Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

SCONTO
SU ACQUISTI

Per tutti i lettori del forum facendo un ordine di prodotti naturali per la salute su


inserendo il codice sconto
LEONISINASCE2017

Condividi | 
 

 Il rolfing

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschio Messaggi : 3816
Punti : 9936
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 45
Località : Zion

MessaggioTitolo: Il rolfing   Gio 12 Nov 2009 - 13:13

è la tecnica creata dalla biochimica americana Ida Rolf studiando il condizionamento della gravità sul corpo umano. Oggetto dell'azione del rolfing è il tessuto connettivo e, in particolare, le fasce che avvolgono muscoli, organi e viscere. Poiché le fasce sono interconnesse appare logico pensare che variazioni in un punto possano influenzare anche altri punti. Ogni alterazione delle fasce può quindi generare una situazione particolarmente spiacevole per il soggetto, al limite una patologia.
L'intuizione della dottoressa Rolf fu la reversibilità del processo: come si perde l'equilibrio così si può riacquistare, agendo sul tessuto connettivo come se fosse qualcosa da riplasmare. Ideò quindi un ciclo di 10 sedute, ognuna delle quali ha come oggetto una determinata porzione del corpo e che consistono in una manipolazione del tessuto connettivo (più lenta e profonda di un massaggio) e nella rieducazione a un movimento fluido e corretto. Il risultato finale è una maggiore armonicità, un aumento dell'elasticità e un miglior controllo dell'apparato locomotore.
I risultati sono duraturi perché il corpo metabolizza il risultato del trattamento e spesso sono riscontrati ulteriori miglioramenti spontanei.
Funziona?
- Essendo una tecnica tutto sommato emergente, è opportuno procedere con cautela nella sua valutazione. Sicuramente è necessario distinguere operatore e operatore, come per molte altre tecniche alternative. Da un dialogo con alcuni rolfer (chi è abilitato a praticare il rolfing) è nato un punto della situazione che merita di essere riportato. Penso che l'articolo sia interessante anche perché traccia alcune linee di valutazione che possono essere replicate su tecniche o terapie analoghe. Di seguito le mie perplessità.
1) Ogni tecnica o terapia che agisce sulla salute dell'uomo può presentarsi in due modi:
a) offrendo testimonianze
b) offrendo statistiche.
Nel primo caso è troppo facile generalizzare alcuni successi alla totalità di un gruppo di situazioni. Per esempio, potrei portare testimonianze in cui il mal di testa è stato curato correggendo patologie dell'orecchio e potrei propagandare il metodo come valido per tutti; più scientificamente potrei portare una statistica: il 4,5% di cefalee è curato curando patologie dell'orecchio associate al mal di testa. Qual è la differenza? Che se porto testimonianze, chiunque avrà quel problema (la cefalea o il mal di schiena nel caso del rolfing) si identificherà nella situazione (cioè crederà che quello è "proprio il suo caso"), mentre nel secondo sarà conscio che comunque le possibilità di risolvere il proprio problema sono poche. Quindi se la tecnica vuole acquisire un grado di scientificità non può limitarsi a dire "su tanti individui funziona", ma eseguire un'analisi imparziale sulle varie percentuali di successo.
Le testimonianze poi sanno troppo di miracolo e spesso sono anche un boomerang. Nella pagina Per i giovani: ottimizzare le prestazioni sportive, viene citato l'esempio di un corridore di buon livello che alla fine delle sedute era più veloce del 15%. Ora ciò significherebbe che un corridore a livello provinciale (32' sui 10000 m) può arrivare a livello mondiale (27'12" sui 10000, miglioramento del 15%)! Sono affermazioni come queste che mi rendono scettico. Se la testimonianza è vera, distrugge il tipo di ragionamento per testimonianze perché ovviamente dimostra che una testimonianza può valere solo per casi rarissimi; se è falsa, dimostra, come per sentito dire e per passaggio di informazione, si possa travisare la realtà.
Per fare ricerca statistica basta la buona volontà. Avendo centri in tutta Italia sarebbe abbastanza semplice riunire i dati. Ovviamente l'impegno maggiore sarebbe quello di rendere significativi i dati, evitando il problema del "non ritorno positivo". Per chi non lo sapesse tale problema è comune a tutte le terapie: la terapia (tecnica) non funziona, il paziente non torna e il medico, ottimisticamente, lo inserisce fra i guariti. Sarebbe necessario cioè indagare in modo molto critico (spesso il soggetto non ha il coraggio di dire "sto come prima", ma usa frasi del tipo "sto un po' meglio") caso per caso.
2) Come molte altre tecniche (ricordiamo il pilates, oggi molto di moda) è nato su persone affette da traumi più o meno gravi. È ovvio che la generalizzazione a "persone normali" non è detto che dia effetti significativi.
La mia impressione è che tecniche come il rolfing funzionino quanto più il soggetto ha "insultato" o "dimenticato" per anni il proprio corpo, mentre funzionino poco su soggetti che lo hanno ben gestito e che comunque hanno problemi. Sarebbe interessante quindi definire meglio il campo di applicazione.
3) I risultati positivi sono spesso dovuti al fatto che la persona "si rilassa" entrando in contatto con concetti per lei poco usuali: armonia, rilassamento, calma ecc. Anche l'ambiente in cui si svolgono le sedute, le attenzioni che presta il terapeuta, l'entusiasmo di essere curati ecc. sono tutti fattori che migliorano l'umore e quindi la valutazione della malattia che il soggetto "sente".
4) Occorre sempre una certa "disponibilità" del paziente a sentirsi meglio. Questa frase nel sito dell'Associazione è significativa: "il rolfing è comunque un processo: la disponibilità al cambiamento non è sempre la stessa". Un farmaco (o al limite un veleno) non ha bisogno della disponibilità del soggetto per agire. Idem dicasi per un intervento chirurgico il cui esito non dipende dal fatto che il paziente abbia o meno paura di affrontarlo. Il lato mentale entra pesantemente in tutte queste tecniche. Mi sembra che il rolfing sia simile a molte terapie fisioterapiche convenzionali dal dubbio effetto, ma che, applicate su anziani, funzionano perché il terapeuta è molto abile a "rivalutare" socialmente" il paziente che si sente al centro di un'attenzione sconosciuta. Fra l'altro, il costo è elevato (si parla di 70 euro per un impegno del terapeuta di circa un'ora) e i tempi per le dieci sedute sono piuttosto lunghi (mesi).
5) Il problema non è se il metodo sia valido o meno, quanto il fatto che non si usa mai il condizionale. Si indicano i limiti della tecnica, ma poi si usano sempre frasi ad effetto: "Quando il corpo si mette a lavorare nel modo giusto, la forza di gravità fluisce attraverso di esso. Allora, spontaneamente, l'organismo guarisce da solo".
Se fosse vero, nessuno soffrirebbe.
6) Le basi teoriche sono discutibili. Certamente il rolfing potrà aiutare alcune persone (soprattutto coloro che non ha mai fatto sport), ma non si può ridurre tutti a un'unica causa (vedasi errore di monocausa), la degenerazione delle fasce. (www.rolfing-italia.it)

fonte: THEA 2004

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Torna in alto Andare in basso
 
Il rolfing
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Propositori di cure alternative alla medicina ufficiale-
Vai verso: