Forum di Salute Naturale

Benvenuti nel forum di incontro per appassionati di salute naturale: Integratori alimentari, argento colloidale, tecniche di benessere e buona salute. Iscriviti per interagire con il forum
 
IndicePortaleFAQCercaRegistratiAccedi

SCONTO
SU ACQUISTI

Per tutti i lettori del forum facendo un ordine di prodotti naturali per la salute su


inserendo il codice sconto
LEONISINASCE2017

Condividere | 
 

 La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Sab 2 Lug 2011 - 14:37

Ciao, mano a mano che si ricercano informazioni sulla cura del cancro "MAI VOLUTA DALLA RICERCA SUL CANCRO" ma solo un ottimo pretesto per arricchirsi, il nostro amico Massimo ci propone quanto il Dr. Francisco Contrera nella clinica Oasis of Hope in Messico usa per curare e far guarire da tale malattia, la: VITAMINA B17. Questa natulamente deve essere usata oltre l'assunzione di ACIDO ASCORBICO e di tutti gli alimenti a noi confacenti alla prevenzione.

Ti aggiungo il mio motto "Meglio VIVERE informato che vivere malato disinformato".

Mi permetto di dartene informazione sotto. Ecco i link dove l'informazione la trovi sempre:



http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/lettura.htm
http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/consigliotumore.htm


Buona informazione e buona giornata

ciaooo Franco




….Regala un semino di mela o di altra frutta a tutte le persone che conosci, spiegando loro che tutti i semini di frutta contengono la VITAMINA B17: la storia

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17storia.htm


la vitamina che cura il Cancro, una terribile malattia che deriva da una semplice carenza di

VITAMINA B17

per saperne di più su questo elemento

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17nac.htm

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/amigdalina.htm

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17albic.htm

.e di altre vitamine…..il più significativo è l':

ACIDO ASCORBICO


per saperne di più su questo altro alimento


http://digilander.libero.it/genfraglo/VolontariWEB.com_files/lettura.htm

Ti posso dare un consiglio? NON buttare i semi dei frutti incriminati ma sopratutto quelli di ALBICOCCA che, come da consigliato, dovrai mangiarne ogni tanto il nocciolo durante TUTTO l'anno anche solo come prevenzione. Ecco come funziona: Si è notato che le SOLE cellule malate sono ricchissime dell’enzima glucosidase. Orbene, assumendo la VITAMINA B17 o Laetrile, questa vitamina, ESCLUSIVAMENTE in presenza di questo enzima ed in VIRTU’ dello STESSO, reagisce sprigionando cianuro il quale distrugge le cellule malate contenente il glucosidase mentre, le cellule sane, non avendo questo enzima non vengono attaccate perché non avviene nessuna reazione di scissione da laetrile a cianuro.

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17dose.htm


La VITAMINA B17 è una molecola stabile, chimicamente inerte e non nociva se assunta nelle giuste quantità appropriate e sotto controllo medico. Il dosaggio iniziale raccomandato nell’adulto è di 4-5 semini amari al giorno se semini amari di albicocca (quantità maggiori o minori se di altro frutto) per la prima settimana, salendo o meno di dosaggio nella settimane successive, a discrezione del medico, fino a raggiungere valori che devono essere accuratamente calcolati in funzione dell’emi-vita biologica della VITAMINA B17, delle analisi urinarie (presenza di Tiocianato di sodio e di acido ippurico in quantità tale da far presumere un superamento della soglia-limite ritenuta compatibile per la terapia in atto), della massa ematica e corporea del paziente, della buona o cattiva funzionalità epatica, renale e di altri organi, della possibile colliquazione massiccia della massa tumorale con possibile exitus per blocco renale irreversibile, etc….

Sempre dietro valutazione medica, si deve interrompere il trattamento di tanto in tanto; i semini devono essere ben masticati o precedentemente triturati; la terapia dev’essere immediatamente sospesa in caso di nausea; i semini non devono mai essere assunti tutti assieme, ma distribuiti nell’arco dell’intera giornata; è utile assumerli a stomaco pieno, allo scopo di evitare l’idrolisi parziale della vitamina a opera dell’acido cloridrico. In merito ai semini amari di albicocca, è vietato assumerne più di sei semini nello spazio di tempo di un’ora, pur in condizioni di salute ottimale; per i semini di pesca, il dosaggio orario non deve essere superiore al mezzo semino…

Il ricercatore James South (VEDI ALLEGATO: http://fiocco59.altervista.org/27novembre.htm JAMES SOUTH) spiega la biochimica essenziale di ciò che accade quando una persona si alimenta con cibi nitrilosodici o assume la B17 sotto forma farmaceutica, sia come Laetrile che come Amigdalina: ".Queste due proprietà delle cellule tumorali (un eccesso di Beta-glucosidasi, che disgrega il Laetrile ed una deficienza di Rodanese, per la disintossicazione dell'acido cianidrico, sono chiamate in causa come spiegazione sia del perché il Laetrile uccida le cellule tumorali e del perché esso non risulti preferibilmente disgregato dalle cellule tumorali in ioni-Cianuro, Benzaldeide e zucchero. Le cellule tumorali saranno di conseguenza avvelenate, dato che le cellule tumorali sono carenti dell'enzima Rodanese, dotato di azione disintossicante dall'acido cianidrico. Se dell'acido cianidrico fuoriesce dalle cellule tumorali, le cellule adiacenti normali saranno in grado di disintossicarsi da esso attraverso il loro enzima Rodanese.".

Sempre però che le quantità non eccedano le capacità del fegato e di altri organi di depurare il sangue da tale veleno indesiderato: in tal senso è compito del medico curante, dalle analisi del sangue, dall'esame clinico del paziente, valutare l'andamento della terapia metabolica

Conflitto d’interessi delle Multinazionali chemio-farmaceutiche

Ma già nel 1950, Krebs capì di aver urtato interessi economici molto grandi: le Multinazionali chemio-farmaceutiche, impossibilitate ad ottenere una registrazione o a rivendicare diritti esclusivi sulla vitamina B17, lanciarono una lunga campagna denigratoria contro i semini amari di albicocca, convincendo così l’intera popolazione americana della loro supposta pericolosità.

Attualmente, la spesa per il cancro ammonta a circa un decimo della spesa sanitaria totale negli Stati Uniti e, secondo i dati dell’American Cancer Society, la spesa totale per il cancro, diretta e indiretta, per ospedali, medici, infermiere, oncologi, ricerche di laboratorio, ammonta ad oltre 100 miliardi di dollari l’anno.

La Chemio-Terapia è comunque un fallimento, come ben dimostrato in molti lavori, fra cui, quello recente, di Morgan (Morgan G.: The contribution of cytotoxic chemotherapy to 5-year survival in adult malignancies, Clinical Oncol., 2004, 16, pp.: 549-560 vedi ALLEGATO: MORGAN )

l Daily Express del 6 agosto 2000, così commentava il conflitto d’interessi delle Multinazionali chemio-farmaceutiche con gli organi governativi deputati alla salvaguardia della salute pubblica:

“I dirigenti del Committee on Safety of Medicines (Comitato per la sicurezza dei farmaci) e la Medicines Commission (Commissione del Farmaco), hanno investimenti personali nell’industria farmaceutica: eppure tali comitati sono i soli a decidere per quali farmaci è permessa la commercializzazione e per quali no…”. Secondo il rapporto, almeno i due terzi dei 248 esperti che partecipano alla Medicines Commission hanno legami finanziari con l’industria farmaceutica: “…. ad esempio, al momento della stesura di un rapporto, uno dei membri per la regolamentazione dei farmaci, il dott. …OMISSIS…, possedeva azioni per un valore di 110.000 sterline della …OMISSIS...; un altro, il dott. …OMISSIS…, possedeva azioni di un’altra azienda, la … OMISSIS …, per un valore di 115.000 sterline; un altro ancora, il dott. …OMISSIS…, aveva un totale di 30.000 sterline impegnate in azioni della ….OMISSIS…, della …OMISSIS…., e della ….OMISSIS…. Il compito di quest’ultimo medico comprendeva l’esame dei casi nei quali un farmaco deve essere ritirato dal mercato per motivi di sicurezza…”.

Sempre il quotidiano inglese aggiungeva le dichiarazioni di un ex-dirigente: “…Le Multinazionali chemio-farmaceutiche si danno molto da fare per costruire forti legami. Il loro obiettivo è di arrivarti il più vicino possibile; si tratta di una lobby estremamente potente dal momento che dispone di risorse illimitate. Le industrie chemio-farmaceutiche offrono ai membri del CSM (Committee on Safety of Medicines) viaggi all’estero per partecipare a conferenze, consistenti fondi per la ricerca, tali da mantenere un intero dipartimento universitario al lavoro per anni, e consulenze che possono arrotondare l’umile stipendio accademico…”.

E’ quindi facile capire perché le terapie nutrizionali e la medicina preventiva costituiscano una così grave minaccia per la Malattia-che-sostiene-l’Industria-della-Salute, e perché esse non siano praticamente mai utilizzate come terapia principale. Per far superare ad un farmaco la burocrazia legislativa, in America, possono servire oltre 200 milioni di dollari.

Nota: in merito alle procedure di approvazione di un nuovo farmaco, vedi anche: Jan Eibenschutz: “Le procedure FDA per l’approvazione di un nuovo medicamento”, Amersham, The Health Science Group.

Chi potrà mai riuscire a risarcire un tale importo con una vitamina o un trattamento erboristico che non possono essere brevettati?

E qui sta il problema che provoca uno stallo nella capacità della Sanità occidentale di arrestare le malattie proprie di questa parte di mondo. La maggior parte delle malattie attuali (Cancro, Infarto, Ictus, Diabete, Alzheimer, Sclerosi Multipla, Parkinson, Osteoporosi, etc…) sono malattie cronico-degenerative dovute a carenze vitaminiche, e pertanto non possono essere curate con farmaci brevettati di sintesi chimica.

Ma le sostanze chimiche brevettate costituiscono il baluardo dell’infinita potenza e ricchezza della Medicina chimica occidentale, che adesso pensa addirittura a brevettare le stesse piante modificandone il patrimonio genetico stesso (Organismi Geneticamente Modificati) con il risultato di minare la base stessa della nostra biochimica (VEDI ALLEGATI: healg213.pdf ; La Minaccia OGM al TERZO CONGRESSO MONDIALE di Medicina Integrata di Roccamorice ; The Threat of Genetically Modified Organisms ; La minaccia degli Organismi Geneticamente Modificati ; La menace des Organismes Genetiquement Modifies).

ciaooo Genfranco
.
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Dom 3 Lug 2011 - 9:56

Altro probabile elemento valido per la cura del cancro. Per saperne di più clicca

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17notos.htm

E SE HAI UN TUMORE, cosa ti costa provare anche con questi alimenti in parallelo a quello che già stai facendo per cercare di guarire?

E' interessante notare che al giorno d'oggi esistono culture per le quali il cancro rimane quasi completamente estraneo. Gli Abrasi, gli Arzebaigiani, gli Hunza, gli Eschimesi e gli abitanti del Karakorum seguono tutti un'alimentazione ricca di nitriloside o VITAMINA B17.
Tale alimentazione consiste, a seconda dei casi, di grano saraceno, piselli, fave, erba medica, rape, lattuga, germogli di legumi o di cereali, albicocche col nocciolo e bacche di vario genere; tale dieta può fornire loro da 250 a 3000 mg di nitriloside al giorno. Si è inoltre notato che i membri di queste tribù i quali si trasferiscono nelle aree "civilizzate" e, di conseguenza, cambiano il loro regime alimentare, sono inclini al cancro secondo l'incidenza occidentale standard.


http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17notos.htm

ciaooo Genfranco
.
.
Tornare in alto Andare in basso
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Lun 4 Lug 2011 - 0:38

Caro Genfranco
mi fa piacere che tu abbia "scoperto" la b17 e grazie per l´articolo che hai postato, io avrei peró 3 domande:
1- chi sono e dove sono gli ABRASI?
2- cosa c´entrano gli esquimesi con il Karakorum?
3- sotto quale forma possono, gli esquimesi, assumere la b17?

buona giornata
Nata
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 5:22

..per la prima domanda sugli Abrasi NON ti sò rispondere per il fatto che probabilmente chi ha scritto il nome ha sbagliato
..per la seconda invece, probabilmente hai interpretato male in quanto ti sei perso una E "gli Eschimesi e gli abitanti del Karakorum" che NON intende che c'entrino qualcosa ma che invece aggiungono gli uni agli altri.
..per la terza e cioè l'alimentazione degli eschimesi, questa è una cosa che NON è di mia competenza, in quanto nell'informazione cerco di capire che NON SIA UNA BUFALA, e questa ti garantisco che NON lo è in quanto la VIATAMINA B17 in USA è vietata e già solo questo conferma l'esattezza dell'informazione in quanto NON SI FA' MAI NULLA PER NULLA da parte di chi impone questo DIVIETO se NON un ritorno in denaro e noi sappiamo benissimo per quale motivo, poi certo di questo la porto a conoscenza di tutti.
ciaooo Genfranco
Tornare in alto Andare in basso
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 10:03

Caro Genfranco, grazie per aver risposto Wink

Le mie domande non sono basate su dubbi, al contrario, ma sul fatto che c´é sempre una componente di mala informazione che molti seminano per poi poterla usare contro di noi.

Non dire a me cos´é la b17 dato che io ce l´ho a casa e e i famosi semini di albicocca appartengono alla mia dieta giornaliera da parecchio tempo ormai.

C´é peró qualcosa che vorrei spiegare:
la rete, il web, l´internet é un´arma portentosa che nasconde peró una giungla di intrighi macchiavellici, chi non lo sa cadrá nel primo tranello come una pera cotta e ci rimarrá.
La b17 é un discorso molto lungo e non facile, i semini amari di albicocca e il laetrile sono due cose diverse, hanno due effetti diversi ma qualcuno in web si diverte a conforderli e a confordere cosí la gente.

Quando io leggo qualcosa in web non mi accontento, mi piace approfondire e generalmente non mi fermo mai alla prima pagina di risultati google ma spesso raggiungo e supero la decima pagima: é l´unico modo intelligente, dato che google é l´arma per eccellenza di informazione e disinformazione.

Ora sarei molto curiosa di conoscere la fonte che usano o che hanno gli esquimesi per avvalersi della b17.
E chi sono gli Abrazi é anche una bella domanda alla quale tu ed io non sappiamo rispondere, ma lá fuori c´é qualcuno che ha scritto quelle frasi e che sa benissimo cosa c´é dietro e forse ride e si compiace.

Quello che voglio dire é che quando si lanciano dati al pubblico c´é sempre qualcuno che, come me, si mette a controllare, se la notizia non é controllabile la notizia diventa dubbia e mette in pericolo il tema principale in questo caso la b17 e il laetrile.

Risultato??
non ci si crede proprio piú, per niente e si pensa che quanto riportato e copia incollato é una bufala.

Prima di fare copia incolla e di riportare quelli che dovrebbero essere dei fatti bisogna fare attenzione o si rischia di fare saltare in aria proprio quello che si vorrebbe promuovere e pubblicizzare. Ci sono piú debunker che persone sincere e ti assicuro che io non sono uno di questi, anzi io sono una che con la sua cautela tende a fare sí che le notizie riportate sia inoppugnabili e controllabili da chiunque.

Perché invece non parlare di Jason Vale?

buona giornata
Tornare in alto Andare in basso
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9603
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 10:17

Brava Nata.

C'è da dire che Genfranco, nostro caro amico da tempo, quando può inserisce sempre informazioni di notevole interesse e vero pure che nella maggior parte dei casi però, sono argomenti già trattati proprio su questo forum.

Caro Gen..., dovresti controllare prima di postare se c'è già una discussione aperta, potresti trovare info importanti anche per te e che ancora non conosci. Un'abbraccio.

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 14:51

Smith ha scritto:
Brava Nata.

C'è da dire che Genfranco, nostro caro amico da tempo, quando può inserisce sempre informazioni di notevole interesse e vero pure che nella maggior parte dei casi però, sono argomenti già trattati proprio su questo forum.

Caro Gen..., dovresti controllare prima di postare se c'è già una discussione aperta, potresti trovare info importanti anche per te e che ancora non conosci. Un'abbraccio.

Vi saluto con piacere.....ora
rispondo in un colpo solo a tutte e due.
Primo, ho aperto una nuova discussione perchè penso che la scorsa ormai sia andata e vorrei rinnovare questa informazione che vi dirò ho avuta dal mio amico dr. Massimo il quale mi ha invitato a fare ricerche su: e ne riporto le parole precise "Tieni presente che un trattamento simile viene attuato in Messico, alla clinica Oasis of Hope del Dr. Francisco Contrera, anzi se vai sul sito puoi richiedere GRATUITAMENTE (nemmeno le spese di spedizione) il loro libro." le quali dopo varie ricerche da parte mia ho capito che una bufala NON LO E'. Se mai si vuole confondere le idee come stà facendo la MU per l'acido ascorbico ora.
Ho postato quanto sopra su molti siti ed anche quelli della MU, RISULTATO? VITAMINA B17 DEMONIZZATA e VELENOSA. TUTTO questo NON può che dimostrare l'esattezza della mia informazione. Prima però su un sito hanno cancellato il mio post che regolarmente ho ripetuto. Ho capito che ormai sono conosciuto per una persona SERIA (lo dimostrano le visite al nostro sito, circa 1000 alla settimana, e vi sembra poco?) e ne dò la dimostrazione a chiunque con questi video sullo stato attuale della mia salute che è incontestabile che vi consiglio di vedere:
http://www.youtube.com/watch?v=DdM3JTrtB1k
http://www.youtube.com/watch?v=gfgghENmWvs
http://www.youtube.com/watch?v=q3-AmcG0XV0
i quali avvallano questo mio speciale stato di salute spiegato da questo link:
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/omosapiens.htm
Indirizzi miei video su facebook
Il complesso palaghiaccio e piscina delle soddisfazioni.
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1535612436950&oid=113684385319108
I roller, che passione! (primo)
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1485666228326&oid=113684385319108
Pattinaggio sul ghiaccio (primo)
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1485655308053&oid=113684385319108
La bici del divertimento [HQ]
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1485642067722&oid=113684385319108
La scala della verità
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1483999866668&oid=113684385319108
La corsa di tutti i giorni
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1483991906469&oid=113684385319108
Ballo del bughi-bughi [HQ]
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1483956465583&oid=113684385319108
I MIRACOLI DELL’ACIDO ASCORBICO (roller ultimo)
http://www.facebook.com/video/video.php?v=1438203276458&oid=113684385319108
Sui roller nel 2011
http://www.facebook.com/video/video.php?v=250187034994067&oid=113684385319108

Quindi forte della mia serietà mi sento di aiutare molte persone a PROVARE ALMENO come stanno facendo tantissime persone con gli altri nostri alimenti i quali giorno dopo giorno mi danno conferma della loro BONTA' e funzionalità su qualsiasi malattia.
Cosa devo dire di più?
Garantisco che mi informerò anche su Jason Vale come mi consigli, poichè a 120 anni avrò ancora da imparare e se trovo qualcosa di nuovo lo faccio sapere a tutti con soddisfazione, di questo ne sono certo. Questo perchè sono disponibile al dialogo con chiunque sia a sottopormelo e garantisco che purtroppo NON ne sò MAI abbastanza.
ciaooo Genfranco
.
.
.





[b]
Tornare in alto Andare in basso
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9603
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 15:14

bene su tutto genfranco, l'unica cosa che ti chiedo è di tener presente che le discussioni o gli argomenti non passano mai, se c'è un 3D aperto ma fermo da mesi, tu puoi benissimo alimentarlo nuovamente senza doverne aprire uno nuovo che tratta la stessa cosa. In bocca a lupo, sei forte!!

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 15:24

Caro Genfranco,
spero che tu non abbia pensato che io avessi dubbi sulla tua persona, per favore, non é cosí Wink

ti auguro ancora una buona giornata
Nata
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 20:53

cara Nata, NON l'ho pensato neppure lontanamente, altrimenti NON sarei più quì. Anzi vi ringrazio perchè questo mi dà modo di sviluppare un dialogo costruttivo ed aiuta ed invoglia le persone a leggere. E questo è il mio gioco!!!! Sai la pubblicità che noi sappiamo ingannevole ti martella dalla mattina alla sera sempre con le stesse cose, quindi NOI copiando facciamo come loro, solo con uno scopo diverso per fortuna.
Quindi grazie
ciaooo Genfranco
Tornare in alto Andare in basso
rosenz

avatar

Maschile Messaggi : 186
Punti : 3440
Data d'iscrizione : 05.03.10
Età : 54
Località : Como

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mar 5 Lug 2011 - 23:49

Nata ha scritto:

.....la rete, il web, l´internet é un´arma portentosa che nasconde peró una giungla di intrighi macchiavellici, chi non lo sa cadrá nel primo tranello come una pera cotta e ci rimarrá.
La b17 é un discorso molto lungo e non facile, i semini amari di albicocca e il laetrile sono due cose diverse, hanno due effetti diversi ma qualcuno in web si diverte a conforderli e a confordere cosí la gente....
Ciao Nata, non volendo fare la fine della pera cotta (che tra l'altro non mi piace granchè...) puoi gentilmente approfondire.... le informazioni che ho letto (però in modo superficiale) non mi hanno ancora molto convinto.
In pratica, per fare chiarezza, cominciamo ad intenderci sui termini...l'unico testo che ho qui con me afferma che "amigdalina", "laetrile" e "vitamina B17" sono di fatto sinonimi......è corretto? tu mi par di capire che fai differenze
Una volta ingeriti liberano cianuro d'idrogeno in grado di distruggere le cellule neoplastiche, e grazie ad un enzima, non quelle sane....però secondo altri non è così...

Il libro conclude in questo modo il discorso I molti studi condotti sul laetrile hanno dato risultati contrastanti, uno dei più completi e controllati nel 1979, non è stato in grado di mostrare alcun effetto del laetrile sulla progressione del cancro. Al contrario, alcuni ricercatori sospettano che il laetrile stesso possa avere effetto cancerogeno" e te pareva... puoi dirci tu come sta veramente lo "stato dell'arte"? Wink

Genfranco ha scritto:

......Cosa devo dire di più?.....
ne approfitto per ringraziare pubblicamente Genfranco per le continue informazioni che ci/mi passa tramite il forum e non solo, .... dalle tue parole semplici, genuine e sincere ben si comprende la tua volontà di darci notizie utili per la nostra salute. Grazie!!!

Ciaooooo Very Happy Enzo
Tornare in alto Andare in basso
http://www.enzoverga.it
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mer 6 Lug 2011 - 1:29

Amigdalis (greco) = seme di mandorla

laetrile é il principio attivo.

questa é per una differenza piú che sostanziale.

Ho letto parecchio a riguardo, sono andata in forum americani di persone, famiglie intere quindi bambini inclusi, che mangiavano (mangiano) tutti i giorni i semi amari di albicocca come prevenzione, loro affermano che quando il cancro é giá in azione i semini da soli non riescono piú a contrastare la patologia.
Di contro, esistono molte testimonianze in web, la piú conosciuta é quella di Jason Vale (poverino! finisce sempre in carcere! ) di persone che sono guarite da cancro con l´assunzione di amigdalina.

Ora, il laetrile estratto dall´amigdalina esiste anche in forma intravenosa, quello sí che fa!! ma come ho giá detto Jason Vale finisce in carcere per i semini figuriamoci cosa succede a quelli che pubblicizzano la versione liquida.

Tra le varie cure che Reagan ha fatto ( NIENTE CHEMIO stranamente! ) c´é anche stata quella del laetrile, lui se lo poteva permettere.

Non chiedermi perché ho comprato 2 kg di semi amari di albicocca, io a casa ho quello che si potrebbe definire un arsenale di prodotti ufficialmente vietati, sono fatta cosí ,
ci tengo a rimanere nella lista delle pecore nere. ridi2
Sono arrivata a prendere qualcosa come una trentina di semi al giorno, senza problemi alcuni, se hanno aiutato anche loro non lo posso dire, male non hanno fatto cmq.
Ogni tanto faccio una pausa e poi dopo mesi ne prendo 5 o 6 in un colpo senza mai avvertire problemi.

Gli studi sul laetrile sono stati in buona misura fatti su topi, capirai, alcuni su umani ma il risultato ufficiale é da prendere con le pinze, ricorda per esempio cosa dicono della C intravenosa!! , di Puccio, Pantellini, dell´ipertermia, del vischio ecc tutte terapie, a loro detta, inutili, dannose, truffaldine.

Se vuoi ti porto degli studi che presentano le flebo di bicarbonato come cancerogene ( sempre sui topi, povere bestioline ), lasciamo stare che é meglio.

I nostri succhi gastrici sono un portento, il nostro organismo é una fabbrica chimica come nessun chimico potrá mai emulare, quello che rimane di laetrile quando viene ingerito attraverso i semini non si sá veramente, e come si potrebbe?

ciao
Nata
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Mer 6 Lug 2011 - 6:00

Nata ha scritto:
Amigdalis (greco) = seme di mandorla

laetrile é il principio attivo.

questa é per una differenza piú che sostanziale.

Ho letto parecchio a riguardo, sono andata in forum americani di persone, famiglie intere quindi bambini inclusi, che mangiavano (mangiano) tutti i giorni i semi amari di albicocca come prevenzione, loro affermano che quando il cancro é giá in azione i semini da soli non riescono piú a contrastare la patologia.
Di contro, esistono molte testimonianze in web, la piú conosciuta é quella di Jason Vale (poverino! finisce sempre in carcere! ) di persone che sono guarite da cancro con l´assunzione di amigdalina.

Ora, il laetrile estratto dall´amigdalina esiste anche in forma intravenosa, quello sí che fa!! ma come ho giá detto Jason Vale finisce in carcere per i semini figuriamoci cosa succede a quelli che pubblicizzano la versione liquida.

Tra le varie cure che Reagan ha fatto ( NIENTE CHEMIO stranamente! ) c´é anche stata quella del laetrile, lui se lo poteva permettere.

Non chiedermi perché ho comprato 2 kg di semi amari di albicocca, io a casa ho quello che si potrebbe definire un arsenale di prodotti ufficialmente vietati, sono fatta cosí ,
ci tengo a rimanere nella lista delle pecore nere. ridi2
Sono arrivata a prendere qualcosa come una trentina di semi al giorno, senza problemi alcuni, se hanno aiutato anche loro non lo posso dire, male non hanno fatto cmq.
Ogni tanto faccio una pausa e poi dopo mesi ne prendo 5 o 6 in un colpo senza mai avvertire problemi.

Gli studi sul laetrile sono stati in buona misura fatti su topi, capirai, alcuni su umani ma il risultato ufficiale é da prendere con le pinze, ricorda per esempio cosa dicono della C intravenosa!! , di Puccio, Pantellini, dell´ipertermia, del vischio ecc tutte terapie, a loro detta, inutili, dannose, truffaldine.

Se vuoi ti porto degli studi che presentano le flebo di bicarbonato come cancerogene ( sempre sui topi, povere bestioline ), lasciamo stare che é meglio.

I nostri succhi gastrici sono un portento, il nostro organismo é una fabbrica chimica come nessun chimico potrá mai emulare, quello che rimane di laetrile quando viene ingerito attraverso i semini non si sá veramente, e come si potrebbe?

ciao
Nata

Ciao Rosenz, grazie per le belle parole che mi hanno commosso. Resta il fatto che a ringraziare VOI (irca 5.000 e-mail) devo essere io per la pazienza che dimostrate leggendomi.
Nata, quoto invece con moltissimo piacere il tuo fortissimo ragionamento finale sul nostro corpo ed i suoi processi di vita che sono inimitabili. Questa è una realtà incompresa persino dai CHIMICI più quotati che, talmente abituati a seguire un processo alla volta da loro INVENTATI per simulare una piccolissima realtà, dimenticano che mentre loro ne fanno uno il LORO corpo ne fà miliardi di miliardi in un millesimo di secondo, figuriamoci se capiscono quello che succede ORA con la VITAMINA B17 e l'aggiunta dell'ACIDO ASCORBICO ed i nostri vari prodotti che in dosi più o meno giuste ma significative immettiamo noi che assumiamo!!!! Il RISULTATO DI TUTTO QUESTO personalmente ve l'ho dimostrato con il post precedente:
TANTISSIMA SALUTE
che se potessi farvi vedere il TUTTO dal vivo capireste il mio ENTUSIASMO e la mia voglia di farvelo capire. La mia certezza è che col tempo anche voi ci arriverete, sì, perchè se ci sono arrivato io ci arriverete anche voi. Ci vuole solo un pò di tempo. Ed è per questo che cerco in TUTTI i modi, ALLA FACCIA DI CERTI FALSONI di invogliare più persone possibile ad almeno provare.
ciaooo Genfranco










Tornare in alto Andare in basso
rosenz

avatar

Maschile Messaggi : 186
Punti : 3440
Data d'iscrizione : 05.03.10
Età : 54
Località : Como

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Gio 7 Lug 2011 - 0:47

Grazie Nata per la risposta,
ho recuperato il libro di G.Nacci, alla B17 vi dedica un intero capitolo. Inizialmente sostiene che in caso di alti dosaggi, quindi curativi, è consigliabile agire con prudenza ed effettuare gli opportuni controlli medici.
Essendo una sostanza non proprio fisiologica credo sia un atteggiamento corretto.
Poi sulle conclusioni di certi "studi" la penso come te.

Jason Vale è lo stesso che sponsorizza succhi e centrifugati di frutta e verdura?....ciao.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.enzoverga.it
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Gio 7 Lug 2011 - 20:56

Metto anche quì quello che ha risposto questo Vincenzo a quanto ho postato anche su quel forum di "malati" come su una ventina di altri forum usando lo stesso titolo, così che ci si possa rendere conto di quanto può fare un forum della MU per ottenere quello che vuole vergognosamente: TENERE LE PERSONE NELLA MALATTIA.

Vincenzo forum della MU ha scritto:
Messaggiodi Vincenzo » 03/07/2011, 9:53
Io ci andrei cauto con i miracoli
Soprattutto se non ci sono studi e pubblicazioni ufficiali e riconosciuti

L'amigdalina (B17) di per sé è poco reattiva. Essa reagisce soltanto con l'enzima beta-glucosidasi, e dalla degradazione si ottengono glucosio, benzaldeide e acido cianidrico, un composto assai tossico per l'organismo. L'acido cianidrico è molto tossico anche in quantità piccole: le dosi mortali sono pari a 300 ppm nell'aria e 50 mg per ingestione orale. La beta-glucosidasi non si riscontra nei tessuti dei mammiferi, ma la flora batterica intestinale umana appare in grado di degradare in parte l'amigdalina (tramite enzimi simili alla beta-glucosidasi); ciò comporta che l'amigdalina può essere fino a 40 volte più tossica se assunta oralmente rispetto alla via endovenosa. Ecco perché bisogna evitare o perlomeno limitare l'ingestione di semi di uva, mele e pere, ma anche non ingerire il nocciolo della pesca e dell'albicocca (armellina). Tutto ciò perché dopo l'ingestione viene liberato nell'organismo acido cianidrico che porta a morte per asfissia cellulare.

L'amigdalina/laetrile è stata oggetto di numerosi studi al fine di verificare le asserzioni dei suoi propugnatori, in merito ad un suo presunto e mai dimostrato effetto benefico nei confronti del cancro.
Nel tempo si sono susseguiti diversi ampi studi, volti a sperimentarne la presunta validità anti-tumorale. Il National Institutes of Health statunitense ha valutato i diversi studi, concludendo che i trial clinici non mostrano alcun effetto benefico contro il cancro, e che il suo uso può anzi comportare gravi danni alla salute per il rischio di intossicazione da cianuro.
Uno studio del 1982 determinò che la terapia a base di laetrile, oltre ad essere completamente priva di qualunque efficacia clinica, costituisce un grosso rischio stante i sintomi di avvelenamento da cianuro sofferti da molti pazienti durante il trial clinico. Dei 178 pazienti sottoposti al trattamento, e che all'inizio della ricerca erano tutti in stato di buona salute generale (tranne che per il processo tumorale), nessuno sopravvisse.
La conclusione dello studio fu che l'amigdalina/laetrile/"vitamina" B17 ha alti livelli di tossicità, e nessuna efficacia o utilità contro il cancro.
Ancora oggi alcune persone utilizzano l'amigdalina o suoi derivati per cercare di integrare o sostituire la terapia antitumorale ufficiale (ed in alcuni casi questo ha condotto a decessi che sarebbero stati, molto probabilmente, facilmente evitabili con chemioterapie che sono di provata efficacia per quei particolari tipo di tumore); tale composto, in commercio come integratore alimentare, oltre ad essere stato ripetutamente dimostrato che non sortisce alcun effetto antitumorale, può causare - in particolare se assunto in quantità superiori a quelle raccomandate - anche effetti tossici e addirittura mortali.

Faccio notare che dalle nozioni precise che cita si rileva che NON è una persona incompetente, anzi, quindi.........PAZZESCO anche solo per le BUGIE......
il link è questo:
http://reumamici.virtualspace.it/forum/viewtopic.php?f=39&t=3733
Grazie dell'attenzione
ciaooo Genfranco.
.
.


Tornare in alto Andare in basso
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Gio 7 Lug 2011 - 23:26

Ma, io mi chiedo: ma dove sono tutti questi morti causa amigdalina?!

oppure si é confuso con i morti da chemioterapia e accanimento terapeutico?
Tornare in alto Andare in basso
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9603
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Ven 8 Lug 2011 - 9:46

chiedo cortesemente di non utilizzare il forum, per smentire tizio o caio, il forum è uno strumento per informare e scambiare opinioni. Grazie.

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
Nata

avatar

Femminile Messaggi : 564
Punti : 3646
Data d'iscrizione : 01.12.10
Età : 57
Località : Torino

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Ven 8 Lug 2011 - 10:54

Non si tratta di smentire ma quando si afferma che qualcosa fa male al punto di portare la persone alla morte, bisognerebbe anche portare dei dati che siano controllabili da tutti, altrimenti é solo terrorismo psicologico.

Tornare in alto Andare in basso
Smith
Admin
Admin
avatar

Maschile Messaggi : 3816
Punti : 9603
Data d'iscrizione : 23.10.09
Età : 44
Località : Zion

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Ven 8 Lug 2011 - 11:15

e' sufficiente affermare che non ci sono dati che rendono verietire certe affermazioni e di contro potare casi che indicano l'esatto contrario.

Non si può discutere sulla bontà intellettuale di persone che non sono neanche iscritte al forum e che non hanno la possibilità di rispondere. Qui funziona cosi.

_________________
“male, molto male signor Anderson”
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Ven 8 Lug 2011 - 20:41

Smith ha scritto:
e' sufficiente affermare che non ci sono dati che rendono verietire certe affermazioni e di contro potare casi che indicano l'esatto contrario.

Non si può discutere sulla bontà intellettuale di persone che non sono neanche iscritte al forum e che non hanno la possibilità di rispondere. Qui funziona cosi.

Non è mia intenzione criticare o sparlare di nessuno, ma far notare come si comportano i siti della MU e le persone che li gestiscono pur di NON informare ma di tenere gli iscritti con ferree regole in un clima dittatoriale.
Ho rielaborato la discussione e per chi volesse vederla al completo, almeno per sua informazione personale clicchi su questo link:
http://digilander.libero.it/anna945/Immagini/forummalreum.htm

ciaooo Genfranco
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Dom 10 Lug 2011 - 18:43

Ho postato sopra della VITAMINA B17ma NON ho dato rilievo ad una cosa molto importante: LA PREVENZIONE DEL TUMORE CON LA VITAMINA B17.

Lo faccio ora e ti riporto sotto sottolineato ciò che è molto importante rilevare da questo articolo: LA PREVENZIONE con l'alimentazione.

Tale alimentazione consiste, a seconda dei casi, di grano saraceno, piselli, fave, erba medica, rape, lattuga, germogli di legumi o di cereali, albicocche col nocciolo e bacche di vario genere; tale dieta può fornire loro da 250 a 3000 mg di nitriloside al giorno.
La dieta occidentale media, coi suoi cibi raffinati e privi di fibre, fornisce meno di 2 mg di nitriloside al giorno.


Capito questo in ogni pasto di ogni giorno dell'anno e per la durata della mia vita vedrò di NON farmi mancare mai questa speciale VITAMINA B17 mangiando i semi che la contengono. Da ogni parte leggo la frase "LO STILE DI VITA,COMPRESA LA SANA ALIMENTAZIONE" ma chiedo a chi la scrive: Capisco quale possa essere lo stile di vita NON confacente, evitando di drogarmi, fumare, bere caffè ed evitando l'alcccol ecc. ma NUSSUNO MAI TI DICE QUALE SIA QUESTA GIUSTA ALIMENTAZIONE, mai, nè dottori, nè dietologi, NESSUNO INSOMMA. A te l'hanno spiegato? A questo punto dovrò essere io a scoprire quale sia e piano piano ci sono riuscito ed infatti nella MIA SANA ALIMENTAZIONE oltre che assumere i vari alimenti cominciando dall'ACIDO ASCORBICO ecc. aggiungo anche questa VITAMINA B17 come riportato sotto, ringraziando l'autore di questo articolo che mi ha dato il modo di capire quanto questa sia importante per questa MIA SANA ALIMENTAZIONE.

questo il link

http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17notos.htm

martedì 12 gennaio 2010

LA VITAMINA B 17 e il CANCRO...

... ovvero la salute dal nocciolo delle albicocche...

La più famosa fra le cure anticancro naturali è l'estratto naturale del nocciolo di albicocca, altrimenti conosciuto come vitamina B17 ( Laetrile ).

Occorre davvero credere ai rapporti negativi della ricerca convenzionale su questa vitamina? Curiosamente il Dr.Dean Burk, ex capo del Cytochemistri Department del National Cancer Institute, famoso ente statunitense di cui egli stesso è stato uno dei co-fondatori, si era occupato personalmente della vitamina B17, e descrisse tale sostanza in termine assai diversi.

- Quando aggiungiamo laetrile (vitamina B17) ad una coltura di cancro al microscopio, premesso che sia presente anche l'enzima glucosidase, possiamo osservare le cellule cancerose che muoiono come mosche. - (Il glucosidase è l'enzima, fortemente presente nelle cellule tumorali, che innesca il singolare meccanismo, rilevato nella vitamina B17, che distrugge il cancro. Si può trovare un'eccellente analisi clinica di tale meccanismo in: B17 Metabolic Therapy - In the Prevention and Control Cancer, breve storia della ricerca effettuata su questa vitamina, che comprende molte valutazioni di tipo clinico.)

Il Dr. Burk inoltre affermò che prove dell'efficacia del laetrile erano state riscontrate in almeno cinque istituti indipendenti di tre paesi distanti fra loro.

Il Dr, Ralph Moss ha rivestito l'incarico di vicedirettore degli Affari Pubblici presso il più famoso ente statunitense di ricerca sul cancro, il Memorial Sloan-Kettering a Manhattan, e conosce l'industria del cancro come le sue tasche. Leggete quello che si trovò ad affermare nell'aprile 1994 nel corso di un'intervista con Laura Lee, e giudicate voi stessi la consistenza delle prove a sfavore dell'efficacia della vitamina B17:

Dr. Moss: "Poco dopo aver iniziato a lavorare presso il Memorial Sloan-Kettring Cancer Institute, feci visita all'anziano scienziato giapponese Kanematsu Sugiura il quale, quando mi disse che stava lavorando al laetrile (B17), mi lasciò alquanto sconcertato. All'epoca si trattava della questione oncologica più controversa, in quanto reputata una cura contro il cancro. Noi degli Affari Pubblici diramavamo dichiarazioni secondo cui il laetrile era privo di qualsiasi efficacia, roba da ciarlatani, e che le persone non avrebbero dovuto abbandonare le terapie comprovate. Rimasi perplesso dal fatto che il nostro più insigne scienziato si occupasse di una cosa del genere, e dissi, perché se ne sta occupando se non funziona? Egli prese i suoi registri di laboratorio e mi mostrò che in effetti il laetrile era tremendamente efficace nell'arrestare la diffusione del cancro."

Laura Lee: "Quindi la questione è accertata, il laetrile può avere questo effetto positivo?"

Moss: "Ce ne stavamo rendendo conto e tuttavia a noi degli Affari Pubblici venne detto di diramare dichiarazioni esattamente opposte a quanto si stava riscontrando sotto il profilo scientifico."

Incapace di tenere nascoste tali informazioni. Il Dr. Moss in seguito convocò personalmente una conferenza stampa e, davanti ad una torma di giornalisti e operatori televisivi, accusò i funzionari dello Sloan-Kettering di aver organizzato un'imponente insabbiamento; fornì tutta la documentazione a sostegno delle sue affermazioni e citò tutti i nominativi utili a convalidare la vicenda. Il giorno successivo fu licenziato per "non aver rispettato le sue fondamentali responsabilità professionali."

Come riferisce Pat Rattigan, autore di The Cancer Business; "La minaccia che le terapie efficaci costituivano per l'industria del cancro fu presa assai seriamente sin dagli inizi. Negli anni 40 il Sindacato annoverava nei propri archivi di "ciarlatanerie" ben 300.000 voci. La vitamina B17, costituendo in virtù della sua semplicità una minaccia formidabile, attirò contro di sé più attacchi concentrati che tutte le altre cure messe assieme: rapporti di laboratorio falsi; picchetti prezzolati dotati di striscioni all'esterno delle cliniche; giurie controllate; stroncature sui quotidiani; licenziamento dei dipendenti eretici, ecc.

La FDA (Food and Drug Administration, ente statunitense preposto al controllo alimentare e farmaceutico), che organizzò il massacro, inviò 10.000 manifesti e centinaia di migliaia di opuscoli che mettevano in guardia dai pericoli della tossicità di quella sostanza atossica. In precedenza, un Ufficio Contabile del Congresso aveva scoperto che 350 dipendenti della FDA possedevano azioni dell'industria farmaceutica, oppure si erano rifiutati di dichiarare i propri interessi nella stessa.

I resoconti allarmistici focalizzano sempre l'attenzione sui minuscoli quantitativi di cianuro presente in natura nella vitamina B17, ma in nessuna di queste storie si menziona il fantastico meccanismo che presiede al rilascio di questo cianuro. La persona che ingerisce questa vitamina non subisce alcun danno, se così fosse, le albicocche, mele, pesche, ciliegie ecc. contenenti vitamina B17 che abbiamo mangiato sarebbero state sufficienti ad averci stroncato già da parecchio tempo.

Il cianuro viene rilasciato soltanto quando le cellule cancerogene, che il cianuro contenuto nella B17 attacca specificamente,vengono riconosciute in virtù del loro elevato contenuto di glucosidase. Se non vengono individuati ingenti quantitativi di glucosidase, il cianuro non viene rilasciato. State tranquilli, non esistono prove che la vitamina B17 possa uccidere, - a meno che, ovviamente, qualcuno non resti accidentalmente schiacciato da un pallet che ne è carico!

E' interessante notare che al giorno d'oggi esistono culture per le quali il cancro rimane quasi completamente estraneo. Gli Abrasi, gli Arzebaigiani, gli Hunza, gli Eschimesi e gli abitanti del Karakorum seguono tutti un'alimentazione ricca di nitriloside o vitamina B17.

Tale alimentazione consiste, a seconda dei casi, di grano saraceno, piselli, fave, erba medica, rape, lattuga, germogli di legumi o di cereali, albicocche col nocciolo e bacche di vario genere; tale dieta può fornire loro da 250 a 3000 mg di nitriloside al giorno.

Ernst T. Krebs, padre fondatore della ricerca sulla vitamina B17, studiò le abitudini alimentari di queste popolazioni ed affermò:
"Esaminando la dieta di queste genti, abbiamo scoperto che il nocciolo dell'albicocca veniva apprezzato come una squisitezza e che di tale frutto veniva utilizzata ogni parte."

La dieta occidentale media, coi suoi cibi raffinati e privi di fibre, fornisce meno di 2 mg di nitriloside al giorno. Si è inoltre notato che i membri di queste tribù i quali si trasferiscono nelle aree "civilizzate" e, di conseguenza, cambiano il loro regime alimentare, sono inclini al cancro secondo l'incidenza occidentale standard.


In realtà la Vitamina B 17 era già in uso nella Russia zarista per curare il cancro mentre si era notato che le popolazioni con alimentazione ricca di questa vitamina non erano soggette allo stesso

Fonte: http://www.miraclemineral.it/morte_per_trattamento.php
ciaooo Genfranco
.
.
.
Tornare in alto Andare in basso
genfranco

avatar

Maschile Messaggi : 634
Punti : 5520
Data d'iscrizione : 07.11.09
Età : 77
Località : pinerolo

MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    Gio 14 Lug 2011 - 20:45

mi è stato segnalato questo video che riconferma quello che già conosciamo sulla VITAMINA B17. Visionato lo propongo anche a te perchè mi pare che il video sia più specificato.

http://www.youtube.com/watch?v=Tj8E1y_eI70

Se non hai letto i link, eccotene uno di partenza:


http://digilander.libero.it/genfraglo/Immagini/vitaminab17dose.htm


ciaooo Genfranco
.
.
.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?    

Tornare in alto Andare in basso
 
La vitamina B17 (nei gherigli amari) guarisce i tumori?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Topinambur: inulina, vitamina H ❖ Vulvodinia.info
» Acido alfa lipoico (vitamina N o acido tiottico) ❖ Vulvodinia.info
» Tipi di vitamina E ❖ Vulvodinia.info
» si guarisce dalla depressione?
» Uscire dall'autismo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di Salute Naturale :: Rimedi Naturali per mantenersi in buona salute :: Integratori alimentari, supplementazione e loro proprietà-
Andare verso: