Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Il selenio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9430
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Il selenio   Gio 5 Nov 2009 - 17:02

Il selenio è un minerale traccia essenziale per la salute, ma richiesto dall'organismo sono in piccole quantità.
Il selenio viene incorporato nelle proteine a formare le selenoproteine, degli enzimi antiossidanti. Oltre ad aiutare nel prevenire il danneggiamento cellulare ad opera dei radicali liberi, le selenoproteine aiutano anche a regolare le funzioni tiroidee e giocano un ruolo importante nel funzionamento del sistema immunitario.

L'apporto dietetico del selenio viene fornito da molti alimenti (verdure, carne, pesce, frutta secca), e la percentuale di selenio in essi contenuta varia a seconda del contenuto in selenio del suolo dove crescono le piante o vengono allevati gli animali.

La quantità giornaliera di selenio raccomandata è fra i 55mcg e i 70mcg per gli adulti, e 15-20mcg per i bambini.

Sebbene sia difficile osservare nei paesi sviluppati carenze nutrizionali di selenio, si ritiene che, qualora si verifichi, l'insufficienza di selenio si colleghi allo sviluppo di malattie cardiache, ipertiroidismo e indebolimento del sistema immunitario.
Oltre alla carenza nutrizionale di selenio, alcune malattie o virus possono essere responsabili dell'insufficienza di selenio.
Gravi disturbi gastrointestinali, la rimozione chirurgica di parte dello stomaco, un'infiammazione e/o un'infezione diffusa possono compromettere l'abilità dell'organismo di assorbire il selenio oppure decrescerne i livelli nel sangue.

Molti studi hanno inoltre dimostrato le proprietà attive del selenio in casi di cancro, malattie cardiache, artriti e HIV.

Alcuni studi osservazionali hanno indicato che l'incidenza di tumori (inclusi quello ai polmoni, colon-rettale, della prostata) è minore fra gli individui con elevati livelli di selenio nel sangue o con un'elevata assunzione dietetica di selenio. Inoltre, l'incidenza di tumori della pelle sono significativamente più elevati nelle aree caratterizzate da terreni con bassa concentrazione di selenio. Alcune ricerche hanno suggerito che il selenio potrebbe influenzare il rischio di cancro in due modi. Come antiossidante, il selenio può aiutare a proteggere il corpo dal danneggiamento dei radicali liberi. Inoltre, può prevenire o rallentare la crescita del tumore. Alcuni prodotti di scomposizione del selenio sono infatti ritenuti in grado di prevenire la crescita tumorale attraverso l'aumento dell'azione delle cellule immunitarie. In ogni caso, non tutti gli studi hanno dimostrato una relazione fra lo stato del selenio e il tumore.

Alcuni studi hanno suggerito anche un'associazione fra un basso apporto dietetico di antiossidanti e una maggiore incidenza di disturbi cardiaci. E' stato inoltre notato che lo stress ossidativo ad opera dei radicali liberi, dei sottoprodotti naturali del metabolismo dell'ossigeno, possa aumentare il rischio di malattie cardiache. Il selenio fa parte di quel gruppo di antiossidanti in grado di aiutare a limitare l'ossidazione del colesterolo-LDL e perciò a prevenire i disturbi dell'arteria coronarica. Ma, anche in questo caso, è necessaria maggiore ricerca.

Il selenio sembra giocare un ruolo anche nei casi di artrite. E' stato osservato che gli individui che soffrono di artrite reumatoide presentano livelli di selenio nel sangue ridotti e che alcuni hanno anche una dieta povera di selenio. Il sistema immunitario crea naturalmente i radicali liberi che aiutano a distruggere gli organismi che invadono l'organismo e i tessuti danneggiati, ma che possono colpire anche i tessuti sani. Il selenio, in quanto antiossidante, può aiutare ad alleviare i sintomi dell'artrite controllando i livelli di radicali liberi. La ricerca su questa possibile azione è ancora in corso.

Il virus dell'HIV può causare la diminuzione dei livelli di molti nutrienti, selenio compreso. L'insufficienza di selenio è associata alla diminuzione di cellule immunitarie, all'aumento della progressione della malattia, e all'elevato rischio di mortalità fra coloro che sono affetti da HIV/AIDS. L'HIV/AIDS distrugge gradualmente il sistema immunitario e lo stress ossidativo può contribuire all'ulteriore danneggiamento delle cellule immunitarie. I nutrienti antiossidanti come il selenio aiutano a proteggere le cellule dallo stress ossidativo, quindi rallentano potenzialmente la progressione della malattia.
Le ricerche sulla relazione fra selenio e HIV/AIDS, incluse quelle sull'effetto dei livelli di selenio sulla progressione della malattia e della mortalità, sono ancora in progresso.

Tuttavia, l'eccessivo apporto dietetico di selenio può causare un disturbo noto come seleniosi, caratterizzato da malessere gastrointestinale, perdita di capelli, chiazze biancastre sulle unghie, fiato che sa di aglio e leggero danneggiamento dei nervi.






Articoli da NIH e Naturmedica


_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
 
Il selenio
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Virtù delle Erbe e ...non solo erbe-
Andare verso: