Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Cancro e l'endovena di vit. C

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9548
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Cancro e l'endovena di vit. C   Sab 31 Ott 2009 - 19:05

Ci sono molte informazioni disponibili, tuttavia, non tutti conoscono lo stato dell'arte ecco perchè riporto appresso un piccolo dossier; resta inteso che lo stesso non sostituisce alcuna terapia e/o approccio medico, si riporta solo ed esclusivamente come informazione, in caso di necessità si deve necessariamente interpellare un medico regolarmente iscritto all'albo:

Vitamina C e CANCRO: NUOVI SVILUPPI
Uno studio condotto da un team di ricerca della Harvard School of Public Health e pubblicato 1 luglio sul New England Journal of Medicine (Fawzi, WW, 2004) ha mostrato che un integratore multivitaminico che comprendeva la vitamina C è rallentata in modo significativo l'insorgenza di AIDS e ha fornito un "efficace, a basso costo per ritardare l'avvio di una terapia antiretrovirale nelle donne affette da HIV". Il costo totale del trattamento è stato stimato dai ricercatori a circa 15 dollari all'anno. Ecco l'ennesima dimostrazione del potere stupefacente di integratori alimentari, in particolare gli antiossidanti come la vitamina C, per promuovere la salute umana.
Spesso mi viene chiesto se la vitamina C (acido ascorbico) è anche un modo efficace di lotta contro il cancro. Rispondo che, mentre vi è un crescente corpo di evidenze scientifiche che suggeriscono che la vitamina C è utile nella prevenzione del cancro, la giuria è ancora fuori sulla sua efficacia come trattamento del cancro. Tuttavia, il suo basso costo e la sorprendente mancanza di tossicità ne fanno un candidato molto interessante per ulteriori test.
Rappresentante delle indagini che sono attualmente in corso riguardanti il ruolo della vitamina C nel trattamento del cancro è il lavoro di Kedar N. Prasad, PhD, professore di radiologia presso l'Università del Colorado Health Sciences Center, Denver. Prasad ha dimostrato che la vitamina C è in grado di inibire la crescita di cellule tumorali in vitro. Egli esorta a dare la vitamina C e altri antiossidanti, mentre per i pazienti sono stati sottoposti a chemioterapia convenzionale e le radiazioni (Posso disegnare il suo lavoro nel mio antiossidanti libro Contro il Cancro).
Fare clic qui per maggiori informazioni sul mio libro, antiossidanti contro il cancro.
Prasad teoria è che le cellule normali richiede solo un minuto, precisamente controllato quantità di antiossidanti per poter funzionare. Essi rifiutano qualsiasi eccesso. Ma tra gli altri difetti, le cellule maligne hanno perso la capacità di regolare l'assorbimento da parte di antiossidanti come la vitamina C e antiossidanti E. può pertanto si accumulano nel tessuto tumorale dei livelli che possono portare al collasso e la morte delle cellule maligne (Prasad 2003).
La storia della ricerca in vitamina C come trattamento del cancro è offuscata da polemiche.Nel 1970, un medico scozzese Ewan Cameron, MD, collaborazione con Linus Pauling, PhD, di scrivere un libro, Cancer and Vitamin C, in cui si esaltava l'utilità della vitamina C come trattamento per il cancro. (Pauling had previously published a book on vitamin C and the common cold.) Cancer and Vitamin C (Pauling aveva già pubblicato un libro sulla vitamina C e il comune raffreddore.) divenne un bestseller e questo alimentato la domanda pubblica per l'esame del ruolo della vitamina C nel trattamento del cancro.
Pauling è stato un mondo-famoso chimico, una due volte premio Nobel, con le grandi conquiste mediche per il suo record. Ma non era un medico, e questo ha sollevato le ire di alcuni critici mediche come l'auto-proclamata "quackbuster" Victor Herbert, MD. Tuttavia, la richiesta di una prova equa della tesi di Pauling non poteva essere ignorata a tempo indeterminato, e nel tempo i medici della Mayo Clinic, Rochester, MN, ha intrapreso una sperimentazione clinica che avrebbe dovuto replicare Drs. Cameron and Pauling's protocol. Cameron e il protocollo di Pauling.
In due documenti, spesso citata, Charles Moertel, MD ei suoi colleghi Mayo ha sostenuto che la vitamina C non aveva assolutamente alcun effetto benefico se utilizzati nel trattamento di pazienti con cancro avanzato, indipendentemente dal fatto che o non avevano ricevuto una precedente chemioterapia (Creagan 1979 e Moertel 1985). Dr. Moertel fu chiamato il "più importante esperto di demolizioni professionali ... di trattamenti per il cancro alternative" (Richards 1991). Commenti negativi Moertel sul tema inclusa la sua affermazione secondo cui valutare trattamenti alternativi è stato "uno spreco di tempo e denaro ... uno spreco di speranza del paziente" (Moertel 1989). La sua prepotente modo di test di vitamina C sostenitori convinti che era stato istituito per la sconfitta inevitabile. Ma il danno era stato fatto, e la vitamina C è stato emarginato come un trattamento del cancro.

Racconto di due studi
C'è una buona ragione scientifica per cui la vitamina C potrebbe essere riuscito a dimostrare un effetto benefico negli studi della Mayo Clinic, mentre riuscire nelle mani dei suoi sostenitori? Negli studi di Mayo Clinic tutti i pazienti hanno ricevuto o compresse di vitamina C o una pillola inerte zucchero. Ciò che è stato ampiamente trascurato al momento è che i pazienti sul Cameron protocollo Pauling è stata data la vitamina C non solo verbalmente ma anche attraverso l'iniezione endovenosa.
A pochi professionisti in particolare Abram Hoffer, MD di Victoria, British Columbia e Hugh Riordan, MD del Centro per il miglioramento delle Human Functioning International a Wichita, Kansas-continuare a utilizzare la vitamina C endovena a dosi fino a 100 grammi - quasi 4 oz - al giorno. In realtà, utilizzando per via endovenosa ad alte dosi di vitamina C è diventata una procedura comune tra CAM-oriented medici, anche se è ignorato dalla medicina ortodossa - lo testimonia il fatto che, nel decennio dal 1994 il numero di presentazioni per la vitamina C endovena alla società americana of Clinical Oncology (ASCO) Convenzione è stato esattamente pari a zero.

NIH nuovi dati
Può la via di somministrazione di vitamina C fare la differenza? Si potrebbe. Nuovi dati mostrano che come si dà l'acido ascorbico ha un grande impatto sulla quantità che diventa realtà fisiologicamente disponibili. Un Aprile, 2004 studio condotto da scienziati della US National Institutes of Health (NIH) ha dimostrato che molto più vitamina C viene ripreso quando si è dato per via endovenosa rispetto a quando la vitamina è assunta per via orale. Padayatty, MD del Molecolare e Nutrizione Clinica sezione presso uno degli istituti di NIH, e il suo capo, Mark A. Levine, MD. Entrambi sono altamente considerati figure nei circoli accademici. Dr. Levine è un laureato di Harvard Medical School che ha effettuato il lavoro di laboratorio che ha convinto la National Academy of Science di aumento della dose giornaliera raccomandata (RDA) di vitamina C. (Nel 2000, la RDA per gli uomini è stata aumentata dal 60-90 mg al giorno, e per le donne la RDA è salito dal 60 a 75 mg al giorno).
Nello studio Padayatty, 17 volontari sani sono stati ricoverati in ospedale sono state somministrate dosi orale o endovenosa di vitamina C, ed i livelli plasmatici di sangue sono stati calcolati per una vasta dose di 1 a 100 grammi. Gli autori hanno riferito che "le concentrazioni plasmatiche di picco di vitamina C sono stati più elevati dopo la somministrazione di dosi per via endovenosa che dopo la somministrazione di dosi orali ... e la differenza maggiore a seconda dose."
In effetti, la concentrazione ematica di vitamina C, quando somministrato per via endovenosa è stata 6,6 volte maggiore rispetto a quando lo stesso importo è stato somministrato per via orale. Tuttavia, questo dice poco la storia completa. Le dosi massime tollerate anche sensibilmente diverso a seconda che la vitamina C è stato somministrato per via orale o endovenosa. La dose massima tollerata per via orale è stata calcolata da tre grammi ogni quattro ore, ma quando la vitamina C è stato somministrato per via endovenosa i ricercatori hanno scoperto che potevano dare una dose di 50 grammi, nello stesso periodo. Inoltre, le concentrazioni plasmatiche fino a sessanta volte maggiore potrebbe essere raggiunto per via endovenosa.
Questi scienziati NIH osservato che la vitamina C per via orale "produce concentrazioni plasmatiche che sono strettamente controllati ... Solo la somministrazione endovenosa di vitamina C produce e al plasma ad alta concentrazione nelle urine che potrebbero avere attività antitumorale". Essi concludono che "l'efficacia del trattamento di vitamina C non può essere giudicato da studi clinici che utilizzano solo la somministrazione per via orale", come gli studi della Mayo Clinic ha più vistosamente, e che "il ruolo della vitamina C nel trattamento del cancro deve essere rivalutata" (Padayatti 2004 ). Provenienti da questi scienziati del governo di prestigio, la pubblicazione sulla rivista Annals of Internal Medicine, credo che questo sia un convincente (anche se tardiva) confutazione del mal progettati studi Mayo Clinic.
Non è mai facile organizzare studi clinici, in particolare di un agente che è stato a lungo di dominio pubblico e dalla cui vendita non super-profitti può essere previsto. Il modo in cui il sistema di approvazione dei farmaci lavora negli Stati Uniti non richiede praticamente l'entusiastico sostegno di sponsor con tasche profonde (che significa quasi sempre una società farmaceutica), al fine di vedere un nuovo farmaco attraverso il lungo processo, coinvolti e costoso di approvazione dei farmaci. No non tossici, facilmente reperibili agente è mai stato approvato dalla Food and Drug Administration per il trattamento del cancro. Vitamina C al dettaglio vende per circa cinque centesimi al grammo. Il costo anche di 100 grammi preparato per uso endovenoso è ancora molto conveniente rispetto alla chemioterapia brevettato. Pertanto, non credo che si trovano molte aziende farmaceutiche in fila a testare e di mercato, quali un agente facilmente disponibili. E così la questione di ciò che la vitamina C può fare per i pazienti, così affascinante e promettente è rimasta nel limbo.
Tuttavia, le cose potrebbero essere sul punto di cambiare. Nel corso di una riunione del Collegio americana per l'avanzamento di Medicina (ACAM) nel mese di aprile 2003, Jeanne A. Drisko, MD, ha annunciato proprio una sperimentazione clinica in sua istituzione, l'Università del Kansas Medical Center. Luckily, Per fortuna, il Cancer Treatment Research Foundation (CTRF) si fece avanti per finanziare la sperimentazione clinica di Kansas City. A randomized controlled trial, con il dottor Drisko come ricercatore principale, è ora in corso presso la University of Kansas Medical Center, a valutare la sicurezza e l'efficacia degli antiossidanti quando aggiunto alla chemioterapia di nuova diagnosi di cancro ovarico (Drisko 2003).
In una recente lettera, il Dott. Drisko ha scritto: "Questo è uno studio randomizzato di nuova diagnosi di cancro ovarico (fase III o IV). Le materie di studio sono randomizzati a ricevere chemioterapia di prima linea o chemioterapia di prima linea con alte dosi di antiossidanti. Il antiossidanti sono indicati sia per via orale e per via endovenosa. Se randomizzati al braccio di antiossidanti, i pazienti ricevono al giorno per via orale vitamine A, C, E e carotenoidi, e per via endovenosa (IV) di vitamina C 2 volte a settimana per 12 mesi. Adattiamo la dose della vitamina C IV al loro livello plasmatico di vitamina C - cerchiamo di ottenere ... la cellula neoplastica uccidere dose, utilizzando il protocollo Dr. Hugh Riordan.
"A questo livello plasmatico, la vitamina C è chemotoxic alle cellule tumorali e sembra essere non tossico per le cellule sane. Ma stiamo seguendo globuli bianchi e piastrine e altri marcatori per la possibile tossicità della vitamina C. La maggior parte dei pazienti è necessario tra il 75 e 100 grammi infusa per arrivare a quel livello plasmatico. Possiamo assicurarvi oncologi interessati che in via preliminare, non sembra che l'alta dose di antiossidanti sono interferire con la chemioterapia in questo momento.
"Nel carcinoma ovarico", ha continuato, "i pazienti sono di solito trattati con chemioterapia durante i primi 5 a 6 mesi (6 cicli di carboplatino e paclitaxel) in modo che stanno ottenendo un ulteriore 6 o 7 mesi di antiossidanti oltre la chemio. Questo studio è condotta sotto la supervisione della FDA con un farmaco investigativi (IND) il numero e ha l'approvazione da parte Human Subjects Committee (ossia, il consiglio di revisione istituzionale) della University of Kansas Medical Center. Finora, abbiamo 14 pazienti arruolati e sono sperando di reclutare 40. Abbiamo avuto 2 drop out: 1 perché si rifiutò di aderire ai requisiti di trattamento e si mise a fumare, e 1 perché è stata la chemioterapia resistenti alla chemioterapia da tutti i saggi di droga "(Drisko 2004).
Si tratta quindi in una posizione ideale per fare uno studio che non saranno solo rigorosa, ma del tutto credibile nelle sue conclusioni.
Come alcuni di voi sanno, ho scritto la biografia autorizzata di Albert Szent-Gyorgyi, MD, PhD, che ha vinto il Premio Nobel 1937 per la scoperta della vitamina C. In realtà, era lui che ha chiamato l'acido ascorbico e vitamina primo predisse la sua uso nel cancro. Quando Szent-Gyorgyi era sul letto di morte, all'età di 93, Linus Pauling volato dalla California a Szent-casa Gyorgi's a Woods Hole, nel Massachusetts, per dire addioTenendogli la mano, Linus ha detto con rammarico: "Sai, Albert, ho sempre pensato che un giorno noi due sarebbe lavorare insieme". Szent-Gyorgyi alzò lo sguardo e ha detto, scherzosamente, "Be ', se non in questa vita, forse nella prossima." Erano due dei più grandi pensatori del 20 ° secolo ed è stato uno dei grandi privilegi della mia vita di conoscere entrambi. Mi piace pensare di due di loro sorridendo a questo ultimo sviluppo nella saga affascinante di questa sostanza stupefacente.
Per saperne di più sul processo Kansas clinica di vitamina C, contattare:
Jeanne Drisko, MD Jeanne Drisko, MD
Associate Professor Professore Associato
Program Director Program Director
Program in Integrative Medicine Program in Integrative Medicine
Functional Medicine and Complementary and Alternative Therapies Medicina funzionali e complementari e Terapie Alternative
University of Kansas Medical Center University of Kansas Medical Center
Kansas City, KS 66160 Kansas City, KS 66.160
913-588-6208 913-588-6208
email: jdrisko@kumc.edu email: jdrisko@kumc.edu
Ralph W. Moss, Ph.D. Ralph W. Moss, Ph.D.

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
 
Cancro e l'endovena di vit. C
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» TRATTAMENTO CMF - ciclofosfamide, methotrexate e 5-fluorouracile (5FU)

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Disturbi e patologie in genere-
Andare verso: