Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 L'olio di lino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9479
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: L'olio di lino   Ven 30 Ott 2009 - 12:14

Il lino (Linum usitatissimum) è una pianta erbacea annuale che cresce spontanea ma può anche essere coltivata, così come avevano imparato a fare Egizi, Ebrei e Fenici per ricavarne preziose fibre tessili. I frutti contengono piccoli semi di colore brunastro, ricchi di mucillagini (3-6%) che gli conferiscono un'azione lassativa (come tutte le fibre stimolano la motilità intestinale), a patto che vengano assunti con un adeguato apporto di liquidi. Grazie alle loro proprietà emollienti e protettive, possono inoltre essere utilizzati sottoforma di infuso per calmare le infiammazioni interne (tubo digerente, vie urinarie) o esterne (pelle).
Recente è la notizia di uno studio sulle proprietà antitumorali dei semi di lino. Dopo aver dimostrato la loro capacità di ridurre la proliferazione del tumore alla prostata sui topi, i ricercatori hanno ottenuto risultati incoraggianti anche nell’uomo. Con tutta la cautela necessaria quando si fanno affermazioni di questo tipo, è comunque provato che gli acidi grassi omega-3, abbondanti nei semi di lino, rafforzano il sistema immunitario, migliorando, di conseguenza, anche la capacità di neutralizzare tossine e cellule cancerogene (effetto preventivo).
Ottimo anche il contenuto di sali minerali, proteine (20-25%) e lipidi (30-40%). Questi ultimi sono ricchi di trigliceridi, costituiti da:

acido α-linolenico, capostipite degli ω3 (50%)
acido linoleico capostipite degli ω6 (25% )
acido oleico, monoinsaturo caratteristico dell'olio di oliva (10-18%)
acidi grassi saturi (5-10%)
Olio di lino


Dai semi di lino può essere ricavato l'omonimo olio, costituito prevalentemente da trigliceridi di acidi grassi polinsaturi essenziali (ω3 e ω6 o vitamina F). L'apporto di questi nutrienti deve necessariamente provenire dall'alimentazione, dal momento che l'organismo non è in grado di produrli a partire da altri substrati lipidici. Va detto inoltre, che l'utilizzo di olio di lino è particolarmente utile per riequilibrare il rapporto tra ω3 e ω6, che a causa dello stile alimentare moderno è troppo sbilanciato a favore di questi ultimi. A tal proposito è sicuramente migliore dell'olio di oliva e degli oli di semi tradizionali, ma meno efficace rispetto agli oli di pesce, perché povero di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA).
Un adeguato apporto di acido alfa-linolenico indifferenziato, tramite il regolare consumo di olio di semi di lino, è comunque efficace nel proteggere l'organismo da malattie cardiovascolari, alcuni tipi di tumore e da alcune malattie infiammatorie- neurodegenerative. L'attività antiossidante è potenziata dall'ottimo contenuto in vitamina E (17,5 mg per 100 g). Buona anche la presenza di lecitina, un insieme di fosfolipidi necessari per il buon funzionamento del sistema nervoso e del cervello. A quest'olio sono ascritte anche proprietà antiemorroidali, anticolitiche e regolatrici sulla funzione intestinale.
Due cucchiaini di olio di lino al giorno sono in grado di soddisfare, da soli, il fabbisogno quotidiano di acido alfa-linolenico (ω3). Per essere assimilati ed elaborati al meglio nei loro derivati, gli acidi grassi polinsaturi presenti nell'olio di lino vanno assunti, preferibilmente, in pasti poveri di grassi animali e zuccheri semplici. Questo alimento può quindi essere utilizzato per condire un pasto leggero a base di verdure e carne bianca. E' importante non superare le dosi di assunzione consigliate. Solo affiancandolo alle fonti lipidiche tradizionali è infatti possibile soddisfare il fabbisogno di tutti gli acidi grassi, compresi quelli saturi, che alle giuste dosi sono comunque fondamentali per un'ottimale efficienza fisica. Analogo discorso per il colesterolo.

ALIMENTO (100 g) ω-3ω-6ω-6:ω-3
DHA (g)EPA (g) LNA (g)*totali (g)totali (g)-
Olio di salmone18,23213,0231,06135,3111,5430,04 : 1
Olio di fegato
di merluzzo
10,9686,8980,93519,7360,9350,05 : 1
Olio di sardine10,65610,1371,32724,0932,0140,08 : 1
Semi di lino 0022,81322,8135,9110,26: 1
Olio di semi di lino 0053,30453,30412,7010,24 : 1
Olio di noce0010,40010,04052,8905,27 : 1
Olio di oliva 000.7610,7619,76312,83 : 1

* LNA = acido alfa-linolenico indifferenziato



FONTE: "acidi grassi essenziali negli alimenti" è stato redatto sulla base dei dati forniti dal ministero dell'agricoltura statunitense

La ricchezza di acidi grassi polinsaturi ha tuttavia il difetto di amplificare i problemi di conservabilità; l'olio di semi di lino, infatti, irrancidisce rapidamente e deve essere ottenuto per spremitura a freddo, dal momento che questi acidi grassi si alterano facilmente con le alte temperatura (per questo motivo dev'essere sempre utilizzato crudo, mai per fritture o soffritti). Anche i semi frantumati devono essere utilizzati entro le 24 ore per evitare i suddetti fenomeni di irrancidimento.
L'ossidazione, che renderebbe questo alimento inadatto per l'uso dietetico, viene però sfruttata in campo industriale. Infatti, se esposto all'aria, l'olio di lino forma una massa bruna solida, che viene utilizzata nella preparazione di vernici e pitture.
L'olio di lino viene generalmente commercializzato in piccole bottiglie (250 o 500 ml), ha un tempo di conservazione ridotto e dev'essere necessariamente consumato entro un mese dall'apertura. Per proteggerlo dalla luce e dal calore va conservato in bottiglie opache ben sigillate e riposto in un luogo fresco (in frigorifero dopo l'apertura, con il tappo ben chiuso). In commercio si trovano anche capsule o perle di olio di lino che apportano tuttavia un quantitativo modesto di acidi grassi essenziali, a meno che non si consumino diversi opercoli al giorno (equivalenti ad una dose di almeno 3 grammi/die di olio di lino).

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: L'olio di lino   Lun 10 Gen 2011 - 15:58

Ero a conoscenza delle qualità dell'olio di lino, ma in erboristeria non lo compro perche' e' esposto in vetrina............. dove posso acquistarlo tranquilla che sia stato conservato correttamente? Hai un indirizzo? Se lo ritieni anche in un messaggio privato. Grazie. flower
Tornare in alto Andare in basso
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9479
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Re: L'olio di lino   Lun 10 Gen 2011 - 16:19

la boccietta dovrebbe essere di colore scuro, l'olio non si dovrebbe vedere dall'esterno, per il resto la conservazione e scritta sopra, ciao.

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
light.green



Maschile Messaggi : 9
Punti : 2419
Data d'iscrizione : 22.01.11
Età : 42
Località : mare

MessaggioTitolo: Re: L'olio di lino   Sab 22 Gen 2011 - 16:58

Ciao a tutti!
In proposito posso aggiungere un articolo che ho trovato sempre in rete.

""""Nei semi di lino può essere racchiusa la chiave per combattere il cancro alle ovaie. E' l'ipotesi di una ricerca dell'università dell'Illinois, diretta dalla professoressa Janice Bahr e pubblicata su "Gynecologic Oncology".

Il team della professoressa Bahr ha lavorato con galline, poiché tali animali sono gli unici colpiti dalla forma tumorale in questione.

Dopo 5 anni di sperimentazione gli studiosi sostengono che una dieta arricchita da semi di lino riduce la gravita del tumore ed aumenta le possibilità di sopravvivenza. Questo perché, spiegano gli esperti, i semi di lino offrono abbondanti dosi di acido alfa-linoleico, un acido grasso polinsaturo della famiglia degli Omega-3.


Tra l'altro, ricerche precedenti hanno mostrato come i seni di lino rallentino (o addirittura interrompano totalmente) la formazione di tumori del colon, del seno, della pelle e dei polmoni.

Allora, prossimo passo del gruppo dell'Illinois sarà sperimentare l'efficacia dei semi di lino su volontarie umane affette da tumore alle ovaie.

Fonte: Yan Zhuge, Jo Ann J. Lagman, Kristine Ansenberger, Cassandra J. Mahon, Takiko Daikoku, Sudhansu K. Dey, Janice M. Bahr, Dale B. Hales, "CYP1B1 expression in ovarian cancer in the laying hen Gallus domesticus", Gynecologic Oncology 2010, doi:10.1016/j.ygyno.2008.09.026

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l'articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L'autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.""""

Inoltre sempre sullo stesso sito
http://www.newsfood.com/q/a0b09011/rnaset2-il-gene-allorigine-del-cancro-alle-ovaie/
ci sono interessanti articoli per questo tipo di patologia, in merito ai benefici effeti di the verde e curcumina.
Ciao!
Tornare in alto Andare in basso
light.green



Maschile Messaggi : 9
Punti : 2419
Data d'iscrizione : 22.01.11
Età : 42
Località : mare

MessaggioTitolo: Re: L'olio di lino   Sab 22 Gen 2011 - 17:17

Un'altra fonte alimentare di acido alfa linoleico è l'olio di semi di girasole, che tra l'altro ha un costo per litro notevolmente inferiore.
Infatti:
olio di lino acquistato in erboristeria (spremitura a freddo) 250 ml ---> circa 10 Eur
olio di girasole biologico (spremitura a freddo) al supermercato 750 ml ---> circa 3,5 Eur
Preciso però che non conosco percentualmente la quantità di acido linoleico nelle due tipologie, ad ogni modo li ho acquitati entrambi Wink
Ciao!
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: L'olio di lino   

Tornare in alto Andare in basso
 
L'olio di lino
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Classe di pericolo per... olio non pericoloso
» Aprire un impresa che si occupa della raccolta dell olio vegetale esausto
» piccola industria - olio esausto
» olio di olivello spinoso
» Olio esausto CER e Classi di Pericolo?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Integratori alimentari, supplementazione e loro proprietà-
Andare verso: