo II: Forma la cartilagine, i dischi intervertebrali ed il corpo vitreo. Tipo III: Grande importanza nel sistema cardiovascolare. È anche il collagene del tessuto di granulazione. Viene prodotto velocemente ed in grandi quantità prima del collagene di tipo I, più resistente, da cui è successivamente sostituito.....Tipo IX: Contenuto nella cartilagine, è associato a collagene di tipo II e XI. Tipo X: Contenuto nella cartilagine ipertrofica ed in mineralizzazione. Tipo XI: Contenuto nella cartilagine.....ecc. Con l'avanzare degli anni, i tessuti dei muscoli si degradano perché la quantità di COLLAGENE inizia ad essere inadeguata."
http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/collagene.htm

"Il collagene è responsabile di:
stato della pelle e, indirettamente, di alcuni altri organi
protezione meccanica dell’organismo da parte della pelle
mantenimento della qualità strutturale della pelle – prevenzione della disidratazione, mantenimento dell’elasticità e della tonicità e riduzione al minimo delle rughe
funzione rinforzante del tessuto osseo dell’apparato scheletrico - la diminuzione della produzione di collagene dà inizio al processo di perdita della massa ossea, cioè all’osteoporosi
resistenza dei tendini"
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/collageneosteo.htm

"Diversi fattori possono nuocere ed allo stesso tempo ridurre la produzione di collagene nell’organismo, tra cui il tabagismo, il consumo importante e regolare di alcolici, il CAFFE', lo stress e l’intenso allenamento fisico. Inoltre, le infezioni, l’inquinamento, le avverse condizioni climatiche e l’assunzione di diversi farmaci debilitano ugualmente l’organismo.
Dovremmo considerare ogni tipo di complemento alimentare in grado di aumentare la ricostruzione e la cura del corpo."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/collagenecaffe.htm

Il collagene inoltre è composto da grandi famiglie di molecole che includono anche i glicosaminoglicani, detti GAG quali la glucosamina, il solfato di condroitina e l'acido ialuronico i quali svolgono funzioni di sostegno e protezione della maggior parte dei tessuti. Sono quelli che consentono l'idratazione dei tessuti, il mantenimento e rigenerazione delle articolazioni, dei tendini e della pelle, insomma di tutti i tessuti connettivi.
Tra l' 800 e la prima metà del '900 le proprietà della gelatina e certe sue componenti sono soggetto di moltissimi studi sugli effetti benefici riscontrati. Nel libro "Gelatin in Nutrition and Medicine" (6), il dottor Nathan Ralph Gotthoffer autore del libro, dopo una ricerca di oltre 10 anni raccoglie tutti questi studi e li discute in dettaglio.
Negli studi che ho esaminato i principali benefici del brodo di ossa sono: miglior crescita, mantenimento e rigenerazione dei tessuti connettivi (ossa, pelle, tendini, etc...), miglior digestione e metabolizzazione dei nutrienti, cura contro ulcere, malattie intestinali e processi infiammatori, e miglior gestione dello stress. Vediamo ora più in dettaglio ogni passo.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/brododiossi.htm
Ci tengo a far notare che lo stile di vita è molto importante ma il solito CAFFE' (FLAGELLO UMANO) NUOCE sicuramente a tale produzione......
Da quanto appena detto, deduco che l'ultima dose giornaliera MOLTISSIMO NECESSARIA sia quella fatta un attimo prima di coricarsi, in modo da dare la possibilità al nostro corpo di avere a disposizione quanto necessario per la produzione di questo IMPORTANTISSIMO COLLAGENE che ci allunga la GIOVINEZZA, poichè NIENTE COLLAGENE SENZA ACIDO ASCORBICO.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/collagenebase.htm   ------continua------>

Quindi ora mi permetto di dire a che ha il COLESTEROLO alto di NON BERE DANACOL ecc. ma di ingoiare ACIDO ASCORBICO e LISINA indispensabili per tenere robuste le starie e le vene evitando i rischi desvcritti dall'articolo DISINFORMANTE E DI PARTE. Logiso EVITREE come la peste le STATINE, PRODOTTI CHIMICI CANCEROGENI.   ------continua------>

Sono certo che ognuno di voi ha capito che questo sito è un sito di parte e che come la pubblicità sono in cerca di ALLODOLE da spennare e rendere MALATI. Quindi attenti a voi. Volete la PROVA della CANCEROGENICITA' DEI "principi attivi"?  ------continua------>

Ora vorrei fare un ragionamento che ritengo molto importante: siamo a fine anno 2015, chiusura contabile per tutte le aziende, le quali dovranno poi presentare la documentazione necessaria a dimostrazione dei loro guadagni onde poter pagare le giuste tasse.
Non solo, ma da queste conclusioni devono trarre le eventuali modifiche da apportare per un miglioramento economico nel prossimo esercizio.
Quindi e dato che ognuno di noi ad una certa età, deve tirare un bilancio onde rendersi conto di quanto sia stato proficuo il suo comportamento riguardo all'investimento fatto per la SALUTE FUTURA, quindi quale migliore periodo se non quello della fine dell'anno come per le aziende?
Ora per poter tirare quelle giuste conclusione però si devono avere a portata di mano anche le eventuali modifiche da apportare onde ottenere un comportamento migliore nel prossimo futuro.
Fin'ora siamo stati portati a credere che affidandoci al proprio medico di base, in caso di necessità, ci saremmo mantenuti UNA SALUTE OTTIMA, come è per ogni altro essere vivente al mondo che non si reca dal suo simile per la SALUTE, ma sarà proprio giusto fare così?
Affidandoci al nostro medico o al sistema sanitario, dobbiamo obbligatoriamente anche avere fiducia nei FARMACI.
Sapendo però che ormai sono passati molti anni di gestione del sistema sanitario e del nostro medico e quindi è ora che si tirino quelle indispensabili conclusioni, come detto sopra.
Questo lo propongo perchè sentendo diversi miei giovani amici, sui 40 anni, sono venuto a sapere che molti di loro hanno la tiroide di Hashimoto ed ingoiano giornalmente EUTIROX (ha un certo "principio attivo", Eutirox - Foglio Illustrativo Principi attivi: Levotiroxina (Levotiroxina sodica)) da ingoiare PER TUTTA LA VITA.
Ma non pare strana questa cosa?
E che ne dite del COUMADIN (ha un altro certo "principio attivo") , proposto a qualsiasi età e PER TUTTA LA VITA?
E la pastiglia della IPERTENSIONE, RAMIPRIL (o altro nome, che hanno un altro certo "principio attivo"), da ingoiare mezza o intera, ogni giorno PER TUTTA LA VITA.
Ma non basta e per il COLESTEROLO, ARMOLIPID plus 20 (o altro nome, che hanno un altro certo "principio attivo") per ogni giorno PER TUTTA LA VITA.
oppure di tutto il sistema per misurare la GLICEMIA GIORNO DOPO GIORNO.
Non vi pare un bollettino di guerra?
Insomma un SISTEMA CATASTROFICO per non dire altra parola più pesante.
Ora sappiamo che per agire sulle varie patologie sono necessari quei famosi e straconosciuti "principi attivi".
Alla fine sarà poi così giusto affidarci al sistema sanitario con questa prospettiva futura?
Vogliamo provare ad analizzare e vedere se è possibile vi sia un'altra via più appropriata alla nostra SALUTE?
Quindi di tutto quanto sopra, la cosa più importante da sapere è che se tu dici al tuo medico che hai dei dolori diffusi mentre già stai ingoiando una medicina per altra malattia da lui o da un suo collega consigliata, lui ti proporrà un esame del sangue onde conoscere i valori dei vari ed ormai tanto conosciuti COLESTEROLO, DIABETE, CELIACHIA ed allergie varie.
Quindi sulla ricetta scriverà per la ricerca nel sangue che ti dovrà essere prelevato a digiuno:
GLICEMIA, COLESTEROLO, CALCEMIA, FERRO, MAGNESIO, POTASSIEMIA, AZOTEMIA, CREATININA, SODIO, TRANSAMINASI GP (ALT), TRANSAMINASI GP (AST), D-DIMERO
dei quali nei risultati fatti dal Centro Analisi, si otterranno dei valori che se non sono nei parametri stabiliti ti metteranno un segno di evidenziazione che probabilmente hai già visto negli eventuali esami precedenti.
Ma questi sono esattamente quelli che fanno parte di quel liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo chiamato SPERMA e che sono la base della mia e della tua vita ma che ci sono TUTTI anche nel GERME cosidetto del grano, che in effetti è il GERME di ogni seme vegetale dai quali GERMOGLIA la pianta.
Leggilo sul link dove in parte trovi:
"A TOTALE GARANZIA della PROVA SCIENTIFICA di quanto è la mia ORIGINE descritta sopra, quale dubbio posso avere se questo è fatto da Madre Natura dall'inizio della vita?
E dato che sono venuto al mondo per la CONTINUAZIONE DELLA MIA SPECIE come progettato da Madre Natura all'inizio del mondo, come potrò trasmettere ai miei posteri quei prodotti CHIMICI tanto RICERCATI dalla medicina ed usati per la mia MANUTENZIONE sognando di guarire le mie malattie?
La RICERCA?
Bella parola, vero? basta questa per dare SPERANZA, ma speranza di cosa? quella per gli STUPIDI onde ritirare montagne di denaro?"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/originidellavita.htm      ------continua------>

Ed ancora altri se lo riterrà opportuno, ma a questo punto, tu innocentemente dovresti chiedergli di fare pure la ricerca del "principio attivo" (così viene chiamato l'agente del FARMACO che stai ingoiando, vero?).
A questo punto lui ti dirà sorridendo che non si può.
Allora tu dovresti chiedergli:
"scusi dottore, ma se non si può vuol dire che questo "principio attivo" NON DEVE ESSERE NEL MIO SANGUE, vero?
Ma se non deve essere nel mio sangue, cosa farà mai nel mio corpo? lei me lo sà dire e spiegare chiaramente?
Senza tenere conto delle descrizioni del foglio illustrativo allegato, che a volte sono diverse pagine di raccomandazioni e di avvertenze sulle controindicazioni che possono causare danni al mio corpo.
Come potrà mai farmi BENE?
E quindi come posso permettere che questi "PRINCIPI ATTIVI" entrino nel mio corpo?
E quali BENEFICI potranno mai apportare se non quello di riempire il mio corpo di VELENOSE TOSSINE? Ed cosa faranno mai gli "AROMI" o "AROMI NATURALI" o i CONSERVANTI o COLORANTI, anche lo CHIMICI, messi nei CIBI che ingoiamo ogni giorno o quelli che ci spalmiamo addosso o usiamo per le pulizie, sia personali che della casa, senza ricordare che questi entrano direttamente nel nostro sangue attraverso i PORI?
IL dottor William Osler, considerato il capostipite della medicina scrisse ai suoi tempi:
"Sotto trovi il detto del dottor Wiliam Osler, considerato il capostipite moderno della medicina attuale:
La persona che prende una medicina deve guarire 2 (due) volte:
deve guarire dalla malattia e
deve guarire dalla medicina
William Osler
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/williamoslerdottore.htm
e se vuoi la sua scritta clicca sul link
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/williamoslerdottorea.htm
e ti salverai la vita con L'ACIDO ASCORBICO di cui ti parla Abram Hoffer, Linus Pauling, Irwin Stone e gli altri SCIENZIATI del secolo scorso che trovi su questa pagina:.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/scienziati.htm
Intanto il dottor Abram Hoffer in una sua intervista dichiara:
"AWS: Le vitamine sono state accusate di essere in qualche modo realmente pericolose.
AH: Sono veramente impressionato della preoccupazione di alcuni scienziati rispetto a queste "pericolose" vitamine. Vorrei che fossero più preoccupati per quei pericolosi veleni chiamati farmaci. Ogni flacone di pillole dovrebbero avere una etichetta veleno con teschio e ossa, e "veleno" scritto a grandi lettere."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/niacinaabramhoffer.htm
da questo link
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/esamedelsangue.htm
Ho fatto ricerche di malattie guarite da qualche FARMACO, ma non ne ho trovate neanche una.
Ed ora ecco le prove delle malattie guarite con gli "ALIMENTI ESSENZIALI":
Ho fatto altrettante ricerche se vi fossero malattie guarite con degli "ALIMENTI ESSENZIALI" ottenendo questi risultati:
La prima e più importante malattia guarita con uno di questi è
lo SCORBUTO guarito dall' ACIDO ASCORBICO
la PELLAGRA guarita dalla VITAMINA B3 (NIACINA)
il BERI-BERI guarito dalla VITAMINA B1 (TIAMINA)
il RACHITISMO guarito dalla vitamina D (ORMONE)
la POLIOMIELITE guarita dal CLORURO DI MAGNESIO
la SCLEROSI MULTIPLA e le malattie AUTOIMMUNI dalla VITAMINA D cura del dottor Coimbra
la OSTEOPOROSI dalla VITAMINA D
la TUBERCOLOSI (TBC) dalla VITAMINA D
la ANEMIA PERNICIOSA guarita dalla VITAMINA B12 (COBALAMINA)
Un ricercatore dell’Istituto Lister di Medicina Preventiva di Londra stava sperimentando su dei ratti una dieta a base di chiara d’uovo cruda come fonte unica di proteine. Dopo qualche settimana i ratti diedero segni di squilibrio: comparvero dermatiti ed emorragie cutanee: gli animali perdevano il pelo, gli arti si paralizzavano, diminuivano di peso, e infine morivano.
guarita dalla BIOTINA del gruppo B.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/malattieguarite.htm
Queste sono solo alcune delle realtà che col tempo, e neanche troppo, scopriremo che ne saranno guarite molte altre. "
Per noi esiste quindi una SOLA MEDICINA: 3 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO più mezzo di BICARBONATO DI POTASSIO in mezzo bicchiere di acqua di rubinetto, che dopo che ha fritto bevo. Questo per almeno 4-5-6 volte di fila per ogni ora. Prima di andare a dormire ed il mattino successivo. Se continua il problema passo ad ogni 2 ore. Questa dose deve essere usata SOLO come MEDICINA, quindi cessato lo STRESS devi passare al normale. La diarrea? sia la BENVENUTA, quindi TRANQUILLO, poichè escono le TOSSINE. Non conta la età, ma il BISOGNO.
Intanto, che, dato che si dice che la "medicina ha fatto passi da gigante", abbiamo sotto gli occhi di TUTTI che oltre ad avere ogni giorno malattie sempre più nuove, quelle esistenti sono diventate ereditarie, croniche, autoimmuni, degenerative delle quali ne soffrono persone sempre più giovani.
QUINDI COSA FARANNO MAI I VACCINI NEL MIO CORPO DATO CHE CONTENGONO PRODOTTI CHIMICI E MINERALI PESANTI? NESSUN ANIMALE LIBERO NE FA' USO.
ORA CHE SAI TIRA LE TUE PERSONALI CONCLUSIONI DA QUESTA VERA VERITA' INCONTESTABILE   ------continua------>

Queste sono solo alcune delle realtà che col tempo, e neanche troppo, scopriremo che ne saranno guarite molte altre.
Mi permetto ancora di farti capire cosa potranno mai fare nel tuo corpo quei PRODOTTI CHIMICI che trovi negli INGREDIENTI dei cibi che ti sottopongono ogni giorno, ed anche pubblicizzati.
Ti riporto solo la conclusione, che per il resto dovrai vederlo sulla pagina cliccando sul link appena sotto
"CONCLUSIONE TUTTI I PRODOTTI CHIMICI DI QUALSIASI NATURA ESSI SIANO, FARMACI, "AROMI" o "AROMI NATURALI", PRODOTTI PER LA PULIZIA DELLA CASA O DELLA PERSONA O DI QUALSIASI ALTRA NATURA, DEVONO STARE LONTANO DA ME.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/aactimeldanacolaromi.htm
Dalla lettura di molti articoli e libri che riguardano questo BORO, posso dedurre che egli fà parte di quegli "ALIMENTI ESSENZIALI" componenti il liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo, chiamato SPERMA.
Liquido nel quale viene GENERATA LA VITA della continuazione delle specie.
In quanto tale è INDISPENSABILE introdurne nei CIBI almeno 3 mg giornalieri, come descritto e sperimentato dal dott. Newnham, poichè guarisce l'ARTRITE e tutti i dolori REUMATICI, e non solo questo ma una lunga lista di disturbi da leggere sul link sotto .
QUINDI GIORNALMENTE PROVVEDERO' AD INGOIARE ANCHE IL BORO INSIEME AGLI ALTRI: ACIDO ASCORBICO, SELENIO, CLORURO DI MAGNESIO, ACIDO CITRICO, BICARBONATO DI POTASSIO, LISINA, RIBOSIO ECC.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/boroc.htm

Spero di essermi spiegato affinchè non si caschi nella trappola della MALATTIA.   ciaooo Franco

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/colesterolofalsoart.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Sab 26 Nov 2016 - 18:05

In sintesi voglio dimostrare che il COLESTEROLO ALTO ha una ragione di essere e quindi prima di AUTOLESIONARSI con COSTOSE PASTIGLIE CHIMICHE (SOLVENTE CHIMICO) o sottoporsi a LESIVE diete, è molto meglio fare i dovuti accertamenti visto che chi di competenza evita di farcelo fare poi, quindi comportarsi di conseguenza per la nostra:
OTTIMA SALUTE.
Ciao, da un pò di tempo sento in ogni dove e con ogni mezzo, addirittura anche per pubblicizzare CIBI CHIMICI, parlare di COLESTEROLO.
Onde evitare che i membri si facciano illusioni credendo in parole FALSE ritengo giusto riportare quanto segue.
Abbiamo certezze che senza COLESTEROLO NON ESISTE LA VITA, quindi oltre che animale anche VEGETALE.
Ora sapendo che i suoi impieghi sono innumerevoli, che neppure il più informato SCIENZIATO ne è a conoscenza.
DUE impieghi fra quelli che conosciamo, però ritengo che siano i più importanti.
Il PRIMO è quello cui Madre Natura ha determinato che venga usato dal corpo con l'ausilio del SOLE (raggi UV) per AUTO PRODURSI la VITAMINA D.
Questo perchè per RISPARMIO ENERGETICO, dato che il corpo di ogni animale le maggiori ENERGIE le fà dedicare alla AUTO PRODUZIONE di ACIDO ASCORBICO (purtroppo come sappiano questa fortuna non è per l'Homo Sapiens che questa l'ha persa per strada), le ENERGIE rimanenti le usa per far AUTO PRODURRE questa indispensabile VITAMINA D (ORMONE) non solo conosciuta per lo scheletro (tutti sono informati che i bambini che non prendono il sole crescono RACHITICI), ma che è altrettanto necessaria per l'apparato circolatorio, cuore compreso, che per RISPARMIO ne prevede la produzione di solo l'80%, mentre per la rimanete percentuale lascia che il corpo la recuperi dai CIBI.
A conferma la pagina, fra le malattie causate dalla CARENZA di vitamina D3, ne cita anche "l'ICTUS" e di conseguenza "l'INFARTO":
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadvideo.htm

Purtroppo moltissime persone sono informate che la CARENZA di questo ORMONE ne causa la OBESITA' dando la colpa FALSAMENTE ai CIBI. come fà COMODO informare a chi da questa ne trae profitto.
La pagina recita:
"La mia esperienza con la vitamina D3
Ora che abbiamo considerato la storia della vitamina D3, vorrei descrivere la mia personale esperienza in merito.
Io non sono mai stato una persona facilmente propensa ad accettare, e neppure a prendere in considerazione, le teorie cospirazioniste. Anzi, per tutta la vita ho fatto proprio l'opposto: ho criticato le teorie del complotto!
Recentemente, però, ho iniziato a chiedermi se non avessi scoperto io stesso una possibile teoria cospirazionista!
Questa cospirazione coinvolge i medici che da anni si prodigano in consigli quasi criminali: evitare il sole, usare i filtri solari e non assumere troppa vitamina D3 perchè è pericolosa!
Fin dagli anni Ottanta, quando i medici iniziarono ad avvertirci di evitare il sole e usare i filtri solari, i tassi di OBESITA', autismo, asma e altre malattie sono AUMENTATI esponenzialmente.
La first lady degli Stati Uniti Michelle Obama, stà cercando di combattere l'OBESITA' infantile esortando i bambini a mangiare cibi migliori e fare più attività fisica.
Ma se fossa qualcos'altro a causare i loro problemi, ad esempio una carenza di vitamina D3 dovuta alla poca esposizione solare? Da bambino, avevo avuto problemi medici quali asma, sindrome da deficit di attenzione-iperattività e sclerodermia morphea.
Ciò mi ha portato all'idea di una sindrome da RIPARAZIONE INCOMPLETA, attraverso cui l'EVOLUZIONE pensa di farci restare inattivi in inverno quando le risorse sono scarse, dunque i disturbi vengono riparati solo quel tanto che basta per sopravvivere. Poi, il segnale della vitamina D3 attivato dalla luce annunciata che è arrivata l'estate le risorse sono disponibili, così il corpo annulla la RIPARAZIONE INCOMPLETA e avvia la guarigione corretta usando le risorse necessarie.
In seguito ho scoperto che, negli orsi, un calo drastico nei livelli di D3 è un segnale che avvia la preparazione per l'ibernazione, che include un aumento del 70% del peso corporeo.
Dopo alcune ricerche -guarda un pò- ho scoperto che le persone OBESE hanno una gravissima carenza di vitamina D3!
Ciò mi ha portato ad una successiva idea di una sindrome di livello superiore:
LA SINDROME DI IBERNAZIONE UMANA (SIU), in cui se qualcuno ha per tutto l'anno livelli bassi di vitamina D3 e per tutta la vita evita il sole e usa filtri solari, alla fine diventerà OBESO per prepararsi all'IBERNAZIONE durante l'ipotetica carestia invernale. Oltre a innescare l'aumento di peso, la SIU potrebbe anche ridurre il consumo di energie preziose. A questo proposito, la SIU potrebbe inoltre indurre la depressione per tenere i soggetti chiusi in casa/nella caverna. I bassi livelli di D3 ci rendono anche più suscettibili all'influenza, normalmente innocua, che richiede una settimana a letto e ci fa conservare altre preziose energie."
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadluciano.htm

Quindi per aiutare la AUTO PRODUZIONE di VITAMINA D è indispensabile EVITARE COME LA PESTE tutte le creme solari (CHIMICHE), poichè sono certo che nessuno le ingoierebbe, ma se le si usa le si fanno ingoiare dai PORI, immettendole direttamente nel sangue con danni inestimabili, usando al loro posto l'ACIDO ASCORBICO ed il CLORURO DI MAGNESIO in un poco di acqua di rubinetto, spruzzata direttamente sulla pelle prima di esporsi al SOLE. Le dosi? non sono importanti, FUNZIONA SEMPRE, poichè chi ha la pelle più bianca ha bisogno di maggiore concentrazione come lo è per i bambini.
Per questi sopradetti motivi, abbiamo scoperto da poco che il COLESTEROLO ALTO è collegato a doppio filo alla CARENZA di VITAMINA D. Maggiore è la CARENZA di vitamina D e maggiore è il valore del COLESTEROLO nel sangue.
Questo è stato testimoniato da diverse persone, addirittura da famiglie complete, di cui personalmente con Franca ne siamo i due classici esempi.
Il corpo AUTO PRODUCENDO più COLESTEROLO pare che comunichi al cervello: "Ho bisogno di VITAMINA D, io ti faccio produrre più COLESTEROLO e tu ESPONITI AL SOLE dandomi modo di AUTO PRODURMELA!"
Quindi è FALSO che ingoiando meno grassi questa AUTO PRODUZIONE scenda. Vale la stessa cosa della OBESITA' poichè non riesco ad ammettere che il mio corpo sia AUTO LESIVO e si produca un qualcosa oltre il necessario ed indispensabile sprecando delle ENERGIE INUTILMENTE. Sarebbe come ammettere che Madre Natura e la EVOLUZIONE hann0o sbagliato il loro progetto!
Il SECONDO impiego del COLESTEROLO è importantissimo per l'apparato circolatorio.
E' vero che questo, nelle arterie causa le famose PLACCHE, per riparare la carenza di COLLAGENE che causa la  rottura delle medesime causandone la morte certa data la malattia lo "SCORBUTO".
Ora a causare la morte per "SCORBUTO" però ci vuole tempo, poichè, dato che questo ACIDO ASCORBICO è usato come CONSERVANTE nei cibi e nelle bevande come il vino e la birra, una CARENZA TOTALE è rara, ma porta la persona molto carente a rischio continuo.
Un video del dottor Rath rende perfettamente l'idea della VERITA'.
 La pagina recita:
"Posso asserire allora che chi ha il COLESTEROLO TOTALE ALTO è perchè il suo corpo ne ha bisogno per espletare quella famosa parola "AUTOGUARIGIONE" per evitare le fuoriuscite di sangue formando logicamente le famose ERRONEAMENTE ODIATE "PLACCHE" che invece dovrebbero essere ringraziate perchè lo MANTENGONO IN VITA."
http://www.dr-rath-alleanza.org/video/malattie_cardiocircolatorie.html

Ora la terza AUTO PRODUZIONE importante è il COLLAGENE che da Madre Natura per quel famoso RISPARMIO DI ENERGIE, è stato progettato di farlo PRODURRE di notte, durante il primo sonno chiamato SONNO REM, il più profondo, durante il quale abbandona TUTTI gli organi per dedicarsi completamente a questa IMPORTANTISSIMA PRODUZIONE.
La pagina recita:
"Con l'avanzare degli anni, i tessuti dei muscoli si degradano perché la quantità di collagene inizia ad essere inadeguata.
La pelle diminuisce notevolmente la quantità di collagene che potrebbe generare e le conseguenze si possono constatare con il mostrarsi delle prime grinzosità ed abbandonando la lucentezza caratteristica della giovinezza.
Spesso si producono segni, raggrinzamenti, striature e voglie scure.
La cute si secca ed i capelli si stressano e perdono la loro “vivacità”.
Il corpo umano pratica la maggior parte dell’attività termica sul collagene durante le ore notturne mentre dormiamo e per fare questo gli serve l’energia che, se non può essere ottenuta dai carboidrati o dagli zuccheri, viene attinta dai grassi.
E’ durante la fase REM del sonno che il corpo trasforma le sostanze nutrizionali in nuovi tessuti.
Per compiere questa funzione gli necessita una rilevante disponibilità di energia.
La conversione del collagene ha il compito di riparare tessuti epidermici, tendini, cartilagine ed organi vitali e di rafforzare il comparto muscolare ed osseo."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/collageneanagen.htm

A conferma il dr. Dwight Lundell, che da cardiochirurgo con 25 anni di esperienza, dopo aver effettuato oltre 5.000 interventi chirurgici a cuore aperto, ha concluso che queste "striature" non sono altro che INFIAMMAZIONI che devono essere guarite:
"In poche parole, senza un’infiammazione presente nel corpo, non c'è modo che il colesterolo si accumuli sulla parete del vaso sanguigno causando così malattie cardiache e ictus.
Senza l'infiammazione, il colesterolo è libero di muoversi in tutto il corpo come natura vuole. E' l'infiammazione che causa l’accumulo di colesterolo.
L'infiammazione non è una cosa complicata - è semplicemente una difesa naturale del corpo ad un invasore estraneo, come tossine, batteri o virus. Il processo di infiammazione è perfetto nel modo in cui protegge il corpo da questi invasori batterici e virali. Tuttavia, se esponiamo frequentemente il corpo ai danni da tossine o alimenti che il corpo umano non è stato progettato per elaborare, si verifica una condizione chiamata infiammazione cronica. L'infiammazione cronica è nociva tanto quanto l'infiammazione acuta è benefica.
Quale persona ragionevole vorrebbe intenzionalmente esporsi ripetutamente ad alimenti o altre sostanze che sono note per causare lesioni al corpo? Beh, forse i fumatori, ma almeno hanno fatto questa scelta volontariamente.
Il resto di noi ha semplicemente seguito i consigli della dieta tradizionale a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di grassi polinsaturi e carboidrati, non sapendo che stavamo causando lesioni ripetute ai nostri vasi sanguigni. Queste lesioni creano un’infiammazione cronica che porta a malattie cardiache, ictus, diabete e obesità.
Lasciatemelo ripetere: le lesioni e l'infiammazione dei nostri vasi sanguigni sono causate dalla dieta a basso contenuto di grassi raccomandata per anni dalla medicina tradizionale."
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/colesteroloragionamento.htm

E' ovvio quindi che la malattia del COLESTEROLO ALTO è inesistente e totalmente INVENTATA per le ragioni sopradette.
La prima causa, la CARENZA di VITAMINA D, però, si può controllare prima di inibire il fegato dallo svolgere la propria NATURALE AUTO PRODUZIONE, ingoiando le costose STATINE che possono solo arrecargli danni di cui l'avviso di tale possibilità sui bugiardini, come da conclusione sotto, mentre per la seconda causa, la carenza di ACIDO ASCORBICO non vi sono esami che la determinino, ma si può averne certezza se si hanno problemi circolatori ed una STANCHEZZA CRONICA che è causata da CARENZA di entrambi gli "ALIMENTI ESSENZIALI".
Quindi in conclusione, penso che ognuno abbia capito che deve farsi fare la richiesta degli esami del sangue richiedendo i valori di:
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO
POTASSIO
che conoscendone gli effettivi valori ci si possa comportare di conseguenza per la propria:
OTTIMA SALUTE.
Vi sono casi di persone che hanno il COLESTEROLO NORMALE o addirittura basso e nonostante questo sono in CARENZA di vitamina D. In questo caso è comprensibile che il valore basso di COLESTEROLO è direttamente collegato alla produzione delle PLACCHE come sopra descritto, rientrando nel rischio ICTUS o INFARTO.
Questo fatto però NON DEVE DARE PREOCCUPAZIONI, in quanto ingoiando l'ACIDO ASCORBICO e la LISINA, oltre gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" questo rischio viene allontanato con certezza.
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadcolesteroloa.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mar 29 Nov 2016 - 16:00

Misteriose sfere bianche trovate in spiaggia: ecco di cosa si tratta OLIO DI PALMA, il quale parecchie industrie alimentari lo mettono nei cibi. Ne è la base nella NUTELLA della FERRERO.
Riporto una parte molto significativa dell'articolo in fondo pagina.
Lascio ad ognuno le conclusioni dei danni subiti dai nostri bambini e non solo loro, ma di TUTTI i potenziali clienti di ogni articolo che l'olio di palma contiene.
"Ma c’è di più, visto che quasi un mese fa delle sfere simili erano state rinvenute a Montemarciano, in provincia di Ancona. Anche in quel caso l’odore forte di diesel aveva spinto le persone a tenersi lontane, considerando la sostanza pericolosa.
L’olio di palma è un olio vegetale non idrogenato ottenuto tramite la lavorazione di una pianta originaria dall’Africa e coltivata in Indonesia e Malesia. L’olio di palma è spesso utilizzato nel settore alimentare e in quello cosmetico, mentre 3,5 milioni di tonnellate viene usato per lavorare il biodiesel, miscelandolo al normale gasolio."

Si sà che non vedo di buon occhio quanto dichiara il prof. Berrino, anche solo perchè consiglia le persone ad ingoiare 2-3 CAFFE' al giorno, e non solo, ma anche perchè come vegetariano sconsiglia i CIBI NATURALI come il LATTE e la CARNE che hanno ingoiato i nostri avi da quando hanno avuto gli "animali domestici" (unici al mondo), per cui sono certo che la EVOLUZIONE ha adattato a questa nostra specie, e continuarla per arrivare a dare al vita anche a noi.
Ora però venuto a conoscenza di quanto ha dichiarato in una trasmissione televisiva posso solo apprezzare il suo comportamento risguardo ai CIBI che ingoiano TUTTE le persone che viviamo nel mondo cosi detto CIVILE.
Questo è sia per gli adulti che per i bambini, tanto che nel suo discorso dichiara:
"Stiamo avvelenando i nostri bambini" e secondo l'epidemiologo stiamo causando un 'disastro epocale'.
Con mio sommo piacere finalmente qualcuno si è accorto di questo GRAVISSIMO PROBLEMA di cui le persone disinformate che grazie alla complicità dei media, ma sopratutto delle TV, non riescono a capire che stiamo vivendo un periodo della nostra storia umana, VERAMENTE GRAVE.
Prima di continuare però è bene che vi riporti quanto ha dichiarato in quella puntata in TV il prof. Berrino:
"Stiamo avvelenando i nostri bambini"
"Sono tutti questi prodotti: queste merendine, queste patatine... La libertà è una cosa estremamente importante, ma dobbiamo essere informati e dobbiamo avere la libertà di scegliere un'alternativa. E questa alternativa deve essere disponibile. Oggi per molte persone l'alternativa non è di fatto disponibile. Perché i bambini mangiano a scuola della MERDA, nelle mense mangiamo della MERDA, e poi la gente vede la televisione e dice: Ah, com’è buona quella MERDA lì!"Lo ha detto il Professor Franco Berrino durante una puntata de Le Invasioni Barbariche, il programma condotto da Daria Bignardi. L'epidemiologo dell'Istituto dei Tumori di Milano ha spiegato che il "junk food", il cibo spazzatura, è "una delle componenti della crisi" ed è una delle cause principali dell'obesità. Il Ministero dell'Agricoltura americano aveva stabilito che nell'alimentazione dei bambini si devono escludere le farine raffinate e che i cibi nelle mense devono avere come ingredienti i cereali integrali. Infatti negli Stati Uniti stanno iniziando ad accorgersi che i malati costano caro alla collettività e non producono.Berrino ha lanciato l'allarme: "La potenza del messaggio televisivo è clamorosa. Noi stiamo avvelenando i nostri bambini. Stiamo causando un disastro epocale, nel senso che le malattie croniche stanno aumentando"."Le patatine - ha aggiunto il professore - sono una delle cose che fanno ingrassare di più"
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=5lLDduDOou8
https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=o-WVpB442t4

Vogliamo ora fare insieme una panoramica di quanto Berrino chiama con una parola forte: "MERDA"?
Parla in primis del prodotto largamente usato per produrre CIBO per la nostra specie, ma che è diventato anche il più nocivo, che è la FARINA BIANCA 00, di cui auspica che non venga più usata almeno per i bambini, ma che personalmente mi chiedo perchè dovrebbero ingoiarla gli adulti? E' perchè questi adulti non hanno il diritto di VIVERE IN SALUTE?
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aaromipanoramicaberr.htm

Gli aromi nei cibi fanno male? Fanno venire il cancro? Come sono fatti gli aromi?
Alla fine di questo articolo direte addio alla scamorza affumicata, al salmone affumicato e a tutti i prodotti artificiali contenenti tra gli ingredienti la voce "AROMI".
Gli aromi artificiali fanno male e sono prodotti chimicamente.
Cosa sono gli aromi? Quella famosissima dicitura presente nella maggior parte dei prodotti confezionati e che dice tutto e niente allo stesso tempo? Ricordiamoci che, come nel caso dell'aspartame, non significa il fatto che sia menzionato tra gli ingredienti (e quindi approvato dal ministero della salute), che non sia nocivo o cancerogeno, come dimostrato nel caso dell'aspartame, il dolcificante presente in tutti i prodotti come gomme e caramelle, e che sostituisce il tradizionale zucchero, o sciroppo di glucosio.
Il problema degli aromi, è che se non c'è scritto espressamente "aromi naturali", questi sono SEMPRE artificiali, e quindi costruiti chimicamente in laboratorio, con ingredienti terribilmente lontani dal mondo alimentare e in molti casi nocivi.
Gli aromi artificiali ed i consigli del Dott. Berrino.
A cura di Mammut Elisa
Nel mio viaggio intrapreso recentemente alla riscoperta dei sapori autentici della nostra tradizione alimentare ma anche con l'apporto di preziose innovazioni e "contaminazioni" provenienti dal continente asiatico e non solo (vedasi cucina macrobiotica), non poteva mancare un cenno sui famigerati aromi.
Queste sostanze vengono usate nella preparazione degli alimenti che tutti noi consumiamo giornalmente e con grande appagamento del gusto, ma se ci fermassimo un attimo a controllare ciò che è scritto nelle etichette, a volte ci vuole veramente la lente di ingrandimento per capire, dovremmo farci venire qualche dubbio.
Il dott. F. Berrino sconsiglia, ad esempio, lo yogurt alla frutta, infatti la frutta per lo più è completamente inesistente, ma il suo aroma c'è tutto, e che aroma!
(ricordiamo invece che YOMO è uno yogurt naturale al 100% senza aromi, altro che Muller, fate l'amore con l'aroma!)
Allora andiamo a vedere questo video, impareremo tantissimo sui profumi e gli allettanti aromi che ogni giorno inconsapevolmente ingurgitiamo, con quali danni?
Molti aromi per dare il gusto dell'affumicatura potrebbero essere cancerogeni
Cibi affumicati a rischio: secondo l'ultimo rapporto dell'Autorità Europea per la sicurezza alimentare (EFSA) molti degli aromi utilizzati per dare il gusto dell'affumicatura potrebbero essere cancerogeni. Primo indiziato, l'aroma conosciuto dagli esperti con il nome di 'AM 01' che si ottiene dal legno di faggio e raffinato chimicamente.
In questo caso l'analisi dell'Efsa parla di "possibile genotossicità" e di "effetti mutageni sul Dna delle cellule", fattori che sostanzialmente provocano il cancro. L'EFSA ha esaminato 11 tra i più comuni aromi utilizzati in Europa per l'affumicatura di carni, pesce e formaggi e ha dichiarato che per la maggior parte si tratta di sostanze con livelli di tossicità vicini a quelli considerati pericolosi.
Aromi affumicati cancerogeni fanno male alla salute.
In particolare, l'analisi ha determinato che due sugli 11 aromi sono sicuri, otto preoccupanti, uno sotto controllo e uno non valutabile per la mancanza di dati sufficienti. Partendo dai dati delle analisi Efsa la Commissione europea stilerà a breve un elenco di prodotti considerati sicuri. Gli aromatizzanti per affumicature sono solitamente aggiunti agli alimenti per dare loro il gusto di 'affumicato' in alternativa al fumo tradizionale. Klaus-Dieter Jany, presidente del Panel Efsa sugli aromi, ha spiegato che “il gruppo ha basato le sue conclusioni sui dati limiti attualmente disponibili e sulle stime di apporto di queste sostanze”.
Le preoccupazioni riguardano quegli aromi per cui questo apporto potrebbe avvicinarsi a livelli nocivi per la salute. Tuttavia, ha puntualizzato l'esperto, “ciò non significa necessariamente che le persone che consumano questi alimenti siano a rischio, poiché si prendono in considerazione stime superiori al reale consumo”.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/aromiartificiali.htm

Nei cibi conservati delle grande distribuzione è una presenza assidua, palese o occulta... si chiama "in gergo" E621 ma lo troviamo camuffato anche con altri nomi apparentemente più innocenti: “idrolizzato proteico”, “proteine vegetali”, “isolato proteico di soia”, “proteina concentrata di soia”, “aromi naturali”, “enzimi”, “autolisato di estratto di lievito” e “lievito”.

Nella sostanza non cambia la solfa: è un grave danno alla nostra salute e di lui si sospetta seriamente che tra i reali effetti collaterali ci siano anche malattie degenerative , cardiovascolari, disturbi del comportamento, diabete, glaucoma e… sovrappeso. Negli ultimi decenni è stato oggetto di molte ricerche dai risultati davvero sconcertanti, come ci ricorda il Dr Perugini Billi in una recente intervista su La Stampa:

“È noto ormai da 50 anni che per provocare un rapido soprappeso in un animale basta creare danni puntiformi nell’ipotalamo. Il glutammato è in grado di fare la stessa cosa. Il problema è che gli esseri umani sono 5 volte più sensibili alla tossicità del glutammato del più sensibile degli animali da laboratorio e i lattanti sono 4 volte più sensibili degli adulti. Secondo alcuni esperti, è la precoce esposizione al glutammato una della cause dell’aumento di obesità tra le nuove generazioni.

Nel 1957 alcuni ricercatori stavano cercando di capire se un amminoacido molto comune nel nostro corpo, l’acido glutammico, era in grado di riparare i danni retinici. Nutrirono dei topi con questo amminoacido, nella particolare forma di glutammato monosodico (MSG). Quello che scoprirono fu scioccante. Tutte le cellule della retina erano state letteralmente spazzate via, semplicemente non c’erano più.
Circa 10 anni più tardi il Dr John Olney, neuroscienziato e ricercatore americano, decise di utilizzare questo sistema di distruzione della retina per studiare le connessioni tra visione e cervello. Scoprì che il MSG non solo danneggiava la retina, ma anche alcune aree specifiche del cervello, principalmente l’ipotalamo.
Inoltre, scoprì che provocava una sovreccitazione dei neuroni talmente forte che alla fine queste cellule morivano. Chiamò questo fenomeno “eccitotossicità.
Da allora sono stati condotti numerosi studi e oggi sappiamo che l’acido glutammico è uno dei più comuni neurotrasmettitori presenti nel cervello e che influenza funzioni come l’ attenzione, l’apprendimento, la memoria, il controllo del sistema endocrino e l’emozioni.

Questo amminoacido tuttavia non distrugge le cellule nervose, perché un sistema di controllo tiene entro certi limiti i suoi livelli nel cervello. La stessa cosa però non avviene con il MSG, che è libero di provocare danni cellulari anche gravi.
Si sospetta infatti che il consumo di questa sostanza sia associato ad alcune malattie degenerative del sistema nervoso (Alzheimer, Parkinson, neuropatie, schizofrenia, depressione, disturbi del comportamento e dell’apprendimento, autismo ecc.), al diabete, alle malattie cardiovascolari, al glaucoma e alla degenerazione maculare".

Dunque OCCHIO ALLE ETICHETTE nel fare la spesa!
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/glutammatomonosodico.htm

La pagina recita:
"Svelato il segreto più gelosamente custodito dalle multinazionali alimentari
Tutte le aziende alimentari custodiscono gelosamente UN PICCOLO SPORCO SEGRETO e oggi voglio rivelartelo mettendo a nudo tutta la questione!
Molte persone parlano degli additivi chimici utilizzati come ingredienti, questo però non è il solo problema: le aziende alimentari inseriscono qualcos'altro negli alimenti, qualcosa che sfugge alle regolamentazioni qualcosa di DAVVERO MESCHINO.
Il problema principale di ogni azienda alimentare è vendere di più spendendo di meno.
Per far ciò le aziende nell'ultimo secolo si sono sempre più modernizzate, implementando sistemi di produzione ad alta resa e bassa spesa.
Questi sistemi di produzione sono stati applicati all'agricoltura, agli allevamenti e tutta la produzione successiva.
Procedimenti altamente tecnologici producono enormi quantità di cibo in pochissimo tempo.
Tutto ciò però ha contribuito a far crescere un problema: il cibo industriale NON E' SAPORITO, PERDE TUTTO IL SUO SAPORE NATURALE le diverse fasi di lavorazione: la lavorazione è diventata iper-tecnologica, ma LA VERDURA, LA FRUTTA, LA CARNE, IL LATTE. I LATTICINI e le materie prime non sono risultate adatte per essere sottoposte a questo tipo di stress meccanico e chimico, risultato il cibo che esce dalla filiera ad alta tecnologia non ha più sapore, è cattivo, e nessun uomo lo accoglierebbe come cibo in quello stato.
Ma un momento! Il cibo che troviamo al supermercato è gustoso, pieno di sapore, eppure proviene da procedimenti industriali: come è possibile tutto ciò?
La risposta è semplice:
CHIMICA!
Questo è il segreto delle aziende alimentari, tutto il sapore dei loro cibi proviene da quell'unica piccola parolina sul fondo della lista degli ingredienti:
“AROMI”.
Dietro a questa semplice e onnipresente scritta si può celare di tutto.
E non farti ingannare dal termine “Aromi naturali”: la differenza con il semplice termine
“Aromi” è davvero minima e di naturale c'è ben poco (potremmo dire niente!).
Gli aromi costituiscono un mercato fiorente gestito da poche compagnie di punta in tutto il
mondo.
Si parla addirittura di servizi segreti del cibo.
I servigi di queste aziende produttrici di inganni, (Aromi), sono rilasciati sotto stretto riserbo, non sia mai che l'opinione pubblica venga a conoscenza che lo yogurt alla fragola presente in tutti i supermercati contiene:
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/aromia.htm
da questa pagina:
http://digilander.libero.it/genfranco1/Immagini/aspartame.htm
Ecco i prodotti per i BAMBINI su questa pagina
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aabambiniaromi.htm
Ed ora ecco le bibite, ma non della coca-cola poichè gli ingredienti sono segreti. Certo, perchè se si conoscessero non la si berrebbe MAI. 
TUTTI gli esseri viventi bevono SOLO ACQUA ed anche dalle paludi, senza alcun danno:
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aabibitearomi.htm
Ecco i prodotti Ferrero
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aaferrero.htm
Ecco i prodotti pubblicizzati:
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/aactimeldanacolaromi.htm
Danone OIKOS
Fragola
11,9 g di proteine e 0% grassi
Denominazione di vendita: Yogurt colato con frutta in pezzi
Ingredienti: Latte scremato, fragole 10 %, zucchero, addensanti: amido modificato, carragenina, gomma di guar; succo concentrato di carota, succo di limone concentrato, correttore di acidità: citrato di sodio; aromi, fermenti lattici.
Senza glutine, senza coloranti artificiali e senza conservanti.
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/danoneoikos.htm

Misteriose sfere bianche trovate in spiaggia: ecco di cosa si tratta

Sulle spiagge della Gran Bretagna sono comparse alcune misteriose sfere bianche. Ecco di cosa si tratterebbe

Delle gigantesche sfere bianche con una consistenza gelatinosa sono state rinvenute in diverse spiagge della Gran Bretagna. In pochi giorni le misteriose sfere sono comparse a Margate, Brighton, Thanet, Bournemouth ed infine sull’Isola di Wight. A spaventare gli abitanti del luogo non solo la forma gelatinosa e la grandezza delle sfere, ma anche il fortissimo odore di diesel che emanavano, una circostanza che ha fatto credere sin da subito che le bolle potrebbero essere pericolose per l’uomo.

Le autorità hanno immediatamente inviato esperti per effettuare rilievi sulle sfere bianche, allo scopo di scoprire di cosa di trattasse. Nel frattempo è stato chiesto di tenere lontani bambini e animali dalla zona, visto che le bolle bianche trovate in spiaggia potrebbero essere molto pericolose.

Il dottor Marc Abraham, un veterinario che ha avuto modo di analizzare le sfere bianche, ha rivelato che potrebbero trattarsi di olio di palma. “Queste cose possono causare problemi su due livelli – ha spiegato il medico – il primo è gastrico, il secondo è per quanto riguarda le ostruzioni da corpo estraneo”. Secondo l’uomo già in passato, nel 2014, le sfere bianche erano comparse sulle spiagge della Cornovaglia e in quell’occasione avevano provocato la morte di 5 cani, che avevano ingerito accidentalmente la sostanza.  “Siccome l’olio di palma è gelatinoso, può depositarsi nell’esofago e richiedere un intervento chirurgico di emergenza – ha svelarlo Abraham -. Se pensate che il vostro cane abbia ingerito qualcosa che non dovrebbe dovuto, contattate immediatamente il veterinario”.

Ma c’è di più, visto che quasi un mese fa delle sfere simili erano state rinvenute a Montemarciano, in provincia di Ancona. Anche in quel caso l’odore forte di diesel aveva spinto le persone a tenersi lontane, considerando la sostanza pericolosa.

L’olio di palma è un olio vegetale non idrogenato ottenuto tramite la lavorazione di una pianta originaria dall’Africa e coltivata in Indonesia e Malesia. L’olio di palma è spesso utilizzato nel settore alimentare e in quello cosmetico, mentre 3,5 milioni di tonnellate viene usato per lavorare il biodiesel, miscelandolo al normale gasolio.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/aaoliodipalma.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Gio 1 Dic 2016 - 13:47

Ciao, mi permetto di sottoporti un articolo che a mio parere è molto importante in quanto elenca una parte di malattie causate dalla CARENZA di questa vitamina D.
Non solo ma riporta una frase ancora più importante a far capire che da questa vitamina D NON SI POSSONO AVERE   M A I   ALCUNA CONTROINDICAZIONE AGLI ALTI DOSAGGI, come non li si possono avere da alcun "ALIMENTO ESSENZIALE".
"Non ha controindicazioni, non vi è pericolo di sovradosaggi e non costa nulla! "
Questo è comprensibile in quanto chè se così fosse nel mondo non ci sarebbe più la vita.
Pertanto gli allarmismi di chi invece dovrebbe interessarsi VERAMENTE della nostra salute, possono SOLO ESSERCI DANNOSI.
Ma poi ad ognuno le sue convinzioni SE LOGICHE.
Buona Informazione

LA VITAMINA “D”
     La vitamina D, una volta era legata solo alle patologie ossee come il rachitismo e l'osteoporosi, ora è riconosciuta come uno dei principali fattori per la salute umana.
In un articolo pubblicato dall'American Journal of Clinical Nutrition,  Anthony  Norman, esperto internazionale sulla vitamina D, identifica il potenziale della vitamina D per il contributo alla buona salute del sistema  adattivo e immunitario, alla secrezione e la regolazione dell' insulina da parte del pancreas, alla regolazione cardiaca della pressione sanguigna , alla forza muscolare e all'attività cerebrale.
Si ritiene che quantità adeguate di vitamina D siano utili per ridurre il rischio di cancro.
Secondo A. Norman, la carenza di vitamina D può influenzare 36 diversi organi del corpo umano.
La carenza di vitamina D è associata ad una diminuzione della forza muscolare e ad un aumento del rischio di cancro al colon-retto, alla prostata e al seno nonchè altri tumori importanti.
Uno studio indipendente indica anche che bassi livelli di vitamina D sono associati alla malattia di Parkinson.
La maggioranza (55 per cento) dei pazienti con malattia di Parkinson nello studio avevano livelli insufficienti di vitamina D.
Le nuove linee guida oggi consigliano di somministrare ai bambini 400 unità internazionali (UI) di vitamina D al giorno, a partire nei primi giorni di vita. … E' stato dimostrato che questo potrebbe avere benefici sulla loro salute per tutta la vita", ha dichiarato il Dr. Frank Greer della American Academy of Pediatrics.
La vitamina D influenza 2000 dei 30000 geni presenti nel nostro corpo.
I produttori di creme solari e prodotti dermatologici hanno creato, con i loro messaggi pubblicitari (anche mascherati nelle riviste di salute e benessere più o meno scientifiche), la paura per i presunti effetti negativi del sole.
Questo fattore, combinato con la tendenza generalizzata a trascorrere più tempo in casa durante il lavoro e il tempo libero, ha determinato nelle persone una carenza diffusa di vitamina D.
Carenza che influenza molte malattie quali:
Cancro
Ipertensione
Malattie cardiache
Autismo
Artrite reumatoide
Obesità
Diabete 1 e 2
Sclerosi Multipla
Malattia di Crohn
Influenza
Raffreddore
Tubercolosi
Setticemia
Psoriasi
Invecchiamento precoce
Eczema
Insonnia
Perdita dell'udito
Dolore Muscolare
Carie
Malattie paradontali
prestazioni atletiche
Degenerazione maculare
Miopia
Pre eclamsia
Fertilità
Asma
Fibrosi cistica
Emicrania
Depressione
Alzaimer
Schizofrenia
Attacchi epilettici
La vitamina D in realtà non è una vitamina a tutti gli effetti, ma un potente ormoneneuro  steroideo. E' stato chiarito che la carenza di vitamina D è causa di un aumento delle epidemie in tutto il mondo e sta contribuendo a molte malattie croniche debilitanti.
Vitamina D e cancro
Dato che il cancro, le malattie cardiache e il diabete sono le tre principali cause di morte nei paesi industrializzati, l'assumere una quantità sufficiente di vitamina D dovrebbe essere una priorità assoluta.
Uno studio condotto dal dottor William Grant, Ph.D., ricercatore riconosciuto a livello internazionale ed esperto di vitamina D, ha rilevato che circa il 30% delle morti per cancro - che nel mondo ammontano a 2 milioni di casi – potrebbe essere evitato ogni anno con alti livelli di vitamina D.
Altri studi hanno dimostrato che è possibile ridurre il rischio di cancro di oltre la metà semplicemente ottimizzando i livelli di vitamina D con esposizione al sole.
La vitamina D ha un effetto protettivo contro il cancro con modalità differenti, tra cui:
• L'aumento dell'auto-distruzione delle cellule mutate (che, se si moltiplicano, potrebbero portare al cancro)
• La riduzione della diffusione e della riproduzione delle cellule tumorali
• La differenziazione delle cellule (le cellule tumorali spesso mancano di differenziazione)
• La riduzione della crescita di nuovi vasi sanguigni da quelli preesistenti, che è un passo nella transizione dei tumori cancerosi dormienti verso il cancro.
Oltre al cancro, i ricercatori hanno sottolineato che l'aumento dei livelli di vitamina D3 potrebbe prevenire altre malattie che colpiscono quasi 1 milione di vite in tutto il mondo ogni anno!
Preoccupati per l'influenza?
Si dovrebbe sapere che i livelli di vitamina D giocano un ruolo diretto sul rischio di l'influenza.
Almeno cinque studi hanno dimostrato un'associazione inversa tra infezioni delle basse vie respiratorie e d il livello di vitamina D. Cioè,  più esso sarà elevato e minore sarà il rischio di contrarre raffreddori, influenze, e altre infezioni del tratto respiratorio:
    Uno studio del 2007 afferma che un elevato livello di vitamina D favorisce l'immunità alle infezioni microbiche. I ricercatori hanno scoperto che i soggetti con deficit di vitamina D significativamente hanno fatto più giorni di assenza dal lavoro a causa di infezioni alle vie respiratorie rispetto ai soggetti di controllo.
    Uno studio del 2009 sulla carenza di vitamina D nei neonati con infezione acuta delle vie respiratorie inferiori ha confermato una forte correlazione positiva tra i neonati e livelli di vitamina D della madre. Oltre l'87 per cento di tutti i neonati e oltre il 67 per cento di tutte le madri avevano livelli di vitamina D inferiori a 20 ng / ml, che è uno stato grave deficit.
    Anche uno studio indiano simile, pubblicato nel 2004 ha accertato che la carenza di vitamina D nei bambini ha incrementato in maniera significativa la loro probabilità di contrarre gravi infezioni delle vie respiratorie.
    Un altro rapporto del 2009 nella rivista Pediatric Research ha affermato che i neonati e i bambini appaiono più sensibili alle infezioni virali e non batteriche quando sono carenti in vitamina D. E che, sulla base delle prove disponibili vi è un forte legame tra la vitamina D, le infezioni, e la funzione immunitaria nei bambini.
La supplementazione di vitamina D può essere una utile terapia in medicina pediatrica.
I livelli di vitamina D nel sangue scendono al loro punto più basso durante le stagioni invernali. Sei livelli di vitamina D sono insufficienti, non vi sarà protezione da antibiotici prodotti dal proprio organismo (peptidi antimicrobici).
Questo conferma che una persona con un basso livello di vitamina D è più vulnerabile ai raffreddori, all'influenza, e alle altre infezioni delle vie respiratorie.
Purtroppo, la risposta della medicina convenzionale per prevenire l'influenza è il vaccino antinfluenzale.
Quello che non si dice è che il vaccino antinfluenzale non funziona.
Un recente studio pubblicato nel numero di ottobre degli Archives of Pediatric & Adolescent Medicine ha scoperto che vaccinando i bambini contro l'influenza non sembra avere alcun effetto sui ricoveri o sulle visite mediche nel corso di due recenti stagioni influenzali.
Nessuno studio ha accertato che il vaccino antinfluenzale prevenga i decessi correlati all'influenza tra gli anziani, pur essendo questo uno dei principali gruppi a cui vengono somministrati i vaccini.
Oltre a non funzionare, i vaccini contro l'influenza contengono additivi pericolosi, come il mercurio, la formaldeide, l'alluminio, il fenolo e i detergenti.
L'idea nata negli USA che quasi ogni uomo, donna e bambino  dovrebbero volontariamente farsi iniettare il vaccino, come il CDC (Center for disease control and prevenction) raccomanda è considerato illogico, inutile e pericoloso.
Cosa si può fare per evitare raffreddori e influenze?
    Assumere abbastanza vitamina D consentirà di eliminare quasi completamente il rischio di contrarre l'influenza. Le dosi giornaliere necessarie per resistere ai raffreddori e alle influenze sono notevolmente più elevate di quelle normalmente consigliate. Per i bambini occorrono 2000 unità di vit. D e per gli adulti da 5000 a 10000 unità.
    Adottare un regime alimentare che preveda l'eliminazione totale dello zucchero raffinato e la drastica riduzione delle farine bianche, l'assunzione giornaliera di frutta e verdura sopratutto di stagione e per buona parte cruda
    Assicurare il buon funzionamento dell'intestino. Importantissimo far si che si instauri una buona flora batterica evitando il ricorso ad antibiotici per ogni piccolo disturbo e, se necessario, fare uso di probiotici o meglio cibi fermentati (come crauti, miso, ecc. mai pastorizzati). Consideriamo che le nostre difese immunitarie dipendono dalla salute dell'intestino.
La migliore fonte di vitamina D è gratis!
L'esposizione della pelle al sole è il migliore modo di assumere la vitamina D.
L'esposizione al sole (senza protezione solare) di circa 10 a 15 minuti al giorno, con almeno il 40 per cento della pelle esposta, è normalmente sufficiente a ottimizzare naturalmente il livello di vit. D.
Durante l'inverno quando non è possibile l'espozione al sole, si può optare per un lettino abbronzante che abbia la schermatura contro le emissioni nocive delle lampade.
Una terza possibilità è quella di utilizzare degli integratori di vitamina D3 naturale evitando tassativamente l'uso di vitamina D sintetica.
La dose ottimale da ricercare è di 50 – 65 ng/ml ed è consigliabile eseguire alcuni test affidabili per monitorare il corretto livello di vit. D nel sangue.
Conclusione
Visto che la vitamina D è particolarmente benefica per la salute e ci può mettere al riparo da malanni e patologie anche gravi, per la bella stagione appena arrivata cerchiamo di fare il pieno con una regolare esposizione al sole.
Non ha controindicazioni, non vi è pericolo di sovradosaggi e non costa nulla!
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadinfluenzaa.htm

Ed ora........
IL FALSO MITI DELLA TOSSICITA' DELLA VITAMINA D
Ora torniamo alla strana storia della vitamina D e, in particolare, ai tentativi di renderla illegale da parte delle lobby farmaceutiche e della FDA degli Stati Uniti (l'agenzia regolatrice per farmaci ed alimenti).
Dopo la scoperta di un metodo per produrre in modo semplice ed economico grandi quantità di vitamina D2 irradiando di luce UV sulla materia organica, l'America di fine anni Venti iniziò a consumarne a palate. Decine di alimenti, compresi gli hot dog e la birra, venivano arricchiti con la vitamina D attraverso l'irraggiamento. Gli articolo di giornale parlavano del "miracolo del sole" e ne enumeravano i tanti benefici per la salute.
Secondo il resoconto di uno scienziato, fra la fine degli anni Venti ed i primi anni Trenta, una persona media assumeva 20 mg di vitamina D2 al giorno, e gli ospedali si erano rapidamente svuotati. Nessuno si ammalava più. Gli ospedali stavano andando in bancarotta, insieme ai medici ed alle case farmaceutiche. Più o meno in questo periodo, vari ricercatori stavano intraprendendo degli studi somministrando ai cani un dosaggio di gran lunga maggiore dell'equivalente umano di 20 mg al giorno. Alcuni studi indicavano che si riscontrava una leggera tossicità per dosi maggiori ai 20 mg al giorno, ma questa era per lo più causata da impurità nel processo di preparazione. In seguito, attraverso l'uso di metodi migliori, si riuscì a produrre della vitamina D2 teoricamente priva di tossicità (comunque assumere livelli molto superiori ai 20 mg come per quasi tutte le sostanze ingerite in quantità davvero eccessive, può essere pericoloso ed anche tossico. quindi occorre sperimentare con cautela).
Insomma, una versione degli eventi è che alcune figure del settore farmaceutico/medico si siano aggrappate all'idea della tossicità della vitamina D per cercare di metterla al bando. La loro prima azione fu di cambiare l'unità di misura della vitamina D2 dai milligrammi alle unità internazionali (UI) che usiamo attualmente rendendo la misurazione il più possibile confusa.
All'improvviso, 20 mg erano diventati 1.0 milioni di UI...fà un'impressione molto più SPAVENTOSA!
Inoltre, era stato effettuato uno studio in cui sette studenti di medicina erano stati convinti ad assumere dosi di vitamina D sufficienti ad uccidere un cavallo e -guarda un pò- gli studenti si ammalarono, poi guarirono, e l'esperimento fu fermato. Non servì altro, e le autorità mediche fecero pressioni perchè i produttori e rivenditori ritirassero la vitamina D dal mercato.
Come ci si poteva aspettare, nel 1928 ci fù una protesta pubblica ed il governo degli USA decise di commissionare all'Università dell'Illinois di Chicago uno studio completo sul problema della tossicità della vitamina D. Lo studio durò nove anni, coinvolse centinaia di medici, 773 soggetti umani e 63 cani e produsse il cosidetto "rapporto Steck" (in alcune fonti "rapporto Streck).
Fondamentalmente in rapporto concludeva che le dosi fino a 20.000 UI per kg di peso al giorno (0 1 milione di UI per un tipico soggetto donna di 50 kg di peso) erano tollerate con sicurezza a tempo INDETERMINATO nei cani, anche per diversi anni. Il rapporto riteneva responsabili per i precedenti casi di tossicità le tecniche di produzione inadeguate ed indicava che il nuovo processo Whitter eliminasse ogni possibile tossicità della vitamina D. Fra i soggetti umani, cui erano somministrati 200.000 UI al giorno per periodi da sette giorni a cinque anni, non ci furono decessi.
Uno degli autori del rapporto assunse personalmente 3.0 milioni di UI al giorno per 15 giorni senza riscontrare alcun problema di salute. Infine si osservò che l'intossicazione da vitamina D data dall'assunzione di quantità di molto superiori di vitamina per brevi periodi non producevano alcun tipo di lesione permanente riconoscibile. La conclusione era che, a questo punto, l'onere della prova era passato a che sosteneva che le terapie con alti dosaggi di vitamina D fossero nocive (si ricordi che all'epoca si usava la vitamina D2 che rispetto alla D3 è attiva in misura da un quarto ad un sedicesimo. Adeguando i dati per la D3, potremmo inferire che un soggetto di 50 kg di peso potrebbe ingerire in sicurezza una dose da 50.000 a 250.000 UI al giorno di D3.
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadluciano.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Ven 2 Dic 2016 - 23:27

ATTENZIONE, ATTENZIONE, E' UN INGANNO, chiedo scusa, ma vorrei avvisare facendo notare, e non è il primo caso, che i LABORATORI DI ANALISI per controllo dei valori richiesti della vitamina D
NON SI COMPORTANO PROPRIO BENE NEI RIGUARDI DEI PAZIENTI, ANZI DIREI CHE SI COMPORTANO DISONESTAMENTE e lo dimostro sotto, clicca sul link e se ne avrà la riprova:
a prima vista direi che a quanto vedo gli esami di questo paziente sono nella norma, ma per la vitamina D che pare al MASSIMO del riferimento, invece NON E' COSI'.
Devo segnalare che dal LABORATORIO sono
DEI FARABUTTI
e lo dimostro.
Ora riporto il valore rilevato della vitamina D
s/25OH Vitamina D-------------36.9----ng/ml----con i valori di riferimento 9.0-37.6 (che questi valori sono completamente fuorvianti e possono ingannare i medici che lo devono interpretare, ritenendo il valore rilevato sul MASSIMO)
ma poi sotto vi è la scritta
-----------------------< 30 ng/ml: limite decisionale per ipovitaminosi D (che è in parte un valore giusto di rigerimento)
Riporto ora i valori GIUSTI di riferimento che sono invece:

< 10 ng/ml Carenza
10 e 30 ng/ml Insufficienza
tra 30 e 100 ng/ml Sufficienza
>100 ng/ml Tossicità

quindi il valore 36.9 rispetto al riferimento 9.0-37.6
che pare
OTTIMO
perchè vicino al MASSIMO del valore di riferimento, che E' FALSO, poichè il valore rilevato 36.9 è sul minimo della scala che è 30.
http://digilander.libero.it/genfranca/Immagini/falseanalisivitaminad.htm

Prima di procedere nella conoscenza della vitamina D (ORMONE) consiglio di vedere questo video chiarificatore intitolato:
"Vitamina D, cosa fare quando è carente"
Di questo video mi permetto di modificare il valore nel sangue rilavato in ng/ml che ritengo ottimale non inferiore al 50 ng/ml e non 30 ng/ml come indica invece il dott. Giuseppe Varcasia.
https://youtu.be/PQ5PjcupVB0

DICE: "lo possiamo sapere soltanto con un dosaggio", E' FALSO, PER SAPERE I VALORI SI DEVE FARE UN ESAME DEL SANGUE, QUESTO:
Fatti fare l'esame del sangue per il controllo della
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO
POTASSIO
FERRO
FOSFOREMIA
vitamina B12
MAGNESIO ERITROCITARIO (O INTRAERITROCITARIO)
OMOCISTEINA
Se hai la OMOCISTEINA alta sei a rischio infarto o ictus, quindi alle malattie cardiovascolari legate.
Questa OMOCISTEINA è nei cibi, ma sopratutto è aumentata dalle DROGHE come il TABACCO ed il CAFFE'. Quindi evitarle è TANTA SALUTE.
Una vitamina e precisamente la vitamina B9 (ACIDO FOLICO) è quello che te la fà abbassare. Questo ACIDO FOLICO è nei vegetali, sopratutto nelle verdure a foglia verde che vanno ingoiate CRUDE.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/omocisteina.htm

Insieme agli esami del sangue, per avere una fotografia completa della tua SALUTE, è IMPORTANTISSIMO il valore del pH delle urine. L'interpretazione è semplicissima, con il pH sotto il 5.5 (ACIDO) il corpo è a disposizione delle malattie, mentre il valore uguale e sopra il 6 (BASICO) le malattie stanno lontano da quel corpo.
Ma insieme non deve mancare una ECOGRAFIA ai RENI per avere la certezza che non vi siano delle CISTI, le quali, come abbiamo visto, possono creare dei disturbi senza dare alcun segnale poichè ASINTOMATICHE. Primo fra questi la IPERTENSIONE, di cui ormai troppe persone ne soffrono.
"I reni, inoltre, producono sostanze che aiutano a tenere sotto controllo la pressione e a fabbricare i globuli rossi."
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/cistirenalipressione.htm

Ora il dottor Angelo Bona ci dà una informazione molto importare riguardo alle DROGHE usate come psicofarmaci per curare la DEPRESSIONE, cosa successa a me personalmente dal 1972 al 1985 che quando ho smesso di bere il CAFFE' ho finito di ingoiare sia il transene che il valium (psicofarmaci). Ora ne ho pagato il dovuto con l'asportazione delle cisti renali conseguenti a questi farmaci ingoiati. Ma lui ci informa che la prima causa di questa depressione è la CARENZA di vitamina D che se poi aggiunta ad altre cause rovina la vita di chi vi incappa.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadangelobonaab.htm

Intervista Leonardo Rubini
al dott. Cicero G, Coimbra
San Paolo, Brasile
il 8 marzo 2014

Per la traduzione scritta nella lingua desiderata, cliccare sul quadrettino in basso a destra che stà in mezzo all'orologio e all'ingranaggio, che dopo aver cliccato esce la scritta della lingua di traduzione avendo la possibilità di variarla a piacimento. Cliccare poi su una qualsiasi parte del video e questa scritta sparisce.
https://www.youtube.com/watch?v=hOfO29rL-gI
per andare sulla risposta precisa.
http://www.leonardorubini.org/2014/04/il-re-e-nudo.html?m=1
Coimbra, vitamina D e patologie autoimmuni
D: Come è nato il suo protocollo?
R: Il protocollo è nato dalla seguente questione:
In un determinato momento delle vita professionale, ho sentito molto forte la necessità di provare a cambiare questa idea per cui la neurologia è una specialità medica fatta da brillanti diagnostici, ma senza nessun trattamento scientifico, disponibile per le malattie neurologiche; ed è così che è considerata nell'ambiente medico: una specialità di brillanti diagnostici ma senza nessun trattamento effettivo.
Quando ho finito un periodo di training clinico a Miami (USA), presso il Jackson Memorial Hospital, sono stato a San Paolo con l'obbiettivo di specializzarmi e di iniziare a fare ricerche usando animali da laboratorio e creando modelli di malattie neurologiche in ratti, con l'obiettivo di testare nuove possibilità di diagnosi.
Durante l'attività di ricerca, sei obbligato ad avere conoscenze all'avanguardia, non si può semplicemente leggere un libro di neurologia che ha informazioni di 5 o 10 anni fà; si è obbligati a sapere cosa è stato pubblicato la settimana scorsa a proposito della ricerca che si sta facendo. E questo è stato il nostro obiettivo. Avendo delle quantità enormi di pubblicazioni che non sono state pubblicate nei libri di testo, ci siamo chieste queste informazioni non sono applicate nella pratica clinica; e a volte sono informazioni davvero semplici. Poco alla volta ci siamo convinti che, molte cose che darebbero un grande beneficio ai pazienti, non sono discusse nei congressi di medicina e non vengono messe sui libri di testo, semplicemente perchè possono ridurre il consumo di medicine, sopratutto quando queste medicine sono costose.
In un determinato momento ci eravamo convinti che la vitamina D stimolasse la produzione di parecchie sostanze neurorigenerative nel cervello degli adulti, dei bambini, degli embrioni e dei feti. Ed è estremamente importante, tanto per lo sviluppo, quanto per le funzioni del sistema nervoso (stessa cosa nel sistema nervoso di un adulto).
Queste conoscenze non sono disponibili sui libri di medicina e la maggior parte dei dottori non sono a conoscenza dell'importanza di questo ORMONE, che non è una vitamina, ma è un ORMONE che induce alla formazione di sostanze rigenerative del sistema nervoso.
E noi abbiamo iniziato per questo motivo a somministrare vitamina D alle persone che avevano malattie neurodegenerative e abbiamo fatto attenzione ai pazienti con Parkinson e abbiamo iniziato a dare vitamina D in dosi fisiologicamente realistiche.
E' Importante che si dica che la dose giornaliera che è raccomandata oggi, internazionalmente,
NON ESCLUDE NESSUN PAZIENTE DALLA CARENZA DI VITAMINA D,
è una dose irrisoria, molto sotto alla dose fisiologica.
Ed allora, quando abbiamo iniziato a dare la dose fisiologica, che è la dose di 10.000 UI (Unita Internazionali) giornaliere.
cioè la dose che ci produce con pochi minuti di esposizione solare, ossia, se hai addosso canottiera e bermuda, con le gambe e le braccia esposte al sole,
PRODURRAI IN 20 MINUTI, SE HAI LA PELLE CHIARA E SE SEI GIOVANE, 10.000 UI DI VITAMINA D AL GIORNO.
ALLORA, 10.000 UI E' UNA DOSE FISIOLOGICA, NON E' UNA SUPER DOSE.
Però la maggior parte dei dottori considerano questa dose potenzialmente tossica. E questi dottori affermano che oggi la dose raccomandata è di 600 UI.
ALLORA RACCOMANDATA 600 UI, ma se una persona si espone al sole per 20 minuti, produce 10.000 UI!
ALLORA ESISTE UNA DIFFERENZA EVIDENTE TRA LA PRATICA MEDICA E LA CONOSCENZE SCIENTIFICHE.
Allora, iniziamo a dare 10.000 UI alle persone con malattie neuro degenerative, e ricordo un paziente con Parkinson, che ha ricevuto 10.000 UI di vitamina D, quando è ritornato per la seconda visita, dopo 3 mesi (prendendo 10.000 UI di vitamina D al giorno) aveva una lesione di vitiligine sul viso che era diminuita tanto in pochi mesi di somministrazione di 10.000 UI.
Questo ci ha portato a cercare informazioni nella letteratura medica in relazione agli effetti della vitamina D nel sistema immunologico.
Siamo rimasti sorpresi per l'enorme quantità di pubblicazioni che erano disponibili già nel 2001-2002.
In base a questo primo risultato, abbiamo iniziato a dare 10.000 UI di vitamina D ai pazienti con sclerosi multipla, che è la malattia autoimmune più comune in neurologia e quella che ha gli effetti più devastanti tra i pazienti neurologici.
Siamo rimasti sorpresi nel vedere quanto questi pazienti siano migliorati.
E questo è stato il punto di partenza, nell'attribuire un grande valore alla vitamina D nel trattamento di malattie autoimmunitarie.
Oggi noi siamo assolutamente convinti, assieme alla comunità scientifica che si occupa della ricerca sulla vitamina D, che studia gli effetti della vitamina D nel sistema immunologico:
LA VITAMINA D E' IL MAGGIOR REGOLATORE DELL'ATTIVITA' DEL SISTEMA IMMUNOLOGICO E MODIFICA IL FUNZIONAMENTO DI APPROSSIMATIVAMENTE 4.500 GENI IN OGNI CELLULA DEL SISTEMA IMMUNITARIO.
E' UNA SOSTANZA SENZA EGUALI.
Faccio un confronto per spiegare cosa intendo con 4.500 geni che sono regolati nella loro attività dalla vitamina D.
Immagina un grattacielo dove sono presenti tante sale commerciali ed immagina che 4.500 porte all'interno di questo grattacielo possono essere aperte o chiuse da un'unica chiave.
Allora dovete confrontare il grattacielo con ognuna delle cellule del sistema immunologico e la chiave è la vitamina D.
Quando manca la vitamina D, l'ammalato non riesce a regolare, ossia aprire o chiudere, stimolare o ridurre l'attività di 4.500 funzioni biologiche all'interno delle cellule del sistema immunologico.
LA MANCANZA DI QUESTA SOSTANZA RAPPRESENTA UN DISASTRO PER IL SISTEMA IMMUNOLOGICO!

D: Come si compone il suo protocollo?
R: GLI ELEMENTI CHE COMPONGONO IL TRATTAMENTO, IN REALTA' SI RIASSUME IN UN'UNICO ELEMENTO:
"LA VITAMINA D."

D: Pensa che per prendere 10.000 UI al giorno sia necessario essere sotto controllo medico?
R: La persona che assume 10.000 unità di vitamina D prende la stessa dose di vitamina D che un giovane produrrebbe nella pelle se vestito con maglietta a maniche corte e pantaloncini corti, lasciando braccia e gambe esposte al sole, una persona giovane e di pelle chiara, senza uso di filtro solare, produrre 10.000 UI di vitamina D, che non può essere considerata una dose tossica di vitamina D.
E non c'è nessun bisogno di fare controlli di laboratorio o di essere sotto controllo medico, per il semplice fatto che un adulto stà prendendo 10.000 unità di vitamina D.
Questo, però, non è valido quando si tratta di bambini; ai bambini sottopeso, questa dose può risultare eccessivo.
http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminadcoimbra.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Sab 3 Dic 2016 - 22:22

Ciao, ecco "I 10 sintomi di carenza di vitamina D che è necessario riconoscere", che sono certo ti serviranno a scoprire la sua CARENZA causa di molte malattie DEGENERATIVE.

Questa carenza mi è stata riscontrata nell'ultimo esame del 21 gennaio 2014.

http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/esame14.htm

Non l'avrei mai detto!

Mi permetto di riportare il consiglio del dottor Coimbra alle persone che sono certo, sono carenti di vitamina D.
Egli dice:
"E' importante che si dica che la dose giornaliera che è raccomandata oggi, internazionalmente, non esclude nessun paziente dalla carenza di vitamina D, è una dose irrisoria, molto sotto la dose fisiologica.
E allora, quando abbiamo iniziato a dare la dose fisiologica, che è la dose di 10.000 unità giornaliere, cioè la dose che si produce con pochi minuti di esposizione solare, ossia, se hai addosso canottiera e bermuda, con le gambe e le braccia esposte al sole, produrrai in 20 minuti, se hai la pelle chiara e sei giovane, 10.000 unità di vitamina D al giorno.
Allora, 10.000 UI è una dose fisiologica, non è una super dose.
Però la maggior parte dei dottori considerano questa dose potenzialmente tossica.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadcoimbraa.htm

Mentre il dr. Andrea Rizzo ci riporta questa tabella:
Per tutti questi valori oltre ad una sensibile esposizione al sole [30].
TABELLA 1
Recommended vitamin D intake levels of the Institute of Medicine vs. Endocrine Society [29,30].
Age.............Recommended Intake (IU/day)....Upper Limit (IU/day)
National Institute of Medicine
Children (0–18 years)....400–600...................2500 (1–3 years)
...................................................3000 (4–8 years)
...................................................4000 (13–18 years)
Adults (19–70 years).......600.....................4000
Older Adults (>70 years)...800.....................4000
Pregnancy/Lactation.......600......................4000
The Endocrine Society
Children (0–18 years)....400–1000..................2000–4000
Adults (19–70 years)....1500–2000...................10,000
Older Adults (>70 years).1500–2000..................10,000
Pregnancy/Lactation......600–1000 (14–18 years)
........................1500–2000 (19–50 years).....10,000

Un’altra area di dibattito tra i ricercatori di vitamina D sono i valori di riferimento utilizzati per definire gli ottimali livelli di ottimale di vitamina D, la carenza e l’insufficienza.
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/vitaminaddrandrearizzo.htm

La traduzione dell'articolo:dall'inglese:
(NaturalNews) Assunzione di vitamina D, mentre ancora giovane può essere buono per il corpo a lungo termine. Risultati da uno studio condotto dall'Università di Zurigo hanno confermato che una quantità sufficiente di vitamina D, presi costantemente è necessaria per mantenere la salute delle ossa.

Molte persone credono che mantenere sane abitudini alimentari è abbastanza, ma solo pochi alimenti contengono naturalmente significativi livelli di vitamina d. Secondo il dottor Heike A. Bischoff-Ferrari, una facoltà di UZH, al fine di ottenere adeguati livelli di vitamina D attraverso la dieta da sola, due porzioni di pesce grasso come il salmone o sgombro avrebbe dovuto essere consumato ogni giorno. È quindi necessario aumentare i livelli di vitamina D nel corpo attraverso sufficiente esposizione al sole e un'integrazione al fine di utilizzare il pieno potenziale della vitamina sole per mantenere il corpo di corretto funzionamento.

Questo equivoco sul mantenimento di livelli D attraverso la dieta hanno un grado di terra poiché la vitamina D non è una vitamina stand-alone. Per eseguire molte funzioni, la vitamina D funziona in cooperazione con altre vitamine come magnesio, che può essere trovato in verdure a foglia verde come spinaci. Questa caratteristica unica di vitamina D ha contribuito alla gestione di molte malattie croniche.

Le molte facce di vitamina D
Decenni fa, operatori sanitari pensavano vitamina D era solo buono per mantenere denti e ossa sane. Recenti progressi nella scienza, tuttavia, hanno messo questa vitamina sotto i riflettori rivelando il suo ruolo nel funzionamento del corpo umano e la capacità di abbassare il rischio di malattie non precedentemente associate con esso.

Nonostante le recenti rivelazioni circa il potenziale della vitamina D, sembra che non tutti apprezza questa scoperta. Lo stile di vita attuale di lavorare al chiuso ha contribuito al crescente numero di casi di carenza di vitamina D in tutto il mondo. Ciò è aggravato dal fatto che non tutti sono consapevoli che lui o lei può essere carente di vitamina D.

Io sono carente di vitamina D?
Il modo migliore per scoprire la carenza di vitamina D è di prendere un esame del sangue che misura il livello della vitamina nel sangue. Si può chiedere sia il medico a somministrare il test o comprarti un test a casa kit fai il test. Tuttavia, vi sono certamente vitamina D carente se si dispone di uno qualsiasi dei seguenti disturbi, ed è necessario consultarsi con il medico per quanto riguarda il tuo preventivo, così come curativo, opzioni appena possibile.

1.) l'influenza - In uno studio pubblicato sulle riviste di Cambridge, si è scoperto che la carenza di vitamina D predispone i bambini a malattie respiratorie. Uno studio di intervento condotto hanno dimostrato che la vitamina D riduce l'incidenza di infezioni respiratorie nei bambini.

Debolezza muscolare 2.) - secondo Michael F. Holick, un leader esperto di vitamina D, debolezza muscolare è solitamente causata da carenza di vitamina D perché per i muscoli scheletrici di funzionare correttamente, i loro recettori della vitamina D devono essere sostenute da vitamina d.

3.) psoriasi - In uno studio pubblicato da la UK PubMed central, è stato scoperto che analoghi sintetici di vitamina D sono state trovate utile nel trattamento della psoriasi.

4.) la malattia renale cronica - secondo Holick, pazienti con malattie renali croniche avanzate (in particolare quelli che richiedono dialisi) sono in grado di rendere la forma attiva della vitamina d. Questi individui devono prendere 1,25-diidrossivitamina D3 o uno dei suoi analoghi calcemic per sostenere il metabolismo del calcio, diminuire il rischio di malattia renale dell'osso e regolare i livelli di ormone paratiroideo.

5.) diabete - uno studio condotto in Finlandia è stato descritto in Lancet.com in cui 10.366 bambini sono stati dati 2000 unità internazionali (IU) / giorno di vitamina D3 al giorno durante il loro primo giorno di vita. I bambini sono stati monitorati per 31 anni e in tutti loro, il rischio di diabete di tipo 1 è stata ridotta l'80 per cento.

6.) asma - vitamina D può ridurre la gravità degli attacchi di asma. Ricerca condotta in Giappone ha rivelato che gli attacchi di asma in età scolare sono stati abbassati notevolmente in quei soggetti prendendo un supplemento giornaliero di vitamina D 1200 UI al giorno.

7.) malattia parodontale - coloro che soffrono di questa malattia cronica di gomma che dovrebbero prendere in considerazione cause gonfiore e sanguinamento delle gengive alzando i livelli di vitamina D per produrre defensine e cathelicidin, composti che contengono proprietà microbiche e abbassare il numero di batteri nella bocca.

8.) malattie cardiovascolari - scompenso cardiaco è associata con carenza di vitamina D. La ricerca condotta all'Università di Harvard tra infermieri trovati che le donne con livelli bassi di vitamina D (17 ng/m [42 nmol/L]) erano un 67 per cento aumentato rischio di sviluppare ipertensione.

9.) schizofrenia e depressione - questi disturbi sono stati collegati alla carenza di vitamina D. In uno studio, è stato scoperto che mantenendo sufficiente vitamina D tra le donne in gravidanza e durante l'infanzia era necessario soddisfare il recettore della vitamina D nel cervello integrante per lo sviluppo del cervello e manutenzione della funzione mentale nella vita più tarda.

10.) cancro - ricercatori della Georgetown University Medical Center di lavaggio

La prevenzione è proattiva
Queste varie condizioni di salute associate a carenza di vitamina D non devono essere qualcosa da temere. Un approccio proattivo alla prevenzione può aiutare a evitare molte malattie croniche associate a carenza di vitamina D. Per uno, per poter salvare migliaia di dollari, per non parlare la pace della mente, semplicemente, a costo di fare una passeggiata sotto il sole. Salvare gli ombrelli per i giorni di pioggia.

Fonti per questo articolo:
Ulteriori informazioni:
http://www.naturalnews.com/035089_vitamin_D_deficiency_signs_symptoms.html#ixzz31OflHv7v

http://digilander.libero.it/genfranco2/Immagini/vitaminaddiecisintomi.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Dom 4 Dic 2016 - 21:21

Ciao, non solo vitamina D (ORMONE), ma anche il magnesio è legato ad essa:
Il libro riporta:
Prima di procedere nella conoscenza della vitamina D (ORMONE) consiglio di vedere questo video chiarificatore intitolato:
"Vitamina D, cosa fare quando è carente"
Di questo video mi permetto di modificare il valore nel sangue rilavato in ng/ml che ritengo ottimale non inferiore al 50 ng/ml e non 30 ng/ml come indica invece il dott. Giuseppe Varcasia.
https://youtu.be/PQ5PjcupVB0
DICE: "lo possiamo sapere soltanto con un dosaggio", E' FALSO, PER SAPERE I VALORI SI DEVE FARE UN ESAME DEL SANGUE, QUESTO:
Fatti fare l'esame del sangue per il controllo della
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO
POTASSIO
FERRO
FOSFOREMIA
vitamina B12
MAGNESIO ERITROCITARIO (O INTRAERITROCITARIO)
OMOCISTEINA
Se hai la OMOCISTEINA alta sei a rischio infarto o ictus, quindi alle malattie cardiovascolari legate.
Questa OMOCISTEINA è nei cibi, ma sopratutto è aumentata dalle DROGHE come il TABACCO ed il CAFFE'. Quindi evitarle è TANTA SALUTE.
Una vitamina e precisamente la vitamina B9 (ACIDO FOLICO) è quello che te la fà abbassare. Questo ACIDO FOLICO è nei vegetali, sopratutto nelle verdure a foglia verde che vanno ingoiate CRUDE.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/omocisteina.htm

Questo riporta in parte l'articolo sul libro.
Il potere della luce UV e dei dosaggi elevati di vitamina D3, del dr. karl reich m.d, scritto da jeff t bowles vitamin d
ORMONI POTENTI
Le forme attive della vitamina D(vitamine D3 e D2) in realtà non sono affatto vitamine, ma piuttosto potenti ormoni. L'erronea etichetta di vitamina fu assegnata al momento della scoperta, negli anni Venti, perchè si pensò, a torto, che questa sostanza si ricavasse solo dagli alimenti.
Invece, la vitamina D3 viene prodotta negli animali quando la luce UV ne colpisce la pelle o il pelo. Il processo che avviene negli animali è dovuto al fatto che la luce UV catalizzi la conversione di una forma di colesterolo (7-deidracolesterolo) in vitamina D3.Nell'uomo succede sopra e sotto la superficie della pelle, mentre gli animali producono la vitamina D3 sul pelo, e poi la ingeriscono quando si "lavano" leccandosi.
La vitamina D3 è un ormone che fornisce informazioni al DNA di ogni cellula del corpo, segnalando al DNA di fare o non fare determinate cose. Si stima che controllo almeno 1.000 diversi geni, attivandoli o disattivandoli. Lo fà attaccandosi a piccolissimi ricettori - i ricettori della vitamina D (VDR) - che a loro volta sono attaccati ai geni del DNA. Tuttavia, gli sbrigativi scienziati che davano i nomi alle vitamine saltarono a conclusioni affrettate e classificarono l'ormone D3 come vitamina, anche se non lo è, solo perchè era stata scoperta negli alimenti. Questo errore di nomenclatura persiste tutt'ora ed oscura l'importanza di questo ormone vitale.
In generale, la vitamina D non ha nulla di intrinsecamente buono o cattivo.
Al di là del suo ruolo di aiutare l'organismo ad assorbire il calcio, fornisce informazioni al DNA. Si tratta principalmente di una forma di comunicazione molecolare, come avviene per la maggior parte degli ormoni. Il fatto per cui è così importante è che, se queste informazioni non arrivano,
SI MUORE!
Ma cos'è, dunque, questa informazione tanto cruciale che le vitamine D2 e D3 forniscono al DNA?
Come già saprete si ipotizza che dica al DNA che fuori c'è il sole! questo è quanto basta sapere per muoversi nella direzione che porta ad una teoria piuttosto solida della causa de della cura di gran parte delle malattie umane. Ne parleremo in dettaglio nell'ultima parte di questo articolo.

IL FALSO MITI DELLA TOSSICITA' DELLA VITAMINA D
Ora torniamo alla strana storia della vitamina D e, in particolare, ai tentativi di renderla illegale da parte delle lobby farmaceutiche e della FDA degli Stati Uniti (l'agenzia regolatrice per farmaci ed alimenti).
Dopo la scoperta di un metodo per produrre in modo semplice ed economico grandi quantità di vitamina D2 irradiando di luce UV sulla materia organica, l'America di fine anni Venti iniziò a consumarne a palate. Decine di alimenti, compresi gli hot dog e la birra, venivano arricchiti con la vitamina D attraverso l'irraggiamento. Gli articolo di giornale parlavano del "miracolo del sole" e ne enumeravano i tanti benefici per la salute.
Secondo il resoconto di uno scienziato, fra la fine degli anni Venti ed i primi anni Trenta, una persona media assumeva 20 mg di vitamina D2 al giorno, e gli ospedali si erano rapidamente svuotati. Nessuno si ammalava più. Gli ospedali stavano andando in bancarotta, insieme ai medici ed alle case farmaceutiche. Più o meno in questo periodo, vari ricercatori stavano intraprendendo degli studi somministrando ai cani un dosaggio di gran lunga maggiore dell'equivalente umano di 20 mg al giorno. Alcuni studi indicavano che si riscontrava una leggera tossicità per dosi maggiori ai 20 mg al giorno, ma questa era per lo più causata da impurità nel processo di preparazione. In seguito, attraverso l'uso di metodi migliori, si riuscì a produrre della vitamina D2 teoricamente priva di tossicità (comunque assumere livelli molto superiori ai 20 mg come per quasi tutte le sostanze ingerite in quantità davvero eccessive, può essere pericoloso ed anche tossico. quindi occorre sperimentare con cautela).
Insomma, una versione degli eventi è che alcune figure del settore farmaceutico/medico si siano aggrappate all'idea della tossicità della vitamina D per cercare di metterla al bando. La loro prima azione fu di cambiare l'unità di misura della vitamina D2 dai milligrammi alle unità internazionali (UI) che usiamo attualmente rendendo la misurazione il più possibile confusa.
All'improvviso, 20 mg erano diventati 1.0 milioni di UI...fà un'impressione molto più SPAVENTOSA!
Inoltre, era stato effettuato uno studio in cui sette studenti di medicina erano stati convinti ad assumere dosi di vitamina D sufficienti ad uccidere un cavallo e -guarda un pò- gli studenti si ammalarono, poi guarirono, e l'esperimento fu fermato. Non servì altro, e le autorità mediche fecero pressioni perchè i produttori e rivenditori ritirassero la vitamina D dal mercato.
Come ci si poteva aspettare, nel 1928 ci fù una protesta pubblica ed il governo degli USA decise di commissionare all'Università dell'Illinois di Chicago uno studio completo sul problema della tossicità della vitamina D. Lo studio durò nove anni, coinvolse centinaia di medici, 773 soggetti umani e 63 cani e produsse il cosidetto "rapporto Steck" (in alcune fonti "rapporto Streck).
Fondamentalmente in rapporto concludeva che le dosi fino a 20.000 UI per kg di peso al giorno (0 1 milione di UI per un tipico soggetto donna di 50 kg di peso) erano tollerate con sicurezza a tempo INDETERMINATO nei cani, anche per diversi anni. Il rapporto riteneva responsabili per i precedenti casi di tossicità le tecniche di produzione inadeguate ed indicava che il nuovo processo Whitter eliminasse ogni possibile tossicità della vitamina D. Fra i soggetti umani, cui erano somministrati 200.000 UI al giorno per periodi da sette giorni a cinque anni, non ci furono decessi.
Uno degli autori del rapporto assunse personalmente 3.0 milioni di UI al giorno per 15 giorni senza riscontrare alcun problema di salute. Infine si osservò che l'intossicazione da vitamina D data dall'assunzione di quantità di molto superiori di vitamina per brevi periodi non producevano alcun tipo di lesione permanente riconoscibile. La conclusione era che, a questo punto, l'onere della prova era passato a che sosteneva che le terapie con alti dosaggi di vitamina D fossero nocive (si ricordi che all'epoca si usava la vitamina D2 che rispetto alla D3 è attiva in misura da un quarto ad un sedicesimo. Adeguando i dati per la D3, potremmo inferire che un soggetto di 50 kg di peso potrebbe ingerire in sicurezza una dose da 50.000 a 250.000 UI al giorno di D3.
Io consiglierei comunque, sempre per il soggetto da 50 kg. di non superare le 50.000 UI al giorno prima di effettuare un esame del sangue.
E' bene assicurarsi di integrare la dose con una quantità adeguata di vitamina K2, che nel mio caso era di 1.000 mcg ogni 10.000 UI di D3 nell'esperimento su me stesso che descriverò fra poco.
.
.
Questo, giusto per non credere che il boicottaggio della vitamina D fosse qualcosa di troppo malvagio per pensare che potessero esserci dietro le case farmaceutiche ed il governo degli USA! Insomma, gli scienziati e le compagnie farmaceutiche negli anni Trenta ci dicevano che un quantitativo di vitamina D sopra i 400 UI poteva essere tossico.
Eppure, in qualche modo, l'industria farmaceutica era assolutamente appropriato creare tre nuovi farmaci miracolosi - Dalsol, Deltalin, Drisdoil - da usare per la cura del cancro e di altre malattie.
Ciascuno di questi medicinali non era altro che una pillola contenente 50.000 UI di vitamina D2 ed un eccipiente.
Le compagnie farmaceutiche non se la passavano bene durante gli anni della depressione, gli anni Trenta, e capirono che questi "nuovi" farmaci, che effettivamente erano efficaci, erano per loro un salvagente finanziario ma, nel frattempo, dichiaravano al pubblico che una dose sopra le 400 UI di vitamina D era tossica (dire che più di 400 UI sono pericolose è ridicolo sopratutto se pensiamo che esporre tutto il corpo al sole per 30 minuti produce nella pelle da 10.000 a 30.000 UI di vitamina D3!
.
.
La mia esperienza con la vitamina D3
Ora che abbiamo considerato la storia della vitamina D3, vorrei descrivere la mia personale esperienza in merito.
Io non sono mai stato una persona facilmente propensa ad accettare, e neppure a prendere in considerazione, le teorie cospirazioniste. Anzi, per tutta la vita ho fatto proprio l'opposto: ho criticato le teorie del complotto!
Recentemente, però, ho iniziato a chiedermi se non avessi scoperto io stesso una possibile teoria cospirazionista!
Questa cospirazione coinvolge i medici che da anni si prodigano in consigli quasi criminali: evitare il sole, usare i filtri solari e non assumere troppa vitamina D3 perchè è pericolosa!
Fin dagli anni Ottanta, quando i medici iniziarono ad avvertirci di evitare il sole e usare i filtri solari, i tassi di OBESITA', autismo, asma e altre malattie sono AUMENTATI esponenzialmente.
La first lady degli Stati Uniti Michelle Obama, stà cercando di combattere l'OBESITA' infantile esortando i bambini a mangiare cibi migliori e fare più attività fisica.
Ma se fossa qualcos'altro a causare i loro problemi, ad esempio una carenza di vitamina D3 dovuta alla poca esposizione solare? Da bambino, avevo avuto problemi medici quali asma, sindrome da deficit di attenzione-iperattività e sclerodermia morphea.
All'età di 28 anni, iniziai ad accumulare infortuni e disturbi che i medici non riuscivano a curare facilmente, ad esempio una micosi all'unghia dell'alluce, una cisti sottocutanea facciale, una displasia all'anca infantile, una osteofita al gomito, una cisti gangliare sul polso e l'artrite che mi faceva "scrocchiare" le spalle e la schiena.
Dopo molti anni di ricerche indipendenti sull'invecchiamento e le malattie, mi sono imbattuto in un articolo di circa otto anni fà secondo cui l'80% delle persone che soffrono di dolori avrebbero una carenza di vitamina D3. Non appena lo lessi, iniziai ad assumere 4.000 UI al giorno di vitamina D3 (il decuplo della dose giornaliera consigliata 400 UI) e, nel giro di un mese, quasi tutti i miei problemi di artrite si risolsero. Tuttavia, la displasia dall'anca, la micosi dell'alluce, la cisti gangliare e la cisti sottocutanea persistevano senza miglioramenti. Ma facciamo un salto a sei anni dopo. Mio padre, che per anni aveva assunto 2.000 UI di vitamina D3 al giorno (cinque volte la dose giornaliera consigliata), quando fece il primo esame del sangue per la vitamina D3 aveva un valore di 29 nanogrammi al millilitro (ng/ml): 1 ng in meno del minimo della gamma di riferimento... praticamente avrebbe dovuto essere già morto!
Quello fu il momento della mia illuminazione!
Immaginai che la mia famiglia dovesse avere una predisposizione genetica alla carenza di vitamina D3, così innalzai la dose a 20.000 UI al giorno e poi ancora a 50.000 e persino a 100.000 UI al giorno... e tutti è (la mia) storia.
Nel giro di un mese, iniziai a sentirmi molto energico, ma i dolori alle ossa e articolazioni non erano mai guarite del tutto. Non avevo paura, perchè avevo letto che la vitamina D3 era considerata l'ormone che rimodella ossa ed articolazioni. Avevo anche letto che nei ratti con una zampa rotta a cui veniva somministrata la D3 la frattura guariva completamente, mentre nei ratti del gruppo di controllo era rimasto un grosso callo intorno alla frattura ricomposta.
Nel giro di cinque mesi, l'unghia dell'alluce ingiallita per la micosi stava tornando normale, la displasia dall'anca stava guarendo e sentivo le spalle sane come non lo erano mai state (con 4.000 UI al giorno). Dopo un anno, notai che osteofita al gomito era scomparso, la cisti sottocutanea si era rotta e dissolta e la cisti gangliare si era ridotta dalla dimensione di una mezza pallina da golf a quella di un pisello, e non faceva più male anche se era ancora rigida.
Mi chiedevo: perchè mai con l'evoluzione si è creato un ormone che si attiva con la luce solare?
Ciò mi ha portato all'idea di una sindrome da RIPARAZIONE INCOMPLETA, attraverso cui l'EVOLUZIONE pensa di farci restare inattivi in inverno quando le risorse sono scarse, dunque i disturbi vengono riparati solo quel tanto che basta per sopravvivere. Poi, il segnale della vitamina D3 attivato dalla luce annunciata che è arrivata l'estate le risorse sono disponibili, così il corpo annulla la RIPARAZIONE INCOMPLETA e avvia la guarigione corretta usando le risorse necessarie.
In seguito ho scoperto che, negli orsi, un calo drastico nei livelli di D3 è un segnale che avvia la preparazione per l'ibernazione, che include un aumento del 70% del peso corporeo.
Dopo alcune ricerche -guarda un pò- ho scoperto che le persone OBESE hanno una gravissima carenza di vitamina D3!
Ciò mi ha portato ad una successiva idea di una sindrome di livello superiore:
LA SINDROME DI IBERNAZIONE UMANA (SIU), in cui se qualcuno ha per tutto l'anno livelli bassi di vitamina D3 e per tutta la vita evita il sole e usa filtri solari, alla fine diventerà OBESO per prepararsi all'IBERNAZIONE durante l'ipotetica carestia invernale. Oltre a innescare l'aumento di peso, la SIU potrebbe anche ridurre il consumo di energie preziose. A questo proposito, la SIU potrebbe inoltre indurre la depressione per tenere i soggetti chiusi in casa/nella caverna. I bassi livelli di D3 ci rendono anche più suscettibili all'influenza, normalmente innocua, che richiede una settimana a letto e ci fa conservare altre preziose energie.
E l'ARTRITE?
Scoraggia il consumo di energie dato dalla troppa attività, oppure potrebbe fare parte della sindrome da riparazione incompleta, perchè attraverso le riparazioni incomplete permette la conservazione del prezioso calcio.
In seguito ho letto o sfogliato tutti i 52.000 articoli e studi scientifici relativi alla "vitamina D" dal 1967 ad oggi disponibili nel database Pub Med, ed ho scoperto che i bassi livelli di vitamina D3 sono associati praticamente a tutte le malattie note che non siano causate dall'invecchiamento o da mutazioni genetiche.
Ecco solo alcuni esempi di queste malattie:
autismo, asma, diabete, ipoglicemia grave, ferite croniche, sclerosi multipla, lupus, malattie renali, e polmonari, 17 tipi di cancro, glaucoma, degenerazione maculare, morbo di Crohn, sindrome dell'intestino irritabile e colite ulcerosa, ipertensione, artrite reumatoide, schizofrenia, allergie, tubercolosi, cardiopatie, ulcere, carie, morbo di Parkinson, ictus, psoriasi, forfora, tutte le complicazioni della gravidanza, emicrania, dolori mestruali e sindrome premestruale e molti altri disturbi. Qualsiasi disturbo comune negli esseri umani sembra causato dai bassi livelli di esposizione al sole e quindi da bassi livelli di vitamina D3: basta osservare la distribuzione geografica e l'incidenza delle malattie.
Se, come avviene per la maggior parte dei disturbi, l'incidenza è molto ridotta all'equatore e molto più elevata alle latitudini maggiori, allora è chiaro che c'è un legame con la vitamina D3 e che i dosaggi più alti possono essere curativi.
Se è possibile prevenire la maggior parte delle malattie aumentando i livelli di vitamina D3 da 30 ng/ml o più che è pochissimo ma è il dato tipico, a 80-100 ng/ml o più, cosa pensate che ne sarebbe dei profitti generati dai farmaci se si venisse a sapere che la vitamina D3 è il miglior sistema di prevenzione e trattamento per TUTTE QUESTE MALATTIE?
I profitti e i posti di lavoro scomparirebbero da un giorno all'altro!
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadluciano.htm

Non voglio tenervi nascosta nessuna informazione che riguardi la vitamina D, soprattutto se ad alto dosaggio. Questa molecola è molto dibattuta e, in effetti, ha due grossi problemi: costa pochissimo e non è brevettabile! E questi sono effetti collaterali devastanti per un'Azienda come Big Pharma che fattura più di mille miliardi di dollari l'anno. Se la vitamina D fosse assunta da tutti nel giusto dosaggio, in pochi anni perderebbe un buon 70% dei suoi guadagni. Aggiungiamoci una corretta alimentazione, che non è vegetariana o vegana (chissà come mai è la più spinta nei media ultimamente, i cui spazi pubblicitari li pagano le aziende farmaceutiche in larga parte!), e il business del farmaco è F I N I T O!
Ora, come operano nella società e nella politica questi giganti economici è da tempo noto. Giusto ieri sera ho visto un bellissimo film documentario che vi consiglio, "Fed up", dove si spiega chiaramente come le lobbies siano in grado di influenzare le scelte governative e da decenni cooptino figure mediche di spicco, se non intere associazioni. Tutto questo accade perché le bugie che vendono sono scientificamente insostenibili, per cui comprano i supporti per raccontarle in modo credibile.
Uno dei modi classici per difendere il proprio business trilionario è quello di smontare terapie alternative che funzionano e che non sono brevettabili. E' successo decine di volte nella storia, uno dei casi più eclatanti e recenti è il metodo Di Bella. All'epoca, così accusava il Procuratore di Torino Raffaele Guariniello, riferendo che erano stati usati farmaci scaduti o difettosi per la sperimentazione. Tutto ciò costruito ad arte per bocciare questa cura anti cancro che invece molto spesso dà degli ottimi risultati. Ma passiamo alla vitamina D...
Ad agosto 2014, un gruppo di neurologi brasiliani ha scritto una lettera al Journal of Neurological Sciences, lamentando che il protocollo Coimbra sarebbe uno specchietto per le allodole, senza alcuna base scientifica. A ottobre dello stesso anno pubblicai un articolo, su richiesta del Dr. Coimbra, con la sua risposta dettagliata. Ciò che fa rabbia e che fa ridere amaramente è che la sostanza dell'accusa dei neurologi verso Coimbra è che hanno potuto constatare 21 casi di pazienti che non hanno risposto come dovevano al protocollo (in 1 solo anno, cioè quando ancora il dosaggio non si è stabilizzato per tutti) o che hanno avuto problemi (rapidamente risolti) di ipercalcemia. 21 su 4.000 trattati in tutto il Brasile!!! Lo 0,5%!!! Ma io dico, ma prima di contestare questa misera percentuale di eventuale insuccesso a un medico, volete considerare il 70% di inefficacia totale o parziale dei farmaci che date ai pazienti per trattare le stesse malattie, nonché gli effetti collaterali spesso devastanti che gli stessi comportano?!
Chiarita, di nuovo, la questione che qualche ansioso/a ritira fuori a distanza di mesi, passiamo a delle informazioni più utili, relative agli effetti collaterali che la vitamina D può dare anche nel dosaggio di 10.000 UI, che ormai sappiamo essere sicuro e tollerato.
In questa immagine, viene chiaramente spiegato che in letteratura scientifica non si sono evidenziati casi di tossicità (ipercalcemia) a dosaggi sotto i 30.000 UI al giorno e con una quantità nel sangue inferiore a 200 ng/ml. Ovviamente, fate sempre tutto sotto controllo medico e non di testa vostra.
Ma quali sono gli effetti collaterali della vitamina D? (Qui l'articolo originale)
Be', ci sono decisamente pochi effetti collaterali della vitamina D e la maggior parte si possono facilmente risolvere quando si conoscono alcuni trucchi. C'è molta confusione circa gli effetti collaterali della vitamina D, perché parecchie persone confondono gli EFFETTI INDESIDERATI con quelli da overdose di vitamina D.
Ci sono stati migliaia di studi condotti sulla vitamina D e la stragrande maggioranza degli studi affermano lo stupore per la notevole MANCANZA di effetti collaterali. Naturalmente, ci sono sempre alcuni effetti collaterali, ma anche il placebo (pillole di zucchero) ha effetti collaterali negli studi e si deve CONFRONTARE la quantità e la gravità degli effetti collaterali a quelli dei placebo. Per la maggior parte, non ci sono più effetti collaterali della vitamina D rispetto a quelli sperimentati dai pazienti con il placebo. Di seguito, alcuni che si potrebbe verificare e qualche aiuto per risolverli.
Cosa c'entra il magnesio?
Per SINTETIZZARE vitamina D nel sangue, il tuo corpo deve utilizzare il magnesio. E una grande percentuale di persone è molto o moderatamente carente di magnesio (davvero?!). E quindi, alcune persone che prendono la vitamina D e credono di avere effetti collaterali, stanno invece avendo segni di carenza di magnesio!!
Gli effetti collaterali della vitamina D, che sono in realtà sintomi di carenza di magnesio sono:
vitamina D e stipsi;
tremori, iperattività, insonnia o ansia da vitamina D;
palpitazioni;
crampi muscolari.
Questi effetti collaterali della vitamina D possono essere facilmente superati prendendo magnesio e vitamina D insieme. Ma il magnesio non è il solo nutriente necessario a evitare problemi nel prendere la vitamina D. E' indispensabile avere anche sufficienti livelli di vitamine A e K, soprattutto se si assumono pillole di vitamina D da 50.000 UI, che vengono raccomandate da molti medici. E' altamente consigliato, con qualsiasi regime di vitamina D, prendere anche un multivitaminico di ALTA QUALITÀ.
Qualità delle pillole e ingredienti
"Alcuni grandi effetti collaterali della vitamina D"
Alcune persone hanno nausea, si sentono assonnate, vedono comparire rash cutanei o sentono un cattivo sapore in bocca. Questi effetti collaterali della vitamina D sono molto spesso non a causa della vitamina D in sé, ma a causa della qualità dell'olio che viene utilizzato come supporto per la vitamina D! Vedete, la maggior parte delle capsule di vitamina sono realizzate con l'olio e l'olio può diventare rancido nel tempo. Anche se le capsule hanno una data di scadenza, non c'è modo di sapere da quanto tempo l'olio era fermo prima di essere confezionato. Se ti senti male, assonnato, hai un sapore metallico o cattivo in bocca o pensi di essere "allergico" alla vitamina D, allora la prima cosa da fare è cambiare il vostro integratore di vitamina D con uno che è:
confezionato in olio di cocco, che non si irrancidisce;
confezionato "a secco" senza oli.
e questo potrebbe risolvere gli effetti collaterali della vitamina D.
Se hai difficoltà a deglutire le pillole o stai integrando a bambini piccoli, c'è la vitamina D in spray a disposizione per rendere le cose più facili.
Dolore ai muscoli e alle ossa
Questo è un effetto collaterale della vitamina D, che non è così facile che accada ed è in realtà un segno che è davvero necessario continuare a prendere la vitamina D. Se si verificano dolori da vitamina D molto probabilmente significa che le ossa si sono un po' demineralizzate per la carenza di vitamina D, per un periodo molto lungo. Quando le ossa sono demineralizzate e si inizia la terapia di vitamina D, questo comporta un ritorno del calcio nelle ossa. Quando il calcio va nelle ossa, porta con sé fluidi. Questi fluidi possono effettivamente causare una piccola espansione della "matrice del collagene" all'interno delle ossa e questa espansione spinge contro la copertura esterna dell'osso, che è molto flessibile e ha ampie terminazioni nervose.
In questo caso, si può sperimentare questo dolore osseo o, addirittura, dolore muscolare. In caso di insorgenza o peggioramento del dolore in seguito all'assunzione della vitamina D, che non fa parte delle controindicazioni della vitamina D, non c'è un motivo per essere spaventati o per smettere di prendere la vitamina D. Se si continua con la terapia di vitamina D, il dolore dovrebbe diminuire in alcune settimane. A questo disagio, si evidenzia un grosso vantaggio nel lungo termine, se si riesce a gestire il dolore per questo periodo e andare oltre.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/vitaminademagnesio.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mar 6 Dic 2016 - 11:34

Fin'ora abbiamo fatto alcune scoperte molto importanti per la nostra SALUTE, ora vediamo di capire cosa succede e come si comportano le nostre cellule in presenza di ciò che NON E' NEL LORO DNA, ma che ingoiamo giornalmente nei cibi industriali che come sappiamo sono i PRODOTTI CHIMICI cui obbligatoriamente esse ne vengono in contatto.
Prima di tutto però dobbiamo capire come è fatta una cellula.
Per questo scopo è bene vedere il video che ha preparato il dottor Mathias Rath sulle cellule che sono diventate TUMORI
https://www.youtube.com/watch?v=CM7PlBQ3a4U

Dalla descrizione sappiamo che la cellula come descritto dal video è così formata:
"Quì vediamo una cellula tagliata a metà ed ingrandita al microscopio
La sfera viola sullo sfondo è il nucleo che contiene le informazioni genetiche (DNA) e guida tutti i processi metabolici della cellula.
La struttura rossa che sembra una astronave. è l'impianto di produzione della cellula ed è quì che nascono tutti gli enzimi e gli altri prodotti necessari alla vita della cellula.
Mentre è il nucleo che dà le informazioni su cosa produrre.
Le strutture celesti in primo piano sono i mitocondri, le centrali elettriche della cellula."
Però faccio notare che non ci sono mezzi di difesa, poichè a questo scopo sono preposti i globuli bianchi e gli altri enzimi preposti.
Ora per capirne ancora di più è necessario leggere questa parte che descrive esattamente la formazione della stessa e come è la sua formazione:
"Ogni nostra cellula possiede un equilibrio fra il suo interno ed il suo esterno che si fonda sulla stabilità del potenziale di membrana e sulla regolarità del meccanismo della pompa sodio-potassio. Tutti gli elementi leggeri (almeno 21) sono essenziali per la vita. Di questi in particolare sono quattro quelli fondamentali: Sodio, Potassio, Calcio e Magnesio. L'individuo sano possiede:
- tutti gli elementi necessari nella giusta quantità - un regolare potenziale di membrana e un regolare funzionamento della pompa sodio-potassio - un sistema immunitario integro ed efficiente
Nell'organismo sano, secondo necessità, si producono, per azione degli enzimi, delle trasmutazioni di un elemento in un altro: il calcio in potassio o in magnesio, il sodio in potassio o magnesio, il magnesio in calcio, il potassio in calcio ecc.. In particolare, l'equilibrio della pompa sodio-potassio è salvaguardato dagli ascorbati dei quattro elementi, cioè dalla salificazione di questi ultimi operata dall'ACIDO ASCORBICO.
L'organismo equilibrato è in grado di mantenere attivo questo processo e di conseguenza il sistema immunitario preposto a combattere ogni forma di aggressione. Essendo gli alimenti la fonte di approvvigionamento degli elementi necessari a produrre gli ascorbati, ed essendo i cibi odierni più poveri ed adulterati ed inquinati, essi stessi sono causa o concausa di tante patologie."""
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/ribosiopotassiofunzione.htm
Naturalmente le cellule sono irrorate di sangue che le fornisce il sostentamento necessario alla vita come descrive l'articolo sotto.
Lo leggeremo sotto, ben spiegato dal dottor Alexis Carrel al quale cedo sicuramente il passo.
Sappiamo anche che le cellule non fanno xexxo, ma si sdoppiano quando e come è la necessità della parte del corpo cui appartiene secondo un DNA ben prestabilito guidato dal nucleo sopra descritto..
Per farmi capire, il DNA è come un disegno complessivo, legati al quale altri disegni con altro DNA legato all'originale che riproducono i particolari necessari a quel complessivo.
Per esempio per costruire una  FIAT 500 vi è un DNA (disegno) complessivo e legati a questo tutti i particolari necessari con un loro DNA (disegno) secondo il DNA complessivo, con le misure necessarie all'assemblamento riportate dal DNA centrale.  Ma come si potrà capire non è possibile montare al posto di un particolare con certe misure (DNA) un altro stesso particolare ma con misure diverse (DNA) di un'altra vettura.   
Definito questo sappiamo anche che:
"Ecco qual'è il segreto dell'immortalità e della morte.
In passato è stato dimostrato che una cellula potrebbe vivere per un tempo indeterminato in perfetta salute.
E' stato dimostrato realmente in laboratorio da un famoso premio Nobel.
Un famoso fisiologo francese, Alexis Carrel, Al Rockefeller Institutte for Medical Research, mantenne in vita il cuore di un pollo per circa 29 anni in una soluzione salina (che conteneva minerali nelle stesse proporzioni di quelle del sangue del pollo) che egli rinnovava tutti i giorni.
Carrel giunse alla conclusione che il tempo di vita di una cellula è indefinito fintanto che viene fornito il nutrimento e viene ripulita dalle sua escrescenze.
Difatti le cellule crescevano e prosperavano fintanto che le loro evacuazioni venivano rimosse. Condizioni non igieniche procuravano una minore vitalità, deterioramento e morte.
Carrel mantenne in vita cellule di un cuore di pollo fino a quando qualcuno si dimenticò (dimenticato) di eliminare le loro escrezioni.
Riuscì quasi a decuplicare la media durata di vita di quelle cellule.
La chiave per mantenere in perfetta salute una cellula è quella di liberarla dai residui dentro e intorno ad essa."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/celluleeterne.htm
Ora avendo CERTEZZA che la cellula lavora perfettamente ed eternamente fino a quando:
"Carrel giunse alla conclusione che il tempo di vita di una cellula è indefinito fintanto che viene fornito il nutrimento e viene ripulita dalle sua escrescenze."
Ora cosa è in grado di cambiare questo stato di cose in modo tale da causare la malattia e la morte della cellula?
Logicamente questo succede non fornendole quella:
"soluzione salina (che conteneva minerali nelle stesse proporzioni di quelle del sangue del pollo) che egli rinnovava tutti i giorni."
Qual'è questa soluzione?
Sono quei minerali e vitamine che il medico elenca nell'esame del sangue e che sui risultati sono elencati oltre che i valori riscontrati, anche i valori di riferimento.
Questi sono gli stessi che sono nel liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo chiamato SPERMA dove ogni individuo di ogni specie animale è stato GENERATO.
Però a  Alexis Carrel, è mancata una informazione moltissimo importante in merito, la esistenza dell' ACIDO ASCORBICO e del CLORURO DI MAGNESIO.
Del primo lo SCIENZIATO Irwin Stone ci lascia un disegno molto esplicativo che riguarda anche il pollo:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/acidoascorbicomanca.htm
 e scrive:
pagina 1/10------sostanza fondamentale
L'ACIDO ASCORBICO è una sostanza ubiquitaria fondamentale nel processo vitale. Tutti gli organismi viventi o la producono o la prendono dal nutrimento oppure periscono. I sistemi enzimatici per la produzione dell'ACIDO ASCORBICO sono di antica origine e si sono formati molto presto nello sviluppo del processo vitale su questo pianeta, probabilmente mentre le forme più altamente sviluppate erano ancora forme primitive unicellulari.
pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.
pagina 1/10------alta produzione sia in piante che animali
Anche la sua diffusa presenza in tutti gli odierni organismi pluricellulari, sia piante che animali, lo testimonia. Possiamo anche dedurre che la produzione di ACIDO ASCORBICO era ben sviluppata prima che gli organismi viventi divergessero nelle forme di piante e di animali.
pagina 2/10------RENI E FEGATO
Il luogo degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico nei vertebrati a sangue freddo, i pesci, gli anfibi ed i rettili, è nei reni. I più altamente attivi mammiferi a sangue caldo tutti sintetizzano il loro acido ascorbico nel fegato. Una delle principali
funzioni dell’acido ascorbico nella fisiologia animale è il mantenimento della omeostasi biochimica sotto stress. Più grande è lo stress a cui è sottoposto l’animale, più acido ascorbico produce.
Circa 165 milioni di anni fa, quando la natura aveva in vista l’evoluzione dei più attivi e stressanti mammiferi, doveva essere presa una importante decisione morfologica e fisiologica. I reni, pure adeguati come sito di sintesi dell’acido ascorbico per i lenti vertebrati a sangue freddo, erano inadeguati per le aumentate richieste di acido ascorbico per i più altamente stressati mammiferi. La soluzione vincente di questo problema fu il trasferimento degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico dai
relativamente piccoli e biochimicamente affollati reni al più spazioso fegato, che è il più grande organo del corpo. Tutti gli odierni mammiferi capaci di sintetizzare acido ascorbico lo producono nel fegato perché ogni antica forma che non effettuò tale
passaggio era così handicappata biochimicamnte che fu eliminata dalle forze della evoluzione.
...racconta l'EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI E L'ACIDO ASCORBICO
e spiega la perdita di produrcelo autonomamente
pagina 6/10------l'ACIDO ASCORBICO è un metabolita per tutti gli animali e non una VITAMINA
Stone 20. Negli ultimi 60anni, l'ACIDO ASCORBICO è stato visto come"vitamina C" quando in realtà è un metabolita del fegato e certamente non una "vitamina" per la miriade di mammiferi che hanno intatto il gene per lo L-gulonolactone ossidase. Tali mammiferi non prendono lo scorbuto, anche se hanno una dieta completamente priva di vitamina C.
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/irwinstorianaturale.pdf
Mentre sul CLORURO DI MAGNESIO il professor Pierre Delbert scrive:
pagina 9/51------il caso aiuta e ci dà entusiasmo nel nostro lavoro
Il caso spesso aiuta a sistemare le cose nel modo opportuno, come accadde all'improvviso nelle circostanze che egli descrive in questi termini: "Ricordo con precisione come una delle date importanti della mia vita, il giorno, il momento in cui per la prima volta lo somministrai per bocca". Nel suo reparto all'ospedale Necher c'era un ferito grave che rifiutava le iniezioni. Così suggerì di somministrargli la soluzione per via orale. La sorvegliante e le due infermiere presenti sorrisero:
"perchè ridete?" domanda loro.
"Lo prendiamo tutte", risponde Madame Boivin, la sorvegliante.
"E perchè?"
"Ci dà entusiasmo nel nostro lavoro!".
"Ma che cosa vi ha dato l'idea di prenderlo?"
"Abbiamo notato che i malati ai quali veniva iniettato provavano una sorta di benessere. Allora abbiamo provato a berlo e ci ha prodotto lo stesso effetto!".
E' dovuta a questo caso fortuito l'estensione del metodo citofilattico.
Egli si mette a somministrarlo a tutti i feriti del proprio reparto. Ne assunse anch'egli e lo dà a tutto il suo entourage sia familiare sia professionale. Sono tutti unanimamente entusiasti della sensazione di euforia, di energia, di resistenza alla fatica che provavano prendendo quello che tutti chiamavano "la loro droga". La notizia si sparge in un lampo, e gli procura una ricca messe di fatti che non si aspettava e che gli ispirano nuove ricerche.
"Tutto ciò mi portò a studiare l'azione dei sali di magnesio sulla narcosi cloroformica, sulle avitaminosi, sull'anafilassi, sulla secrezione, sull'eliminazione e sulle proprietà della bile, sull'acidificazione dell'urina", così importante nel cancro.
ed ancora:
pagina 18/51------mancanza ed apporto mancante
Li ritroviamo allo stato naturale in molti vegetali (frutta, verdura, cereali...) e in ogni tipo di complesso organico. Ma la coltivazione intensiva e la raffinazione eccessiva degli alimenti di base, come pane, farine, cereali, oli, sale ecc. hanno diminuito la percentuale e spesso hanno persino eliminato ogni traccia si questi sali, pur tanto necessari al nostro metabolismo. La loro assenza totale è incompatibile con la vita stessa e la loro carenza crea disturbi di vario tipo che scompaiono nel preciso momento in cui ci completa il corretto apporto alimentare quotidiano, o con le assunzioni quotidiane.
Nei nostri paesi civili la maggior parte della gente soffre di carenza magnesiaca quasi totale. Non stupiamoci dunque se l'assenza di questo indispensabile catalizzatore crea tanti danni.
Eppure il rimedio è semplice: bisognerebbe aggiungere sistematicamente CLORURO DI MAGNESIO o BELBIASE nella nostra alimentazione. Certo, il suo sapore sgradevole ci scoraggia dal farlo e ce lo fa considerare una medicina, benchè in realtà vada visto come ALIMENTO. Per tale ragione non ha alcuna controindicazione reale, a dispetto dei preconcetti.
pagina 18/51------anche per i bambini
Resterete sorpresi di vedrete i vostri figli abituarsi meglio di voi a questo trattamento: dopo le prime dosi, saranno loro stessi a chiedervi quando si sentiranno "£uno straccio".
Spiegate loro i vantaggi del trattamento: "Vedrai, ti sentirai meglio in pochissimo tempo e potrai andare fuori a giocare prestissimo", "se mandi giù questo non avrai bisogno di punture" )va benissimo con i piccoli che di norma seguono terapie antibiotiche) ecc.
Avvertiteli del gusto sgradevole, giocate con loro a chi di voi due farà la boccaccia più bella..... e promettete un cucchiaino di miele, per esempio, dopo l'assunzione: il cattivo sapore si attenuerà all'istante. Quando i vostri bambini avranno verificato i risultati, si comporteranno come molti altri: diventeranno "elogiatori" del prodotto con i piccoli amici e riceverete sicuramente qualche telefonata da genitori curiosi di sapere di cosa si tratta!
pagina 21/51------per i neonati
In base all'età, si somministra loro la soluzione di CLORURO DI MAGNESIO con il contagocce, con un cucchiaino da caffè o con un cucchiaio da tavola, mantenendo gli stessi intervalli sopracitati.
NB Non esitate a diminuire le dosi in caso di disturbo intestinale prolungato, perchè non è quest'ultimo lo scopo perseguito. Anche se tale reazione è normale e spesso salutare all'inizio del trattamento, non è necessario mantenerla nel tempo: il fine principale è quello di nutrire le cellule per aumentare la loro resistenza all'infezione.
pagina 22/51------controindicazioni zero
Nè il professor Delbert, nè il dottor Neveu e tanto meno i loro successori hanno mai constatato intolleranza o reazioni negative al trattamento con la soluzione di CLORURO DI MAGNESIO o con la DELBIASE, che, ricordiamo, devono essere considerati non come medicine, ma come un integratore alimentare. Come afferma il dottor Neveu, "LA PAURA DI CAUSARE UNA NEFRITE NON DEVE IMPEDIRE L'USO DEL CLORURO DI MAGNESIO. NON HO MAI RISCONTRATO CASI DEL GENERE FRA I NUMEROSISSIMI MALATI AI QUALI HO FATTO
SEGUIRE LA TERAPIA MAGNESIACA".
Anche nei casi di ipertensione non è mai stata riscontrata alcuna situazione di aggravamento.
pagina 45/51------conclusioni e per animali
Le precedenti indicazioni degli si terapeutici e preventivi del CLORURO DI MAGNESIO non si limitano a pochi casi citati. Esse tuttavia valgono come esempi - dalle patologie più gravi a quelle più benigne - per consentirvi di imparare a utilizzare questo meraviglioso alimento. SOPRATUTTO NON CREDETEMI SULLA PAROLA, SAREBBE UN GRAVE DANNO. FATENE ESPERIENZA PERSONALMENTE: QUESTA PARLERA' DA SE'.
????????? per animali ???????
D'altronde, sarebbe un peccato non menzionare le possibilità che offre il metodo citofilattico al CLORURO DI MAGNESIO nell'uso veterinario. Per maggiori dettagli, fate riferimento ala breve guida MEDECINES DOUCES POUR ANIMAUX, nella quale troverete esposto questo metodo, come anche altri di cure naturali che possono essere eventualmente associati.
???????????????????????
http://digilander.libero.it/genfranco/Immagini/delbertclorurodimagnesio.pdf
La pagina recita:
"Faccio notare che questi quattro alimenti fanno parte della MIA e nostra integrazione fatta per anni ed iniziata nel 1992, senza interruzione ottenendo quei risultati visibili da TUTTI. Ora mi chiedo "SARA' UN CASO che personalmente ogni giorno sono al TOP sia di FISICO che di MEMORIA?" cosa ne dite voi? Vorrei specificare in che forma assumo e precisamente:  l'ACIDO ASCORBICO PURO, il SELENIO in pastiglie, il POTASSIO BICARBONATO ed il MAGNESIO CLORURO. Ho aggiunto l'ACIDO CITRICO in quanto oltre il resto, rende il gusto gradevole al MAGNESIO CLORURO. Ho aggiunto la vitamina D in quanto ritenuta IMPORTANTISSIMA, forse più degli altri in quanto fatta produrre AUTONOMAMENTE dal nostro corpo col SOLE. E finalmente ho aggiunto che il BORO che è stato come la ciliegina sulla torta, poichè anch'esso fà parte dello SPERMA ed il GERME dei SEMI dei VEGETALI."
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/sperma.htm

Certo, una grossa similitudine è nel GERME cosi detto del grano, ma che è il GERME di TUTTI i semi vegetali al mondo cui la pagina recita::
"Dell'articolo sotto, devo fare presente che:
"Il germe di grano contiene agenti fitoattivi, calcio, potassio, fosforo, zolfo, zinco, rame, ferro, magnesio, manganese, molibdeno, selenio, silicio, lecitina, vitamina del complesso B, vitamine A e D, inoltre contiene anche una grande quantità di vitamina E. Quest’ultima rallenta in modo naturale lo sviluppo delle malattie degenerative causate dall’inquinamento dell’aria, inoltre rinforza il sistema immunitario. La vitamina E ha un ruolo importante anche nel trattamento del cancro: Impedisce la riproduzione delle cellule cancerose, previene il danneggiamento del DNA, si utilizza con molta efficacia contro il cancro della prostata. Aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer, le malattie del cuore, dei polmoni e del sistema circolatorio. Un altro principio attivo importante del germe di grano è l’OCTACOSANOLO, che è un alcool saturo composto da 28 atomi di carbonio. Per il fatto che il germe di grano contribuisce al miglioramento della nostra lucidità mentale e resistenza fisica, è particolarmente raccomandato a sportivi e studenti. L’OCTACOSANOLO rinforza la capacità riproduttiva degli uomini, rilassa la muscolatura spesso contratta a causa dello stress, ravviva gli organi dei sensi ed accelera i riflessi. Il germe di grano con i suoi principi attivi diminuisce il livello del colesterolo nel sangue e mantiene in equilibrio il funzionamento dell’organismo."
quindi ritengo che questo sia il LIQUIDO SEMINALI del grano dove è contenuto il DNA della pianta.
MA NON CONTIENE ACIDO ASCORBICO, al contrario di quello animale che ne è la base.
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/germegranosperma.htm

Quindi sono TUTTI quelli che sono nel sangue del pollo, quindi anche nel nostro.
E' logico che se non si forniscono i sali minerali e le vitamine necessarie ed inoltre si fornisce nel sangue i PRODOTTI CHIMICI che ormai conosciamo molto bene:
Mi permetto di ricordare gli "AROMI" o "AROMI NATURALI".
Svelato il segreto più gelosamente custodito dalle multinazionali alimentari
Tutte le aziende alimentari custodiscono gelosamente UN PICCOLO SPORCO SEGRETO e oggi voglio rivelartelo mettendo a nudo tutta la questione!
Molte persone parlano degli additivi chimici utilizzati come ingredienti, questo però non è il solo problema: le aziende alimentari inseriscono qualcos'altro negli alimenti, qualcosa che sfugge alle regolamentazioni qualcosa di DAVVERO MESCHINO.
Il problema principale di ogni azienda alimentare è vendere di più spendendo di meno.
Per far ciò le aziende nell'ultimo secolo si sono sempre più modernizzate, implementando sistemi di produzione ad alta resa e bassa spesa.
Questi sistemi di produzione sono stati applicati all'agricoltura, agli allevamenti e tutta la produzione successiva.
Procedimenti altamente tecnologici producono enormi quantità di cibo in pochissimo tempo.
Tutto ciò però ha contribuito a far crescere un problema: il cibo industriale NON E' SAPORITO, PERDE TUTTO IL SUO SAPORE NATURALE le diverse fasi di lavorazione: la lavorazione è diventata iper-tecnologica, ma LA VERDURA, LA FRUTTA, LA CARNE, IL LATTE. I LATTICINI e le materie prime non sono risultate adatte per essere sottoposte a questo tipo di stress meccanico e chimico, risultato il cibo che esce dalla filiera ad alta tecnologia non ha più sapore, è cattivo, e nessun uomo lo accoglierebbe come cibo in quello stato.
Ma un momento! Il cibo che troviamo al supermercato è gustoso, pieno di sapore, eppure proviene da procedimenti industriali: come è possibile tutto ciò?
La risposta è semplice:
CHIMICA!
http://acidoascorbico.altervista.org/prova3/Immagini/aromia.htm
Questi sono i meno conosciuti, ma quelli che usiamo per la pulizia della persona e della casa che entrano nel nostro corpo in modo SUBDOLO, attraverso i PORI che ci dimentichiamo di possedere e che svolgono per il nostro corpo dei ruoli INDISPENSABILI ED INDESCRIVIBILI.
Da non dimenticare i FARMACI, anch'essi PRODOTTI CHIMICI i quali ci raccontano che contengono quei "principi attivi" che servono alla nostra salute, mentre sono proprio loro a RUBARCELA. 
COME? la descrizione sotto.
Il prontuario recita:
"Gli ostacoli all’effettiva “ripetizione” degli esperimenti sono poi molteplici:
Da uno studio pubblicato pochi mesi fa su PeerJ emerge ad esempio che più del 50% degli articoli di biomedicina pubblicati su ben 84 riviste scientifiche non riportavano l’indicazione dei reagenti chimici necessari per ripetere l’esperimento e verificarne i risultati (!).
E in ogni caso, gli esperti e soprattutto gli enti finanziatori, ammettono che “la ripetizione di esperimenti già conclusi a scopo di verifica non rientra tra le prirorità”, come conferma Elga Nowotny, Presidente del European Research Council.
Anche le agenzie nazionali di controllo sanitario, percepite da molti come un importante baluardo dell’indipendenza scientifica, sono fonte di preoccupazione. Tralasciando il tema sempre attuale – e assai dibattuto – dei conflitti di interessi, limitiamoci ad esaminare quanto è accaduto circa il glifosato, l’erbicida in assoluto più usato al mondo, sospettato di essere cancerogeno. La IARC – Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, ha recentemente confermato questi dubbi, in esito a un’analisi della letteratura scientifica durata un’anno, dalla quale sono emerse “prove convincenti” che il glifosato causasse cancro alle cavie da laboratorio e“prove significative” che esso possa danneggiare il DNA e i cromosomi delle cellule umane.
La IARC – che ha tra i suoi compiti quello di fornire all’Organizzazione Mondiale della Sanità elementi solidi per formulare i propri pareri – è nota per il suo altissimo rigore scientifico e per la sua indipendenza, lavora con i migliori scienziati ed esperti di regolamentazione del mondo, e ha una politica sul conflitto di interessi severissima:
Il suo parere sta facendo molto discutere, soprattutto perché – sullo stesso tema – le più importanti agenzie di controllo sanitario del mondo – quella tedesca, anch’essa serissima, non più tardi di pochi mesi fa – avevano evidenziato risultati esattamente opposti, ovvero contrari a ogni ipotesi di pericolosità e mutagenicità della sostanza.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/scientificheprovegaranzia.pdf

da questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/scientificheprovegaranzia.htm
ed ora da quanto descritto devo riportare la parte:
"La IARC – Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, ha recentemente confermato questi dubbi, in esito a un’analisi della letteratura scientifica durata un’anno, dalla quale sono emerse “prove convincenti” che il glifosato causasse cancro alle cavie da laboratorio e“prove significative” CHE ESSO POSSA DANNEGGIARE IL DNA E I CROMOSOMI DELLE CELLULE UMANE."
Quindi questi PRODOTTI CHIMICI entrando liberamente nella cellula col sangue, ne alterano il DNA, quindi è comprensibile che grazie a questa alterazione, o si sdoppiano in modo anomalo creando quelle deformazioni che solo l'essere umano mostra di possedere, oppure le cellule impazziscono causando TUTTE la malattie possibili.

Concludo quindi che ingoiando con costanza gli "ALIMENTI ESSENZIALI", ingoiando CIBI NATURALI, che possiamo trovare a km 0, ed evitando come la peste le DROGHE, prima di tutto il CAFFE', ed i cibi degli scaffali e TUTTI i prodotti CHIMICI, FARMACI compresi, potremo vivere il resto della nostra vita in VERA SALUTE come lo è per TUTTI gli esseri viventi.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/salutevera.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mer 7 Dic 2016 - 19:48

Tutto sul MAGNESIO
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiobase.htm

Riguardo al CLORURO DI MAGNESIO, ogni mia parola è perfettamente inutile, bastano gli articoli della pagina, ma se mi posso permettere, riportare cosa si scrive del professor Pierre Delbert, lo scopritore di questo nel 1915, e cosa scrive Lorenzo Acerra al riguardo di questo CLORURO DI MAGNESIO, sono certo che ad ognuno farà piacere leggerlo per averne una chiara informazione.
"""Pierre Delbert: una scoperta audace.
Dobbiamo al professor Pierre Delbert la scoperta delle straordinarie virtù curative e preventive del CLORURO DI MAGNESIO. Bisogna sottolineare che qui non si tratta affatto di semplici ipotesi di lavoro, cogitazioni fumose senza altro fondamento che cercare di far colpo: certo che no! I risultati ottenuti con la terapia magnesiaca del professor Pierre Delbert poggiano su fatti scientifici basati su un'osservazione meticolosa.
Nato nel 1861, il professor Pierre Delbert per più di trent'anni di carriera fu quello che si definisce un "BARONE". La sua carriera in ambito medico fu esemplare: intermista in ospedale, primario responsabile della formazione degli altri medici in clinica, docente ordinario universitario, poi chirurgo in ospedale, premiato a più riprese dalla facoltà di Medicina e dalla Accademia di Medicina di Parigi di cui divenne membro, autore di importanti testi che furono capisaldi autorevoli di rifinimento. Morì nel 1957 a 96 anni compiuti. Tutto ciò indica che quest'illustre medico non aveva nulla del ciarlatano, ma le idee nuove sono accolte molto raramente come meriterebbero, sopratutto in ambito medico.
pagina 9/51------il caso aiuta e ci dà entusiasmo nel nostro lavoro
Il caso spesso aiuta a sistemare le cose nel modo opportuno, come accadde all'improvviso nelle circostanze che egli descrive in questi termini: "Ricordo con precisione come una delle date importanti della mia vita, il giorno, il momento in cui per la prima volta lo somministrai per bocca". Nel suo reparto all'ospedale Necher c'era un ferito grave che rifiutava le iniezioni. Così suggerì di somministrargli la soluzione per via orale. La sorvegliante e le due infermiere presenti sorrisero:
"perchè ridete?" domanda loro.
"Lo prendiamo tutte", risponde Madame Boivin, la sorvegliante.
"E perchè?"
"Ci dà entusiasmo nel nostro lavoro!".
"Ma che cosa vi ha dato l'idea di prenderlo?"
"Abbiamo notato che i malati ai quali veniva iniettato provavano una sorta di benessere. Allora abbiamo provato a berlo e ci ha prodotto lo stesso effetto!".
E' dovuta a questo caso fortuito l'estensione del metodo citofilattico.
Egli si mette a somministrarlo a tutti i feriti del proprio reparto. Ne assunse anch'egli e lo dà a tutto il suo entourage sia familiare sia professionale. Sono tutti unanimamente entusiasti della sensazione di euforia, di energia, di resistenza alla fatica che provavano prendendo quello che tutti chiamavano "la loro droga". La notizia si sparge in un lampo, e gli procura una ricca messe di fatti che non si aspettava e che gli ispirano nuove ricerche.
"Tutto ciò mi portò a studiare l'azione dei sali di magnesio sulla narcosi cloroformica, sulle avitaminosi, sull'anafilassi, sulla secrezione, sull'eliminazione e sulle proprietà della bile, sull'acidificazione dell'urina", così importante nel cancro.
pagina 11/51------differenza del cloruro alle altre forme (carbonati)
Delbert aveva già sperimentato l'assunzione di dolomia per questo tipo di problema. ma senza ottenere risultati (la dolomia è un carbonato doppio di magnesio e calcio). La prosecuzione delle ricerche provò che l'azione del CLORURO DI MAGNESIO o delle DELBIASE era dovuta probabilmente non allo ione magnesio, ma alla molecola salina (il CLORURO). Esiste una grande differenza tra il carbonato e i sali alogenati! Egli potè constatare anche che, mentre i carbonati accelerano l'evoluzione di tumori neoplastici o delle lesioni precancerose, il CLORURO DI MAGNESIO, come la DELBIASE, ne arresta lo sviluppo e spesso li fa persino regredire.
I suoi numerosi esperimenti (ahime, sugli animali) prendendo quindi di mira la prevenzione e l'evoluzione di tumori innestati. I risultati, nettamente favorevoli, provano che è possibile rallentare l'evoluzione dei tumori saturando l'organismo di questi sali alogeni di magnesio, La loro azione sulla cellula neoplastica è indiscutibile. Tali fatti clinici gli permisero di attribuire ai sali alogenati di magnesio (CLORURO DI MAGNESIO e DELBIASE) un'azione preventiva contro il cancro.
Egli d'altra parte sottolinea che il CLORURO DI MAGNESIO non dev'essere considerato come tossico per la cellula neoplastica. In realtà "tutto quello che vive ha bisogno di magnesio, tanto le cellule neoplastiche quanto quelle sane". L'azione dei sali di magnesio, infatti, è citofilattica, vale a dire che essi aumentano la resistenza e l'attività delle cellule, ripristinando il buon funzionamento cellulare quando questo è compromesso da una qualsiasi patologia.
pagina 18/51------mancanza ed apporto mancante
Li ritroviamo allo stato naturale in molti vegetali (frutta, verdura, cereali...) e in ogni tipo di complesso organico. Ma la coltivazione intensiva e la raffinazione eccessiva degli alimenti di base, come pane, farine, cereali, oli, sale ecc. hanno diminuito la percentuale e spesso hanno persino eliminato ogni traccia si questi sali, pur tanto necessari al nostro metabolismo. La loro assenza totale è incompatibile con la vita stessa e la loro carenza crea disturbi di vario tipo che scompaiono nel preciso momento in cui ci completa il corretto apporto alimentare quotidiano, o con le assunzioni quotidiane.
Nei nostri paesi civili la maggior parte della gente soffre di carenza magnesiaca quasi totale. Non stupiamoci dunque se l'assenza di questo indispensabile catalizzatore crea tanti danni.
Eppure il rimedio è semplice: bisognerebbe aggiungere sistematicamente CLORURO DI MAGNESIO o BELBIASE nella nostra alimentazione. Certo, il suo sapore sgradevole ci scoraggia dal farlo e ce lo fa considerare una medicina, benchè in realtà vada visto come ALIMENTO. Per tale ragione non ha alcuna controindicazione reale, a dispetto dei preconcetti.
pagina 18/51------anche per i bambini
Resterete sorpresi di vedrete i vostri figli abituarsi meglio di voi a questo trattamento: dopo le prime dosi, saranno loro stessi a chiedervi quando si sentiranno "£uno straccio".
Spiegate loro i vantaggi del trattamento: "Vedrai, ti sentirai meglio in pochissimo tempo e potrai andare fuori a giocare prestissimo", "se mandi giù questo non avrai bisogno di punture" )va benissimo con i piccoli che di norma seguono terapie antibiotiche) ecc.
Avvertiteli del gusto sgradevole, giocate con loro a chi di voi due farà la boccaccia più bella..... e promettete un cucchiaino di miele, per esempio, dopo l'assunzione: il cattivo sapore si attenuerà all'istante. Quando i vostri bambini avranno verificato i risultati, si comporteranno come molti altri: diventeranno "elogiatori" del prodotto con i piccoli amici e riceverete sicuramente qualche telefonata da genitori curiosi di sapere di cosa si tratta!
pagina 21/51------per i neonati
In base all'età, si somministra loro la soluzione di CLORURO DI MAGNESIO con il contagocce, con un cucchiaino da caffè o con un cucchiaio da tavola, mantenendo gli stessi intervalli sopracitati.
NB Non esitate a diminuire le dosi in caso di disturbo intestinale prolungato, perchè non è quest'ultimo lo scopo perseguito. Anche se tale reazione è normale e spesso salutare all'inizio del trattamento, non è necessario mantenerla nel tempo: il fine principale è quello di nutrire le cellule per aumentare la loro resistenza all'infezione.
pagina 22/51------controindicazioni zero
Nè il professor Delbert, nè il dottor Neveu e tanto meno i loro successori hanno mai constatato intolleranza o reazioni negative al trattamento con la soluzione di CLORURO DI MAGNESIO o con la DELBIASE, che, ricordiamo, devono essere considerati non come medicine, ma come un integratore alimentare. Come afferma il dottor Neveu, "LA PAURA DI CAUSARE UNA NEFRITE NON DEVE IMPEDIRE L'USO DEL CLORURO DI MAGNESIO. NON HO MAI RISCONTRATO CASI DEL GENERE FRA I NUMEROSISSIMI MALATI AI QUALI HO FATTO
SEGUIRE LA TERAPIA MAGNESIACA".
Anche nei casi di ipertensione non è mai stata riscontrata alcuna situazione di aggravamento.
pagina 45/51------conclusioni e per animali
Le precedenti indicazioni degli si terapeutici e preventivi del CLORURO DI MAGNESIO non si limitano a pochi casi citati. Esse tuttavia valgono come esempi - dalle patologie più gravi a quelle più benigne - per consentirvi di imparare a utilizzare questo meraviglioso alimento. SOPRATUTTO NON CREDETEMI SULLA PAROLA, SAREBBE UN GRAVE DANNO. FATENE ESPERIENZA PERSONALMENTE: QUESTA PARLERA' DA SE'.
????????? per animali ???????
D'altronde, sarebbe un peccato non menzionare le possibilità che offre il metodo citofilattico al CLORURO DI MAGNESIO nell'uso veterinario. Per maggiori dettagli, fate riferimento ala breve guida MEDECINES DOUCES POUR ANIMAUX, nella quale troverete esposto questo metodo, come anche altri di cure naturali che possono essere eventualmente associati.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/delbertclorurodimagnesio.pdf

"""Mentre Lorenzo Acerra scrive: """"pagina 62
La vita, ogni forma di vita, è nata nel mare tanti milioni di anni fa. Il DNA di esseri viventi per conservarsi e moltiplicarsi ha deciso, nel salgemma marino cristallizzato, di costruire una macchina basata su un unico programma di fondo, "il mantenimento dei sani livelli di MAGNESIO nei vari androni della cellula".
Il nostro corpo è quella macchina
Abbiamo sempre bisogno, sopratutto nelle strutture di basi cellulari, di attingere al sale più prezioso di cui è prodigo l'oceano. Il nostro cordone ombellicare con l'oceano è solo apparentemente spezzato.
La salinità dell'interno della cellula dipende dal MAGNESIO, non solo perchè esso è guardiano dei canali ionici della cellula, ma anche perchè il passaggio diretto attraverso la pareti (che riguarda l'acqua ed in maniera notevolmente più ridotta altre sostanze) dipende dal contenuto di MAGNESIO della cellula, cioè da quell'esercito di "soldati semplici" che nella descrizione precedente poteva sembrare avere un ruolo marginale. E invece l'organismo umano è tutto un gioco di micro-processi osmotici ed è per questo che la supplementazione di CLORURO DI MAGNESIO in un organismo carente, spesso si traduce in un sostanziale ringiovanimento.
L'acquisizione di acqua e la ritenzione al livello giusto nella cellula è una questione di presenza di forze osmotiche, cioè di MAGNESIO. Il CLORURO DI MAGNESIO ha un rapporto particolare con l'acqua, tanto è vero che, potete vederlo con i vostri occhi, attirerà acqua dall'aria in breve tempo. Cambiando la situazione osmotica di una cellula, gli scienziati sono riusciti ad ottenere un afflusso corretto di acqua al suo interno e dunque un flusso rigenerativo in cellule precedentemente invecchiate. Alterazioni della situazione osmotica si verificano man mano che un organismo subisce un impoverimento di MAGNESIO.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/magnesioclorlorenzoacerra.htm

Ed ora ecco come prepararti un COLLIRIO che darà ai tuoi occhi quella perfezione che è per TUTTI gli animali al mondo. Pensa all'aquila che per vivere deve vedere NITIDAMENTE un topolino a km di distanza.
E' dai primi di maggio 2015 che questo COLLIRIO lo metto nei miei occhi e ti garantisco che mi ha reso più nitida la mia visuale.
Procurati un cucchiaino di metallo, dell'ACIDO ASCORBICO, del CLORURO DI MAGNESIO, del BICARBONATO DI SODIO, quello di cucina, e una pompetta, quella della Dibase per la vitamina D. Riempi il cucchiaino di acqua di rubinetto, mettici poi un pizzico di ACIDO ASCORBICO, qualche granello di CLORURO DI MAGNESIO ed infine un pizzico e mezzo di BICARBONATO DI SODIO. Vedi che frigge e tu aiuta il tutto girando con la pompetta. Quando non frigge più riempi la pompetta i quest'acqua e mettila negli occhi. All'inizio può bruciare un pochino, ma subito passa e lascia che compia il suo lavoro.
Lo faccio mattina e sera poichè ai miei occhi ci tengo particolarmente poichè inoltre mi servono per stare ore davanti al video onde comunicare con te.
Ma tu puoi farlo ogni volta che vuoi nella giornata, in quanto questo ti eviterà problemi futuri tipo CATARATTA, STACCO DELLA RETINA, impianto dell'IRIDE e tutti gli altri problemi connessi di cui la medicina ortodossa ti propone OPERAZIONI, ma sopratutto ti eviterai MOLTA SOFFERENZA.

Devo aggiungere la esperienza di Roberto Bordin, un grande amico che dice:
Ora invece se soffri di ACUFENE  agli orecchi, hai un modo di guarire questo disturbo per il quale sò che la medicina è impotente, detto dalla testimonianza sotto di Vincenzo Laratta.
Prima di tutto devi accertarti di non avere del CERUME. Questo CERUME ti rende il suono ovattato e non sempre viene segnalato. Al riguardo ecco cosa devi sapere:
"Il CERUME è una sostanza cerosa giallastra secreta nel condotto uditivo esterno. Anche se può sembrare strano questa secrezione è fondamentale per proteggere il nostro orecchio. poiché serve a mantenere la superficie del condotto uditivo lubrificata e morbida, preservandola da traumi e/o infezioni cutanee. infatti, in virtù della sua composizione a pH acido la secrezione possiede anche un’attività antibatterica. Ecco perché il CERUME non deve essere visto come una sostanza da eliminare a tutti i costi."
Se hai l'udito ovattato è perchè hai del CERUME nell'orecchio, quindi leggi quanto sotto prima di recarti a fartelo levare, sei in grado di fartelo da solo, o levarlo a tuo figlio senza alcun problema.
Come sempre la natura pensa in anticipo ai problemi che un suo eccesso può generare. Il CERUME infatti viene fisiologicamente sospinto dalle cellule epiteliali verso l'esterno del condotto uditivo e quindi viene eliminato senza nessuno sforzo. Ecco perché i vari tentativi di pulizia meccanica, a differenza di quanto si possa pensare, nulla aggiungono alla sua eliminazione. Anzi, possono provocare lesioni della parete del condotto e del timpano.
Un classico esempio di pulizia dannosa è rappresentata dall’utilizzo dei bastoncini di cotone. Questi presidi aiutano il CERUME a compattarsi verso l’interno e, in alcuni casi, portano all’occlusione del canale compromettendo la funzione uditiva. I cotton-fioc dovrebbero essere usati solamente per la pulizia del padiglione auricolare esterno.
Quindi nel caso tu abbia il sospetto di avere questo CERUME, metti in un cucchiaino vuoto un pizzico di ACIDO ASCORBICO, un pizzico di CLORURO DI MAGNESIO. Poi aggiungi acqua di rubinetto e fai sciogliere il tutto usando una pompetta delle gocce della Dibase.
Dal cucchiaini, aspira poi quest'acqua e mettila nell'orecchio poi lasci che questa agisca per almeno un quarto d'ora.
Previo acquisto dei coni di cera ad accensione che trovi nei supermercati, procedi con questa operazione.
Estratto l'eventuale CERUME, rimetti quanto sopra e lo lasci agire contro l'ACUFENE. Puoi ripetere quest'acqua quante volte vuoi nella giornata.
Ecco la testimonianza di Vincenzo Laratta che guarisce il suo acufene senza farmaci, quindi solo con gli "ALIMENTI ESSENZIALI".

Vincenzo Laratta Niente , figurati , io ho fatto così diverse volte è ti assicuro che funziona..anche per altri problemi..Quello che sembrava un probblema di difficile risoluzione riferendomi all'acufene , iniziato il quindici gennaio , mettendo delle goccie nell'orecchio più volte al giorno , mettendo un pizzico di a.a. un pizzico di cloruro...questo probblema lo ho risolto in in mese..tutto questo mi stato suggerito da Franco Genre , che ringrazio tantissimo...altre alle goccie prendevo ogni giorno i famosi tre cucchiaini di Acido ascorbico...Interpellando qualche dottore del probblema , mi viene riferito che nin vi è soluzione nel campo medico ...ciao Vincenzo.
A conferma della necessità del MAGNESIO la pagina dell'articolo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/magnesioacufeni.htm

Ridurre gli acufeni con Magnesio

Il magnesio protegge anche i nervi dell'orecchio interno ed è un potente inibitore del glutammato. Il glutammato è un neurotrasmettitore, prodotta dall'azione delle onde sonore sulle cellule ciliate dell'orecchio interno. La produzione non regolamentata del glutammato a frequenze del suono per cui non c'è stimolazione esterna è la causa di acufene.

Dr. Michael Seidman, nel suo eccellente articolo, "Farmaci per il trattamento la Inner Ear" afferma: "Diminuito apporto di sangue provoca notevole stress per il tessuto nervoso (dell'orecchio interno), causando la produzione di radicali liberi(Nota dell'autore:. L' principali cause degli acufeni tutti portare a afflusso di sangue diminuito.) Queste molecole sono estremamente dannosi e sono noti per essere responsabili di oltre 100 malattie umane. L'accumulo di radicali liberi danneggia gravemente l'orecchio interno e in altri tessuti. Attraverso una complessa catena di eventi, questo danno può causare un rilascio e l'accumulo di glutammato e calpains. Queste sostanze chimiche in alta concentrazione sono estremamente distruttivo per il corpo.

"Gli studi hanno dimostrato che il glutammato eccessivo può avere un ruolo nella produzione di tinnito. Gli studi dimostrano anche che gli antagonisti del glutammato può avere un effetto protettivo sulla parte interna dell'orecchio e, eventualmente, essere un trattamento per  tinnito, ciò che è generato dalla parte interna dell'orecchio. Tre farmaci sono attualmente sotto inchiesta presso il Sistema Salute Henry Ford per tinnito, tra cui magnesio.

"L'effetto protettivo di magnesio nella prevenzione indotta dal rumore perdita dell'udito è stata studiata da quando è stato scoperto che il magnesio nel fluido dell'orecchio interno diminuisce significativamente dopo l'esposizione al rumore intenso. I risultati di uno studio controllato con placebo ha mostrato che i soggetti che hanno assunto integratori di magnesio per via orale mostrato un'incidenza significativamente più bassa di rumore perdita dell'udito causata rispetto al gruppo di controllo. Nel 1998 un paziente fortemente motivato scelto di sottoporsi a un catetere consegnato infusione di solfato di magnesio alla finestra rotonda (dell'orecchio interno). Entro 60 secondi di infusione ha vissuto la completa risoluzione del suo acufene. Questo effetto è durato fino a quando il flusso del farmaco è stato interrotto 48 ore più tardi. "(1) Un altro studio clinico di magnesio ha rilevato che" Il magnesio ... esposizione (s) un aumento statisticamente significativo oto-neuro-azione protettiva (protezione dell'orecchio interno) in indotta dal rumore perdita dell'udito .

Riduzione della pressione sanguigna

Ci sono diversi studi clinici che mostrano il magnesio ha un effetto positivo sulla riduzione dei livelli elevati di pressione sanguigna. Pressione alta, colesterolo alto e lo stress sono tre dei aggravatori primario del tinnito. Uno studio conclude: "La nostra meta-analisi ha rilevato una riduzione dose-dipendente della pressione sanguigna da supplementazione di magnesio." (3) Un altro trovato "... Di calcio e magnesio può rappresentare componenti importanti nella dieta combinazione dello studio DASH. Sembra che sia è la combinazione di questi nutrienti, che è di cruciale importanza per il raggiungimento di ottimali della pressione sanguigna di riduzione. "(4) Infine, un terzo studio afferma:" Questi risultati suggeriscono che la supplementazione di magnesio impedisce l'innalzamento della pressione arteriosa... "(5)

Il magnesio è molto utile in combinazione con il calcio. Dott. Seidman afferma inoltre: "L'integrazione di calcio ha dimostrato di migliorare i sintomi acufeni in alcuni pazienti. In concomitanza con il magnesio, il calcio gioca un ruolo fondamentale nella regolazione degli impulsi elettrici nel sistema nervoso centrale." (6)


Riferimenti:

1 - Seidman M, medicinali per trattare l'orecchio interno, Tinnitus oggi; marzo 2001:16-19
2 - Ehrenberger K, Felix D, i modelli del recettore per le terapie farmacologiche dell'orecchio interno con particolare attenzione ai recettori del glutammato: un sondaggio, Acta Otolaryngol marzo 1995; 115 (2) :236-40
3 - Jee SH, Miller ER 3, et al, L'effetto della supplementazione di magnesio sulla pressione arteriosa, una meta-analisi di studi clinici randomizzati, Am J Hypertens 2002 Aug; 15 (Cool :691-6
4 - Suter PM, Sierro C, W Vetter, fattori nutrizionali nel controllo della pressione sanguigna e ipertensione, cura Clin Nutr 2002 Jan-Feb; 5 (1) :9-19
5 - Berthon N, Laurant P, et al, la supplementazione di magnesio e deossicorticosterone acetato di sale ipertensione: effetto sulle proprietà meccaniche delle arterie e sulle attività di endotelina-1, Can J Physiol Pharmacol giugno 2002, 80 (6) :553-61
6 - Seidman M, gestione alternativa di acufene, tinnito Oggi; dicembre 1999:11-13
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/magnesioacufeni.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Ven 9 Dic 2016 - 21:07

....su molte pagine si legge:
Il magnesio non crea assuefazione, ma al sospenderne l’uso se ne perde il beneficio. Non si potrà sfuggire completamente a tutte le malattie, i dolori e al naturale decadimento del corpo, ma tutte queste cose saranno molto più attenuate o addirittura eliminate. La maggioranza, tuttavia, si lascerà prendere dalla pigrizia invece di godere di una salute radiosa.
Prima fra tutte questa
http://www.genfranconet.tk/
Mentre Lorenzo Acerra scrive:
""""pagina 62
La vita, ogni forma di vita, è nata nel mare tanti milioni di anni fa. Il DNA di esseri viventi per conservarsi e moltiplicarsi ha deciso, nel salgemma marino cristallizzato, di costruire una macchina basata su un unico programma di fondo, "il mantenimento dei sani livelli di MAGNESIO nei vari androni della cellula".
Il nostro corpo è quella macchina
Abbiamo sempre bisogno, sopratutto nelle strutture di basi cellulari, di attingere al sale più prezioso di cui è prodigo l'oceano. Il nostro cordone ombellicare con l'oceano è solo apparentemente spezzato.
La salinità dell'interno della cellula dipende dal MAGNESIO, non solo perchè esso è guardiano dei canali ionici della cellula, ma anche perchè il passaggio diretto attraverso la pareti (che riguarda l'acqua ed in maniera notevolmente più ridotta altre sostanze) dipende dal contenuto di MAGNESIO della cellula, cioè da quell'esercito di "soldati semplici" che nella descrizione precedente poteva sembrare avere un ruolo marginale. E invece l'organismo umano è tutto un gioco di micro-processi osmotici ed è per questo che la supplementazione di CLORURO DI MAGNESIO in un organismo carente, spesso si traduce in un sostanziale ringiovanimento.
L'acquisizione di acqua e la ritenzione al livello giusto nella cellula è una questione di presenza di forze osmotiche, cioè di MAGNESIO. Il CLORURO DI MAGNESIO ha un rapporto particolare con l'acqua, tanto è vero che, potete vederlo con i vostri occhi, attirerà acqua dall'aria in breve tempo. Cambiando la situazione osmotica di una cellula, gli scienziati sono riusciti ad ottenere un afflusso corretto di acqua al suo interno e dunque un flusso rigenerativo in cellule precedentemente invecchiate. Alterazioni della situazione osmotica si verificano man mano che un organismo subisce un impoverimento di MAGNESIO.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/magnesioclorlorenzoacerra.htm
e quindi l'ACIDO ASCORBICO, diventa ora la base della vita di questa pianta.
Ma sarà solo per il grano questo?
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/germegranosperma.htm
Il GERME è di TUTTI i semi vegetali al mondo, il quale contiene ciò che contiene lo SPERMA di TUTTI i maschi animali al mondo, nei quali: NASCE LA VITA.
Come potrebbe essere diversamente?

...mentre Irwin Stone ci lascia un disegno:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/acidoascorbicomanca.htm

e scrive:
pagina 1/10------sostanza fondamentale
L'ACIDO ASCORBICO è una sostanza ubiquitaria fondamentale nel processo vitale. Tutti gli organismi viventi o la producono o la prendono dal nutrimento oppure periscono. I sistemi enzimatici per la produzione dell'ACIDO ASCORBICO sono di antica origine e si sono formati molto presto nello sviluppo del processo vitale su questo pianeta, probabilmente mentre le forme più altamente sviluppate erano ancora forme primitive unicellulari.
pagina 1/10------solo embrione ma produce molto ACIDO ASCORBICO
L'evidenza della embriologia sia delle piante che degli animali corrobora questo punto di vista dal momento che il seme dormiente della pianta e l'uovo dell'animale sono privi di ACIDO ASCORBICO. C'è una produzione immediata di ACIDO ASCORBICO nel seme che germina o nell'uovo in sviluppo, perfino quando l'embrione non è niente più che un grumo di alcune cellule.
pagina 1/10------alta produzione sia in piante che animali
Anche la sua diffusa presenza in tutti gli odierni organismi pluricellulari, sia piante che animali, lo testimonia. Possiamo anche dedurre che la produzione di ACIDO ASCORBICO era ben sviluppata prima che gli organismi viventi divergessero nelle forme di piante e di animali.
pagina 2/10------RENI E FEGATO
Il luogo degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico nei vertebrati a sangue freddo, i pesci, gli anfibi ed i rettili, è nei reni. I più altamente attivi mammiferi a sangue caldo tutti sintetizzano il loro acido ascorbico nel fegato. Una delle principali
funzioni dell’acido ascorbico nella fisiologia animale è il mantenimento della omeostasi biochimica sotto stress. Più grande è lo stress a cui è sottoposto l’animale, più acido ascorbico produce.
Circa 165 milioni di anni fa, quando la natura aveva in vista l’evoluzione dei più attivi e stressanti mammiferi, doveva essere presa una importante decisione morfologica e fisiologica. I reni, pure adeguati come sito di sintesi dell’acido ascorbico per i lenti vertebrati a sangue freddo, erano inadeguati per le aumentate richieste di acido ascorbico per i più altamente stressati mammiferi. La soluzione vincente di questo problema fu il trasferimento degli enzimi per la produzione dell’acido ascorbico dai
relativamente piccoli e biochimicamente affollati reni al più spazioso fegato, che è il più grande organo del corpo. Tutti gli odierni mammiferi capaci di sintetizzare acido ascorbico lo producono nel fegato perché ogni antica forma che non effettuò tale
passaggio era così handicappata biochimicamnte che fu eliminata dalle forze della evoluzione.
...racconta l'EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI E L'ACIDO ASCORBICO
e spiega la perdita di produrcelo autonomamente
pagina 6/10------l'ACIDO ASCORBICO è un metabolita per tutti gli animali e non una VITAMINA
Stone 20. Negli ultimi 60anni, l'ACIDO ASCORBICO è stato visto come"vitamina C" quando in realtà è un metabolita del fegato e certamente non una "vitamina" per la miriade di mammiferi che hanno intatto il gene per lo L-gulonolactone ossidase. Tali mammiferi non prendono lo scorbuto, anche se hanno una dieta completamente priva di vitamina C.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/irwinstorianaturale.pdf


Ciao, ora ti propongo un articolo che mi ha colpito per 2 motivi.

Il primo perchè elenca la varie malattie che aiuta a curare il MAGNESIO e vorrei comunicartele a titolo informativo. Ti voglio far notare che non vi è scritto "potrebbe curare", "dovrebbe curare" ecc., ma "CURA", quindi una affermazione PRECISA, che non lascia dubbi.

Il secondo perchè riporta i TESTICOLI come luogo di detenzione di questo "ALIMENTO ESSENZIALE", ed è il primo articolo che riporta questo fatto molto importante.

Alla scoperta del MAGNESIO: aiuta a curare quasi tutto, perché pochi lo sanno?
By
Cristina Colombera
– 18 maggio 2013

E’ lo scarto del sale, ma è indispensabile per l’attività di oltre 300 enzimi e svolge un ruolo fondamentale praticamente su quasi tutti gli apparati del corpo umano.

Non a caso, da chi ne conosce le potenzialità, è considerato la panacea di molti mali. E’ facilmente assimilabile ed economico. Ma soprattutto funziona.

E’ l’unico fra i Sali di magnesio ad aver dimostrato la sua efficacia nella terapia delle malattie infettive, grazie all’effetto stimolante sui globuli bianchi e in generale su tutto il sistema immunitario.

Il Cloruro di Magnesio aiuta a curare “epilessie, distrofie, sclerosi, poliomielite, tumori, asma, bronchite cronica, broncopolmonite, enfisema polmonare, influenza, pertosse, raucedine, affezioni dell’apparato gastrointestinale, malattie cervicali, tensioni neuro muscolari, artriti, sciatiche, dolori ai muscoli, calcificazioni, osteoporosi, depressioni, ansie, paure, mali di testa, febbri, fuoco di sant’Antonio, orticarie, tetano (anche quando il paziente è già rigido), morsi di vipera (lavare anche la ferita), rabbia, parotite, scarlattina, rosolia, morbillo e le altre malattie dell’infanzia”.

Come ogni scoperta, anche questa parte da un evento pressoché fortuito: nel 1915 il professor Pierre Delbet, utilizzando una soluzione di cloruro di magnesio per il lavaggio delle ferite, si rese conto di come questa non solo non danneggiasse i tessuti, cosa che – invece – accadeva con gli altri antisettici, ma addirittura facilitasse la guarigione della ferita stessa.

Delbet scoprì inoltre come l’uso del cloruro di magnesio scongiurasse pericolose complicazioni, quali le sovra infezioni batteriche frequenti all’epoca, grazie all’azione di stimolo sull’attività dei globuli bianchi.

Il successivo e importantissimo passo fu scoprire che l’azione di stimolo non era limitata ai globuli bianchi, bensì agisse su tutte le cellule dell’organismo, allargando lo spettro oltre i meccanismi di difesa.

La sperimentazione proseguì somministrando la soluzione anche per via orale, riscontrando – nella maggior parte dei pazienti – il manifestarsi di una sensazione di benessere generale, energia, una maggiore resistenza alla fatica e una maggior stabilità emotiva.

All’epoca, le molte persone che cominciarono ad assumere la soluzione di cloruro di magnesio in qualità di “tonico”, con conseguenze inaspettate sull’organismo, informarono prontamente il professore.

In poco tempo, grazie alle testimonianze dei pazienti, Delbet si ritrovò tra le mani gli effetti della sua “scoperta”. Il cloruro di magnesio aveva fatto scomparire completamente disturbi dell’apparato digerente come coliti, colecistiti e angiocoliti, aveva migliorato in modo esponenziale affezioni del sistema nervoso quali il tremore senile, il morbo di Parkinson, i crampi muscolari. Ancora, effetti sorprendenti erano stati riscontrati nella cura della pelle: acne giovanile, eczema, psoriasi, verruche, geloni, prurito. Infine, Delbet fu in grado di dimostrare come il cloruro di magnesio potesse migliorare lo stato di unghie e capelli, di diverse patologie legate allo stato allergico come il raffreddore da fieno, l’orticaria, i pruriti di vario genere fino ad arrivare alle emorroidi e all’edema di Quincke. La sua sperimentazione si allargò a tal punto da testare il cloruro di magnesio localmente, sotto forma di pomata: l’effetto non raggiunse il 100% voluto, ma l’applicazione permise di far inscurire buona parte di capelli e barbe sbiancate da anni, o di scolorire le macchie cutanee della “vecchiaia”.

Nelle sue ricerche, Pierre Delbet fu coadiuvato dal Dottor Neveu, ma i benefici del Cloruro di Magnesio hanno interessato parecchi medici e ricercatori, tra cui l’italiano Raul Vergini.

Se gli alchimisti assegnavano la denominazione di Panacea Universale al chermes, minerale ritenuto capace, oltre che di guarire ogni male, anche di prolungare indefinitamente la vita, a questo punto anche il Cloruro di Magnesio potrebbe arrogarsi, senza tema di smentita, lo stesso titolo.

La cosa incredibile è come la carenza di Magnesio sia sempre stata ignorata dai medici come possibile causa di almeno una buona parte dei disturbi che affliggono l’essere umano.

Il Magnesio è un elemento essenziale presente in tutti gli organismi, indispensabile per lo svolgimento di numerose reazioni enzimatiche. L’organismo umano ne contiene circa 25 grammi, localizzati per lo più nelle ossa, nei muscoli, nel cervello e in altri organi come fegato, reni e testicoli.

Il Magnesio ha la capacità di produrre l’equilibrio minerale necessario agli organi per l’espletamento delle loro funzioni, come per esempio i reni, alimenta l’acido urico nelle artrosi, ha potere decalcificante fino alle più sottili membrane nelle articolazioni, nelle sclerosi e nelle sclerosi calcificate, quindi è un valido aiuto per prevenire gli infarti poiché purifica il sangue. Rinvigorisce anche il cervello: diversi studi attestano la sua validità nel mantenerne la gioventù, fino alla vecchiaia.

Malgrado tutto ciò, Il Magnesio è – tra tutti gli elementi – il meno somministrato.

La sua importanza è stata, e ancora oggi continua a essere dai più, sottovalutata.

Se è stato dimostrato come, con l’uso del Magnesio, aumenti anche la conta dei globuli bianchi perché questo effetto, che porta il nome di citofilassi, continua a essere ufficialmente trascurato? Come dire che per l’essere umano non sia importante avere la possibilità di aumentare il proprio tono immunitario.

Secondo Padre Beno J. Schorr, professore di fisica, chimica e biologia al Collegio di Santa Caterina “Il Magnesio elimina il calcio dai punti indebiti e lo fissa solidamente alle ossa. Dopo i 40 anni l’organismo assorbe sempre meno magnesio, producendo vecchiaia e dolori perciò deve essere preso secondo l’età. Dai 40 ai 55 anni: mezza dose (una dose = una tazzina da caffè). Dai 55 anni ai 70: una dose al mattino. Dai 70 ai 100 anni: una dose al mattino ed una alla sera”. (1985)

E’ del 1932 la ricerca di Schrunipf-Pierron: la dieta abituale delle popolazioni rurali dell’Egitto forniva quasi due grammi di Magnesio al giorno. Risultato? Tra i contadini egiziani l’incidenza del cancro era 10 volte inferiore a quella delle popolazioni di Europa e USA, mentre quella del cancro allo stomaco addirittura 50 volte minore. Non a caso, anche Delbet orientò la sua ricerca anche in quest’ambito.

Nel quotidiano, Schrunipf-Pierron osservò come i contadini egiziani non soffrissero di raffreddori, influenze, polmoniti e pleuriti. Le loro donne partorivano con estrema facilità, mentre gli anziani conservavano un’ “andatura elegante e armoniosa anche in età molto avanzata”.

Sia chiaro, il Cloruro di Magnesio non è una medicina, bensì un alimento che non ha controindicazioni ma soprattutto è compatibile con qualsiasi cura farmacologica in corso. Ha comunque una peculiarità non indifferente: prenderne una dose per un dolore soltanto fa sì che eventuali altri dolori guariscano comunque, perché il sale mette in ordine tutto il corpo.

Dove trovare Il Magnesio? Presto detto: nei cereali integrali, la soia, i fagioli, i vegetali in genere (se coltivati con metodo biologico), i frutti di mare, cioccolata e cacao. Essendo un prodotto di scarto del sale, va da sé che anche il sale marino sia ricco di Magnesio. Peccato però che l’impego di concimazioni minerali e il raffinamento dei cibi portino alla quasi totale perdita di magnesio. La stessa cottura può portare a un impoverimento dello stesso fino al 70%.

Come scoprire se si è carenti di Magnesio? Molto spesso i sintomi passano per ansia, ipereccitabilità muscolare, cefalea, vertigini, insonnia, asma, alterazioni del ritmo cardiaco, stanchezza eccessiva, disturbi del ciclo mestruale.

Dire che si sarà immuni da tutte le malattie è impossibile, ma sapere che c’è la possibilità di attenuare i dolori e il decadimento del corpo, è già una ragione importante per cominciare ad assumerlo. Anche perché il corpo, nella sua grande intelligenza fisiologica, elimina l’eventuale eccesso da solo. Al massimo, pulirete l’intestino. Che male non fa.

Per quanto mi riguarda, devo ringraziare un erborista che, anni fa, mi ha letteralmente “rimessa al mondo” consigliandomi il Cloruro di Magnesio. La pigrizia a volte prende il sopravvento e io stessa, pur consigliandolo a tutti, dimentico di assumerlo. E gli effetti si vedono. Per quanto mi riguarda, uso il Magnesio Supremo, scelto dopo aver letto il libretto accompagnatorio. Iniziato con il pensiero che comunque male non faceva, ho visto sparire in poco più di una settimana un dolore alla schiena che credevo cronico, e non solo. Potete trovare questo prodotto nelle farmacie più lungimiranti, nelle erboristerie, o ordinarlo online. Francamente dove lo acquistiate non ha importanza. Posso solo dirvi che mi ha aiutata, tanto. Così ho pensato fosse giusto e doveroso, da parte mia, mettervi a parte del mio “piccolo segreto”.

http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/magnesiotesticoli.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Dom 11 Dic 2016 - 16:24

Prima di leggere la pagina sotto consiglio di vedere i due video che ritengo molto importanti per la cura della DISBIOSI INTESTINALE.
TESTIMONIANZA IMPORTANTE sulla disbiosi intestinale
https://youtu.be/nzPFm84QrcI
E su questo le vere cause della disbiosi
https://www.youtube.com/watch?v=5IPQbGvU1g8&t=231s

Quindi ho il forte dubbio che sia la malattia delle persone che ingoiano troppo poche proteine settimanali.
Non mi riferisco solo ai vegani ed ai vegetariani, ma anche alle persone che per una loro ragione sbagliano la loro alimentazione eliminando dalla loro dieta la carne.
In quest'ultimo gruppo sono icappato personalmente difatti da un esame del sangue eseguito il 4 agosto 2016 rilevando un EMATOCRITO sotto il minimo a 39.7 con un minimo di riferimento richiesto di 41.00, quindi risulta la mia anemia involontaria:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/esameprontosoccorso4.htm

Altra pagina su questa malattia che però ha una veduta diversa sulla alimentazione che ritengo SBAGLIATA.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiintestinale.htm

UN NUOVO STILE DI VITA

Un nuovo stile di vita per vivere più a lungo e senza malattie

Un nuovo stile di vita per vivere piu a lungo e senza malattieDimagrire realmente (senza riprendere i chili persi) migliorando la propria salute, dipende dalla conoscenza e dalla consapevolezza di quello che mangiamo. Non c’e alcuna possibilità di mantenere i risultati raggiunti con una dieta, se si tornano a mangiare gli stessi alimenti di prima. D’altronde dovremmo chiederci per quale motivo stiamo tutti ingrassando. Il motivo vero è che i carboidrati non sono alimenti sazianti ed inevitabilmente, prima o poi, arriveremo tutti al sovrappeso o all’obesità. Qual’é la soluzione ottimale?

Eliminare tali cibi dalla nostra dieta! Torniamo a mangiare gli alimenti che mangiavano i nostri avi del paleolitico. Raggiungendo tale consapevolezza, sceglieremo di mangiare carne, pesce, uova, frutta e verdura eliminando carboidrati come zucchero, pasta, pizza, patate, legumi e riso (non sarà poi così difficile).

Quello che si vuole trasmettere con questo sforzo editoriale non è offrire “la dieta magica”, bensì insegnare a gestire un nuovo regime alimentare, che una volta abbracciato non sarà più abbandonato.

Non aspettatevi di trovare in questo libro un menù specifico (tipo una dieta): primo perché non ho il titolo per farlo ed in secondo luogo, perché preferisco che abbiate libertà di scelta, sempre, su cosa mangiare. È possibile, comunque, scegliere cibi molto grassi e saporiti (normalmente banditi nelle diete) in base ai propri gusti. E’ di fondamentale importanza è evitare zuccheri semplici e complessi.

Mi limiterò a suggerire la quantità di proteine da ingerire ogni giorno (dosi consigliate anche dalla medicina ufficiale). Bisogna tener presente che il corpo umano necessita di una quantità minima di un grammo di proteine al giorno per chilo corporeo (del peso ottimale); tale necessità aumentano fino a 2,2 grammi per chilo corporeo, se si pratica attività fisica agonistica o mirata alla crescita muscolare. Quindi in media abbiamo bisogno di circa 70/80 grammi di proteine al giorno, utili per tutte le funzioni plastiche del corpo, tra le quali ricordiamo la ricostruzione della matrice extracellulare e delle cellule e la produzione di enzimi ed ormoni.

Attenzione però, la quantità di 80 grammi deve essere distribuita durante tutta la giornata (e non concentrata in un solo pasto) ed equivale ad una porzione di carne o pesce di 450 grammi  (l’80% di questo prodotti è di media, composto d’acqua).

Per quanto riguarda il resto del pasto, non rimane che mangiare tutta la verdura che si vuole, fino a sazietà. Se invece vogliamo terminare il pasto con una frutta (da consumare alla fine) suggerisco di assumerne una quantità massima, pari alla metà del peso della verdura mangiata (perché in essa sono contenute dosi di fruttosio e zuccheri doppie rispetto alla verdura).

Cambiare alimentazione non significa perdere la passione per la cucina o cambiare radicalmente il gusto verso i piatti della nostra tradizione, ma soprattutto non ci obbliga a perdere più tempo in cucina.

Quali sono le obiezioni più comuni, per chi vuole passare all’alimentazione stile Life120, o i consigli più preziosi?

FARE UN PIATTO DI PASTA E’ PIU’ SEMPLICE E VELOCE?

A volte, parlando con la gente, sento fare considerazioni su come sia più facile cucinare della pasta che non un secondo piatto. Oppure mi dicono che per cambiare la propria alimentazione il problema principale consiste anche nel trovare più tempo da destinare alla preparazione dei piatti.

Debbo dirvi in tutta sincerità che nulla di tutto questo è vero e che queste rappresentano le scuse più usate dalle persone per giustificare la propria mancanza di volontà di cambiare regime alimentare.

Vi faccio qualche esempio.

Credo che non ci sia nulla di più semplice che preparare un piatto di pasta al pomodoro. Mentre si appronta il sugo, si mette l’acqua a bollire e raggiunta la temperatura, si butta giù la pasta. Circa 10 minuti per farla cuocere e qualche minuto per farla mantecare nella padella con il sugo (per gli chef più esigenti). Ebbene, il tempo necessario per bollire l’acqua, terminare la cottura della pasta e mantecarla nella padella, può essere stimato in circa 25 minuti. Il più delle volte il sugo dobbiamo toglierlo dal fuoco perché il tempo di preparazione della pasta è maggiore.

Cambiare l’alimentazione e passare dalla dieta mediterranea a quella Life 120, ci fa risparmiare del tempo in cucina. Immaginate di mantecare invece della pasta dei straccetti di manzo o del petto di pollo tagliato a piccole strisce o dei filetti di pesce. Con circa 5 minuti la carne è pronta e il pesce lo è ancora prima (occorre più tempo per la cottura della pasta).

Carne, pesce o la semplice carne macinata possono essere utilizzati con ogni tipo di sugo e questo non vi priverà del gusto che proviamo nel mangiare i piatti tipici italiani, anche perché la pasta non è un alimento che esalta il gusto, bensì ne riduce il carico percettivo.
CHE COSA MANGIO LA MATTINA?

L’Italia è uno di quei paesi che non comprende la colazione salata nella propria cultura culinaria. Siamo abituati a fare colazione con cornetto e cappuccino o con fette biscottate e marmellata o ancora peggio, con i cereali e latte. Colazioni di questo tipo, hanno un duplice effetto negativo. Con un pasto a base di carboidrati subiremo, di prima mattina un picco glicemico e, due ore dopo, un calo glicemico, il quale ci indurrà a desiderare un altro spuntino di solito orientato verso altri cibi a base di carboidrati (subendo un ulteriore picco glicemico).

Al contrario la colazione salata, composta di proteine e grassi, ci permette di arrivare con la giusta fame all’ora di pranzo, evitando lo spuntino di mezza mattina (per effetto dell’ormone colecistochinina prima e della leptina dopo).

La colazione perfetta potrebbe essere rappresentata da uova, formaggio stagionato, salumi e frutta. Questo tipo di menù fornisce le giuste proteine al nostro organismo (dalle ore 8 alle13) ed un’opportuna quantità glucosio al nostro cervello, senza generare alcun picco glicemico (il fruttosio è elaborato dal fegato ed immesso nel flusso sanguigno, solo quando necessario).

Anche in questo caso, preparare una colazione salata non ci impegna il tempo che si può immaginare. Far saltare uova in padella, anche con della pancetta, non vi porta via più di 2 minuti di tempo. E lo stesso discorso vale per togliere dei salumi dalla confezione o prendervi della frutta dal frigorifero, dargli una lavata e mangiarla.
CHE COSA MANGIO A MEZZA MATTINATA O NEL POMERIGGIO?

Se avete fatto una corretta colazione, non avrete problemi di spuntini a mezza mattinata o nel pomeriggio. Se ne sentite la necessità evidentemente le quantità ingerite non erano sufficienti. Questo vi servirà per correggere il tiro ed aumentare le porzioni per la colazione successiva.

Mi capita di sentire alcune persone che iniziano la mattina con un caffe o che proprio non c’è la fanno a mangiare appena svegliati. È solo una questione di abitudine, sforzatevi di più i primi giorni, perché la colazione salata è l’unico modo per giungere al cambiamento ed evitare di sentirvi affamati durante il giorno. In ogni caso dovesse sopraggiungere dell’appetito nella mezza mattinata o nel pomeriggio, potete mangiare della frutta secca come noci, mandole, nocciole o semplice cioccolata fondente al 70%  o un po’ di parmigiano (o qualsiasi altro formaggio stagionato).

CHE COSA MANGIO A PRANZO E A CENA?

I pasti principali sono sostanzialmente identici e dovrebbero contemplare circa 200 grammi di alimenti proteici come la carne, il pesce o un po’ di formaggio (per un totale netto di 35 grammi di proteine); per il resto, verdura in quantità e terminato il pasto, possiamo mangiare della frutta (non superiore al 50% delle verdure ingerite). Non esistono alimenti proibiti o da tenere lontano dalla nostra tavola (tranne i carboidrati semplici o complessi, compresi i legumi e le patate).

Durante il primo mese non preoccupatevi di scegliere carni o pesce con pochi grassi, perché già togliere i carboidrati, lo possiamo considerare un bel passo in avanti. Ovviamente, dal secondo mese, cercheremo di ridurre anche i grassi (per periodi limitati) per accelerare il dimagrimento e ridurre i depositi di grasso.

Non fate però l’errore di eliminare per lunghi periodi i grassi dal menù, perchè questo comporterebbe la diminuzione degli ormoni tiroidei (TR3 e Tr4) e lo stallo nel calo di peso. Consiglio quindi di alternare due settimane senza alcuna restrizione nei grassi, ed una settimana, durante la quale eviterete di assumere grassi (tenetevi anche lontano dai dolci consigliati).

Quando avrete raggiunto il vostro peso ideale (che io intendo con una massa adiposa al 10%), potrete mangiare senza alcuna restrizione (ovviamente continuando l’alimentazione Life 120)?.
COSA?MANGIO SE MI TROVO FUORI CASA?

Se siete fuori casa, potete scegliere di andare al ristorante (avete la possibilità di scegliere molti piatti) oppure in una tavola calda o in una rosticceria, oppure in un alimentari (potrete comprare dei salumi da mangiare senza pane, del formaggio e della frutta). Anche nei famigerati fast food possiamo trovare qualcosa che sia in linea con l’alimentazione Life 120. Potrete ordinare il vostro panino preferito, ma ovviamente dovrete togliere il pane e mangiare solo la carne ed i condimenti. Poi potrete ordinare anche un’insalata (ed una bottiglia di acqua). Dovrete invece evitare chioschi che vendono panini o bar che hanno i piatti pronti (di solito sono primi di pasta).
ALLORA QUALI SONO GLI ALIMENTI CHE DEVO BANDIRE DALLA TAVOLA?

Come abbiamo più volte ripetuto nel libro, dovete eliminare tutti gli alimenti ricchi di amido, ovvero la pasta (compresa quella fatta in casa), il pane, la pizza, il riso, le patate, i legumi (tranne le fave), tutti i dolci realizzati con farina di ogni tipo di cereale (non sforzatevi a trovare qualche cereale diverso dal grano, perché sono tutti ricchi di amido). Ovviamente va limitato il consumo di zucchero (anche di canna) e miele. Infine eliminate gli oli vegetali (ad esclusione dell’olio d’oliva) ed i grassi idrogenati (margarine).
QUALI SONO GLI ALIMENTI CHE SONO LIBERO DI MANGIARE?

Gli alimenti, soprattutto naturali e possibilmente biologici che rientrano nel progetto Life 120 sono la carne, il pesce, le uova, la frutta e la verdura. Entriamo nello specifico.
Carne

È possibile mangiare ogni tipo di carne, anche quella rossa, per il semplice fatto che ognuna ha una composizione diversa di aminoacidi e di conseguenza è meglio variare. Va preferita la carne di animali allevati all’aperto che si nutrono di erba e non di cereali. Questo perché gli animali allevati allo stato brado hanno una maggiore quantità di grassi omega 3 e minore assortimento di grassi saturi ed omega 6. Se non riuscite a reperire carne di tale provenienza, o non siete disposti a spendere di più (perché ovviamente è più costosa), evitate di mangiare il grasso, senza però diventare eccessivamente pignoli. La carne di pecora o di capra è di solito più ricca di omega 3, perché gli animali sono liberi di pascolare.

Per quanto riguarda i salumi, possibilmente cercate di acquistare quelli che non contengono nitriti.

Per quanto riguarda il pollame e quindi anche le uova, trovate se possibile, qualche contadino da cui rifornirvi, ma accertatevi che non dia loro mangimi a base di cereali e che esse siano libere di razzolare nel prato. Un’alternativa è il mangime con semi di lino.
Pesce

Il pesce è un alimento migliore della carne (superiore qualità delle proteine). Inoltre ha meno omega 6 ed è maggiormente ricco di omega 3. Certamente va preferito il pesce pescato, perché purtroppo quello di allevamento ha una quota maggiore di omega 6. Prestate maggiore attenzione sulla qualità di conservazione in quanto è molto facile incorrere in un eccesso di conservanti o imbattersi in una maggiore presenza di ammine biogene (per la degradazione delle proteine del pesce).
Verdura

La verdura può essere mangiata in grande quantità soprattutto perché ha pochissimi carboidrati (3% di media) e quelli presenti sono pressoché sotto forma di fruttosio. Inoltre le verdure sono ricche di minerali, vitamine ed in particolare di antiossidanti. Infine le fibre presenti, solubili ed insolubili, rallentano la digestione del bolo alimentare, regolano il carico glicemico e sono il miglior cibo per la nostra flora batterica. Cercate anche in questo caso di mangiare verdure bio e particolarmente di stagione. Difatti le coltivazioni in serra causano un incremento della presenza di nitrati dovuto alla mancata esposizione al sole. Infine, anche se andrebbe mangiata cruda, la cottura migliore resta quella al vapore, ma in questo caso, non voglio esagerare, lasciandovi il piacere di una ripassata in padella con olio d’oliva.
Frutta

La frutta è un alimento straordinario, ma bisogna stare attenti a non esagerare. È ricca di antiossidanti, sali minerali, vitamine e fibre solubili, ed è il cibo preferito dalla flora batterica e dalle cellule intestinali. Il suo limite riguarda la percentuale di carboidrati, di media del 10%, di cui il 50% è purtroppo composto di saccarosio. Si consiglia quindi di mangiare la frutta alla fine del pasto (per abbassarne il carico glicemico) soprattutto perché, non possedendo grassi e proteine (se non in piccola percentuale) non stimolano l’ormone colecistochinina non facendoci percepire la sensazione di sazietà (rischiando quindi di mangiarne troppa). Invece alla fine del pasto, lo possiamo considerare un dolce salutare, senza che questo ci induca ad esagerare. Consiglio inoltre di acquistare frutta bio e sopra ogni cosa di stagione. Di solito la frutta che arriva da nazioni lontane, è raccolta ancora acerba e ciò causa un incremento dei nitrati e la mancanza di sostanze antiossidanti.
I DOLCI SONO BANDITI DALLA MIA ALIMENTAZIONE?

Assolutamente no. Certamente se siete in una fase in cui volete perdere peso ed il grasso accumulato, dovrete evitare di mangiarli, se volete accelerare il vostro dimagrimento. Se al contrario siete in una fase di mantenimento o semplicemente avete voglia di viziarvi un pò, non c’è nessun problema, anzi avete molte opportunità. Vi ricordo che dovete eliminare tutti gli alimenti a base di cereali, quindi basta scegliere dolci esenti da farina. Al bando quindi le torte, le crostate, i biscotti, i cornetti, i mignon e quant’altro contenga farina, ma potrete dedicarvi a creme di vario tipo (pasticcera, tiramisù, crema chantilly), a sorbetti, cream caramel, budini, panne cotte (possibilmente fatte con il fruttosio), fragole (o qualsiasi frutto) con la panna, granite di caffe, cioccolata fondente. Inoltre quando farete un po’ di pratica, potrete facilmente realizzare delle torte o biscotti di ogni genere, utilizzando la farina di mandorle o di cocco o delle marmellate con il fruttosio.
COME FACCIO A TROVARE RICETTE IN LINEA CON IL LIFE 120?

Il sito www.life-120.com ha una sezione specializzata nelle ricette. Si chiama “Le ricette della salute” dove ne troverete diverse centinaia. Oppure diventando amico della pagina facebook Life120, troverai sulla tua bacheca 10 ricette nuove ogni giorno.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/disbiosiintestinalevivere.htm


ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Lun 12 Dic 2016 - 9:51

Ciao, prima di tutto devo dirti che sei il più STUPIDO e CRETINO AL MONDO, anche se hai un cervello grande così di cui ti vanti di avere, naturalmente insieme a me.
Mi permetto di dirlo in quanto è chiaro e palese che così ci hanno considerato, e lo fanno ancora, senza alcuna smentita.
Ci parlano di INFLUENZE e delle loro cause chiamandoli VIRUS come se fossero degli esseri ONNIPOTENTI.
I loro vari nomi nel tempo sono stati denominati:
"Tre tipi di virus dell'influenza infettano l'uomo: sono chiamati Tipo A, Tipo B e Tipo C."
e la descrizione delle conseguenze se infettati sono:
"""L’influenza è una malattia infettiva respiratoria acuta causata dal virus dell'influenza, un virus a RNA della famiglia degli Orthomyxoviridae[1]. I sintomi possono essere da lievi a severi; i più comuni sono febbre, faringodinia (mal di gola), rinorrea (naso che cola), mialgie e artralgie (dolori ai muscoli e alle articolazioni), cefalea, tosse e malessere generale. Tipicamente i sintomi iniziano due giorni dopo l'esposizione al virus (periodo di incubazione) e generalmente durano meno di una settimana.

La tosse può durare anche più di due settimane. Nei bambini ci può essere nausea e vomito, che in realtà non sono comuni nell'adulto. La nausea e il vomito sono presenti più comunemente in infezioni gastroenteriche non correlate al virus dell'influenza, che a volte, in maniera inappropriata, sono chiamate “influenza intestinale”. La malattia può colpire anche le vie respiratorie basse. Le complicanze dell'influenza includono la polmonite virale, la polmonite batterica secondaria, l'infezione dei seni paranasali, il peggioramento di problemi di salute preesistenti, come l'asma e lo scompenso cardiaco[2].

Tre tipi di virus dell'influenza infettano l'uomo: sono chiamati Tipo A, Tipo B e Tipo C. Di solito il virus è trasmesso per via aerea con la tosse o gli starnuti: ciò si ritiene che accada per lo più a distanza relativamente ravvicinata. l'influenza può essere spesso trasmessa toccando superfici contaminate dal virus e poi portandosi le mani alla bocca e agli occhi[3]. Il periodo di contagiosità inizia un giorno prima della comparsa dei sintomi e termina circa una settimana dopo la loro scomparsa; bambini e persone immunodepresse possono essere contagiose per un periodo più lungo[4]. L'infezione può essere confermata cercando il virus nelle secrezioni della gola, del naso, delle vie aeree più basse (espettorato) e nella saliva. Il test più accurato è la ricerca dell'RNA virale con PCR (polymerase chain reaction).

Il frequente lavaggio delle mani riduce il rischio di infezione poiché il virus è inattivato dal sapone[5]. È anche utile indossare una mascherina chirurgica. La vaccinazione annuale contro l'influenza è raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per i soggetti ad elevato rischio.
https://it.wikipedia.org/wiki/Influenza

che è esattamente quello che ci racconta la MEDICINA, informandoci anche da quale parte del mondo partano per arrivare fino a noi questi ONNIPOTENTI VIRUS..

Ed eccomi finalmente al DUNQUE.
In questi giorni alla tv si dice che il massimo di questa epidemia sarà nel periodo festivo INVERNALE.
Ora mi chiedo, ma quale potenza potrà avere questo VIRUS che in pieno freddo e gelo sopravvive alle temperature addirittura sottozero?
QUESTI PICCOLISSIMI ESSERI CHE SI VEDONO SOLO CON IL MICROSCOPIO, AVRANNO IL SANGUE COSI' CALDO DA NON CONGELARE A COSI' BASSE TEMPERATURE, ANCHE SOTTO ZERO, OPPURE SONO DEGLI "DEI" SOTTO FALSE SPOGLIE?
Capirei ancora se questi esseri venissero da noi nel periodo estivo, MA HO CERTEZZA CHE SE MI METTO NUDO ( si prché penso che loro siano nudi, quindi sena abiti), IN QUESTO PERIODO INVERNALE, DOPO ALCUNE ORE SONO IBERNATO.
MA COME FARANNO QUESTI ESSERINI A SCAMPARE A QUESTA REGOLA TERRESTRE MUOVENDOSI IN MASSA SENZA ALCUN PROBLEMA PARTENDO DA CHISSA' DOVE PER ARRIVARE FINO A NOI?
OPPURE E' TALMENTE CHIARA LA PRESA PER IL "CULO" DA PARTE DELLE PERSONE DALLE QUALI SIAMO DIPENDENTI PER LA SALUTE?

Scusate la parola, che non è di mia norma, ma così mi sento dopo un minimo di ragionamento.

Non è invece come dice la pagina che ci avverte della CARENZA di vitamina D per 100% della popolazione?:
"""Per decenni abbiamo aderito alla credenza che l’influenza arrivava in inverno a causa del clima più rigido. Ma numerosi studi hanno completamente falsificato una tale teoria, indicando come l’influenza si presenti ai tropici nel loro “inverno, quando è ancora abbastanza caldo (solitamente durante la stagione delle piogge). No, la ragione per cui l’influenza colpisce d’inverno è un’altra. E suggerisce una facile maniera per prevenirla. E non si tratta di farsi vaccinare. Lo sappiamo già che i nostri corpi producono molta meno vitamina D durante l'inverno. Ma è mai possibile che i livelli ridotti di vitamina D in inverno contribuiscano all’influenza?

Le prove sono evidenti. Anni fa, un attento medico generico inglese, R. Edgar Hope-Simpson, ha collegato le epidemie influenzali dell'emisfero nord con il solstizio invernale. Pertanto, l’influenza arriva proprio quando i livelli di vitamina D cominciano a calare. Finora, la medicina convenzionale ha in gran parte ignorato il suo lavoro.

Proprio questo anno, due importanti pubblicazioni mediche hanno pubblicato un report firmato dal Dott. John Cannell, uno psichiatra dello Atascadero State Hospital, California. Si tratta di una struttura di massima sicurezza riservata a criminali infermi di mente. Nel suo resoconto, il Dott. Cannell ha notato che gli altri reparti intorno al suo erano stati soggetti a un violento attacco d’influenza nell'aprile 2005. Ma nessuno dei suoi 32 pazienti ha preso l’influenza, sebbene si fossero anche mischiati con i reclusi infetti degli altri reparti.

Il Dott. Cannell si è interrogato sul perché il suo reparto avesse evitato l’influenza che pur aveva colpito tutti gli altri reparti. Rapidamente ha capito che si trattava delle dosi elevate di vitamina D prescritte a tutti gli uomini sul suo reparto. Aveva riscontrato che i suoi pazienti, come la maggior parte di tutta l’altra gente dei paesi industrializzati, ne avevano un deficit. (Deve essere uno dei pochissimi psichiatri che prestano attenzione alla nutrizione!) I suoi sforzi per rimediare al deficit hanno potenziato il sistema immunitario dei suoi pazienti, proteggendoli completamente dall’influenza.

Perché funziona? La scienza recentemente ha scoperto che la vitamina D stimola i nostri globuli bianchi a produrre una sostanza denominata catelicidina. I ricercatori non hanno ancora studiato questo prodotto chimico sul virus dell’influenza, ma da tempo hanno segnalato che esso attacca un'ampia varietà di agenti patogeni, tra cui funghi, virus, batteri e perfino la tubercolosi.

Così, troviamo che il mio suggerimento di farvi controllare il livello di vitamina D a quest’epoca dell’anno era quanto mai centrato. Ma ora, alla luce di queste nuove informazioni, penso che non sia nemmeno necessario spendere i soldi per sottoporsi agli esami. La vitamina D è poco costosa. E stimola il vostro corpo a produrre quello che potrebbe essere l’antibiotico definitivo! Completamente atossico e che uccide soltanto gli organismi invasori (non le vostre cellule). Dotatevi dell’incredibile protezione della vitamina D. Esponetevi al sole quando potete. Fate semplicemente attenzione a non scottarvi. Se state per lo più all'interno, suggerisco fortemente che aggiungiate vitamina D al vostro regime quotidiano. Raccomando 5.000 IU al giorno. Non vedo controindicazioni a questa dose, particolarmente nei mesi invernali!
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadinfluenza1.htm

E' chiaro e palese che invece contano i VACCINI che RENDONO MOLTISSIMI DENARI, e con i quali il sottoscritto a suo tempo è stato STERILIZZATO:
Ora però ti devo fare una domanda chiara: SAI PERCHE' SEI VENUTO AL MONDO?
Lo sai che il tuo passaggio su questa terra è perchè tua abbia modo di continuare la TUA SPECIE e quindi la SPECIE UMANA?
SIII?!?!?!? BENE, NE SONO FELICE.
Però ciò che purtroppo NON SAI e che invece devi sapere chiaramente, è che da questi "ALIMENTI ESSENZIALI" dipende questa tua possibilità, che tu sia maschio o che tu sia femmina. Lo scoprirai sotto, se avrai la voglia di ed tempo di capirlo. Scoprirai che l'ACIDO ASCORBICO è la BASE di quel liquido seminale maschile di TUTTI i maschi animali al mondo chiamato SPERMA, Scoprirai che questo ACIDO ASCORBICO insieme a tutti gli altri"ALIMENTI ESSENZIALI" essi permettono di GENERARE quello spermatozoo dal quale tuo figlio nascerà e dandoti un nipote potrà continuare la tua specie e che da questi dipende la NOSTRA SALUTE, questo perchè SONO LA BASE DELLA NOSTRA VITA.
QUINDI AVVISO CHE SE CHI GUIDA LE REDINI DEL MONDO VOLESSE IMPEDIRTI DI INGOIARE NEI CIBI O A CUCCHIAINI COME FACCIO DAL 1992, SE I CIBI NE SONO CARENTI COME NEI MOMENTI ATTUALI, CAUSA LA RAFFINAZIONE INDUSTRIALE, QUESTI "ALIMENTI ESSENZIALI", EGLI TI IMPEDIRA' QUESTA TUA CONTINUAZIONE RENDENDO INUTILE LA TUA VENUTA AL MONDO, COME HA RESO INUTILE E VANA LA MIA, STERILIZZANDOMI CON I VACCINI NEGLI ANNI 60.
IN QUESTO CASO, LASCERAI FARE TERMINANDO LA TUA SPECIE O TI RIBELLERAI COME STO' FACENDO PERSONALMENTE OGNI GIORNO?
Eccoti chiaro il perchè della mia instancabile e continua INFORMAZIONE con ogni mezzo possibile a mia disposizione.
...sono stato sterilizzato CON I VACCINI DELLA INFLUENZA E DEL TETANO negli anni 60 come puoi rilevare dal video che dice:
"Non vi sono parole per descrivere quello che è scritto nel video, lascio l'interpretazione al lettore.
Da allora, il governo britannico è stato costretto a sospendere i vaccini relativi all'H1 N1 per i bambini al di sotto dei 5 anni, ammettendo che il vaccino avesse determinato una crescita di dieci volte di fenomeni quali violente convulsioni nei bambini.
...ed ancora....
Il governo della Finlandia si è esposto pubblicamente, ed ed ha affermato come quest'ultimo stia causando ogni genere di disordini neurologici, quali la stessa narcolessia.
...Altro pezzo importante.....
Signore e signori, noi abbiamo a disposizione i documenti delle Nazioni Unite, i documenti delle Fondazione Rochkefeller, risalenti agli anni '60, '70, '80 e '90, fino ai giorni nostri, ed è possibile leggere e rendersi conto di come ammettono di aver sviluppato vaccini per l'influenza o il tetano, all'interno dei quali hanno inserito elementi chimici ed ormoni per ridurre la vostra fertilità, o per sterilizzarvi.
...ed ancora....
Inviate tutti gli articoli mainstream che saranno sistemati in basso rispetto a questo video, in cui si parla di come governi tra i più importanti del pianeta siano stati costretti a sospendere le vaccinazioni perchè queste ultime stavano determinando un'incredibile devastazione, e avvertite tutti che i vaccini contro la influenza stagionale realizzati quest'anno conterranno anche il vaccino contro l'H1 N1, oltre naturalmente a tutti gli "extra" che loro inseriranno.
Avvertite tutti quelli che conoscete. Questa è una questione straordinariamente seria.
L'industria farmaceutica Bayer ha ammesso in tribunale di aver consapevolmente distribuito per oltre un decennio.
Lo hanno fatto a sangue freddo, si tratta di un elemento che è parte di un più ampio programma eugenetico.
I crimini delle grandi compagnie farmaceutiche sono "legioni", e (tali compagnie) dovrebbero essre messe sotto accusa, dovrebbero essere portate di fronte alla giustizia, anche perchè le loro condotte rappresentano l'elemento che pone in connessione le grandi compagnie farmaceutiche, gli organismi geneticamente modificati (OGM), e il governo.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova30/Immagini/vaccinispeciale.htm
..ma la cosa peggiore è che negli anni 70, circa 10 anni dopo, hanno istituito i Centri Sterilità per fingere di CURARE i malcapitati GUADAGNANDO. BELLA MOSSA, vero? così questi centri LAVORANO e nascondono le MALEFATTE. Ma non basta, poichè nel 1977 ad ottobre un medico del centro mi ha proposto di sezionare i testicoli per vedere se poteva fare qualcosa per farmi avere figli.
...difatti fui ricoverato all'ospedale Mauriziano di Torino per sottopormi alla operazione. Non ti dico i dolori sofferti al risveglio, che mi hanno tenuto in rianimazione per tre giorni. Non auguro a nessuno tale operazione. Ma la mia sorpresa è stata che quando sono stato dimesso, alcuni giorni dopo mi sono recato al Centro Sterilità di Torino e di questo medico neppure più l'ombra.
Mi fu consegnato un foglio quadrato con dei disegni colorati a cerchio. Ora però che ho visto i video che ti ho riportato sopra ho capito che quel dott. Jekyl mi ha USATO COME CAVIA per vedere i danni avuti. Ecco per cui la mia continua INFORMAZIONE. Qualcuno si è preso la responsabilità di STERILIZZARMI ed ora è ora che questi personaggi vengano scoperti poichè i VACCINI SERVONO SOLO A QUESTO.
Per tua principale informazione ti riporto che nel 2011 a novembre ho scoperto che l'ACIDO ASCORBICO e gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" compongono quel liquido seminale di TUTTE le specie animale
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/sperma.htm
ma non basta, poichè nel 2015 a novembre ho scoperto che fuorchè l'ACIDO ASCORBICO, perchè la EVOLUZIONE lo ha sostituito con la vitamina E, TUTTI gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" stanno nel GERME di TUTTI I SEMI VEGETALI al mondo. Sì perchè il GERME non è solo nel grano ma in TUTTI i semi al mondo.
"Dell'articolo sotto, devo fare presente che:
"Il germe di grano contiene agenti fitoattivi, calcio, potassio, fosforo, zolfo, zinco, rame, ferro, magnesio, manganese, molibdeno, selenio, silicio, lecitina, vitamina del complesso B, vitamine A e D, inoltre contiene anche una grande quantità di vitamina E. Quest’ultima rallenta in modo naturale lo sviluppo delle malattie degenerative causate dall’inquinamento dell’aria, inoltre rinforza il sistema immunitario. La vitamina E ha un ruolo importante anche nel trattamento del cancro: Impedisce la riproduzione delle cellule cancerose, previene il danneggiamento del DNA, si utilizza con molta efficacia contro il cancro della prostata. Aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer, le malattie del cuore, dei polmoni e del sistema circolatorio."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/germegranosperma.htm
E come potrebbe essere diverso? difatti da questi SPERMA e GERME INIZIA LA NUOVA VITA.
Quindi è facile smentire chi dice che nei laboratori si è dato vita e dei virus. Per fortuna della umanità è IMPOSSIBILE in quanto il suo CERVELLO è troppo STUPIDO per poterlo fare, anche se con ARROGANZA si erge a dio per immagine e somiglianza.

Ora voglio farla breve in quanto vorrei che non lo leggessimo solo io e te, ma molte altre persone che dopo la terza riga si perdono, invitandoli AD EVITARE QUEI DELETERI VACCINI, coi quali FANNO DI TUTTO E DI PIU', ma di farsi fare un esame del sangue richiedendo anche solo i valori della
vitamina D
che se il medico non vuole farla fare, con massimo 15 euro si sà come ci si deve comportare, ingoiandone eventualmente la quantità necessaria per evitare questi malanni invernali senza farsi iniettare quei VELENI dei vaccini.
Naturalmente per la SALUTE di ogni giorno ingoiare anche gli altri "ALIMENTI ESSENZIALI" iniziando dall'ACIDO ASCORBICO.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

dalla pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadvirusinfl.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Mar 13 Dic 2016 - 21:56

L'articolo in fine pagina riporta la data del 2014, ma niente e nessuno della medicina rileva questa importante informazione.
Vitamina D: l’80% degli italiani è carente
Roma, 17 novembre 2014 – In Italia l’80% della popolazione è carente di Vitamina D e ciò determina importanti ricadute sulla diffusione delle malattie dell’osso e sulla mortalità. La sua assunzione rimane quindi fondamentale per contrastare l’insufficienza diffusa e trasversale della “vitamina del sole”, che in Italia è allo stesso livello da 20 anni. È quanto emerso a conclusione del XIV Congresso della Società italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).

L'importante e comunque dosare sempre il livello di vitamina D. Vanno dosati, devono essere non solo sufficienti, perchè la sufficienza è 30 ng/ml serve e ci garantisce un buon metabolismo dell'osso.
Però se vogLiamo far funzionare al meglio tutti i nostri meccanismi per la prevenzione dei tumori, o comunque contro i batteri ed i virus esogeni, allora è importante che i nostri livelli si attesti intorno ai 100.
Quindi se vediamo che i nostri livelli sono insufficienti, lo possiamo vedere soltanto con un dosaggio, dobbiamo supplementare.  La dose raccomandata dal md Coimbra è di 10000 UI al giorno che corrispondono a 40 gocce della Dibase 10000 UI gocce della farmacia, oppure del generico.
"E' importante che si dica che la dose giornaliera che è raccomandata oggi, internazionalmente, non esclude nessun paziente dalla carenza di vitamina D, è una dose irrisoria, molto sotto la dose fisiologica.
E allora, quando abbiamo iniziato a dare la dose fisiologica, che è la dose di 10.000 unità giornaliere, cioè la dose che si produce con pochi minuti di esposizione solare, ossia, se hai addosso canottiera e bermuda, con le gambe e le braccia esposte al sole, produrrai in 20 minuti, se hai la pelle chiara e sei giovane, 10.000 unità di vitamina D al giorno.
Allora, 10.000 UI è una dose fisiologica, non è una super dose.
Però la maggior parte dei dottori considerano questa dose potenzialmente tossica."
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/vitaminadcoimbraa.htm

La conferma ce la dà il il dr. Andrea Rizzo che ci riporta questa tabella:
Per tutti questi valori oltre ad una sensibile esposizione al sole [30].
TABELLA 1
Recommended vitamin D intake levels of the Institute of Medicine vs. Endocrine Society [29,30].
Age.............Recommended Intake (IU/day)....Upper Limit (IU/day)
National Institute of Medicine
Children (0–18 years)....400–600...................2500 (1–3 years)
...................................................3000 (4–8 years)
...................................................4000 (13–18 years)
Adults (19–70 years).......600.....................4000
Older Adults (>70 years)...800.....................4000
Pregnancy/Lactation.......600......................4000
The Endocrine Society
Children (0–18 years)....400–1000..................2000–4000
Adults (19–70 years)....1500–2000...................10,000
Older Adults (>70 years).1500–2000..................10,000
Pregnancy/Lactation......600–1000 (14–18 years)
........................1500–2000 (19–50 years).....10,000

Un’altra area di dibattito tra i ricercatori di vitamina D sono i valori di riferimento utilizzati per definire gli ottimali livelli di ottimale di vitamina D, la carenza e l’insufficienza.
http://digilander.libero.it/genfranco5/Immagini/vitaminaddrandrearizzo.htm




Prima di procedere nella conoscenza della vitamina D (ORMONE) consiglio di vedere questo video chiarificatore intitolato:
"Vitamina D, cosa fare quando è carente"
Di questo video mi permetto di modificare il valore nel sangue rilavato in ng/ml che ritengo ottimale non inferiore al 50 ng/ml e non 30 ng/ml come indica invece il dott. Giuseppe Varcasia.
https://youtu.be/PQ5PjcupVB0

DICE: "lo possiamo sapere soltanto con un dosaggio", E' FALSO, PER SAPERE I VALORI SI DEVE FARE UN ESAME DEL SANGUE, QUESTO:
Fatti fare l'esame del sangue per il controllo della
vitamina D
PARATORMONE
CALCIO
POTASSIO
FERRO
FOSFOREMIA
vitamina B12
MAGNESIO ERITROCITARIO (O INTRAERITROCITARIO)
OMOCISTEINA
Se hai la OMOCISTEINA alta sei a rischio infarto o ictus, quindi alle malattie cardiovascolari legate.
Questa OMOCISTEINA è nei cibi, ma sopratutto è aumentata dalle DROGHE come il TABACCO ed il CAFFE'. Quindi evitarle è TANTA SALUTE.
Una vitamina e precisamente la vitamina B9 (ACIDO FOLICO) è quello che te la fà abbassare. Questo ACIDO FOLICO è nei vegetali, sopratutto nelle verdure a foglia verde che vanno ingoiate CRUDE.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova03/Immagini/omocisteina.htm

"Intervista alla Professoressa Maria Rosaria Ambrosio dell’Università degli studi di Ferrara, realizzata in occasione di un meeting di aggiornamento in reumatologia svoltosi a Bologna l’8 settembre 2012
il video
https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=eE_e32Wl0-0

Vitamina D e paratormone sono due ormoni importanti per la regolazione del metabolismo calcico. I livelli di paratormone sono inversamente correlati ai livelli di vitamina D. Quando ci sono livelli ridotti di vitamina D, i livelli di paratormone sono elevati. Nell’iperparatiroidismo primario il deficit di vitamina D è più elevato e il quadro clinico di questi pazienti è più grave. In questo caso le linee guida consigliano il dosaggio della vitamina D, mantenendone i livelli superiori a 50 mmol/l. E’ consigliato il trattamento con la forma non idrossilata della vitamina D per evitare l’ipercalcemia, monitorando la calcemia e la calciuria"
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadparatormonealto.htm

l libro dedicato a questa vitamina D in visione sotto riporta:
"1. Colecalciferolo (che da questo punto in poi chiamerò vitamina D3): è prodotto naturalmente dal corpo in grandi quantità quando i raggi UVB arrivano alla pelle. Quando sono stati prodotti circa 20000 UI di vitamina D3, nella pelle si attiva un apposito meccanismo che distrugge la quantità in eccesso in modo che non diventi tossica. La vitamina D3, è disponibile sotto forma di integratore, è da preferire alle altre ed è la più potente forma di vitamina D, come ho già detto in precedenza.

Questo "apposito meccanismo" conferma che il corpo conosce molto bene la parola AUTOGUARIGIONE, che grazie a questi SENSORI che attivano i vari sistemi di prevenzione o di attivazione delle AUTOPRODUZIONE evitano il bisogno del proprio simile che funziona per TUTTI gli esseri viventi escluso l'Homo Sapiens. Si perchè anche il corpo dell'Homo Sapiens è in grado di AUTOGUARIRSI perchè ha perso SOLO la possibilità di AUTOPRODURSI l'ACIDO ASCORBICO e basta.
L'articolo scrive:
“L'Accademia Americana di Dermatologia e l'industria dei protettivi solari hanno svolto un trentennale lavaggio del cervello alla popolazione mondiale con l'incalzante messaggio che non ci si dovrebbe mai esporre alla luce solare diretta perché può causare il cancro della pelle e condurre alla morte.” (dr. Michael Holick)"
http://acidoascorbico.altervista.org/Immagini/vitaminaD1.htm

Vuoi ovviare a queste FALSITA' dei "PROTETTIVI SOLARI" prodotti CHIMICI CANCEROGENI?
E' molto semplice, fai come noi Franca e me:
"Devo riportare una esperienza fatta da Franca e me. Siamo neri come il carbone!!! e sapete come abbiamo ottenuto questa abbronzatura? Facile. Franca si è procurata uno spruzzino ed ogni mattina preparavo 1/2 bicchiere di acqua di rubinetto con sciolto 2 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO, oppure 1 bicchiere con 3-4 cucchiaini di ACIDO ASCORBICO, ed 1 cucchiaino di CLORURO DI MAGNESIO, secondo se lo passavamo anche a qualche vicino. Appena distesi sul lettino ci spruzzavamo quel liquido su tutto il corpo e VIA!!! se capitava che si entrava in acqua si ripetevano gli spruzzi dopo esserci asciugati, e quindi lo lo ripetevamo, buttando l'avanzo prima di tornare in albergo. Il pomeriggio tornavo a prepararne un'altra dose che rispruzzavamo come se fossero micidiali creme ma senza il bisogno di spalmare. I risultati? Ieri il nostro amico Lucio, albergatore si è complimentato poichè eravamo i più abbronzati dell'albergo. Faccio presente che le persone che erano vicini di ombrellone e si sono scottate l'abbiamo spruzzato con profitto, difatti più nessun dolore e la loro pelle non ha sviluppato le classiche bolle. Provare per credere.
Questo il video che ti dimostra la mia salute attuale:
A Rimini la corsa sulla passerella:
https://www.facebook.com/photo.php?v=10201526855559961&set=o.1415891408656788&type=3

da questa pagina:
http://acidoascorbico.altervista.org/prova2/Immagini/acidoascorbicocremesolari.htm

Roma, 17 novembre 2014 – In Italia l’80% della popolazione è carente di Vitamina D e ciò determina importanti ricadute sulla diffusione delle malattie dell’osso e sulla mortalità. La sua assunzione rimane quindi fondamentale per contrastare l’insufficienza diffusa e trasversale della “vitamina del sole”, che in Italia è allo stesso livello da 20 anni. È quanto emerso a conclusione del XIV Congresso della Società italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).

Gli esperti della società scientifica provenienti da tutta Italia, riuniti con una delegazione dell’American Society for Bone and Mineral Research (ASBMR), hanno fatto il punto a Roma su diagnosi e terapia delle malattie dell’osso e, in particolare, hanno assunto una posizione differente rispetto a quella dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) che alcuni mesi fa ha parlato di un abuso di Vitamina D in Italia.

“Tutti gli studi confermano che gran parte della popolazione italiana è affetta da Ipovitaminosi D – spiega il Presidente della SIOMMMS Giancarlo Isaia -. Ciò dimostra che non sono state attivate sistematiche politiche sanitarie volte a contrastare questa carenza; per esempio, sottoporre tutti, soprattutto gli anziani che si espongono meno ai raggi solari e i pazienti affetti da malattie croniche, a supplementazione con Vitamina D, anche senza un suo preventivo dosaggio ematico: in tal modo, si potrebbero certamente ridurre i rischi di fratture e i costi del SSN”.

La Vitamina D è stata quindi incoronata coprotagonista nella cura dell’osteoporosi, quale supporto fondamentale dell’efficacia dei farmaci, che senza di essa non conseguirebbero risultati importanti.

Inoltre, la prestigiosa Cochrane Collaboration in una recentissima review ha documentato come la Vitamina D – e in particolare il colecalciferolo – ha un impatto positivo addirittura in termini di mortalità (-6%).

“Non c’è un problema di abuso; la questione vera è l’urgenza di sottoporre a cura chi ne ha un effettivo bisogno. Nel caso dell’osteoporosi, oltre a pensare a nuovi farmaci o a terapie alternative, è quindi fondamentale sanare la carenza di Vitamina D – spiega Davide Gatti dell’Università di Verona -. Il suo livello nel sangue è la conseguenza del suo apporto dietetico e dell’esposizione al sole, ma in Italia il contributo della dieta è sensibilmente inferiore rispetto ad altri Paesi e l’apporto da esposizione ai raggi solari interviene comunque al massimo per il 30%”.
Gli esperti confermano che in Italia l’Ipovitaminosi D si verifica perché si mangiano meno grassi animali rispetto ad altri Paesi e perché non si adotta l’aggiunta di Vitamina D negli alimenti, come per legge fanno nel nord Europa. Una strategia che in Italia è stata bocciata anche per motivi economici.

La SIOMMMS chiude il suo evento associativo annuale, al quale hanno partecipato 81 relatori e circa 600 delegati, con l’obiettivo di continuare ad affrontare in diverse sedi istituzionali, amministrative e cliniche il problema dell’appropriatezza nel trattamento dell’osteoporosi che numerosi esperti, commentando un recente report dell’AIFA, non hanno esitato a definire “drammatico”.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadcarenzatotale.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 566
Punti : 5071
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   Ven 16 Dic 2016 - 13:54

Ciao nel post i valori della vitamina D nel sangue, consigliati dal dottor Claudio Sauro.

Prima di tutto mi permetto di ricordaee cosa sono gli "ALIMENTI ESSENZIALI" e quale importanza hanno nel corpo di OGNI ESSERE VIVENTE di cui la vitamina D (ORMONE) ne è uno molto importante poichè viene fatta AUTOPRODURRE dal SOLE.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova1/Immagini/alimentiessenziali.htm

UN NUOVO PROTOCOLLO PER I TUMORI

In seguito a due anni di esperienza con CHEMIOTERAPIA NATURALE posso trarre le prime considerazioni di un certo rilievo.
Il punto più importante che è emerso riesaminando i casi di tumori che si sono stabilizzati, sono regrediti ed in alcuni casi sono addirittura guariti è che tutti questi casi avevano ampiamente forato il tetto di 100 ng/ml per la vitamina D. I miglioramenti, le stabilizzazioni ed alcune guarigioni le abbiamo quando questa vitamina D arriva a 200 ng/ml e molto spesso la supera, spesso raggiungendo quota 200 ng/ml o anche più.
Tali valori li ho sempre ottenuti facendo assumere 300.000 UI di vitamina D3 alla settimana, ininterrottamente, generalmente si stabilizza su quota 200-250 ng/ml, in un caso 450 ng/ml. In tutti questi casi ho sempre controllato la Calcemia (non il paratormone che non mi interessa), e la calcemia è sempre rimasta normale. Addirittura a valori alti di vitamina D a volte si abbassa sotto il valore di 9 mg/dl (perfettamente normale, in un solo caso ho visto il valore di 11.2 mg/dl (peraltro non pericoloso). Questo significa che la forma intermedia della vitamina D è determinante più di qualsiasi altro rimedio chemioterapico o naturale, intendo dire che il 25-HO-clecalciferolo deve avere un ruolo determinante nella cura dei tumori. probabilmente agisce ancora più della forma terminale (calcitriolo o 1-25-OH-colecalciferolo) il quale deve restare praticamente costante se la calcemia resta normale. Intendo dire che anche con i valori altissimi della forma intermedia la forma terminale resta costante. Io credo che la forma terminale più che sui recettori agisca sopratutto sul trasporto del calcio nelle ossa, e mantenendo il calcio costante a livello ematico. Ciò che regola la trasformazione della forma intermedia in forma terminale è il Paratormone che si abbassa drasticamente se il valore della forma intermedia si alza. E'probabile che sia la forma intermedia che agisce sui ricettori G di 20-OH-colecalcoferolo molto superiori a quelli indicati nel Range terapeutico. Ci riportiamo pertanto, con queste considerazioni al Protocollo Coimbra per la Sclerosi Multipla. Le dosi altissime di 25-OH-colecalciferolo agiscono nel guarire le Sclerosi Multipla esattamente come agiscono nel guarire i tumori. E perchè Ciombra usa il semplice COLECALCIFEROLO per curare la Sclerosi Multipla e non la forma terminale o calcitriolo; semplicemente perchè il calcitriolo nella Sclerosi Multipla non fa assolutamente nulla. Il Colecalciferolo (ormone del sole) si trasforma invece nella forma intermedia o Calcidiolo che è quella che agisce. Oltretutto la forma terminale (Calcitriolo) che esiste in certi prodotti farmaceutici ha una emivita brevissima (5 ore), produce ipercalcemia e sarebbe pericolosissimo usarla a dosi alte, mentre la forma iniziale o COLECALCIFEROLO è un ormone assolutamente tranquillo. Pertanto io, visti i risultati e facendo una sintesi dei casi diciamo "di successo" ho cominciato ad usare 300.000 UI alla settimana (sono 42.857 UI al giorno) di Dibase (è una dose da Coimbra) + 1 fiala di Adisterolo 100.000, sono 100.000 UI di vitamina A + 20.000 UI di vitamina D (sempre alla settimana) ed in via continuativa, senza mai smettere. Tanto state tranquilli che la calcemia resterà nei limiti e la vitamina D per quanta ne prendiate non andrà sopra il valore di 200-300 ng/ml (in un caso eccezionale ho avuto il valore di 450 ng/ml ma con calcemia normale, E' comunque buona cosa, come dice Coimbra, quando si assumono dosi così alte di vitamina D bere molta acqua, almeno 1.5-2 litri al giorno, nel caso si manifesti ipercalcemia, anche se questa è esattamente rara, ma comunque è meglio premunirsi. Io di problemi renali non ne ho mai visto, la creatinina si è sempre mantenuta normale, non è mai salita neppure di 1/10 di punto. Poi a questo iperdosaggio della vitamina D ho associato alcune cose che io ho ritenuto importanti come il CLORURO DI MAGNESIO e la N-acetilcisteina anche se il nocciolo fondamentale della terapia resta la vitamina D.
Pertanto riassumendo:

-Dibase 300.000 UI settimana in via continuativa

-Adisterolo 100.000 UI alla settimana in via continuativa

-CLORURO DI MAGNESIo 2 cucchiaini (6 grammi) al giorno sciolti in molta acqua sempre in via continuativa

-N-Acetilcisteina 2 bustine da 300 mg al giorno

-Selenium- ACE EXTRA (Angelini): il selenio ha una potentissima azione antitumorale

-ACIDO ASCORBICO in polvere; 3-5 cucchiaini da caffè al giorno sciolti in succo di frutta

-Tintura madre di rosmarino: 30 gocce tre volte al giorno, meglio durante i pasti

Fra le piante medicinali consiglio anche la CURCUMA che ha dimostrato in molti studi di possedere un effettiva attività antitumorale. Consiglio la CURCUMA impastata con alcool puro che ne estrae la curcumina. Però con la curcuma bisogna andare cauti, perchè presa in dosi elevate (3 cucchiaini al giorno) abbassa drasticamente il Colesterolo, addirittura anche sotto i 100 mg/dl ed un valore basso di Colesterolo non va bene nei tumori.
Contrariamente a qualsiasi opinione il colesterolo è un antitumorale e sarebbe indispensabile che il suo valore restasse intorno ai 300 mg/dl. Non preoccupatevi, non comporta nessun rischio ateromasico. Una dieta povera di aminoacidi essenziali (Protocollo Nacci) è difficile da attuare, pertanto l'ho completamente abbandonata. Una alimentazione povera di carne e latticini è comunque consigliabile anche se secondo me non determinante, pertanto preferisco non essere rigido sulla dieta.
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadclaudiosaurotumori.htm

Notizie
Marino Rossi
22 agosto alle ore 21:13

Leggete questo interessantissimo post del Dr. Sauro.
Che i parametri fossero al ribasso l'avevamo già abbondantemente intuito, ma ora un medico si prende la briga di informarci ulteriormente, secondo quelle che sono le sue conoscenze...
DA RIVEDERE L’INDICE TERAPEUTICO DELLA VITAMINA D
CLAUDIO SAURO·LUNEDÌ 22 AGOSTO 2016
L’INDICE TERAPEUTICO della Vit D è sicuramente da rivedere; attualmente si considera come indice terapeutico della Vit D un valore che varia fra 30 e 100 ng/ml. Questo valore è già cambiato più volte negli ultimi 50 anni dal momento che i vecchi protocolli indicavano un INDICE TERAPEUTICO di 10-60 ng/ml, poi si è visto che il valore di 10 è troppo basso per calcificare l’osso ed il limite minimo per una corretta calcificazione è 28,5 ng/ml per cui il limite minimo è stato arrotondato a 30. Però cerchiamo di definire meglio cosa si intende per INDICE TERAPEUTICO è vediamo perché per la Vit D non funziona. L'indice terapeutico (IT, anche noto come rapporto terapeutico) è un parametro farmacologico che è indice della sicurezza di un farmaco. È definito come il rapporto tra la dose letale mediana e la dose efficace mediana. Ma poiché la Vit D per essere attivata subisce diversi passaggi e quella che viene dosata è la forma intermedia (quella attivata dal fegato) o 25-OH.idrossi-colecalciferolo si può ragionevolmente dire che un INDICE TERAPEUTICO per la dose intermedia praticamente non esiste dal momento che se la dose minima efficace per calcificare l’osso è 30 ng/ml la dose massima o letale mediana praticamente non esiste. La dose letale mediana dovrebbe essere una dose che uccide il 50% dei soggetti, ma nessuno è mai morto neppure per dosi altissime della forma intermedia. L’INDICE TERAPEUTICO sarebbe molto più corretto applicarlo alla forma terminale o 1-25 OH-idrossi-colecalciferolo perché questa regola effettivamente la calcemia ed una calcemia troppo alta (14-18 ng/ml) potrebbe comportare l’arresto del cuore in sistole. Ma si è visto che non è solo la forma terminale che agisce, ma anche la forma intermedia e probabilmente anche la forma primaria quella che si forma con l’esposizione della pelle alla luce solare (COLECALCIFEROLO); la forma intermedia chiamata anche CALCIDIOLO ha pure le sue funzioni; se n’è accorto un medico argentino, un certo Coimbra, che ha visto che aumentandola molto riesce a guarire la SCLEROSI MULTIPLA se presa nella fase iniziale (ha già migliai di casi di casistica che lo comprovano) . Probabilmente la forma intermedia agisce su molte altre malattie autoimmuni dal momento che io stesso ho avuto due casi di guarigione di ARTRITE REUMATOIDE già consolidata da molti anni. Ma Coimbra porta la forma intermedia a dosi altissime, minimo 800, massimo 6000, e ci si può chiedere perché dosi così alte non creino problemi. In effetti si è visto che anche se la forma intermedia è altissima la forma terminale resta praticamente costante, e cioè di CALCIDIOLO viene trasformato in CALCITRIOLO solo 1,5 milionesimi di grammo in un giorno, ed è per questo che la calcemia non subisce variazioni pericolose e si attesta sempre su un valore che può variare fra 8,5 ed 11 mg/dl. Comunque Coimbra con dosi altissime della forma intermedia consiglia di bere molto, dal momento che se il paratormone non funziona correttamente c’è il rischio che la calcemia superi gli 11 ng/ml con conseguente ipercalcemia ed ipercalciuria. Nel protocollo Coimbra sono consigliati anche frequentissimi dosaggi della Vit D. La forma terminale agisce come regolatore della calcemia, ma soprattutto per la deposizione di calcio nell’osso. Si pensava una volta che solo le cellule dell’osso (osteoblasti ed osteoclasti) avessero recettori per la Vit D ma negli ultimi anni innumerevoli studi hanno dimostrato che tutte le cellule hanno recettori per la Vit D e questa più che una vitamina è un ormone che regola 4200 geni. Si è visto che la Vit. D è fondamentale per l’integrità dei recettori, o proteine di membrana che regola l’ingrosso di ioni nella cellula, in particolare è alla base dei canali del calcio, del potassio e del magnesio. E’ probabile che questa funzione l’abbia prevalentemente la forma terminale (1-25-OH- idrossi-colecalciferolo), ma non è escluso che anche la forma intermedia (calcidiolo) rivesta un ruolo significativo forse su altri recettori, e questo giustificherebbe il protocollo Coimbra che da valore soprattutto alla forma intermedia. E’ probabile che la forma intermedia sia deputata alla sintesi delle CATELCIDINE , queste sono delle sostanze che agiscono come veri e propri antibiotici ma anche stimolano la difesa immunitaria tramite i macrofagi ed i leucociti. La maggior parte dei CATELICIDINE sono peptidi lineari antimicrobici con 23-37 aminoacidi e sono molto variabili nella loro struttura, possono agire come antibiotici nei confronti di batteri, funghi e virus a seconda della loro struttura. Ma ritornando all’INDICE TERAPEUTICO avevamo detto che è sicuramente da rivedere in quanto, in base agli ultimi studi si è visto che quest’ormone (Vit D) ha innumerevoli funzioni ed agisce in senso terapeutico a diversi dosaggi a seconda della patologia che si vuol trattare. Chiaramente per riformulare un dosaggio sicuro, privo di effetti collaterali, cercheremo di attenerci alle dosi sicuramente non tossiche. Per parlare di dosi non tossiche bisogna prendere in considerazione quelle che non determinano una variazione della calcemia ed una possibile comparsa di calciuria.. Ovviamente potremo utilizzare la Vit D in modo sicuro solo in coloro a cui non sono state asportate le paratiroidi o che per altri motivi (peraltro molto rari abbiano le paratiroidi che non funzionano. Infatti è il PARATORMONE che regola sia l’assorbimento che la trasformazione a livello epatico e renale di questa vitamina, prima nella forma intermedia e poi nella forma terminale. Soprattutto la forma terminale direi, dal momento che la forma intermedia è molto meno dipendente dal PARATORMONE. Infatti con l’aumento della forma intermedia si ha un calo drastico del PARATORMONEche può assare da un valore normale di 5 p mol/litro ad un valore inferiore ad 1 p mol/litro. Generalmente si arriva ad 1 p mol /litro con un valore di 800ng/ml della forma intermedia. , ma noi sicuramente nel riformulare l’INDICE TERAPEUTICO non arriveremo a questo livello, ma ad un livello molto più sicuro per non avere effetti collaterali. Quella che mi preme è ritrattare la dose minima dell’INDICE TERAPEUTICO attuale cioè il valore di 30 ng/ml. Si è visto infatti che la dose minima ideale è di almeno 60 ng/ml. A questo dosaggio la Vit D esercita già gran parte delle sue funzioni in particolare quella antinfiammatoria; non solo ma a questo dosaggio subentra anche un azione antidepressiva per attivazione di numerosi neurotrasmettitori cerebrali. Ad un dosaggio un po più alto che sarebbe di 90 ng/ml la Vit D esercita anche una spiccata azione anti-angiogenetica in caso di tumore, cioè avrebbe una spiccata azione antitumorale. E’ importante che in caso di tumore non scenda sotto il livello di 90 proprio per non perdere l’azione antitumorale. In questo senso è utile portarla un po sopra i 100 ng/ml per avere questa garanzia. Per avere una garanzia praticamente assoluta che non scende sotto i 90 l’ideale è portarla a 160 ng/ml. Con questo valore la Vit D non esercita nessun effetto collaterale negativo, e cioè né calcemia, né calciuria, inoltre il PARATORMONE si muove di pochissimo attestandosi su 3 p mol/litro. Si tenga presente che il valore ottimale per questo ormone varia da 1 e 5 p mol/litro. Pertanto io riformulereil’ INDICE TERAPEUTICO in questo senso 60-160 ng/ml. Credo che sia un valore accettabilissimo da chiunque e che non comporta assolutamente nulla salvo effetti positivi.
Mi piaceVedi altre reazioni
CommentaCondividi
18Gigi Mar, Vincenzo Laratta e altri 16
http://acidoascorbico.altervista.org/prova5/Immagini/vitaminadclaudiosaurovalori.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio   

Tornare in alto Andare in basso
 
l'acido ascorbico ed il cloruro di magnesio
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 17 di 20Andare alla pagina : Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18, 19, 20  Seguente
 Argomenti simili
-
» Magnesio ❖ Vulvodinia.info
» provate il MAGNESIO
» Additivi, conservanti e compagnia bella ❖ Vulvodinia.info
» Come lavarsi e con cosa (no detergente, no acido borico, no lavande) ❖ Vulvodinia.info
» Inositolo e Acido folico: Qual è l'integratore migliore? Chirofol? ❖ Vulvodinia.info

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Integratori alimentari, supplementazione e loro proprietà-
Andare verso: